Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Metallica
S&M²
Demo

Black Spirit Crown
Gravity
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/09/20
DIESANERA
Grudge

29/09/20
SECOND TO SUN
Leviathan

30/09/20
ALEX MELE
Alien Doppelganger

01/10/20
THE ERKONAUTS
I Want It to End

02/10/20
TRIDENT
North

02/10/20
SIX FEET UNDER
Nightmares of the Decomposed

02/10/20
SCHWARZER ENGEL
Kreuziget Mich

02/10/20
SALTATIO MORTIS
Fur Immer Frei

02/10/20
MYGRAIN
V

02/10/20
SHIBALBA
Nekrologie Sinistrae (Orchestral Noise Opus I)

CONCERTI

26/09/20
STAY STEEL FEST
SKULLS CLUB - SERRAVALLE (SAN MARINO)

27/09/20
VISIONS OF ATLANTIS + YE BANISHED PRIVATEERS + AD INFINITUM
LEGEND CLUB - MILANO

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

09/10/20
MORTADO
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

09/10/20
BULLO FEST
LEGEND CLUB - MILANO

Blind Guardian - Somewhere Far Beyond
( 12084 letture )
Se dovessi indicare con precisione l’anno di svolta nella carriera dei Blind Guardian, il momento che impresse per sempre la band tedesca nella mente di tutti gli estimatori del Power Metal, direi senza dubbio 1992.

Tales From the Twilight World solo due anni prima aveva fornito alla band la gavetta necessaria ad esplodere in tutto il mondo, dalla Germania al Giappone, ed aveva indicato loro la strada da seguire per arrivare al successo.
Pochi punti, ma essenziali: arrangiamenti di voce e chitarra mai sentiti prima, una cura maniacale per i soggetti delle liriche, melodie originali e di grande impatto. Non serve altro per sfondare.
Certo, ci sarebbe da considerare anche il fattore presenza scenica, e da quel punto di vista Hansi Kursch ha sempre avuto problemi a rivaleggiare con i connazionali, complice prima la fossilizzazione dietro al basso, ed in seguito una notevole goffaggine nel muoversi sul palco. Un difetto questo che tuttavia, a quanto pare, ha inficiato pochissimo sulle vendite e sull’amore provato dai sempre più numerosi fan della band teutonica.

Sono molti i riferimenti letterari nelle canzoni di questo lavoro. Time What Is Time è ispirata al libro di Philip K. Dick Il cacciatore di androidi. The Quest for Tanelorn è ispirata al libro di Michael Moorcock Elric di Melniboné. The Bard's Song: In the Forest, The Bard's Song: The Hobbit sono ispirate al romanzo di J.R.R. Tolkien Il Signore degli Anelli; Somewhere Far Beyond si basa sulla serie di racconti de La torre nera di Stephen King.
Come si può notare Hansi non ha ancora trovato al cento per cento la sua strada, dal punto di vista del songwriting, e scrive di tutto un po’, senza una meta precisa. Da questo punto di vista il successivo Imaginations From the Other Side sarà molto più coerente, poiché tenderà a convogliare tutte le storie trattate sotto un mood uniforme, una grande idea di base comune.

La qualità delle canzoni in questo caso è comunque eccelsa. Time What is Time, The Bard’s Song, Somewhere Far Beyond sono ormai entrati nell’Olimpo dei brani più belli di sempre. Orecchiabilissimi, potenti, unici, non temono rivali con le produzioni più recenti.
Naturalmente il sound è più grezzo, i cori sono meno pomposi, ed i brani più concentrati rispetto ai dischi successivi, ma anche questo è un elemento cruciale di distinzione rispetto al resto della loro produzione.
Con Somewhere Far Beyond i Blind Guardian sono ancora nella fase di sviluppo: le sperimentazioni vere e proprie arriveranno più avanti.
Un album bello ed indimenticabile.



VOTO RECENSORE
92
VOTO LETTORI
80.48 su 119 voti [ VOTA]
Lohr
Giovedì 10 Settembre 2020, 13.57.20
36
La parte finale della title track è spaventosa per potenza vocale di Hansi. Album spettacolare, come il precedente e(soprattutto) i due successivi.
Poss
Martedì 30 Giugno 2020, 0.46.55
35
Quando mi viene voglia di salutare il ragazzino che sono stato tanti anni fa, metto su questo disco. Album incredibilmente bello.
lisablack
Martedì 2 Ottobre 2018, 12.50.10
34
Guarda..questo è il mio preferito, tutti e 4 eccellenti però!
Silvia
Martedì 2 Ottobre 2018, 12.15.43
33
Hai ragione Lisa, x me da Tales a Nightfall 4 perle meravigliose. Ashes to Ashes e The Bard's Song - The Hobbit incredibili.The Bard's Song - In the Forest dal vivo è magica, mi ha fatto commuovere.
lisablack
Martedì 2 Ottobre 2018, 11.48.04
32
È bellissimo questo disco..c'è poco da dire
Corino
Martedì 2 Ottobre 2018, 11.26.25
31
Forse è uno dei 10 platter che ho ascoltato di più nella mia vita metallica. Ogni singola nota di esso la porto nel cuore...100/100
Aceshigh
Giovedì 16 Agosto 2018, 10.54.24
30
Anche per me questo è il capolavoro assoluto dei Blind Guardian! C'è poco da aggiungere, ogni canzone è perfetta in sé e nel complesso questo album dal punto di vista del songwriting è inattaccabile. Uno dei cardini del metal degli anni Novanta. Da imparare a memoria. Voto 99
Julio
Martedì 20 Giugno 2017, 2.08.56
29
Questo e' il capolavoro assoluto dei Guardian , in un mare di Grunge che imperversava nei primi anni 90 questo album di puro Metallo si erige come Odino piu' incazzato che mai , sonorità a dir poco maestose lunghe e potenti anche se ce' qualche traccia di influenza dei primissimi veloci connazionali Helloween ma questo non conta perché l'album in questione merita di far parte dei dell'olimpo sacro del Whalalla del Metal . Voto 99 senza storie .
Nergal
Martedì 6 Giugno 2017, 15.10.59
28
Capolavorissimissino.... Se comprate il remastered la produzione e' da 100 e lode... Voto 100
lisablack
Sabato 20 Maggio 2017, 14.55.55
27
Hai ragione Silvia, sulla produzione per me, invece, non è così tanto male.
enry
Sabato 20 Maggio 2017, 14.25.26
26
Il mio preferito dei BG insieme a Imaginations, voto giusto.
Silvia
Sabato 20 Maggio 2017, 13.53.50
25
@Lisa i Blind Guardian trascendono il power. Sono originali e hanno uno stile unico. Anche x me questo album è un capolavoro stupendo. E se proprio devo etichettare lo definisco speed metal e l'unico difettuccio è la produzione
lisablack
Sabato 20 Maggio 2017, 13.20.13
24
Io di Power ne capisco poco, l'ascolto raramente però questo album è bellissimo. Questo ed Immagination sono l'apice compositivo dei Blind Guardian, proprio capolavori.
Rob Fleming
Sabato 16 Gennaio 2016, 19.30.20
23
Quando il disco uscì si era in piene "rivoluzione" grunge. Eppure non si trattava di incoscienza giovanile: brani come le due bard songs, la title track non le scrivono mica tutti.
Baron the Red
Domenica 13 Settembre 2015, 22.20.14
22
Il mio preferito del guardiano cieco....un grandissimo disco in mezzo ad altri capolavori...ma questo mi si fa preferire!
spiderman
Venerdì 5 Settembre 2014, 19.15.27
21
L'album(per i miei gusti) piu' potentemente vibrazionale della storia del power metal,il loro picco compositivo, almeno per quanto riuarda le sonorita' del loro primo periodo, il vertice del loro tipico sound power heavy/trash,c'e' l'epicita' e la poenza trascinante, ma soprattutto c'e' la magica voce di Hansi, qui piu' abrasiva e incisiva del solito accompagnate da chitarre mozzafiato se poi ci aggingimo un songwriting e le tematiche che dire eccezionali e' riduttivo ecco che il capolavoro e' servito.Il mio preferito di questa immensa band insieme a immaginations From the Other Side, qui tutti i brani sono potentemente epici ed evocatvivi, ma canzoni come Somewere far Beyond e Tutte e due le Bard's Song unite a Theatre Of Pain e A Time What Is Time sono stratosferiche, sono da antologia del metal.IMMENSO.
Mickelozzo
Mercoledì 4 Giugno 2014, 18.43.10
20
Produzione così cosà, comunque nelle media dei dischi metal anni '90, canzoni eccezionali e disco bellissimo. Voto 93. .... 70 di media volto lettori? Ma che roba!
POWER METAL TO THE END
Mercoledì 5 Febbraio 2014, 14.06.38
19
Bellissimo... voto 98... ma perchè il voto dei lettori è così basso?!?!
aliceinhell
Martedì 14 Agosto 2012, 20.31.22
18
Bellissimo!!!!!!!eccellente la cover dei Queenj (spread your wings)
LAMBRUSCORE
Martedì 14 Agosto 2012, 20.12.51
17
Per me il migliore del gruppo, molto originale, ma dopo questo hanno rallentato troppo il tiro di molti pezzi, per i miei gusti.
Legacy
Martedì 14 Agosto 2012, 19.51.32
16
ok lo dico...questo album è addirittura più bello di Imaginations From The Other Side...a partire dalla fantastica Time What Is Time fino alla meravigliosa title track ci sono pochissimi momenti di debolezza (The Quest For Tanelorn e Ashes To Ashes) per il resto chapeau Brani consigliati: Theatre Of Pain, Time What Is Time, The Bard's Song (The Hobbit) Brani consigliatissimi: Somewhere Far Beyond e The Bard's Song (In The Forest) Voto: 96
Nightfall's Dream
Domenica 11 Marzo 2012, 14.09.45
15
Credo questo album sia il vero punto di svolta della produzione dei Blind Guardian. In Somewhere Far Beyond viene ultimato il processo (già iniziato in Tales Form The Twilight World) di "abbandono" del puro Speed e la ricerca di composizioni più complesse ed evocative (e pure le linee vocali di Hansi sono più mature e meno sgraziate), ovviamente mai tralasciando il Power nel quale la band affonda le proprio radici. I pezzi che secondo esprimono al meglio questo passaggio sono: Theatre of Pain e Time What Is Time. Mentre con The Bard's Song (In The Forest) e Somewhere Far Beyond la band dimostra di aver fatto il salto di qualità a livello di Songwriting e complessità e completezza compositiva. Questo album già ottimo è il preludio alle due maggiori gemme dei Blind Guardian e nelle mia personale classifica di importanza per la storia della band si colloca appena sotto Nightfall In Middle Heart e Imaginations From The Other Side. VOTO: 90
leonardo
Giovedì 9 Febbraio 2012, 21.38.05
14
è un diosco che tenta di indurire il suono e che cerca spunti più melodici come tbs(in the forest). un punto di svolta ma nn lo adoro 80
jek
Domenica 25 Dicembre 2011, 20.38.39
13
@The Niightcomer: avevo già avuto conferma ma grazie lo stesso. N.B. grande album veramente Court in The Act
The Nightcomer
Lunedì 12 Dicembre 2011, 18.24.39
12
Il mio preferito dei Blind Guardian! Questo album non ha un attimo di cedimento e mostra un Hansi in gran forma, ruggente, ispirato e melodico quando serve (nel successivo non mi pare si sia ripetuto con questa intensità, ma lo stesso penso del songwriting). I solos di Andrè, oltre che pregevoli tecnicamente, sono delle vere rasoiate, ma senza che la melodia venga mai meno. L'atmosfera che si respira è proprio quella che ci si aspetterebbe da un disco contenente simili titoli (di cui la recensione si è già occupata). In quanto alla domanda rivolta da jek (a distanza di tempo immagino abbia trovato la risposta) confermo: Trial By Fire è la cover del brano di apertura di Court in The Act dei Satan (altro grande album, a mio parere).
il vichingo
Lunedì 21 Novembre 2011, 16.40.05
11
Ho letto per caso "Gli Slayer fanno cagare????? CHI HA BESTEMMIATO???????????? Ora non dico di essere un patito del Thrash, anzi, ma dire certe cose...... mmmh .... mhhh... meglio che non mi esprima
Wolf
Domenica 30 Ottobre 2011, 15.17.40
10
Gli Slayer fanno cagare
Radamanthis
Giovedì 28 Aprile 2011, 17.10.59
9
La prima pietra miliare dei bardi del trio meraviglia Somewhere - Imagination - Nightfall, ispiratissimi in tutti i brani...The bard's song da lacrime!!!
Flag Of Hate
Venerdì 11 Marzo 2011, 0.03.07
8
A me importa molto poco della presenza scenica. Preferite uno che saltella avanti e indietro come una scimmia, che parla a vanvera per interi minuti, oppure un'artista che s' impegna a riproporre la sua Musica il meglio possibile per renderla più efficace e sentita? Sarebbe meglio la compresenza di entrambe le cose, ovviamente; ma dato che nessuno è perfetto, e questi casi di perfetto connubio di teatralità/qualità sono molto rari, meglio la qualità rispetto all'apparenza! Per quel che riguarda questo disco, poco da dire: lo adoro. Probabilmente è la medaglia d'argento nella discografia dei tedeschi. Ho sempre apprezzato la poliedricità dei riferimenti culturali dei Blind Guardian, non sono monotematici come altre band, e soprattutto NON COMPONGONO ALBUM IN SAGHE, la vera piaga nel Power, in particolar modo quello italico. Bellissima la titletrack, e bellissima pure la fonte d'ispirazione, "La Torre Nera" di S.King. Credo che TUTTI debbano leggere un'opera di tale bellezza. Comunque stiamo divagando: per tornare al disco, si merita 97/100. Questo è il Power!
Cristiano
Giovedì 10 Marzo 2011, 22.07.45
7
A me Hansi non sembra tanto goffo o privo di personalità, anzi... A Roma mi è piaciuto tanto, ma come in altre esibizioni live. Forse non correrà su e giù per il palco, però a me piace la sua presenza forte e stabile che si sposa bene con la sua voce poi. Forse quando aveva il basso faceva un po' pena, ma ora no.
jek
Domenica 31 Ottobre 2010, 13.49.25
6
Mi hanno dato da poco questo disco e confermo la bellezza. Ascoltandolo ho risentito una cover di "Trial By Fire" dei SATAN è possibile? Perche il disco dei satan ce l'ho solo in vinile e al momento il vecchio giradischi è in manutenzione.
Franky1117
Martedì 31 Agosto 2010, 20.12.30
5
grandissimo disco.a mio parere dopo imaginations e nightfall c'è questo.concordo anch'io sulla presenza scenica, Hansi sul palco è davvero goffo,poco carismatico e sembra che non sa che cazzo fare,ma chi se ne frega del resto,tanto con il repertorio e la bravura che hanno....
Paul the boss
Lunedì 23 Novembre 2009, 14.49.41
4
la mia preferita è the piper's calling! ah ah ah sto ske. Gran bell'album
AL
Mercoledì 1 Luglio 2009, 11.54.13
3
i primi due pezzi e Bard song sono stupende. e poi i BG mi esaltano quando scrivono pezzi ispirandosi ai libri di King.. questo album merita veramente!
Khaine
Venerdì 16 Gennaio 2009, 23.33.45
2
Un gran bel disco: non il mio preferito, che rimarrà fino alla morte Imaginations (vera e propria arte!), ma comunque un gran bel disco. Bel colpo renaz
Maurilio
Venerdì 16 Gennaio 2009, 20.38.44
1
Questo si che é un signor album: potente, evocativo, trascinante, esaltante. Altro che gli ultimi due, uno a dir poco barocco e troppo pretenzioso, l´altro un pó spompato e senza grandi idee. Sveglia Hansi, ritorna a quello che sai fare !
INFORMAZIONI
1992
Virgin Records
Power
Tracklist
Time What is Time (5:42)
Journey Through the Dark (4:45)
Black Chamber (0:56)
Theatre of Pain (4:15)
The Quest for Tanelorn (5:53)
Ashes to Ashes (5:58)
The Bard's Song: In the Forest (3:09)
The Bard's Song: The Hobbit (3:52)
The Piper's Calling (0:58)
Somewhere Far Beyond (7:28)
Spread Your Wings (bonus) (4:13)
Trial By Fire (bonus) (3:42)
Theatre of Pain (versione orchestrale/bonus) (4:13)
Line Up
Hansi Kürsch - voce, basso
André Olbrich - chitarra
Marcus Siepen - chitarra
Thomas Stauch - batteria
 
RECENSIONI
80
68
80
86
82
79
97
55
98
85
92
88
80
75
ARTICOLI
26/10/2019
Intervista
BLIND GUARDIAN
A tu per tu con l'album orchestrale
26/05/2017
Intervista
BLIND GUARDIAN
Inarrestabili bardi
10/05/2015
Live Report
BLIND GUARDIAN + ORPHANED LAND
Alcatraz, Milano, 05/05/2015
19/09/2012
Articolo
BLIND GUARDIAN
# 2 - La biografia
07/09/2012
Articolo
BLIND GUARDIAN
# 1 - La biografia
15/09/2011
Intervista
BLIND GUARDIAN
La parola ad André Olbrich
17/10/2010
Live Report
BLIND GUARDIAN
Roma, Atlantico, 12/10/2010
06/11/2006
Live Report
BLIND GUARDIAN
Alcatraz, Milano, 10/10/2006
16/06/2006
Articolo
BLIND GUARDIAN
Lo studio report
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]