Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Progenie Terrestre Pura
starCross
Demo

Dead Like Juliet
Stranger Shores
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/07/18
MUTILATION RITES
Chasm

20/07/18
BLACK ELEPHANT
Cosmic Blues

20/07/18
THE LIONS DAUGHTER
Future Cult

20/07/18
SCARS ON BROADWAY
Dictator

20/07/18
SANDRIDER
Armada

20/07/18
CRYONIC TEMPLE
Deliverance

20/07/18
KHÔRADA
Salt

20/07/18
CEMETERY LUST
Rotting in Piss

23/07/18
ATAVISMA
The Chthonic Rituals

25/07/18
MANTICORA
To Kill To Live To Kill

CONCERTI

19/07/18
MYLES KENNEDY + DORIAN SORRIAUX
TEATRO ROMANO - OSTIA ANTICA (ROMA)

20/07/18
PROTEST THE HERO + GUESTS
ROCK PLANET CLUB - PINARELLA DI CERVIA (RA)

21/07/18
COLONY SUMMER FEST (Day 1)
CENTRO FIERA - MONTICHIARI (BS)

21/07/18
MYLES KENNEDY + DORIAN SORRIAUX
CASTELLO - UDINE

21/07/18
DIVINE METAL FEST
ALTERNATIVE MUSIC CLUB - MONTENERO DI BISACCIA (CB)

21/07/18
MALESSERE FEST
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

22/07/18
RICHIE KOTZEN
ESTATE IN FORTEZZA SANTA BARBARA - PISTOIA

22/07/18
COLONY SUMMER FEST (Day 2)
CENTRO FIERA - MONTICHIARI (BS)

22/07/18
DOYLE
TRAFFIC CLUB - ROMA

22/07/18
VIRVUM + COEXISTENCE + EGO THE ENEMY + GUEST
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

Synnöve - The Whore and the Bride
( 1532 letture )
Le pagine di Metallized accolgono un'altra white metal band; in analisi infatti abbiamo i Synnöve, formazione australiana che anche in questo caso sotto l'egida della Soundmass giunge alla prima uscita ufficiale. Di nuovo, è inutile parlare di debuttanti poiché il direttore di tale orchestra è niente meno che Brad Bessel, già abbondantemente lodato negli ottimi Virgin Black.

Seppur stilisticamente distanti, ascoltando The Whore And The Bride sovvengono abbastanza evidenti alcuni rimandi alla primordiale incarnazione del musicista. A riprova di ciò, la materia manipolata dal quartetto proveniente da Adelaide è una sorta di black (o che dir si voglia, unblack) dilatato e sinfonico che in un certo qual modo richiama alcune fortune dei Dimmu Borgir e altre dei Satyricon. Ma, come anticipato, i nostri documentano una grande propensione operistica, ampiamente dimostra dall'utilizzo di suggestivi cori gotici, tanto femminili quanto maschili, e funeree tastiere che in svariati frangenti valorizzano le già nutrite atmosfere sommesse. Difatti il disco preferisce assestarsi su tempi mai troppo veloci, tal volta spezzati da accelerazioni in chiave black e qualche sparuto riff schiaccia sassi. Lo stesso guitar work pare quasi esclusivamente votato alla ritmica e solo di rado si “prostituisce” a favore di taglienti esecuzioni soliste o più semplicemente in appoggio di qualche scioglimento fulmineo. E se vogliamo questa peculiarità è nel contempo croce e delizia dell'intero platter: se da un lato determinate deviazioni enfatizzano l'oscura aria lisergica, praticamente onnipresente, d'altro canto una maggiore celerità avrebbe sicuramente giovato al risultato finale contrapponendosi in modo efficace al flebile andamento e senz'altro rendendo più agevole l'ascolto. In realtà l'unico dinamismo esistente viene sciorinato da una forte volontà di variazione riferita principalmente grazie all'utilizzo di approcci stilistici distanti e poco originali, malauguratamente non sempre risolti in modo impeccabile. Comunque brani come Rhithms of Apocalypse, The Last Lament e soprattutto The Cry of Creation, quale episodio meglio riuscio di tutto il lotto, magnetizzano attraverso il loro approccio intimista.

Luci ed ombre quindi, per un disco complessivamente apprezzabile; del resto, considerati gli illustri trascorsi del mastermind, era lecito aspettarsi un prodotto meno dispersivo. The Whore And The Bride non ha le carte in regola per estasiare, ma difficilmente i Synnöve lasceranno totalmente indifferenti gli accoliti del genere.

Invasati!



VOTO RECENSORE
65
VOTO LETTORI
19.41 su 17 voti [ VOTA]
Giasse
Domenica 26 Ottobre 2008, 23.20.19
1
Anni luce dai VIRGIN BLACK!
INFORMAZIONI
2008
Soundmass
Black/Doom
Tracklist
1. Funeral for Innocence
2. Rhythms Of The Apocalypse
3. The Whore And The Bride
4. Non Servium
5. Sangreal
6. The Cry of Creation
7. The Last Lament
8. Lindisfarne
Line Up
Brad Bessell (Guitar, Vocals)
Conner Ryan (Guitar)
Stephanie Bessell (Bass, Vocals)
Steve Edwards (Drums)

Guest Musicians:
Jim Petkoff (Vocals)
Maidoc Bessell (Vocals)
Saorise Bessell (Vocals)
Kyle Bloksgaard (Guitar, Bass)

http://www.synnove-online.com/
http://www.myspace.com/synnovemetal
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]