Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Long Distance Calling
How Do We Want to Live?
Demo

Mordred
Volition
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/09/20
OSSUARY ANEX
Obscurantism Apogee

23/09/20
MYSTHICON
Silva-Oculis-Corvi

25/09/20
WHITE DOG
White Dog

25/09/20
LONEWOLF
Division Hades

25/09/20
VOUS AUTRES
Sel de Pierre

25/09/20
KATAKLYSM
Unconquered

25/09/20
MORTA SKULD
Suffer for Nothing

25/09/20
BLOODRED
The Raven/s Shadow

25/09/20
SAPIENCY
For Those Who Never Rest

25/09/20
ANNA VON HAUSSWOLFF
All Thoughts Fly

CONCERTI

23/09/20
STEVEN WILSON (ANNULLATO)
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

26/09/20
STAY STEEL FEST
SKULLS CLUB - SERRAVALLE (SAN MARINO)

27/09/20
VISIONS OF ATLANTIS + YE BANISHED PRIVATEERS + AD INFINITUM
LEGEND CLUB - MILANO

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
HOUR OF PENANCE + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

The Dillinger Escape Plan - Under The Running Board
( 3148 letture )
Si dice che ogni storia ha un principio; quella dei The Dillinger Escape Plan ha inizio proprio quì.
I più informati sicuramente mi richiameranno all'ordine ricordandomi che i nostri già precedentemente si erano esibiti sotto "l'originalissimo" nome Arcane, e invece successivamente avevano dato alle stampe il primo demo omonimo, appunto con il moniker che tutti ben conosciamo, conquistando i favore dell'underground di New Jersey. Per carità, nulla di più vero e quindi da obbiettare. Ma se qualcuno dovesse chiedermi come ebbe inizio la favola della band statunitense, non esiterei nel citare il primo famigerato dischetto, quale vero prototipo di un trademark che da li a breve avrebbe sconvolto l'universo metal.

E correva il lontano 1998 quando i The Dillinger Escape Plan, sotto l'egida della Relapse Records, debuttarono ufficialmente con l'EP Under The Running Board. A dieci anni di distanza l'etichetta decide che il miglior modo per festeggiare l'anniversario è dare nuovo lustro alla seminale prima uscita discografica. Le tre tracce proposte, nonché cavalli di battaglie in pressappoco tutti gli innumerevoli appuntamenti live, sono la prima rappresentazione di quel micidiale ed indecifrabile mix fatto apposta per disorientare ma nel contempo destinato a spopolare, conquistando in linea di massima critica e pubblico. La furia incontrollata del più primitivo hardcore trova la giusta sinergia con la follia del geniale jazz/grind; una amalgama assassina espressa con immensa classe e spregiudicatezza, ma soprattutto riferita per mezzo di una perizia tecnica invidiabile e una abilità disarmante nell’erigere composizioni prive di qualsiasi punto di riferimento. In un solo vocabolo mathcore, dove la melodia è una chimera, per un ensemble praticamente privo di arrangiamenti e motivi assonanti. Siamo al cospetto di una escalation di purissima violenza, inaugurata con la brutale The Mullet Burden e conclusa con l’ancor più squilibrata Abe The Cop.

Quasi dimenticavo: a corredo, in un certo senso giustificando la riedizione, un lotto di tracce live (comprese le tre stesse dell'EP) più l'intramontabile Paranoid, cover dei mitici Black Sabbath.

Ripetendomi, non mi resta che sottolineare ancora una volta l’importanza storica dell’uscita in analisi. Sicuramente Under The Running Board è lontano anni luce dall’apice artistico dei The Dillinger Escape Plan, ragion per cui non può essere bollato come appuntamento imprescindibile. Discorso diametralmente opposto per i fan e collezionisti, ma anche per tutti coloro che si son persi il cimelio in prima battuta e hanno voglia di scoprire le origini di quella che oramai possiamo definire senza mezzi termini una leggenda.

Mitici!



VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
29.95 su 23 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2008
Relapse Records
Grindcore
Tracklist
1. The Mullet Burden
2. Sandbox Magician
3. Abe The Cop
4. Sanbox Magician (Live)
5. Jim Fear (Live)
6. Destro´S Secret (Live)
7. Clip The Apex...Accept Instruction (Live)
8. 43% Burnt (Live)
9. The Mullet Burden (Live)
10. Sugar Coated Sour (Live)
11. The Running Board (Live)
12. Abe The Cop (Live)
13. Paranoid (Black Sabbath Cover)
Line Up
Greg Puciato - voce
Ben Weinman - chitarra
Jeff Tuttle - chitarra
Liam Wilson - basso
Gil Sharone - percussioni
 
RECENSIONI
83
85
70
s.v.
92
95
ARTICOLI
06/04/2013
Intervista
THE DILLINGER ESCAPE PLAN
L’assassino è uno di noi
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]