Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Helloween
United Alive in Madrid
Demo

Freakings
Rise of Violence
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/10/19
SHRINE OF INSANABILIS
Vast Vortex Litanies

17/10/19
SHRINE OF INSANABILIS
Vast Vortex Litanies

17/10/19
MAESKYYRN
Interlude

17/10/19
BREAK ME DOWN
The Pond

18/10/19
UNAUSSPRECHLICHEN KULTEN
Teufelsbücher

18/10/19
HOLY SERPENT
Endless

18/10/19
KONKHRA
Alpha and the Omega

18/10/19
DEEZ NUTS
You Got Me Fucked Up

18/10/19
NEGATOR
Vnitas Pvritas Existentia

18/10/19
INFECTED RAIN
Endorphin

CONCERTI

17/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Teatro della Concordia - Torino

17/10/19
THUNDERMOTHER
LEGEND CLUB - MILANO

18/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
ORION - ROMA

18/10/19
PINO SCOTTO
STAMMITCH TAVERN - CHIETI

18/10/19
TIDES FROM NEBULA + GUESTS
HT FACTORY - SEREGNO (MB)

18/10/19
STAGE OF REALITY + NEW DISORDER + WHITE THUNDER
TRAFFIC LIVE - ROMA

18/10/19
SHORES OF NULL + SEDNA
BIKE BAR CINETICO - CERVIA (RA)

19/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
RIVOLTA - VENEZIA

19/10/19
NODE
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

19/10/19
SKELETOON + GUESTS
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

Tarchon Fist - Tarchon Fist
( 2261 letture )
Non male, non male davvero questo album d’esordio dei Tarchon Fist -il cui nome deriva, inglesizzato, dall’Etrusco - band dell’area Bolognese dedita ad un Heavy di stampo sicuramente classico, ma fresco, divertente e ben suonato, e già questo non è poco, la cui line-up è formata dal elementi ben noti nell’ambito della Dotta, turnisti ed elementi di varie bands locali, tra i quali spicca principalmente Luciano Tattini, membro fondatore dei Rain, storica formazione del panorama Heavy nazionale ben nota agli appassionati.

Ed allora? Allora Heavy, di quello buono, ben scritto, ben suonato, divertente, pieno di cori – magari talvolta non esenti da una latente tendenza alla pacchianeria tipo Footbal Aces, in pratica l’unico passo falso dell’album – bridges catchy come non ne sentivo da un bel pezzo, ottimamente inciso e prodotto, professionale – ad aprire le ostilità un filmato live di circa mezzo minuto, presenti inoltre bio, foto, cenni storici, due video, wallpapers e contatti della band - e, ciliegina sulla torta, le collaborazioni di Alberto Simonini -se non sapete chi è 10 punti in meno sul vostro patentino di metallaro- Roberto Priori per l’editing ed il premixaggio -come sopra, e con ciò avreste esaurito i punti a disposizione– e Cliff Evans dei Tank –e qui dovreste comprarvi una bici, per ulteriore punizione una Graziella -risente delle diverse influenze apportate dai vari componenti del gruppo e da bands di riferimento come Saxon, Skid Row, Savatage, Stratovarius (caspita, ho azzeccato un filotto di quattro S di fila) e compagnia, ma quello che mi preme sottolineare è che oltre ad una freschezza che fa pensare sicuramente di più a gruppi degli anni 80 in generale, molti dei pezzi contenuti in Tarchon Fist ora avrebbero sicuramente una grande visibilità se fossero marchiati da bands straniere che vanno per la maggiore, non sempre con pieno merito.

HM vero, sentito e coinvolgente, con Metal Detector, Bad Man Mania, Eyes of Wolf e Carved in Fire a rappresentare i momenti migliori del lavoro, per veri Defenders se volete e sicuramente con pochi spunti di modernità (a parte la Ghost Track elettronica di It’s My World da prendere con le pinze per chi non se l’aspetta e che dovrebbe dar vita ad un side project in cui la band sarebbe coinvolta solo molto marginalmente), ma che a me piace parecchio e forse anche chi ascolta roba completamente differente potrebbe dargli una chance, in ogni caso un plauso alla MyGraveyard la quale, all’interno di un mercato decisamente orientato su produzioni completamente differenti, continua a dibattersi per tenere vive delle sonorità che hanno fatto la storia e che sicuramente hanno ancora qualcosa da comunicare, e parlo di fede, passione, sudore, rabbia, fratellanza, ingenuità se volete, ma per me quest’ultima continua ad essere una qualità.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
35.44 su 27 voti [ VOTA]
AL
Martedì 3 Dicembre 2013, 10.28.46
1
bravi. ottimo heavy. Li sto approfondendo. buona band italiana!
INFORMAZIONI
2008
MyGraveyard Productions
Heavy
Tracklist
01. Metal Detector
02. It’s My World
03. Football Aces
04. Bad Man Mania
05. Ancient Sign Of The Pirates
06. Black Gold Fever
07. No More Walls
08. Blessing Rain
09. Eyes Of Wolf
10. Doc Hammer
11. Carved With Fire
Line Up
Luigi Sangermano - Vocals
Luciano Tattini - Guitars
Fede Mengoli - Guitars
Marco Pazzini - Bass
Andrea Bernabeo - Drums
 
RECENSIONI
80
75
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]