Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Iamthemorning
The Bell
Demo

Break Me Down
The Pond
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/10/19
PLATEAU SIGMA
Symbols - The Sleeping Harmony of the World Below

25/10/19
ANTHONY PHILLIPS
Strings of Light

25/10/19
TURBOKILL
Vice World

25/10/19
SKINLAB
Venomous

25/10/19
STEVE HACKETT
Genesis Revisited Band & Orchestra: Live at the Royal Festival Hal

25/10/19
DICTATED
Phobos

25/10/19
LEPROUS
Pitfalls

25/10/19
MAYHEM
Daemon

25/10/19
ENEMYNSIDE
Chaos Machine

25/10/19
METALITE
Biomechanicals

CONCERTI

23/10/19
FOLKSTONE
ORION - ROMA

23/10/19
PINO SCOTTO
MOB CLUB - PALERMO

25/10/19
MACHINE HEAD
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/10/19
INTER ARMA
LIGERA - MILANO

25/10/19
ARBORES AUTUMNALES FESTIVAL
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

25/10/19
FOLKSTONE
VIPER THEATRE - FIRENZE

25/10/19
HELLRETIC + BRVMAK
500CAFFE' - PIEDIMONTE S. GERMANO (FR)

26/10/19
DESTROYER 666 + ABIGAIL + DEAD CONGREGATION + GUESTS
MU CLUB - PARMA

26/10/19
MACHINE HEAD
HALL - PADOVA

26/10/19
INTER ARMA
FREAKOUT - BOLOGNA

Carcass - Necroticism - Descanting the Insalubrious
( 14087 letture )
Grind? Death?
Non è una novità che i Carcass abbiamo sempre saputo mantenersi a cavallo tra questi due generi, passando dalla vena melodica di Heartwork alla più spiccata violenza di Symphonies Of Sickness, ma l'album che rappresenta in maniera perfetta questa sintesi è indubbiamente Necroticism – Descanting The Insalubrious, terzo full-length della seminale band britannica.

Uscito nel 1991, anno denso di avvenimenti nella scena rock/metal mondiale -tra cui la pubblicazione del Black Album dei Metallica, di Nevermind dei Nirvana, di Human dei Death, la morte di Freddie Mercury e Eric Carr e il suicidio di Dead- Necroticism era destinato a imporsi da subito come capolavoro e punto di riferimento per tutto ciò che ruotasse attorno al movimento gore/grind/death.

Se dovessi trovare un aggettivo per descrivere questo disco, un solo aggettivo che sia in grado di spiegarne la sostanza, probabilmente userei il termine ”pesante”.
Quelli a cui ci troviamo davanti sono in effetti quarantotto minuti pesanti, granitici, compatti e inesorabili, che macinano e tritano per bene l'udito dell'ascoltatore, a qualsiasi velocità la band voglia muoversi.
A guidare questa inarrestabile macchina da guerra è lo stratosferico Michael Amott, i cui riff non hanno nulla della melodia che troveremo in Heartwork: sono invece fortemente impastati, cupi, confusi; anche gli assoli avanzano senza fluidità, ma in maniera decisa e potente; indimenticabile il riff d'apertura di Symposium Of Sickness, a parere di chi scrive uno dei più belli e coinvolgenti nella storia del death.
Parlando poi di inizi storici, possiamo non citare Corporal Jigsore Quandary?
Il suo fantastico attacco di batteria e i riff che ci si inseriscono sono passati alla storia -e credo di non esserne l'unico a sentirne una citazione in Bodom Beach Terror dei Children Of Bodom- insieme alle linee vocali di Jeff Walker, cantante (e bassista) di grandioso valore: il suo timbro non è scream, non è growl, è uno sporchissimo e grezzo concentrato di rabbia e odio; nulla nella sua prestazione potrebbe far pensare a un grande studio o a notevoli doti, ciò nonostante è impossibile non venire colpiti dalla sua voce aggressiva, diretta, violenta.

Il disco viaggia costantemente su livelli di eccellenza: la già citata Corporal Jigsore Quandary è il pezzo perfetto da far ascoltare a qualcuno per farlo innamorare dei Carcass, Pedigree Butchery spicca per i suoi inserimenti delle più marce melodie che il death sappia proporre, i ritmi lenti e cadenzati di Lavaging Exptectorate Of Lysergide Composition mantengono viva l'attenzione dell'ascoltatore per poi sottoporlo allo splendido attacco sonoro delle chitarre, semplicemente stupefacenti in questo pezzo, mentre Incarnated Solvent Abuse si apre su una ritmica quasi brutal, sfociando poi nell'ostinata ripetizione di riff caotici e furiosi passaggi di batteria che rompono questo lento ma pesante incedere.
Le liriche del disco, che descrivono l'utilizzo dei cadaveri a scopo di lucro -ad esempio come fertilizzanti (Inpropagation) o strumenti musicali (Carneous Cacoffiny)- hanno il merito di aver gettato idee che hanno poi costituito la linfa del movimento goregrind che ancora oggi si richiama a tematiche sviluppate da queste basi.

Necroticism – Descanting The Insalubrious è storia. È uno degli apici raggiunti dal death metal, è un capolavoro che corre a cavallo tra di esso e il grind, è un disco dalla straordinaria importanza storica che ha cambiato le carte in tavola nel mondo del metal.
È assolutamente superfluo che vi consigli di fare vostro questo disco, non potete farne a meno se siete fan del metal estremo, e anche se non lo siete è giusto che lo conosciate, perché ignorare un disco che dal 1991 emoziona, inquieta, fa appassionare i deathsters – e non solo – di tutto il mondo, sarebbe davvero imperdonabile.



VOTO RECENSORE
95
VOTO LETTORI
87.26 su 123 voti [ VOTA]
lux chaos
Giovedì 31 Maggio 2018, 18.53.51
31
Che legnata! Riascoltato oggi in macchina...e concordo con Steelminded, anche l'ultimo per me è una bomba atomica, l'ho consumato, è stato sottovalutato come spesso succede per i come-back, ma non sfigura per nulla!!
lisablack
Domenica 12 Novembre 2017, 16.57.10
30
Disco enorme, da ascoltare più volte, passaggi e riff perfetti, songwriting eccellente. 100.
Aceshigh
Domenica 12 Novembre 2017, 10.30.28
29
L'album perfetto dei Carcass! Perfetto per l'equilibrio tra violenza putrida e melodia (che poi prenderà -a mio modo di vedere- un po' troppo il sopravvento). Corporal Jigsore Quandary è una delle più belle death metal songs di sempre! Concordo al 100% con il voto del recensore.
Steelminded
Venerdì 29 Settembre 2017, 22.41.06
28
A me il ritorno piace un casino, non capisco le critiche. Questo e heartwork sono degli album mostruosi... da quanto sono belli. L'ultimo non sfigura affianco secondo me.
Mulo
Venerdì 29 Settembre 2017, 22.16.02
27
Il migliore dei Carcass,di poco sopra al bellissimo successore (a me piace anche Swansong). Il disco del ritorno proprio non mi piace invece.
thrasher
Venerdì 29 Settembre 2017, 21.45.50
26
Sono indeciso tra questo e il successivo.... ottimo disco all epoca consumai prima la cassetta poi il vinile e poi il cd... li vidi in tournée con gli Electrocution e fu un gran concerto
metalist
Venerdì 11 Marzo 2016, 18.47.19
25
molto marcio e a me piace XD
Philosopher3185
Venerdì 30 Ottobre 2015, 20.53.03
24
Uno dei meglio album grind death della storia..anche se io preferisco quello dopo,poiche' mi piace la melodia..qualche purista storcera' il naso su questa mia dichiarazione...
Steelminded
Martedì 11 Agosto 2015, 20.32.34
23
Questo sì che è un SINE QUA NON. Ce l'avete l'articolo! Voto: 99.
Celtic Warrior
Giovedì 6 Marzo 2014, 18.32.51
22
Uno dei migliori album e gruppo Death Metal di sempre altro che gruppetti come gli hail of bullets.
LongLiveThrash
Venerdì 6 Settembre 2013, 13.07.13
21
Raffinatezza+perversione=un disco stupendo. Nient'altro da dire
Danimanzo
Mercoledì 28 Agosto 2013, 17.56.06
20
Capolavoro. Tecnico, abrasivo, melodico, malato. I Carcass sono stati un'eccellenza e una delle migliori band del panorama estremo.
gianmarco
Giovedì 11 Luglio 2013, 8.39.49
19
micidiale , Incarnated Solvent Abuse la mia preferita
Alessandro DON ZUKER Bevivino
Lunedì 29 Aprile 2013, 17.55.09
18
SUPERBO.
manaroth85
Sabato 1 Dicembre 2012, 21.09.50
17
l apice di una fantastica discografia..inarrivabile...
NecroticismCarcass
Martedì 24 Luglio 2012, 14.35.36
16
Il mio nickname dice già tutto...il miglior album Death Metal di sempre.
Vecchia Carcassa
Lunedì 18 Giugno 2012, 14.02.06
15
pietra miliare assoluta del grind-death. fondamentali tutte le tracce, non aggiungo altro. grandissima la voce di jeff walker, pungente e graffiante come poche altre, e i testi a sfondo patologico clinico. irrinunciabile.
plin
Sabato 9 Giugno 2012, 13.47.12
14
Non esiste nessun altro album... inarrivabile
Sudparadiso
Martedì 7 Febbraio 2012, 0.03.17
13
ehm.. volevo dire sfornato..
Sudparadiso
Martedì 7 Febbraio 2012, 0.01.44
12
Nel non più vicino 91,quando mi trovai sugli scaffali questo disco(preso appena sfonato...),mi aspettavo di buttare giù i muri con un suono infame e voce modello maniaco sessuale in fase di masturbazione... i muri son venuti giù lo stesso assieme alle bestemmie dei miei,ma senza grugniti violentatori e suono impastato.Premetto che sono un grande fan della carcassa,ho ascoltato molto il secondo,e varie volte il primo.(un paio di volte le demo..inascoltabili...).Ma a sentire quella superba registrazione(ai tempi non tutti venivano prodotti così bene) e riuscire a distinguere gli strumenti e sentire il salto di qualità e tecnica,è stato come un fulmine a ciel sereno.L'impatto sempre devastante,il grind ancora presente nel predecessore,era svanito lasciando il posto ad un death tecnico con tanto di solos!! Incredibile.. Presi anche il cd se no avrei ridotto in putrefazione(per restare in tema..)il vinile... disco storico,che ha aperto la mente a tantissime band in quel periodo!! Voto 99!!
enry
Domenica 16 Gennaio 2011, 20.01.02
11
Il mio preferito, riacquistato nella super mega ristampa dell'anno scorso.
ThreePieces
Giovedì 30 Dicembre 2010, 14.13.23
10
Pietra miliare del Death metal tecnico!....non smetterò di dirlo... questo è progressive! XD
Giasse
Lunedì 27 Dicembre 2010, 23.56.05
9
Erano pazzeschi!!!
Steel-minded
Lunedì 27 Dicembre 2010, 23.48.04
8
Facendo un po' di amarcord personale, questo è il secondo CD (metal) che ho acquistato (dopo Fear of the dark). Che peccato abbiano smesso (concerti revival a parte).
Paul the boss
Venerdì 6 Novembre 2009, 14.39.35
7
è il manifesto di tutti i deathster di questo mondo!
Danny
Venerdì 14 Novembre 2008, 23.50.29
6
Si anche perchè Amott è l'ultimo in ordine di importanza all'interno della band
Nikolas
Lunedì 20 Ottobre 2008, 14.05.18
5
In effetti originariamente sarebbe stato "La coppia Steer/Amott", poi mi sono lasciato traviare dalla mia profondissima stima per Amott (che reputo davvero stratosferico ) e ho impietosamente tralasciato Steer. Chiedo Venia!
Ghenes
Lunedì 20 Ottobre 2008, 10.54.25
4
non per essere pignolo ma la tua affermazione: "A guidare questa inarrestabile macchina da guerra è lo stratosferico Michael Amott" non mi sembra corretta anche perchè tutti sanno che la mente principale dietro ai Carcass è sempre stato il GENIALE Bill Steer.cmq sono d'accordo su tutto il resto.
maiden1976
Domenica 19 Ottobre 2008, 18.06.04
3
fatelo vostro...x forza!!!!
Simone
Domenica 19 Ottobre 2008, 16.06.33
2
Stupendo.
Il Mentalista
Sabato 18 Ottobre 2008, 13.39.26
1
Disco ENORME, pietra miliare del death metal.
INFORMAZIONI
1991
Earache Records
Death
Tracklist
1. Inpropagation
2. Corporal Jigsore Quandary
3. Symposium of Sickness
4. Pedigree Butchery
5. Incarnated Solvent Abuse
6. Carneous Cacoffiny
7. Lavaging Expectorate of Lysergide Composition
8. Forensic Clinicism/The Sanguine Article
Line Up
Michael Amott - Lead Guitar, additional vocals
Ken Owen - Drums, additional vocals
Bill Steer - Lead Guitar, vocals
Jeff Walker - Bass, vocals
 
RECENSIONI
75
80
77
72
95
95
86
73
ARTICOLI
29/11/2013
Live Report
AMON AMARTH + CARCASS + HELL
Live Club, Trezzo sull’Adda (MI), 24/11/2013
30/08/2013
Intervista
CARCASS
Surgical Steer
10/01/2013
Articolo
CARCASS
Biografia di una band straordinaria
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]