Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Todd La Torre
Rejoice in the Suffering
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

12/03/21
ISSA
Queen of Broken Hearts

12/03/21
CHEZ KANE
Chez Kane

12/03/21
HEART HEALER
The Metal Opera By Magnus Karlsson

12/03/21
SECRET SPHERE
Lifeblood

12/03/21
MINUTIAN
Magical Thinking

12/03/21
TURBULENCE
Frontal

12/03/21
SUNSTORM
Afterlife

12/03/21
ENFORCED
Kill Grid

12/03/21
MARIANAS REST
Fata Morgana

12/03/21
CONAN
Live at Freak Valley

CONCERTI

13/03/21
MICHALE GRAVES + NIM VIND
LEGEND CLUB - MILANO

14/03/21
MARK LANEGAN BAND
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

18/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
DEMODE CLUB - MODUGNO (BA)

19/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

20/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

23/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ORION - ROMA

23/03/21
SWANS + NORMAN WESTBERG
ALCATRAZ - MILANO

24/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ALCATRAZ - MILANO

25/03/21
TYGERS OF PAN TANG + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

25/03/21
RECKLESS LOVE + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Bonfire - The Rauber
( 3560 letture )
Opera molto ambiziosa questa degli storici rockers tedeschi Bonfire. Comporre una rock/metal opera è un passo che già in molti hanno fatto. La novità assoluta e, credo, senza precedenti, sta nel rappresentarla live a teatro. Qualcosa di nuovo e soprattutto ambizioso; mischiare musica (hard rock) e teatro potrebbe far storcere il naso a molti, invece, il risultato è assolutamente buono.

L’opera che i Bonfire hanno realizzato, The Räuber, è un riadattamento, in chiave moderna, del dramma del 1781 di Friedrich Schiller, Die Räuber (I Masnadieri). Inscenata al teatro di Ingolstadt, la rock opera ha riscosso un successo tale da far registrare il tutto esaurito per tutti e venti gli spettacoli. Sull’onda di questo fama crescente, pensate che a Dicembre riprenderanno le repliche, i Bonfire, grazie all’ottimo lavoro della britannica Transistor Pictures, hanno realizzato questo doppio DVD davvero emozionante.

Dunque sono tutte rose e fiori? Purtroppo no. Il grande problema risiede nella fruibilità del prodotto da parte di uno spettatore non tedescofono, visto che gli attori recitano in tedesco e, soprattutto, vista l’assenza di sottotitoli. Un handicap non da poco, che potrebbe restringere il campo d’azione di The Räuber ai soli paesi di lingua tedesca. Fortunatamente, il sottoscritto era già a conoscenza dell’opera di Schiller, che, in realtà, era già stata “musicata” da Giuseppe Verdi. Davvero un’eredità pesante per Claus Lessmann e Hans Ziller. I due però hanno realizzato un buon lavoro, osando poco bisogna ammetterlo, per quello che è lo stile dei Bonfire, però non c’è dubbio che le canzoni si lascino ascoltare piacevolmente.

DISC ONE

Il primo DVD contiene l’intera performance teatrale, per una durata totale di circa tre ore e mezza. Ovviamente, le canzoni dei Bonfire sono alternate a passaggi recitativi oppure, in alcuni casi, sono addirittura gli attori a cantare.
La scenografia è molto spoglia. Un armadio immenso si trova al centro del palco, dal quale usciranno gli stessi Bonfire all’attacco di Bells Of Freedom, alla quale viene lasciato il compito di rompere il ghiaccio col pubblico. Il pezzo è aggressivo e tagliente ma, allo stesso tempo, riesce a conservare una vena melodica tipica dei Bonfire. Sono queste le coordinate che i cinque tedeschi hanno seguito in fase di songwriting. La scaletta ci propone un’altra canzone di sicura presa, The Good Die Young. I nostri si esibiscono anche in tedesco con l’“anthemica” Blut Und Todt prima, e poi con Lass Die Toten Schlafen.

Poi è il turno della prima ballad del disco, Do You Still Love Me. Una canzone dai soliti contenuti sull’amore non ricambiato, però devo ammettere che fa la sua figura in questo contesto. Buono il primo lento. L’assolo di batteria di Jürgen Wiehler (piazzato su un’impalcatura a circa tre metri da terra) fa da prologo a quella che possiamo definire la vera hit dell’opera, . Un pezzo di certo non originale (Hip hip urrà!) che fa centro grazie alla sua presa sul pubblico, che accompagna la canzone con mani e piedi in stile We Will Rock You. È arrivato il turno della seconda ballata del disco, Love Don’t Lie; interpretata ottimamente dalla brava e bella Nathalie Schott, Amalia nell’opera. Si continua con Refugee Of Fate più articolata rispetto alla media; una breve versione acustica di Let Me Be Your Water, che verrà eseguita per intero alla fine dell’opera. Da menzionare assolutamente Black Night, tipico pezzo hard rock anni ottanta. Finisce il dramma e sono applausi a scena aperta per tutti, attori e musicisti. E proprio durante la standing ovation che il pubblico gli sta tributando inscenano un simpatico encore (Hip Hip Hurray) in cui tutti suonano e cantano.
Da sottolineare il gran lavoro svolto dietro le telecamere e l’audio in Dolby 5.1, come sempre, pulito e potente.

DISC TWO

Il secondo disco contiene i video montati con le immagini degli spettacoli e immagini di repertorio miscelate con l’audio (in studio) dei brani, per una durata di circa settanta minuti. Inoltre, sono presenti due servizi televisivi che le tv tedesche hanno dedicato alla rock opera, un breve “dietro le quinte” (in tedesco) con Claus Lessmann nelle vesti del reporter, e un nuovo video di un super classico della band, You Make Me Feel.
Un bonus disc che, video a parte, ho trovato abbastanza trascurabile. Anche qui pesa molto la mancanza di sottotitoli.

LA BAND

Buona la prestazione dei cinque tedeschi, in particolare mi riferisco a Clauss Lessmann, sempre potente con la sua ugola, e ad Hans Ziller che, nonostante abbia accusato più di tutti gli anni sul groppone, riesce ancora ad incantare come ai bei tempi.

CONCLUSIONI

Un prodotto ottimo e, soprattutto, innovativo. Chissà che non sia questa la strada giusta da percorrere nei prossimi anni. L’assenza di sottotitoli pesa sul giudizio finale, in ogni caso, più che positivo.



VOTO RECENSORE
78
VOTO LETTORI
24.44 su 18 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2008
LZ Records
Hard Rock
Tracklist
DVD ONE

Live Theatre Performance

Bells Of Freedom
The Good Die Young
The Oath
Blut Und Todt
Do You Still Love Me
Lass Die Toten Schlafen
Drumsolo
Hip Hip Hurray (Instrumental)
Hip Hip Hurray
Bells Of Freedom (Instrumental)
Love Don’t Lie
Refugee Of Fate
Let Me Be Your Water (Acoustic)
Father’s Return
Black Night
Let Me Be Your Water
Hip Hip Hurray (Encore)

DVD TWO

The Videos

Bells Of Freedom
The Good Die Young
Blut Und Todt
Do You Still Love Me
Hip Hip Hurray
Love Don’t Lie
Refugee Of Fate
Black Night
Let Me Be Your Water

Special bonus material:

Behind The Scenes
The Räuber choir
Brand new studio recording/video of “You Make Me Feel”

Line Up
Claus Lessmann – Lead Vocals, Rhythm Guitar
Hans Ziller – Lead, Rhythm & Acoustic Guitar
Uwe Köhler – Bass
Jürgen “Bam Bam” Wiehler – Drums & Percussion
Chris “Yps” Limburg – Guitars

www.bonfire.de
 
RECENSIONI
66
75
79
78
78
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]