Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Summoning
With Doom We Come
Demo

Steven Wilson
Last Day of June
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/01/18
FACELESS BURIAL
Grotesque Miscreation

19/01/18
ARKONA
Khram

19/01/18
UNSHINE
Astrala

19/01/18
RISE OF AVERNUS
Eigengrau

19/01/18
VERHEERER
Maltrér

19/01/18
WALKING PAPERS
WP2

19/01/18
DEATHLESS LEGACY
Rituals of Black Magic

19/01/18
SONIC PROPHECY
Savage Gods

19/01/18
XENOSIS
Devour and Birth

19/01/18
PERFECT BEINGS
Vier

CONCERTI

17/01/18
ARCH ENEMY + WINTERSUN + TRIBULATION + JINJER
ALCATRAZ - MILANO

17/01/18
KREATOR + VADER + DAGOBA
ZONA ROVERI - BOLOGNA

20/01/18
BANCO DEL MUTUO SOCCORSO + HAMNESIA + LA STANZA DI IRIS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

20/01/18
FATES WARNING + METHODICA
LEGEND CLUB - MILANO

20/01/18
VEXOVOID + EXPLORER + SHENANIGANS
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

20/01/18
AMRAAM + A TASTE OF FEAR + TRACTORS
ALVARADO STREET - ROMA

20/01/18
SAIL AWAY + GUESTS
PADIGLIONE 14 - COLLEGNO (TO)

20/01/18
RAW POWER + TRUTH STARTS IN LIES
BE MOVIE - SANT'ILARIO D'ENZA (RE)

20/01/18
ALEA JACTA + METHEDRAS + CRUENTATOR
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

21/01/18
FATES WARNING + METHODICA
ORION - CIAMPINO (RM)

Iced Earth - The Crucible of Man (Something Wicked Pt. 2)
( 4934 letture )
E giunge alfine il capitolo conclusivo anche per il concept di Jon Schaffer riguardante la solita razza aliena che cerca nuova linfa dalle nostre parti; con The Crucible of Man si registra inoltre il ritorno dietro al microfono dello storico singer Matt Barlow al posto di Ripper Owens.

Curioso il destino di quest’ultimo, il quale, a dispetto di indubbie doti canore, sembra essere stato scelto dalla sorte per impersonare il ruolo del “sostituto sostituito”, e questo mi dispiace perché Tim mi è sempre stato simpatico fin dai tempi dei Judas, a prescindere da queste considerazioni però ciò che è lecito domandarsi è: “La band ci ha guadagnato nel cambio”? Probabilmente sì, e ciò semplicemente perché un Barlow nuovamente motivato dopo la più che legittima crisi interiore post 11 Settembre che lo ha portato ad impegnarsi nel mondo reale in veste di Cop, è più “dentro” le composizioni di Schaffer di quanto possa esserlo chiunque altro.

La differenza sostanziale rispetto alla prova precedente è tutta lì, in quanto la maggiore propensione di TCOM verso atmosfere più spiccatamente liriche, possenti senza necessariamente pestare più di tanto, si deve al timbro di Barlow ed alla conseguente maggior disponibilità di Schaffer a comporre in un certo modo più spiccatamente identificabile con il marchio Iced Earth.

Tutto ciò ha prodotto un miglioramento sostanziale rispetto a Framing Armageddon? Credo di no, perchè se è vero che l’album risulta complessivamente più equilibrato – e la ragione principale l’ho detta – è anche vero che, all’interno di una formula musicale collaudata e correttamente applicata – ancora una volta manca lo spunto qualitativamente superiore, quei due o tre pezzi almeno che facciano compiere un deciso balzo in avanti al lavoro tale da porlo nella fascia qualitativamente più alta del mercato.

C’è di tutto in questo disco – almeno tutto quello che ci si aspetta che ci sia – aggressività, tecnica, spunti addirittura Floydiani in alcune soluzioni adottate nella ballad A Gift of a Curse, una solennità che pervade l’album fin dal suo intro forse mai toccata in precedenza, ma non so… dopo alcuni ascolti manca la voglia di rimettere il CD nel lettore, si sente che non è un album destinato a rimanere nel tempo a dispetto della sua complessità - forse a causa di un eccessivo insistere su tempi medi costruiti per assecondare certi testi - mentre probabilmente è in grado di assecondare magnificamente l’anima live del gruppo.

Devo onestamente dirvi che gli Iced Earth non mi hanno mai preso veramente e che, quasi certamente, chi invece li ha sempre apprezzati e seguiti fedelmente -e sono parecchi- sarà più soddisfatto del sottoscritto di TCOM che, lo ripeto, segna un affinamento del risultato rispetto al suo predecessore; per mio conto lo considero buono, ma non certo entusiasmante.



VOTO RECENSORE
73
VOTO LETTORI
42.06 su 33 voti [ VOTA]
John Ross
Lunedì 30 Gennaio 2017, 20.50.47
16
Album a mio giudizio abbastanza inutile, privo di veri punti alti e piuttosto ripetitivo... peccato perché, come evidenziato in recensione, questa è forse la miglior prestazione vocale di Barlow fin dai tempi di BO.
AL
Giovedì 31 Ottobre 2013, 17.43.17
15
riascoltandolo devo ammettere che è il loro peggior lavoro.. mi spiace perché questa band mi piace ma che barba, che noia, che noia, che barba..
xXx
Domenica 30 Giugno 2013, 15.15.36
14
se non ci fosse stato barlow sarebbe stato un pò palloso (come il pt. 1). la sufficienza la prende grazie al vocalist figliol prodigo.
Cristiano
Giovedì 7 Marzo 2013, 12.49.48
13
Sì proprio, i Blind Guardian infatti hanno fatto montagne di concept albums...
Sambalzalzal
Martedì 11 Ottobre 2011, 16.58.24
12
Opinione personale: Iced Earth, ennesima ottima band rovinata dall´influsso nefasto dei Blind Guardian e della loro mania di fare concept albums!
AL
Domenica 18 Settembre 2011, 16.22.28
11
si salva per barlow ma questi concept hanno stufato.. spero nel prossimo lavoro....
Franky 1117
Venerdì 20 Agosto 2010, 14.29.52
10
M i associo al commento di ludometal sul ritorno di Barlow,uno dei miei cantanti preferiti in assoluto e la vera marcia in + degli Iced earth (nonostante anche Owens sia bravissimo).Secondo me dovrebbe essere il prototipo del cantante metal: grande voce ma soprattutto grande interprete e grande feeling.comunque il disco non è davvero niente di che anche se non totalmente da buttare
Maurilio
Sabato 25 Luglio 2009, 20.04.42
9
CD mediocre,dopo qualche canzone mi viene una tale nostalgia dei vecchi pezzi che mi vado subito a riascoltare per esempio quel capolavoro di Alive in Athens, live immenso che consiglio a tutti coloro che vogliono ascoltarsi il meglio della band insieme al mitico Days of Purgatory.
Zamba
Giovedì 4 Giugno 2009, 11.24.35
8
Non è grande come i lavori passati, non è a livello di burnt offering o Night of the stormrider, ma nemmeno da buttare via!!
ludometal
Giovedì 18 Dicembre 2008, 17.26.36
7
Grande ritorno di Matt Barlow,grande voce,uno dei migliori (anche Tim Owens era mostruoso).Davvero bravi gli Iced Earth,confermano la loro capacità,il loro trash con influenze power è perfetto,bravo Shaffer come Barlow.Una band veramente di qualità.Una vera amalgata di riff,momenti più melodici ed epici e cori maestosi.
Val.®
Giovedì 16 Ottobre 2008, 0.50.51
6
..ad esser sinceri, preferisco Barlow nell'ultimo cd dei Pyramaze. Atmosfere molto più cazzute alle spalle...
maurilio
Sabato 20 Settembre 2008, 19.44.31
5
un buon disco, ma siamo lontani dai capolavori come dark saga e swtwc del 98 e ancora di piu dalla cattiveria presente nei primi tre cd. O tornano indietro o siamo alla fine di un eccellente gruppo heavy. Sono d´accordo con la recensione
Raven
Mercoledì 17 Settembre 2008, 9.00.22
4
In effetti ho dato un voto in + rispetto al precedente solo per il ritorno di Barlow, ma adesso hanno completamente esaurito il credito nei miei confronti, una eventuale prox release su questi livelli mi lascerebbe decisamente freddo.
master444
Martedì 16 Settembre 2008, 18.13.25
3
sai, io conosco tt la loro disco...ed è triste ammetterlo, ma per quel che mi riguardo il tramonto è omrai bello inoltrato...
Raven
Martedì 16 Settembre 2008, 17.03.34
2
Può darsi, ma forse ciò accontenterà molti lettori che guardano queste cose visto che si armonizza col 72 del precedente
master444
Martedì 16 Settembre 2008, 16.49.27
1
mi dispiace ma come voto è troppo alto
INFORMAZIONI
2008
SPV
Power
Tracklist
1. In Sacred Flames
2. Behold The Wicked Child
3. Minions Of The Watch
4. The Revealing
5. A Gift Or A Curse
6. Crown Of The Fallen
7. The Dimension Gauntlet
8. I Walk Alone
9. Harbringer Of Fate
10. Crucify The King
11. Sacrifical Kingdoms
12. Something Wicked (part 3)
13. Divide And Devour
14. Come What May
15. Epilogue
Line Up
Jon Schaffer - Rhythm and Lead Guitars, Backing Vocals
Matt Barlow - Lead and Backing Vocals
Brent Smedley - Drums
Troy Seele - Lead Guitar
Freddie Vidales - Bass Guitar

 
RECENSIONI
80
89
s.v.
73
s.v.
72
82
81
97
90
77
92
83
74
ARTICOLI
02/01/2014
Intervista
ICED EARTH
Musica per resistere!
24/07/2008
Intervista
ICED EARTH
Parla Jon Schaffer
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]