Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ghost
Prequelle
Demo

SpellBlast
Of Gold and Guns
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/06/18
HAENESY
Katrusza

22/06/18
MARTYR LUCIFER
Gazing at the Flocks

22/06/18
HAKEN
L-1VE

22/06/18
WOLFEN RELOADED
Chaiging Time

22/06/18
KHEMMIS
Desolation

22/06/18
ARSTIDIR
Nivalis

22/06/18
THE HERETIC ORDER
Evil Rising

22/06/18
GAEREA
Unsettling Whispers

22/06/18
THE SEA WITHIN
The Sea Within

22/06/18
IMPENDING ROOM
The Sin And Doom Vol. II

CONCERTI

19/06/18
MARILYN MANSON + GUEST TBA
IPPODROMO SAN SIRO - MILANO

19/06/18
MESHUGGAH + DESTRAGE
ORION - ROMA

19/06/18
UNDEROATH + CROSSFAITH
ZONA ROVERI - BOLOGNA

20/06/18
MESHUGGAH + DESTRAGE
ESTRAGON - BOLOGNA

20/06/18
UNDEROATH + CROSSFAITH
MAGAZZINI GENERALI - MILANO

21/06/18
ANAL VOMIT + FINGERNAILS + ASPHALTATOR
TRAFFIC CLUB - ROMA

22/06/18
PEARL JAM
I-DAYS FESTIVAL - RHO (MI)

22/06/18
ANAL VOMIT + LECTERN + GUEST
CIRCUS - SCANDICCI (FI)

22/06/18
17 CRASH + LET ME KILL THE MISTER + STINS
EXENZIA - PRATO

23/06/18
ANAL VOMIT + DAEMUSINEM + LECTERN
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

Royal Hunt - The Mission
( 3851 letture )
Sesto studio album per i danesi Royal Hunt, secondo con il cantante John West (sostituto dell'eccezionale D.C. Cooper ora in forza ai Silent Force); Un album che segue il deludentissimo "Fear", poco incisivo e privo di quella genialità che contraddistingue gli Hunt.
Era lecito aspettarsi un riscatto ed ecco la sorpresa: probabilmente uno tra i migliori lavori del gruppo, un album sempre potente e incisivo come pochi.
E per la prima volta il combo si cimenta in un concept-album basato su un libro fantastico come "Martials Cronicles".
Il suono è fortemente influenzato da questa scelta: si sentono tantissimi suoni elettronici; le atmosfere e le voci sono a volte modificate a computer per poter ricreare lo sfondo per questa avventura.
Le tredici tracce dell'album sono molto ricercate ed elaboratissime. Ciò viene confermato dalla scelta di inserire brevi tracce strumentali tra una canzone e l'altra...
Ancora una volta il genio guida del gruppo è il tastierista André Andersen, che per la prima volta lascia nella fase di mixaggio le chitarre dell'ottimo Kjaer in primo piano: infatti la sorpresa più piacevole del cd è il lavoro di Kjaer negli arrangiamenti. Il sound, come ho già detto, è molto influenzato dalla storia, ma i tratti sinfonici tipici del gruppo rimangono praticemente invariati. Le tracce che risultano più efficaci e dirette sono "Surrender" e la bellissima "World Wide War". Buona anche la title-track e la ballad "Days Of No Trust". Da rivedere invece l'ultima traccia "Total Recall", troppo ripetitiva e a tratti noiosa.
Nel complesso però l'album è veramente bello, la giusta dose di melodia e potenza.
Per gli amanti dell'Heavy-Hard più sinfonico questo rappresenta un ottimo acquisto.



VOTO RECENSORE
88
VOTO LETTORI
34.97 su 45 voti [ VOTA]
lux chaos
Lunedì 21 Aprile 2014, 1.47.21
1
Buon album, con alcune perle di canzoni pazzesche...non sono d'accordo solo su una cosa, definire deludentissimo" Fear è una cosa che per me non sta nè in cielo nè in terra...stiamo parlando di uno dei dischi migliori e più sottovalutati dei danesi, un capolavoro pazzesco, non una canzone brutta e un West pazzesco, insuperabile, da sturbo
INFORMAZIONI
2001
Frontiers Records
Prog Rock
Tracklist
Take Off
The Mission
Exit Gravity
Surrender
Clean Sweep
Judgement Day
Metamorphosis
World Wide War
Dreamline
Out Of Reach
Fourth Dimension
Days Of No Trust
Total Recall
Line Up
John West / vocals
Andre Andersen / keys
Jacob Kjaer / guitar
Steen Mogensen / bass
 
RECENSIONI
81
80
s.v.
85
75
64
80
88
88
82
ARTICOLI
22/07/2010
Intervista
ROYAL HUNT
Ritorno alle radici
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]