Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

The Ocean
Phanerozoic I - Palaeozoic
Demo

Derdian
DNA
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

11/12/18
SCARLET AURA
Hail to You!

11/12/18
ADAESTUO
Krew Za Krew

13/12/18
MIND ENEMIES
Mind Enemies

14/12/18
CURRENTS
I Let The Devil In

15/12/18
SPEED KILLS
Speed Kills

15/12/18
YSENGRIN/STARGAZER
D.A.V.V.N.

21/12/18
BLOOD FEAST
Chopped, Diced and Sliced

21/12/18
JON SCHAFFER`S PURGATORY
Purgatory

21/12/18
WITCHING HOUR
...And Silent Grief Shadows the Passing Moon

23/12/18
MALVENTO/THE MAGIK WAY
Ars Regalis

CONCERTI

10/12/18
RISE OF THE NORTHSTAR + DOPE D.O.D.
LEGEND CLUB - MILANO

10/12/18
THE DEAD DAISIES
REVOLVER - SAN DONA DI PIAVE (VE)

11/12/18
CLUTCH
FABRIQUE - MILANO

11/12/18
H.E.A.T + ONE DESIRE + SHIRAZ LANE
LOCOMOTIV CLUB - BOLOGNA

14/12/18
EXODUS + SODOM + DEATH ANGEL + SUICIDAL ANGELS - MTV Headbangers Ball Tour
PHENOMENON - FONTANETO D'AGOGNA (NO)

14/12/18
NANOWAR OF STEEL
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

14/12/18
OPERATION MINDCRIME + GUEST
TEATRO CARIGNANO - GENOVA

14/12/18
NOVEMBRE + LES DISCRETS
ARCI TOM - MANTOVA

15/12/18
WITHIN TEMPTATION
FABRIQUE - MILANO

15/12/18
NANOWAR OF STEEL
REVOLVER CLUB - SAN DONA DI PIAVE (VE)

Spite Extreme Wing - Vltra
( 7199 letture )
I nostrani Spite Extreme Wing hanno fatto parlar di loro in passato grazie a Non Ducor, Duco e Kosmokrator, rispettivamente registrati in una ex base militare ed in una chiesa romano-gotica del XII secolo; Vltra, invece proviene dallo studio e l’innovazione, se così si può chiamare, deriva dal contenuto musicale, ahimè deludente.

Vi illustro in maniera veloce e coincisa - anche perché pur volendo essere prolissi c’è davvero poco da dire - il motivo di tale affermazione: il CD conta cinquantaquattro minuti di ascolto resi interminabili dalla ripetitività della sezione chitarristica e dai tempi di batteria costanti, monotoni, mai vari. Quasi un’ora di riff trillati e blast beat, direte voi, dopotutto si tratta di black metal. Invece no. A dirla tutta di black in quest’album c’è davvero poco: infatti, fatta eccezione per qualche sfuriata dietro le pelli e sulle corde e qualche accenno ad intonare uno scream valido, ogni parte strumentale ed addirittura vocale sono facilmente riconducibili all’oi, inclusi i testi - rigorosamente in italiano.

La particolare lunghezza delle tracce di certo non giova al già compromesso album, soprattutto considerando che in tracce di oltre otto minuti non si trovano più di tre riff differenti; questo rende l’ascolto quasi una sofferenza. Per quanto riguarda la voce, Argento ci propone uno scream salivare e poco pungente, o almeno ci prova; in alcune sezioni non si può neanche considerare scream: caso eclatante in IV.
Gli unici episodi a mio parere accettabili sono i prime tre, in quanto preservano ancora un animo inconsciamente black, mentre dal quarto si entra in un tunnel senza via di scampo.

Non me ne vogliate, però a me ha dato davvero una brutta impressione. So che molti lo considerano una pietra miliare nella scena black italiana, con le sue diversità e originalità – distorti vintage, sonorità anti-depressive, ecc. - ma secondo me questo non può neanche essere etichettato propriamente come black metal.

Utilizzare un riffing fuori dai canoni è innovativo.
Sperimentare tempi inusuali è innovativo.
Cantare con uno stile diverso è innovativo.
Il cambio generale che si muova in maniera univoca ed unilaterale, conservando solo pochi aspetti fondamentali, non è un’innovazione, è sostanzialmente un cambio di genere. Essendo, quindi, Vltra presentato come un album black metal e proponendo, in realtà, un “blackish oi”, la mia valutazione non può che essere insufficiente.



VOTO RECENSORE
55
VOTO LETTORI
64.98 su 124 voti [ VOTA]
No Fun
Mercoledì 14 Novembre 2018, 13.08.32
57
@Francesco, non penso sia per quello, al recensore semplicemente stanno sulle balle le sonorità simil hardcore. Del compendium non so, mi pare strano però visto che ci sono pure i Grand Belial's Key per dirne una...
Francesco
Mercoledì 14 Novembre 2018, 12.45.37
56
Recensione e voto vergognosi. Penalizzati per mere questioni ideologiche. Come è accaduto nel Black Metal Compendium.
ObscureSolstice
Sabato 8 Settembre 2018, 0.51.09
55
Anche io delle volte come @No Fun, mi diverto a spulciare e a guardare la colonna di destra tra le bocciature, perchè e' fin troppo facile parlare sempre dei dischi positivi che per molti anni si e' sempre parlato e si e' detto tutto, e senza volerlo, si sono ripetute in gran modo le stesse cose per anni, gli elogi e quant'altro. Sono per il difficile, per ciò che non si e' ancora detto, o approssimando in responsi non del tutto soddisfacenti. No anzi No Fun, ce ne sono diverse recensioni strafalcioni nel bellissimo sito di metallized, che per fortuna sono un sasso nell'oceano ma ci sono. E' assolutamente deludente questa recensione invece di questo lavoro, prendiamola così come una burla, scritta cosi' in malomodo che fa quasi tenerezza che chi l'ha scritta non si e' neanche voluto firmare perche' si vergognava, o una valutazione di fretta concordata in gruppo buttata lì, del bel Vltra della band in questione di Genova. Io sono dalla parte del commento #49
No Fun
Venerdì 7 Settembre 2018, 17.44.13
54
Tempo fa avevo notato questa splendida copertina nella colonna di destra, tra le bocciature, e mi aveva incuriosito. Ho ascoltato il disco ieri e a un primo ascolto non mi è sembrato affatto male, black con delle sfuriate hardcore, poi in realtà dopo un po' mi ha stancato, non so se per la voce o per la durata eccessiva (mezz'ora sarebbe bastata). I testi sono in Italiano ma sinceramente non ho ben capito cosa dicesse il cantante. Mi sono un po' informato e vedo che hanno (o avevano) dei progetti con Frangar etc (Black Metal Invitta Armata) quindi probabilmente il filone è quello del black filofascista italiano. Cosa curiosa: ero convinto, vista poi anche la "fede" del gruppo, che la copertina fosse un quadro futurista di Balla o Depero, con quelle magnifiche lame di colore. Invece è di tal Konstantin Yuon, un pittore russo accademico e realista, "organico" al potere stalinista, si chiama "Pianeta Nuovo" ed è una allegoria della Rivoluzione d'ottobre. Pensa te. L'aspetto futurista del quadro viene forse dal fatto che, da quel che ho capito, doveva essere una scenografia per un balletto. P.S. la recensione non è il massimo anzi... ma è un'eccezione nel sito, si capisce.
Roberto Pizzone
Lunedì 12 Settembre 2016, 23.34.58
53
Ottimo disco, voto 85. Ottima anche la recensione, voto 85.
EA
Lunedì 12 Settembre 2016, 23.03.20
52
Scusate: ma che recensione è?! Chi ne è l'autore?
Pete
Lunedì 17 Agosto 2015, 11.25.39
51
Oddio, ho scritto Io ripreso, scusate lo strafalcione da intendere: L'ho ripreso.
Pete
Lunedì 17 Agosto 2015, 11.22.28
50
lo ripreso dopo anni e confermo la mia impressione di quando uscì. Buon lavoro, mi piacicono i suoni e certi brani, la IV è l'unica che salto , non è proprio il mio stile. Bella la V con rallentamenti molto accativanti. Come dicevo un buon disco, non un capolavoro ma nemmno lo schifo assoluto. Sulla recensione non mi esprimo, non credo sia corretto insultare un recensore, anche se chi si sbilancia a "giudicare" deve aspettarsi a sua volta un giudizio. Ma credo non faccia nemmeno più parte della redazione, quindi non si parla di chi non c'è. Come da mio voto 60\100
Per favore
Lunedì 9 Febbraio 2015, 18.26.59
49
Cancellate la recensione Per favore
Theo
Venerdì 31 Ottobre 2014, 14.46.04
48
Scusate ragazzi, ma certe recensioni andrebbero proprio cancellate per non imbrattare un sito bello come Metallized è sempre stato... Di questa "recensione" non mi ero mai accorto ma, cazzo, già solo per la frase "Essendo, quindi, Vltra presentato come un album black metal e proponendo, in realtà, un “blackish oi”, la mia valutazione non può che essere insufficiente."... Ma che cazzo vuol dire? Ahahahah
Nikos
Mercoledì 13 Agosto 2014, 11.33.18
47
Come tutti gli altri album sfiora o è un capolavoro. Di ma di cosa cazzo parlate? Siete pure riusciti a criticare NON DVCOR DVCO... Qualcuno ha detto pure che è un PURE HOLOCAUST piu banale???? Ma la musica la ascoltate o guardate le copertine?
Ombra
Venerdì 4 Luglio 2014, 12.32.47
46
Non capisco dove vuole andare a parare la recensione, davvero superciale e approsimativa, troppo per un disco del genere, secondo me il loro migliore album.
DenteDiLupo
Venerdì 6 Settembre 2013, 22.07.24
45
io il mio dissenso l'ho espresso senza insulti nè altro, se agli errori che io e altri utenti ti abbiamo elencato riesci solo a rispondere arrampicandoti sugli specchi in distillati anonimi è un altro paio di maniche, è una recensione pietosa e se non riesci a rendertene conto a distanza di un lustro non so proprio che dirti...
Raven
Domenica 25 Agosto 2013, 22.31.49
44
Tra quei certi elementi ci sei anche tu. Potevi anche esprimere dissenso con rispetto, concetto che evidentemente ti è sconosciuto.
DenteDiLupo
Domenica 25 Agosto 2013, 21.41.10
43
recensione affrettata e banale per un disco del genere, condita inoltre da notevole ignoranza, dove ci trovate l'oi in Vltra per esempio?? l'unico pezzo che si può avvicinare all'oi è ''IV'' che se fossi informato sapresti che si tratta di un rifacimento di Devilock dei Misfits e non è neppure cantata da Argento bensì dal colonello dei Frangar. Poi leggendo certi commenti (''(pure holocaust è anni luce più maturo''!!!) si capisce che elementi girano su sto sito...
amamenox
Martedì 30 Ottobre 2012, 22.12.46
42
come sempre alcuni commenti sono esilaranti.. questa volta, però, aggiungiamoci anche la "recensione".
Giuseppe
Sabato 13 Ottobre 2012, 19.40.35
41
Le critiche ci starebbero anche, ma come recensione non mi piace proprio.
oro
Venerdì 5 Ottobre 2012, 12.26.08
40
Sinceramente è un gruppo che mi è sempre sembrato molto ma molto derivativo. Il tanto acclamato non ducor, considerato ad occhi chiusi senza conoscere i contenuti, era sputatamente un disco dark throne+pure holocaust (immortal), ma portati ad una compositività banale e ingenua (pure holocaust è anni luce più maturo). I contenuti non vengono trasmessi nella musica, e quindi rimangono solo nel libretto. Questo è più originale ma cerca di non essere metal, e poi lo scioglimento; sinceramente li considero uno di quei fenomeni meteora che denotano la stanchezza del metal e ne vogliono uscire, un po come è stato il punk, il grunge, ecc... ma si sa che certi fenomeni durano poco, mentre il genere metal sopravvive e si rigenera con dischi notevolmente più interessanti di certa roba da mercatino "indie rock intellettuale", o elettro dark-wave anni '80 figlia del punk; ecco argento è più vicino a certe correnti che non al metal come del resto lo si può vedere bene dall'aspetto e dall'acconciatura. Se ci piace il Metal, quello vero, lasciamo perdere queste cantonate pomposamente infarcite di niente. Effimero.
dylan cane
Mercoledì 2 Marzo 2011, 4.02.50
39
sans i darkthrone sono norvegesi hanno fatto la storia e campano di rendita gli spite extreme wing sono italiani e per ottenere ottime critiche si devono spaccare il culo il doppio di loro,comunque i sew per sono le migliore bands insieme agli aborym di black metal se dopo argento o fabban sono dei montati o esaltati poco importa
sans
Martedì 26 Ottobre 2010, 9.58.37
38
Non capisco una cosa: come mai sei i darkthrone mischiano black e punk sono dei geni e se lo fanno gli sew "non è nemmeno etichettabile come black metal"? Eppoi: è davvero così importante che la musica possa essere etichettata? Infine, dice il recensore: utilizzare un riffing fuori dai canoni è innovativo. Falso, non esistono "i canoni" Sperimentare tempi inusuali è innovativo: falso, almeno a partire dai primi anni 70 non lo è più Cantare con uno stile diverso è innovativo: se non dici diverso da cosa la frase è senza senso. In realtà quello che realmente qualifica la musica (rectius: l'arte) è il pensiero; il che tra l'altro è già stato rilevato su questo stesso sito (cfr. recensione wolves in the throne room).
Giasse
Martedì 26 Ottobre 2010, 8.07.05
37
Io invece credo che se tu evitassi di esprimerti in modi sempre e costantemente sopra le righe, i tuoi commenti sarebbero quantomeno considerati. Ma e' chiaro che nessuno ha la minima voglia di discutere con te in questi termini e tantomeno a tali livelli: e si che da come parli non dovresti nemmeno essere un 13enne eccitato dallo scontro gratuito... Se poi vuoi il mio parere sul disco e sugli SEW, non c'e' che chiedere senza offendere!
Mastica
Martedì 26 Ottobre 2010, 0.51.24
36
Ma attento di cosa? Qui non si sta parlando di oggettività/soggettività, qui si sta parlando di una non-recensione che trasuda IGNORANZA da tutti i pori. Se non sei esperto o non hai un minimo di competenza in un certo genere (o nella filosofia che sta dietro un certo genere) allora non recensirla. Io non mi permetterei mai di giudicare, che ne sò, un disco jazz, perchè sono consapevole che non ne ho le basi. Se tu non hai le basi, ammettilo e basta, e fallo recensire a qualcun'altro. E ripeto, non è un fatto di gusti, ma per Dio, qualche anno fa i recensori musicali erano Giornalisti, non i primi ventenni presi per strada.
Renaz
Martedì 26 Ottobre 2010, 0.34.57
35
Attento Mastica, attento.
Mastica
Lunedì 25 Ottobre 2010, 21.59.47
34
Ma andate affanculo
uva
Lunedì 13 Settembre 2010, 0.53.03
33
Bello.Parlare di musica é come ballare di architettura.
lestath510
Lunedì 1 Febbraio 2010, 14.18.59
32
Caro Raven, guardi, spetterebbe sinceramente a lei il compito di apportare alla suddétta recensione, una più colta ed alta espressione linguistica, sinonimo della sua raffinatezza lessicale nonchè una maggior profondità di giudizio e competenza tecnica. Io, da povero ed incolto utente, dovrei semplicemente attenermi all'esercizio dell'informale lettura dei suoi scritti e consequenzialmete, come paremi aver fatto, esprimere un personale giudizio in merito. Ora; parrebbemi alquanto inutile dilVngarmi nello sfoggio delle mie abilità tecnico-espressive sia a livello lessico-grammaticale, sia a livello prettamente musicale, poichè il recensore in questo spazio, è lei stesso medesimo; rimando quindi a vostra signoria il giudizio finale sul da farsi...se ritiene necessario l'apporto mio stretto a tale causa, mi faccia gentilmente pervenire la sua richiesta, cosicchè io possa fare in modo di aggraziarla con un personale scritto al riguardo, ovvero, in modo da risultare maggiormente precisi, l'Eccellente album in questione.
Raven
Lunedì 1 Febbraio 2010, 13.43.41
31
Caspita, che raffinato esempio di letteratura colta e che incredibile profondità di giudizio. Sicuro di aver tempo da perdere con noi dall'alto della tua competenza?
Lestath510
Lunedì 1 Febbraio 2010, 13.37.36
30
Come dire..."quando una persona invece di recensire un disco dovrebbe starsene zitta senza sparare cazzate"...ma chi te l'ha data la licenza di recensore a te???...ti offenderei se solamente fossi un cafone....Questo disco è eccelso, punto. Voto 90 senza ombra di dubbio, oggetivamente...per gusto mio 100.
Turms
Domenica 17 Gennaio 2010, 13.37.57
29
Ma come si fa a dire "Vltra è blackish oi" ???? Solamente per la presenza del pezzo IV e magari VI..? Oltre a un generale rallentamento delle ritmiche rispetto agli album precedenti o al black canonico? Se vogliamo giudicarlo come album black metal allora diamogli 0, perche black non è.. Io lo considero si una pietra miliare, ma non del black metal.. Perchè quindi giudicarlo solo in ottica "true" quando quello che invece trasmette questo album è proprio l'antitesi del blackmetal..
Io/Notan - Malanoctem
Domenica 27 Settembre 2009, 14.18.33
28
Per Uno Qualsiasi: "Gli SEW nn eran trendy, però facevan tendenza." Infatti, interviste a iosa e centinaia di recensioni nonchè myspace ad alti livelli, tra visite ed ADD...non credo che ciò che dici abbiamo veramente un riscontro...Forse mi sono svegliato tardi e mi sono perso il pranzo della domenica?Il sabato è devastante, come da lezione di MDL, sbruffare a vino ha i suoi lati negativi.
Uno qualsiasi
Martedì 22 Settembre 2009, 1.55.48
27
Per IO/NOTAN: Non ho detto che sono ALLA moda, ho detto che erano DI moda. Gli SEW nn eran trendy, però facevan tendenza.
Nikolas
Domenica 20 Settembre 2009, 21.43.31
26
Premetto: non ho ascoltato il disco e conosco pochissimo la band, ma il discorso si presta ad un ragionamento più generico che prende spunto anche da recensioni recenti: mi pare troppo facile difendere band italiane semplicemente dicendo che "boicottare le band italiane e l'andazzo generale"; sicuramente spesso succede che siamo vittime di un'esterofilia notevole, ma questo non deve portarci a dire: "ah è un disco italiano, allora devo dire che è splendido sennò sono uno che sputa sul metal italiano". Di band italiane che hanno fatto successo ce ne sono state, di band italiane scarse che sono state giustamente stroncate, per fortuna, ce ne sono; poi c'è anche ci è stato stroncato anche se meritava, ma siamo sicuri che sia solo perché era italiano? Anche altri stati hanno avuto band stroncate dalla critica nazionale che meritavano tantissimo, come i Queen (!!!!), di cui ricordo che in una recensione si diceva più o meno "se questo è il futuro del rock, allora il rock è morto", e gli Uriah Heep (vedi il Jurassic Rock a loro dedicato). Ora vogliamo dire che l'Inghilterra ha sempre avuto l'andazzo di boicottare le proprie band? io credo proprio di no... (PS: sono stato logorroico e forse anche poco chiaro, ma sono stanco morto, perdonatemi )
Io/Notan
Domenica 20 Settembre 2009, 20.23.54
25
per UNO QUALSIASI: Come fai a dire che erano una band alla moda?Ma stiamo scherzando?Ho parlato con moltissime persone e poco conoscono gli SPITE, non diciamo cazzate.Stesso discorso per gli Janvs.Bisogna boicottare un disco metal Italiano perchè questo è l'andazzo generale.Vedi Infernal Poetry, grandissima Band che è stata sempre grande e che solo ora ha avuto ciò che merita perchè la gente si fà convincere dalle recensioni estere,quella che non si è mai concentrata nel cercare l'obiettività.Non capisco come si possa ragionare in questi termini, avete paraocchi cosi spessi che nessuno vi farà mai cambiare idea.Allucinante.Spero che l'Italia peggiori perchè non merita queste grandi realtà.Poi, se parliamo di gusti è ok, ma a parte questo bisogna vedere il reale valore delle cose.
Uno qualsiasi
Giovedì 10 Settembre 2009, 10.11.51
24
Per Raven e chi ha fatto sta recensione: gli Sew sono (anzi erano) un gruppo che in Italia va molto di moda, quindi le critiche alla recensione e al recensore per me ci sono più che altro perché il disco è stato bocciato e quindi la gente rosica (neanche la band, forse). In particolare mi fanno ridere i primi commenti, che fanno commenti enormi e pieni di scemenze. E' solo una specie di punk/black con le chitarre non molto distorte. E poi coi suoni vintage, che se non ce li mettevano non cambiava niente. Voto: 30 perché è un disco mediocre, sopravvalutato e senza nulla di speciale.
Raven
Giovedì 10 Settembre 2009, 8.25.22
23
Sei completamente fuori strada, sia per toni che per contenuti. Qui non si fa differenza alcuna tra italia ed estero, (evidentemente non hai letto il resto del data base), Imparate a rispettare chi la pensa diversamente da voi, è semplice, credetemi. E per concludere: ecco, non dire altro. (24 voti dei lettori e media voto 42,95, forse non siamo i soli a pensarla così).
Io/Notan
Giovedì 10 Settembre 2009, 1.07.57
22
Credo che la recensione rispecchia chi l'ha fatta.Vorrei avere una seria idea di cosa sia Black Metal da questo signore, se esiste solo il True, se c'è differenza tra quello svedese e il norvegese, chi sono i Tormentor e cazzate di questo genere.Un altro uomo incline a mettere un etichetyta su un CD e a farti credere che è bianco o è nero.Il disco brilla di luce propria, gli Spite hanno avuto coraggio, vuoi per la lingua italiana, vuoi per le tematiche e vuoi per il concept di creatività che hanno tirato su. Credo si inutile dire che l'esterofilia è dilagante e che ci meritiamo concerti di merda e dischi di merda se non impariamo a tirare fuori la testa dal terreno.Poveri struzzi.Per non dire altro. Voto? Senza voto.superiore e basta.
SEW
Venerdì 4 Settembre 2009, 11.34.33
21
Sparati, sul monte dell'inezza !
Ouroboro
Domenica 23 Agosto 2009, 15.32.25
20
Davvero qui non si è capito per nulla il senso dell'album. La cover è un divertissiment, per il resto è una composizione che trasuda gusto e ricercatezza da ogni nota. E' un disco difficile da recensire proprio perchè complesso e non stilisticamente paragonabile del tutto ai precedenti, ma da cui deriva più che direttamente. I gusti sono gusti, ma alcuni album necessitano di vari ascolti e approfondimenti anche esterni al disco per essere recensiti con cura.
Turms
Giovedì 6 Agosto 2009, 21.25.29
19
Recensione ridicola..
MDL
Venerdì 10 Luglio 2009, 11.15.49
18
Minchia mpari quante filosofie ricacciate!
EW
Martedì 23 Giugno 2009, 15.35.29
17
Tu non hai scritto nè una recensione nè espresso una critica, ma hai semplicemente eseguito una autopsia al disco. l'hai smembrato, non traspare nulla da ciò che hai scritto, nemmeno il tuo rigetto. Sembra che ciò che non sia etichettabile sia automaticamente pretenzioso, come lo è per te l'ultimo lavoro degli SEW. E' proprio vero che al giorno d'oggi, per godere dell'attenzione di qualcuno bisogna (auto)eticchettarsi e fare musica "etichettabile". Sul fatto che Vltra non ti sia piaciuto, beh, su questo sarebbe inutile parlarne perchè i gusti sono gusti...ma girando su internet ci si accorge facilmente che tutti, sapendo cosa vuol dire "songwriting", "riffing", "scream", "growl", "blast beats", etc, sono dei potenziali critici che (credono) di parlare da critici e (credono) di pensare come dei critici. Perchè un drumming è bello perchè è variabile? Chi l'ha detto? Perchè uno scream è "piacevole"? La tua è una recensione che sarebbe ok per un gruppo che ha registrato su cd-r un primo demo e che spedisce a qualche recensore il lavoro per avere qualche consiglio...beh allora va bene. Mancava solamente che dicesti che la registrazione è scarsa non sapendo che è volutamente vintage, ma almeno qui ti sei salvato, per fortuna. Ah, dimenticavo, sappi che non sono un fan "ultra-sfegatato" degli SEW, quindi il motivo di questo commento al tuo lavoro è tutt'altro che ideologico. Credo oltretutto (data la tua età) che tu sia tra quelli che sostengono che il black metal autentico sia quello Norvegese e che credono che i MayheM siano un gruppo della prima ondata black metal, che Malmsteen (o qualcun altro, decidilo tu) sia il più bravo perchè più veloce di tutti, che un gruppo (specialmente brutal death) è fico perchè la registrazione è iper-pulita con batteria ultra-triggerata e riffing "mai monotono", etc. Se la maggior parte dei ragazzi della tua età sono nella media del tuo modo di vedere le cose, non è messa male solo la critica, ma anche la musica, se quest'ultima decidesse di convincerla. Per come de-scrivi i tuoi gusti, penso tu abbia una mentalità analitica, quindi ti consiglio di cogliere il senso di questo mio post senza coglierne l'aspetto superficiale o vagamente provocatorio Con rispetto
Zagreo
Venerdì 22 Maggio 2009, 23.24.22
16
mmmmm........Non posso non dare ragione a Mastro Giano............per quanto ami il metal internazionale il progetto fino ad ora portato avanti da questa band affonda le radici in un passato glorioso: quello del futurismo e dell'attivismo, non certo nel fascismo;il concetto è più che altro provocatorio e di Dannunziana memoria. L'espressione degli E.S.W. è intellettuale e d'avanguardia, il metal ottantiano, a parte pochissime eccezzioni è rozzo e "istintivo", nulla di male, ma si, è come paragonare la classica al death metal.....Per fortuna esistono in Italia gruppi come gli E.S.W. , Absentia Lunae, Frangar, Janvs.Proprio nel nostro paese si è rivoluzionata l'idea di Black Metal ed essendo il black un genere "Satanico" e VIVO, esso si DEVE modificare ed evolvere ma soprattutto ESSERE PROVOCATORIO..........Gloria comunque a bands storiche come Judas Priest, Venom, Mothorhead, Iron Maiden, perchè ci hanno donato la possibilità e il mezzo di esprimere degli ideali (Qualunque essi siano) a tutto volume!
MDL
Sabato 7 Febbraio 2009, 11.57.56
15
L'havy metal morto e sepolto??? hahahahahahahahaha!!! E allora chissà perché ai concerti thrash e heavy metal di questi tempi c'è sempre il pienone!!!
Uno qualsiasi
Giovedì 5 Febbraio 2009, 21.32.08
14
Per Mastro Giano: "Trovatemi un gruppo musicale più ardito": Altar of Perversion, Aborym, Malfeitor, Athanor, Goatfire tra gli altri. "'Heavy Metal" morto-e-sepolto": ci sono molte bands underground italiane che si formano e scalpitano per suonare senza avere copertura adeguata, e nonostante tutto per te il metal è morto? Atteggiamento passivista e trascurabile rispetto alla realtà dei fatti. "E basta col mitizzare sempre americani e inglesi e scandinavi": e questo chi l'ha detto? "begnamini": semmai beniamini. "alla quale adolescenza siete legati da emotività e non da esplicita passione per l'espressione": i gruppi anni '80 che tu evidentemente disprezzi sono gruppi che hanno inventato un nuovo genere e scritto la storia, che quindi hanno saputo esprimere e far esprimere moltissimo. Ciò che è passato non va mai rinnegato, soprattutto se è storico, e chi non capisce la storia o la critica, non capirà mai il presente. "carattere (finalmente) nazionalista" tendenza all'estrema destra... c'era da aspettarselo. "Ascoltate i Dari" Ascoltali tu.
Mastro Giano
Domenica 11 Gennaio 2009, 11.22.04
13
Commenti inutili, per la maggior parte. Trovatemi un gruppo musicale più ardito, un gruppo che tanto si dà da fare a portare il lustro fra le file dei noiosi, insulsi, infami, spocchiosi e ripetitivi gruppi musicali italiani, ancorati agli anni 80 col pronunciare infame di quell'"Heavy Metal" morto-e-sepolto. Se non ci si rinnova, non si va avanti. Solo per aver posto in primissimo piano la corrente futurista (e non solo), fra il loro lavoro estetico e filosofico, il fulcro della tradizione, sarebbe degno di lode il modo in cui ci si impegna a far emergere ciò che è NOSTRA tradizione. E basta col mitizzare sempre americani e inglesi e scandinavi. Non si possono fare confronti neanche con i begnamini alla quale adolescenza siete legati da emotività e non da esplicita passione per l'espressione. Allora come bassista dovrei dire che il basso negli Opeth è una ciofeca per come vengono date le battute e dal tocco. Resta il fatto che E' UN GENERE DIFFERENTE, NON SI POSSONO METTERE A CONFRONTO LAVORI DI MUSICA CLASSICA E DI DEATH METAL. Paradossalmente è la stessa identica cosa. Un'idiozia. Quando ci saranno 1000 gruppi musicali in grado d'avere in sé originalità e carisma, tradizione e innovazione e carattere (finalmente) nazionalista, fatemi un fischio. Ascoltate i Dari, almeno c'è qualcosa che può essere al livello di come concepite la musica.
Uno qualsiasi
Mercoledì 24 Dicembre 2008, 21.58.22
12
Disco noioso e insipido. Non ho mai trovato, peraltro, negli SEW una band geniale e non capisco come mai siano così idolatrati in Italia, nonostante una musica (tranne quest'ultimo album) discreta ma non certo eccezionale. Anche a livello di tematiche mi sono sempre sembrati molto stereotipati, e spesso ho letto interviste dove il cantante rispondeva con frasi vuote, generiche e spesso inutilmente retoriche e ridondanti. E quoto Drugo in tutto e per tutto, mi spiace ma la vedo così. Voto: 30.
silvio
Mercoledì 10 Dicembre 2008, 12.41.13
11
A me invece piace molto questo disco...Il black metal è sempre esistito anche prima degli hellhammer perchè è sempre stato il fuoco che covava sotto le ceneri di gruppi estremi e provocatòri che all'epoca venivano semplicemente definiti psichedelia o dark, ed essendo tale genere una 'forma mentis' che va ben oltre (vltra come dicono i SEW) i canoni codificati del genere più cattivo per i semplici fruitori di heavy metal non vedo cosa ci sia di male ad anteporre scelte estetiche al rispetto totale di tali codifiche, rimasugli dei primi anni '90, ad uso e consumo di chi non c'era quando uscivano i dischi che per molti hanno cristallizzato il genere.
I, Oblivion
Lunedì 1 Dicembre 2008, 23.22.06
10
capolavoro di gusto e stile? mah...allora un CD degli opeth cos'è un miracolo? XD
Lucio
Sabato 29 Novembre 2008, 10.48.28
9
Penso che non esista un voto per questo disco è un capolavoro di gusto e stile, dall' artwork ai testi alla musica. poi se volete sentire ttatatatattattata yayayayaya tatatatatata compratevi gli immortal. voto 10
Simone
Venerdì 24 Ottobre 2008, 22.26.09
8
Oddio... effettivamente ho fatto una valutazione troppo affrettata... mi ha già scassato...
Drugo
Venerdì 24 Ottobre 2008, 10.55.38
7
Questo disco fa cacare a spruzzo, come tutta la discografia degli SEW del resto. Un progetto inutile portato avanti da un personaggio circense come Argento, incoerente, finto-colto e attitudinalmente e musicalmente ridicolo. Pieno appoggio quindi al recensore, era ora che qualcuno desse il voto che si merita un gruppo del genere, pompato a più non posso ma inesorabilmente esilarante sin dagli albori. Ridicoli.
Simone
Domenica 19 Ottobre 2008, 15.57.21
6
Boh, sarà, ma a me piace molto. Gli darei anche più di 85.
I, Oblivion
Giovedì 16 Ottobre 2008, 18.40.50
5
Hai ragione sul blast beat..l'ho sempre chiamato così..erroneamente evidentemente..errore mio.. per il resto...io ho ascoltato il cd..le fondamenta NON sono black..punto. la base è un'altra con influenze black. tralascia gli altri CD. io ho sentito questo. gli altri sono black grezzi e tutto bene.dunque per te questo è un'evoluzione di quelli. quindi facevano black, ora fanno ancora black ma con queste cosette in + particolari. io invece ho considerato SOLO questo CD. ed obiettivamente questo cd è poco black. black metal per definizione vuol dire: l'uso di scream, tempi veloci per lo + blast beat, riff trillati. in questo cd quali di questi elementi sono presenti e con che rilevanza? ecco spiegato tutto... per quanto riguarda il tuo attacco personale, sì mi piace ci siano elementi sperimentali, progressivi, avanguardistici...ma proprio non è questo il caso. e anche se ci fosse stato effettivamente il black di base, ma sempre con elementi punkeggianti come esperimento, mi avrebbe fatto cagare cmq...
Davide
Giovedì 16 Ottobre 2008, 10.19.28
4
Meno male che nella descrizione dello staff metti: gusti musicali....sperimentale, avantgarde.ahahahah...
Davide
Giovedì 16 Ottobre 2008, 10.18.34
3
Ci mancava il blackish oi... Bah...vabbé... Ragazzi cazzo quando ascoltate i dischi non è che una volta e via: minchia ma che intendete per oi? Cos'è l'oi? E il black? Questo disco esplora il black in una maniera più sperimentale, basta. Possibile che dobbiamo sempre usare etichette del menga... E poi si dice blastbeat, è inglese eh..non per niente... BLAST....beat.
I, Oblivion
Mercoledì 15 Ottobre 2008, 15.02.05
2
Io l'oi lo sento eccome...+ dell'hardcore punk..che comunque siamo lì..in ogni caso sia il punk, che l'oi, che il thrash sono generi che non mi piacciono per nulla...inoltre trovo ci sia molto + dell'"altro genere" piuttosto che di black...poi ho precisato che so che a molti piace e tanto, ma a me per nulla e ne ho spiegato le motivazioni. come anche hai detto tu, de gustibus no? =) non è possibile fare una recensione obiettiva a 360°, è normale che il pensiero personale incide. se a te piace il l'hardcore punk ed il black allora questo cd merita effettivamente 85. per me non è così. tutto qui.
Mael
Mercoledì 15 Ottobre 2008, 10.28.06
1
Ma stai scherzando, cioè, su i Gusti non si discute, però questo album, Black metal o meno, è un capolavoro, come si fa a basare una recensione sul fatto che "doveva" essere un disco Black e invece non lo è completamente? Poi blackish oi? Semmai Black con influenze trash/hardcore punk.L'oi non ce lo sento davvero Cmq apparte questo (le etichette lasciamole ai decerebrati) il disco è bellissimo, ci sono pezzi veramente ispirati. Si parla di musica non di "generi", e in quanto a musica questo disco ne è pieno e di qualità. Voto: 85
INFORMAZIONI
2008
Avantgarde Music
Black
Tracklist
1. I
2. II
3. III
4. IV
5. V
6. VI
7. VII
8. VIII
9. IX
10. Helter Skelter (The Beatles cover)
Line Up
Argento: guitars, vocals
Azoth: keys, bass
Fog: drums
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]