Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Myrath
Shehili
Demo

Degraey
Reveries
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/05/19
VISIGOTH
Bells of Awakening (EP)

24/05/19
ULVEDHARR
World of Chaos

24/05/19
DESTRAGE
The Chose One

24/05/19
STORMLORD
Far

24/05/19
ODYSSEY
The Swarm

24/05/19
MARCO HIETALA
Mustan Sydämen Rovio

24/05/19
LEFUTRAY
Human Delusions

24/05/19
SOTO
Origami

24/05/19
REVEAL
Overlord

24/05/19
X-ROMANCE
Voices From The Past

CONCERTI

23/05/19
BLACK TUSK
LIGERA - MILANO

24/05/19
SHINING (SWE) + GUESTS
Pika Future Club, Verona

24/05/19
METAL QUEEN`S FESTIVAL (day 1)
IL PEOCIO - TROFARELLO (TO)

24/05/19
STORMLORD + GUESTS
TRAFFIC CLUB - ROMA

25/05/19
NECRODEATH + GUESTS
JAILBREAK - ROMA

25/05/19
SHINING (SWE) + GUESTS
Alchemica Music Club, Bologna

25/05/19
SCUORN + GUESTS TBA
ZIGGY CLUB - TORINO

25/05/19
METAL FOR KIDS UNITED
CROSSROADS - ROMA

25/05/19
METAL QUEEN`S FESTIVAL (day 2)
IL PEOCIO - TROFARELLO (TO)

25/05/19
ELECTROCUTION + GUESTS
ROCK HEAT - AREZZO

Heavy Load - Metal Conquest
( 3989 letture )
Immagino che oggi come oggi sia decisamente difficile da immaginare, ma c’è stato un tempo -abbastanza breve, ma c’è stato- in cui il Nord Europa rivaleggiava col Sud del Continente per disinteresse di pubblico e addetti ai lavori nei confronti del rock duro, ma già agli albori degli anni '80, quasi in concomitanza con l’esplosione della nwobhm, qualcosa cominciò a muoversi anche là. Anche se la quotazione presso gli headbangers italici di gruppi provenienti da Svezia, Finlandia e compagnia bella inizialmente non era superiore a quella delle bands nostrane -quindi molto scarsa- alcune riuscirono subito a ritagliarsi un fetta di meritata popolarità qui e nel resto d’Europa, uno dei gruppi più in vista, che in molti considerano seminali nel settore Epic, sono gli Heavy Load.

Partiti come HR band si spostarono rapidamente verso lidi più heavy in concomitanza, come già riportato, dell’esplosione della nwobhm, ed anche se i Full Length sono probabilmente più rappresentativi nel loro complesso, questo mini condensa in cinque pezzi tutte le prerogative migliori degli Scandinavi. Aperto dalla rocciosa You’ve got the Power, potente quanto basta per scaldare bene l’atmosfera con il tipico songwriting dell’epoca, si passa poi a Dark Night , un altro buon pezzo che, oltretutto, serve anche a notare il cambio del vocalist rispetto al primo, mettendo così in luce un’altra prerogativa della band: quella di cambiare di tanto in tanto il singer -il chitarrista/cantante Ragne Walhquist nel primo, Eddie Malm nel secondo- risultando abbastanza peculiari per il periodo.
La prima facciata è chiusa da un pezzo che ogni cultore della storia dell’Epic metal dovrebbe conoscere, quel gioiellino intitolato Heavy Metal Heaven.

”We are the Heavy Metal Warriors, our music is hard, tough and rough, drop your chains and…Stand up, Get up!!!”

Non ascoltavo questo pezzo da almeno 15 anni, ma appena sono partite le prime note mi sono reso conto che sapevo ancora a memoria il ritornello e che la forza del brano, a dispetto di una immonda registrazione su cassetta da uno stereo portatile con tanto di polvere sul vinile che si sente chiarissima -cose che al giorno d’oggi immagino siano qualcosa di alieno anche solo da leggere- e che uccide qualsiasi abbozzo di resa sonora pulita, è rimasta assolutamente immutata, fondendo l’immediatezza dei Saxon con la resa emotiva dell’Epic: pietra miliare.
La seconda facciata è inaugurata da Hey, buona per ritornare con i piedi per terra senza troppe scosse, siamo alla fine, ma ragazzi… che chiusura: Heathens from the North è uno dei pezzi fondamentali del primo quinquennio degli 80’s, e qui l’Epic è già Epic in tutto il suo maestoso incedere con Stjborn Wahlquist maestosamente a cantare un testo che, assieme alla musica, evoca Vichingi e fuochi, tradizioni antiche e mitologie perdute, confezionando così, quello che personalmente -ma non sono il solo- considero il primo brano pienamente Epic della Storia del Metal, tutti gli altri si accodino, grazie.

Gli Heavy Load non raggiunsero i fasti che avrebbero meritato perché troppo in anticipo sui tempi -il loro look però avrebbe fatto l’iniziale popolarità dei Manowar- e probabilmente perché mancò un singer di razza. Non so se lo avete notato, ma su una tracklist di soli cinque pezzi ho segnalato due capolavori del metal, che ne dite? Forse vale la pena di conoscerli.
PS – Un po’ di tempo fa -molto tempo fa veramente, credo nel '91- la più che discutibile Delta Music, sui cui responsabili scagliai un terrificante anatema che mirava a farli diventare allergici contemporaneamente al malto, all’orzo e al luppolo, fece uscire un Lp intitolato Metal Angels in Leather la cui tracklist consisteva nei pezzi tratti da Death or Glory più un singolo alterando arbitrariamente la durata dei brani; di quell’album comunque parleremo in seguito.



VOTO RECENSORE
90
VOTO LETTORI
51.11 su 26 voti [ VOTA]
Metal Shock
Venerdì 24 Giugno 2016, 12.24.31
10
Continua la mia riscoperta di band epic metal di inizio ann 80`. Questo mini Lp nn c`e` l`ho, ma e` tutta la mattina che ascolto Stronger than evil, anche questo grandissimo disco di epic con ancora tante influenze hard rock anni 70'. Veramente notevole la prestazione della band, anche del cantante che mi piace molto, con canzoni varie e intense. Adesso devo recuperatre il resto, soprattutto questo mini che con un 90 di Raven proprio non posso non avere.
deedeesonic
Venerdì 14 Marzo 2014, 21.35.54
9
Altra band che amo!
The Nightcomer
Martedì 29 Novembre 2011, 11.12.11
8
Ho scoperto gli Heavy Load in ritardo, nei primi anni 90... A me non spiace affatto il debutto Full Speed At High Level (è un disco hard/heavy), nonostante -in termini di importanza storica- sia soprattutto il materiale successivo a meritare una menzione particolare; come ricorda giustamente raven, questa band fu tra le prime a proporre un genere in qualche modo riconducibile all'epic... Inoltre, alcuni brani degli Heavy Load sono diventati dei veri e propri inni metallici, meno conosciuti ma non certo di inferiori rispetto a quelli di altre bands più note. Chi non conosce la loro discografia e volesse approfondire il discorso, è sufficiente che rintracci la pagina di wikipedia dedicata agli Heavy Load (essenziale e scarna, ma contenente le informazioni funzionali allo scopo).
metalhammer
Sabato 9 Luglio 2011, 18.23.39
7
Fondamentali per l'Epic Metal europeo, dato che tutte le prime band (Manowar, Manilla Road, Cirith Ungol, Virgin Steele, Brocas Helm e gli Omen) erano statunitensi. Importanti, perché, chi meglio di uno svedese può trattare temi a sfondo norreno? Peccato si siano sciolti...
Raven
Domenica 24 Aprile 2011, 15.13.07
6
Grazie
Subhuman
Domenica 24 Aprile 2011, 15.09.16
5
Stima per Raven e le recensioni di classici come questo! Discone da chilo.
Franky1117
Sabato 21 Agosto 2010, 0.59.09
4
Grazie mille raven come al solito ; )
Raven
Venerdì 20 Agosto 2010, 21.38.09
3
sciolti nell'85. Riformati nell'87 con l'ex bassista degli UFO Paul Gray registrarono un album che non uscì mai.
Franky1117
Venerdì 20 Agosto 2010, 21.08.08
2
Questo disco non ce l'ho però ho stronger than evil, capolavoro dell'epic metal;davvero bravissimi cazzo,chissa anche questi che fine hanno fatto...
Simone
Domenica 9 Novembre 2008, 20.21.00
1
Ad esser sincero non conosco nemmeno questo gruppo. Grazie per la dritta, provvederò.
INFORMAZIONI
1981
Thunderload Records
Epic
Tracklist
1) You've got the Power
2) Dark Night
3) Heavy Metal Heaven
4) Hey
5) Heathens from the North



Line Up
STYRBJÖRN WAHLQUIST - Drums & perc.
RAGNE WAHLQUIST - Guitar, vocals & keyb.
EDDY MALM - Guitar, vocals
TORBJÖRN RAGNESJÖ - Bass
 
RECENSIONI
75
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]