Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Rome in Monochrome
Away from Light
Demo

Arch Echo
Arch Echo
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/04/18
NO FUN AT ALL
Grit

23/04/18
SHRINE OF THE SERPENT
Entropic Disillusion

26/04/18
AETRANOK
Kingdoms Of The Black Sepulcher

27/04/18
TOTALSELFHATRED
Solitude

27/04/18
SPITEFUEL
Dreamworld Collapse

27/04/18
DRAKKAR
Cold Winters Night

27/04/18
BLOOD TSUNAMI
Grave Condition

27/04/18
FACING THE ORACLE
Haunted One

27/04/18
MIDAS FALL
Evaporate

27/04/18
FOREIGNER
Foreigner With The 21st Century Symphony Orchestra & Chorus

CONCERTI

24/04/18
ROGER WATERS
UNIPOL ARENA - BOLOGNA

24/04/18
DARK TRANQUILLITY + EQUILIBRIUM + BLACK THERAPY + MIRACLE FLAIR
LARGO VENUE - ROMA

25/04/18
DARK TRANQUILLITY + EQUILIBRIUM + BLACK THERAPY + MIRACLE FLAIR
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/04/18
CRASHDIET
LEGEND CLUB - MILANO

26/04/18
DARK TRANQUILLITY + EQUILIBRIUM + BLACK THERAPY + MIRACLE FLAIR
ZONA ROVERI - BOLOGNA

26/04/18
ENSIFERUM + EX DEO
LIVE CLUB - TREZZO SULL’ADDA (MI)

26/04/18
SPOIL ENGINE + LOSTAIR
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

26/04/18
DEE CALHOUN + LOUIS STRACHAN
BLUE ROSE CLUB - BRESSO (MI)

26/04/18
GOATH + PRISON OF MIRRORS DEVOID OF THOUGHT
BLUE ROSE SALOON - BRESSO (MI)

27/04/18
TEMPERANCE - Release Party
OFFICINE SONORE - VERCELLI

Zebrahead - Phoenix
( 2901 letture )
UNA BREVE INTRODUZIONE
Gli americani Zebrahead si formano nel 1996 e, tra cambi di line-up e svariati tour continentali, pubblicano ben sette album, di cui questo Phoenix costituisce la più recente novità. Inizialmente la band proponeva una specie di punk misto rap e negli anni ha continuato a battere questa strada tentando al contempo di evolvere il proprio sound, probabilmente anche per evitare di perdersi nel baratro della ripetitività: a malincuore, è mio compito constatare il completo fallimento di quest’obiettivo.

L’ALBUM
Phoenix parte bene, con un trittico iniziale di songs in grado di tirar su il morale anche nei momenti più depressivi della giornata: il problema è che questa capacità di conferire energie positive si trasforma molto presto in un’incapacità di destare l’attenzione dell’ascoltatore, data l’estrema ripetitività delle canzoni che mantengono la stessa identica attitudine dall’inizio alla fine, senza mai offrire neanche un vero cambio di atmosfera che giustifichi l’ascolto intero del disco. Sostanzialmente ascoltare cinque volte di fila le prime tre canzoni o ascoltare tutti i brani uno dietro l’altro non fa differenza, perché tanto i contenuti proposti sono sempre gli stessi! Certo che se dovessi organizzare uno di quei festoni tipo-film-sui-college-americani, con tante belle ragazze disponibili, tanti maschi arrapati e tantissimo alcohol, allora la colonna sonora della serata vedrebbe questo disco degli Zebrahead in pole-position: ma l’utilità di questa release si ferma qui. A meno che non amiate profondamente questo tipo di musica, quindi, fate pure a meno di ascoltare quest’album: ce ne sono tanti altri che potrebbero piacervi molto di più.



VOTO RECENSORE
50
VOTO LETTORI
26.66 su 18 voti [ VOTA]
Khaine
Venerdì 19 Settembre 2008, 13.32.56
5
Allora, credo che la BAND sia fuori contesto ma il cd possa essere tranquillamente inviato a siti come il nostro. Il problema non è il tipo di musica, che di per se è anche bella e ci sta di ascoltarla, il problema è che il disco è monotono (o meglio: è monotòno)...
Renaz
Venerdì 19 Settembre 2008, 13.09.11
4
Bisognerebbe chiedere alla SPV come mai ha deciso di inviarci la copia da recensire, se è davvero così fuori contesto...
maks
Venerdì 19 Settembre 2008, 9.48.02
3
Io l'ho ascoltato, e in tutta sincerità lo vedo proprio fuori dal suo contesto su questo sito. Avendo ascoltato un po' più del genere, lo recensisco diversamente, ma l'opinione base la condivido: l'album è bruttarello. Potevano fare di meglio, come hanno già fatto in passato (ed evito di citare vecchi album che su un sito di musica prevalentemente metal verrano spazzati via in una paio di recensioni), ma comunque credo il disco vada rivalutato sotto un'altra prospettiva, ovvero di chi ha conoscenza con la musicalità della band. Il mio voto è 60.
Khaine
Mercoledì 17 Settembre 2008, 21.05.49
2
E' arrivato, e l'abbiamo recensito posto che comunque metallized non si fa tanti problemi ad esulare dal metal, specie se riceviamo un promo; in più, a me ascoltare una proposta musicale diversa dalle mie abitudini fa molto piacere in realtà. Peccato solo che questo disco sia bruttino
Thrasher
Mercoledì 17 Settembre 2008, 16.07.54
1
punk misto a rap..................che ci fa su sto sito????????
INFORMAZIONI
2008
SPV/Steamhammer
Inclassificabile
Tracklist
1 - HMP
2 - Hell Yeah!
3 - Just The Tip
4 - Mental Health
5 - The Juggernauts
6 - Death By Disco
7 - Be Careful What You Wish For
8 - Morse Code For Suckers
9 - Ignite
10 - Mike Dexter Is A God, Mike Dexter Is A Role Model, Mike Dexter Is An Asshole
11 - The Junkie And The Halo
12 - Brixton
13 - Hit The Ground
14 - Two Wrongs Don't Make A Right, But Three Rights Make A Left
15 - All For None And None For All
16 - Sorry, But Your Friends Are Hot
Line Up
Ali Tabatabaee: Voce
Matty Lewis: Chitarra e voce
Ed Udhus: Batteria
Ben Osmundson: Bassista
Greg Bergdorf: Chitarra
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]