Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Darkthrone
Old Star
Demo

E.G.O
Everything Goes On
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/07/19
FAITHSEDGE
Bleed for Passion

26/07/19
THE TRIGGER
The Time Of Miracles

26/07/19
OH HIROSHIMA
Oscillation

26/07/19
WORMWOOD
Nattarvet

26/07/19
BLACK RAINBOWS
Hawkdope (reissue)

26/07/19
BLACK RAINBOWS
Stellar Prophecy (reissue)

26/07/19
SINHERESY
Out of Connection

26/07/19
AS I MAY
My Own Creations

26/07/19
HATRIOT
From Days Unto Darkness

26/07/19
IAN GILLAN
Contractual Obligation

CONCERTI

25/07/19
COVEN + DEMON HEAD
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

25/07/19
THERAPY?
CURTAROCK FESTIVAL - CURTAROLO (PD)

26/07/19
COVEN + DEMON HEAD + GUESTS
TEATRO LO SPAZIO - ROMA

26/07/19
SOILWORK
ROCK CLUB - PINARELLA DI CERVIA

26/07/19
WEEDEATER
FREAKOUT - BOLOGNA

27/07/19
MARDUK + GUEST
ROCK AND BOL - BOLOTANA (NU)

27/07/19
OBSCURA DOOM FEST
MU CLUB - PARMA

27/07/19
SOILWORK
LEGEND CLUB - MILANO

27/07/19
WEEDEATER
CRYSTAL MOUNTAIN FEST - MOSO IN PASSIRIA (BZ)

27/07/19
CEMETERY GATEZ FEST
ARENA BCC - FANO (PU)

Red To Grey - Admissions
( 1926 letture )
Essere davanti a una band che torna in attività dopo 8 anni dal precedente lavoro non può non fare piacere, è vero; sapere che questa band suona thrash metal, il tuo genere preferito, anche.
Purtroppo è inevitabile vedere che tale band si dimostra spesso incerta, incapace di risultare aggressiva e convincente, e che il loro disco esce da una simile gestazione con caratteristiche che spesso si riscontrano in dischi di band agli esordi.

Non ho ben chiaro quale sia l'obiettivo dei Red To Grey: inserire parti melodiche per risultare più orecchiabili? Per sopperire alla prestazione vocale tutt'altro che buona di Andy Pankraz; utilizzare backing vocals al limite dell'irritante (la title-track e Free ne sono chiaro esempi) per snervare l'ascoltatore?

Non mi è consentito saperlo e non intendo fare un processo alle intenzioni, ma va da sé che questa serie di elementi non permette di trovare molto piacevole l'ascolto di Admissions. Il già citato Pankraz è assolutamente inadeguato al genere musicale proposto: la sua voce è paurosamente sforzata nelle parti più tirate – e ciò per notevoli limiti propri, non per la produzione, per quanto neanche essa sia scevra da critiche – e a malapena sufficiente nelle parti melodiche. Peccato che proprio in tali parti si trovino i momenti peggiori a livello di songwriting e di prestazione del resto della band: riff scontati e prevedibili, salvo qualche sporadico caso (piccoli passaggi su Cast The First Stone e rarissimi momenti in altri pezzi), al di sotto dei quali si prodigano forse gli unici due membri degni di una valutazione davvero sufficiente.
Stefan Hendel e Elmar Nuesslein, creatori della struttura ritmica, seppur ben lontani dall'essere perfetti riescono in qualche modo a tenere a galla la band, alternando in maniera più che discreta passaggi veloci e decelerazioni spesso riempite dal suono corposo del basso Hendel.
Ovviamente la produzione sembra essere stata studiata proprio per penalizzare gli unici elementi positivi del lavoro: la batteria ha suoni davvero improponibili, rullante e cassa sono a malapena udibili e i piatti, più che un suono, producono un fastidioso effetto zanzara; Hendel viaggia nascosto per gran parte dei pezzi, sovrastato dai colleghi sei corde, potendosi permettere in rarissime eccezioni di riempire il sound della band con un po' di bassi, altrimenti quasi assenti.

È un vero peccato dover constatare che otto anni di pausa non hanno giovato minimamente al gruppo, che si ritrova con un prodotto che non arriva alla sufficienza, in cui i contro superano di gran lunga i pro, i quali sono in più quasi cancellati dal mixaggio.




VOTO RECENSORE
55
VOTO LETTORI
24.33 su 18 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2008
Badland Records
Thrash
Tracklist
1. Intro
2. Admissions
3. Cast the first stone
4. Free
5. The amour piercing dread
6. In the darkest corner
7. Sweet suffering
8. The fall of god
9. Celebration of the cult
10. The cheated one
Line Up
Andy Pankraz - Vocals
Tino Bergamo - Guitar
Jan Hoffmann - Guitar
Stefan Hendel - Bass
Elmar Nuesslein - Drums
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]