IN EVIDENZA
Album

Municipal Waste
Electrified Brain
Demo

Particles
Heavy Heart
CERCA
RICERCA RECENSIONI
PER GENERE
PER ANNO
PER FASCIA DI VOTO
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

08/07/22
ARDOURS
Anatomy of a Moment

08/07/22
SONUM
Visceral Void Entropy

08/07/22
CLEANBREAK
Coming Home

08/07/22
ALTARS
Ascetic Reflection

08/07/22
JOURNEY
Freedom

08/07/22
POWERWOLF
The Monumental Mass - A Cinematic Metal Event (Live Album)

08/07/22
CROSSING RUBICON
Perfect Storm

08/07/22
DIO
Holy Diver - Super Deluxe Edition

15/07/22
JACK STARR`S BURNING STARR
Souls of the Innocent

15/07/22
ORIANTHI
Live from Hollywood

CONCERTI

07/07/22
IRON MAIDEN + AIRBOURNE + LORD OF THE LOST
BOLOGNA SONIC PARK - ARENA PARCO NORD - BOLOGNA

07/07/22
GOD IS AN ASTRONAUT + NOTHING
IPPODROMO CAPANNELLE - ROMA

08/07/22
ROMETAL 2022 - GIORNO 1
MAMMUT LIVE CLUB - ROMA

09/07/22
PHENOMEROCK FEST - 9 LUGLIO 2022
PHENOMENON OPEN AIR - FONTANETO D'AGOGNA (NO)

09/07/22
ROMETAL 2022 - GIORNO 2
MAMMUT LIVE CLUB - ROMA

10/07/22
CIRITH UNGOL + NIGHT DEMON + ANCILLOTTI
PHENOMENON - FONTANETO D'AGOGNA (NO)

13/07/22
GODSPEED YOU! BLACK EMPEROR + STEARICA
STUPINIGI SONIC PARK - NICHELINO (TO)

15/07/22
LUPPOLO IN ROCK (day 1)
PARCO EX COLONIE PADANE - CREMONA

15/07/22
ROMETAL 2022 - GIORNO 3
MAMMUT LIVE CLUB - ROMA

16/07/22
LUPPOLO IN ROCK (day 2)
PARCO EX COLONIE PADANE - CREMONA

Furious Barking - Theory of Diversity
( 2538 letture )
Interessante operazione di recupero da parte della PUNISHMENT 18 RECORDS, label che da anni si occupa di promuovere e diffondere lavori che il nostro UNDERGROUND estremo partorisce continuamente. THEORY OF DIVERSITY rappresenta il primo full lenght della band di Ascoli e fu concepito, dopo svariati demo ed un EP, nell'ormai lontano 1992 ma solamente oggi trova una degna collocazione. Si tratta di un pezzo notevole della storia italiana, un importante tassello che mancava nel variegato puzzle del METAL nostrano di primi anni '90. Dopo la registrazione di quest'album il vocalist originario lasciò il gruppo e, nonostante la pronta sostituzione, i FURIOUS BARKING dopo alcuni concerti e un nuovo demo iniziarono lentamente a sfaldarsi; alcuni membri cominciano a dedicarsi ad altri generi (dall'HARDCORE al JAZZ-ROCK) ed è così che quest'album è rimasto sepolto per quasi sedici anni rappresentando il testamento musicale della band marchigiana.

Il sound dei FURIOUS BARKING va ad incanalarsi tra il DEATH tecnico di band quali DEATH e ATHEIST e quello tradizionale dei californiani OBITUARY; notevoli inoltre sono le derivazioni THRASH METAL, un punto di riferimento assolutamente imprescindibile per la scena estrema dell’epoca. Su quest'impianto -molto tecnico- dato dal variegato ed energico lavoro dei due ottimi chitarristi, si inserisce la voce del bravo Rob Mattei, con le sue vocals potenti e ruvide al punto giusto. La sezione ritmica di Olori e Ferranti si presenta molto solida e supporta a dovere i cambi d'umore e di tempo del duo d'asce.
Si parte alla grande con la tiratissima DECOMPRESSION STATE per proseguire con quello che a mio parere è il pezzo migliore dell'intero lotto; ALWAYS FROM INSIDE, dove la raffinata apocalisse sonora creata dai DEATH trova espressione in fraseggi che tolgono letteralmente il fiato. Le tracce seguenti, seppur con l'eccezione di alcuni notevoli acuti nei ritmi spezzati e fortemente sincopati di LIVES IN INCUBATOR, oppure il piglio PROGRESSIVE e altamente tecnico di EVERY INDETERMINATION IS COMPLETE, sfortunatamente non riescono a mantenere le ottime promesse iniziali. Questi pezzi sono ben costruiti e suonati a dovere, ma a mio avviso mancano di personalità e di una certa convinzione presente invece nei motivi prima citati.
Può risultare difficile, nelle frequenti operazioni di recupero discografico a cui assistiamo sempre più frequentemente, non risentire del peso degli anni durante l'ascolto di tali prodotti. La band Ascolana, nonostante un sound fortemente legato alle tendenze estreme dell'epoca, riesce a proporre una serie di pezzi che, anche se talvolta non completamente a fuoco, suonano comunque genuine e ancora attuali. E' un vero peccato assistere a dei lampi compositivi abbaglianti che successivamente offuscati dai troppi minuti di noia.

Un prodotto, ribadisco, dall'indubbio valore storico-affettivo ed abbastanza attuale a livello di sound; peccato per alcune pecche a livello di songwriting, ma ci troviamo di fronte ad una band senza dubbio meritevole di essere riscoperta.



VOTO RECENSORE
67
VOTO LETTORI
47.42 su 33 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2008
Punishment 18 Records
Thrash
Tracklist
1 - Decompression State
2 - Always From Inside
3 - The Last Stop Is Mortuary
4 - Lives In Incubator
5 - Every Indetermination is Complete
6 - Homo Superior
7 - Which Theory
8 - Way Of Brutality
Line Up
Rob Mattei (Voce)
Fabio Bottazzo (Chitarra)
Frankie Giaconi (Chitarra)
Giorgio Olori (Basso)
Massimo Ferranti (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]