Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Metallica
S&M²
Demo

Black Spirit Crown
Gravity
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

29/09/20
SECOND TO SUN
Leviathan

30/09/20
ALEX MELE
Alien Doppelganger

01/10/20
THE ERKONAUTS
I Want It to End

02/10/20
ION OF CHIOS
_reHUManize_

02/10/20
GOREPHILIA
In the Eye of Nothing

02/10/20
NACHTBLUT
Vanitas

02/10/20
SIX FEET UNDER
Nightmares of the Decomposed

02/10/20
ANAAL NATHRAKH
Endarkenment

02/10/20
SCHWARZER ENGEL
Kreuziget Mich

02/10/20
ISENGARD
Varjevndögn

CONCERTI

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

09/10/20
MORTADO
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

09/10/20
BULLO FEST
LEGEND CLUB - MILANO

10/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) + AFRAID OF DESTINY (ANNULLATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

11/10/20
TWILIGHT FORCE + GUESTS (RINVIATO)
LEGEND CLUB - MILANO

Dark Tranquillity - The Mind's I
( 9022 letture )
Ecco finalmente il primo prototipo dei Dark Tranquillity contemporanei.
In altre parole, la band svedese comincia con The Mind’s I a fissare tutti i parametri di composizione che non li abbandoneranno più nei successivi album fino ai giorni nostri: un sano swedish death, tecnico, melodico e potente: vi basti ascoltare l’immensa Zodijackyl Light per capire cosa intendo. The Mind's I è anche il primo album in cui le chitarre vengono scordate di un intero tono, creando un suono più pesante ed oscuro rispetto al passato; questa accordatura resterà tale fino ai giorni nostri, come ulteriore trademark indelebile.
Di contro, i traballi compositivi di Skydancer sono ormai un lontano ricordo, e la band di Mikael Stanne gradualmente si allontana anche dagli eccessi metrici di The Gallery, affinando la forma canzone, aumentando la coerenza nei passaggi da un riff ad un altro, concedendosi un po’ di più al grande pubblico.

Mancano ancora le tastiere ma per quelle dovremo aspettare Projector, album tanto criticato quanto seminale, fondamentale per la crescita dei Dark Tranquillity.
In The Mind’s I non troviamo altro che il perfezionamento di una formula, il coronamento delle potenzialità di una grande band Metal, ma senza cadere nell’autocelebrazione o nel deja-vu; per lo sperimentalismo invece dovremo aspettare ancora qualche anno.

Dopo l’esperienza di The Gallery, Stanne decide di abbandonare per sempre l’uso dell’Inglese antico nei testi, ed il racconto di vicende personali; rimangono vividi solamente i soggetti metafisici, ma portati ad un livello più profondo.
Procedendo nel dettaglio, va detto che The Mind’s I: Fantasies and Reflections on Self and Soul è un’opera risalente al 1981 e curata da due studiosi, Douglas R. Hofstadter e Daniel C. Dennett: è una raccolta di saggi sulla natura della mente umana, sull’Io, e sull’anima, uniti insieme da un commentario redatto dagli editori.
Stanne dunque questa volta alza il tiro, parlando di argomenti di carattere generale, ma pur sempre con classe e cognizione di causa.
Anche per questo motivo The Mind's I è un disco che non può assolutamente mancare nella collezione dei fan della band e dello Swedish Death in generale.

Una nota per i collezionisti: The Mind’s I è stato ripubblicato dalla Osmose nel 2004 e dalla Century Media Records nel 2005, con una nuova copertina, quattro brani extra, estratti dall’EP Enter Suicidal Angels, e due video dal vivo.

Dark Tranquillity - Zodijackyl Light




VOTO RECENSORE
93
VOTO LETTORI
85.40 su 134 voti [ VOTA]
Steelminded
Martedì 11 Agosto 2020, 21.34.06
42
Recensione molto bella, un piacere da leggere. Questo è lo stile che mi piace di più leggere su metallized così come altrove, asciutto, dritto al punto, con riferimenti storici e visione d'insieme. Insomma come Renaz, Raven etc. etc. senza togliere ad altri
Silvia
Sabato 30 Marzo 2019, 23.10.37
41
Non ho citato il bellissimo lavoro di Anders Jivarp che secondo me da’ un tiro unico nel genere ed è arricchito da un grande tocco
Silvia
Sabato 30 Marzo 2019, 21.50.11
40
Bellissime mazzate condite da un growling spettacolare e unico. Zodijackyl Light senza fiato, Insanity's Crescendo e Hedon piene di pathos x un disco che con The Gallery e l'EP Of Chaos and Eternal Night è l'apice della loro discografia nei miei gusti. Gruppo che reputo eccezionale e che rimane uno dei miei preferiti
gianmarco
Sabato 30 Marzo 2019, 21.14.23
39
Un concentrato di mazzate Melodeath pazzesche .
TheSkullBeneathTheSkin
Mercoledì 6 Dicembre 2017, 11.49.09
38
E' un bel disco, indubbiamente, ma è il confronto con the gallery il suo problema: bello, ma meno, come se ne fosse una fotocopia sbiadita. Non è un caso che in seguito arriveranno sia projector che haven a battere altre strade che con alterne fortune finiranno per arricchire lo stile della band, nonchè le fila con un tastierista in pianta stabile. Ai tempi ero talmente invasato che lo divorai lo stesso così come l'ep enter suicidal angels, ma una sensazione (fastidiosa) di "more of the same" l'avevo sentita fin da subito, una produzione/esecuzione meno feroce nonostante il tiro dei pezzi, insomma, come passare dall'amarone al nebbiolo. Voto 80 ma non di più.
ilvinox
Mercoledì 21 Dicembre 2016, 19.57.38
37
lo acquistai appena uscì quasi vent'anni fa: è un bel disco, però un poco inferiore ai due predecessori, ma contiene comunque almeno sei / sette brani che sono tra i più belli in assoluto dei dark tranquillity, che dopo questo album (a parere mio) non raggiungeranno più vette così alte. Se avessero lasciato sul disco solo questa decina, sarebbe stato anche migliore: Dreamlore degenerate, zodiackyl light, hedon, scythe rage and roses,constant, insanity crescendo, tidal tantrum, tongues, the mind's I,
JC
Lunedì 21 Novembre 2016, 14.07.41
36
Capolavoro. Non amo il genere. Faccio eccezione per The Gallery e Projector, magnifici, e questo in terza posizione. 90.
Morlock
Lunedì 21 Novembre 2016, 13.42.30
35
LA loro carriera poteva finire tranquillamente quì.....con Insanity's crescendo...
metaller nel cuore
Martedì 27 Settembre 2016, 15.03.45
34
Disco molto bello ma a parere personale molto al di sotto di the Gallery, le strutture si semplificano e le canzoni si accorciano il modus operandi nelle canzoni é sempre il medesimo ma non mancano capolavori come Zodyacal light, Hedon, Scythe Rage and Roses e Insanity's crescendo. Un 85 ci sta tutto.
LAMBRUSCORE
Giovedì 14 Luglio 2016, 20.31.13
33
A volte li ho criticati, dal vivo non è che siano stati tra i migliori, devo essere sincero.. questo disco però è davvero valido per me, molto vario e scorre bene, all'epoca mi era scappato, l'ho rivalutato ultimamente e non mi pento, ehehe
matt2
Martedì 1 Settembre 2015, 21.39.38
32
come si dice giustamente all'inizio della recensione è questo il disco che segna le coordinate dei dark tranquillity del futuro. dischi come damage done , character, l'ultimo , il (non) molto ispirato we are the void affondano le radici qui nei riff a plettrata alternata che popolano l'album. i precedenti 2 pur belli sono episodi "particolari" e vedono il gruppo alle prese con la ricerca di un identità. per me il loro migliore è projector ma the mind's I l'è li vicino . voto rece stragiusto
ErnieBowl
Lunedì 10 Febbraio 2014, 19.07.12
31
Okay ragazzi, ritiro tutto! Questo album è un capolavoro! Troppe melodie che mi entrano in testa, sezione ritmica bestiale, la voce si sapeva da tempi remoti che era una figata. Tante cose da dire, ma questo melodic death al tempo non lo suonava nessuno, ora capisco da dove vengono tutti i riffazzi con plettrata alternata che tra l'altro anche io e la mia band usiamo. Geniale! Adieu!
ErnieBowl
Giovedì 9 Gennaio 2014, 7.03.37
30
Ascoltato poco fa, da bravo neofita mi sto portando avanti con i classici e lasciando da parte un po' l'underground e gruppi minori...eh che bravo? Comunque un mio parere: scialbo, noioso, monotono, manca di atmosfera che era presente, e anche tanto, in The Gallery. Riconosco il cambiamento e, se facciamo un salto indietro, un'evoluzione stilistica per come si suonava il melodic death metal un tempo ma non mi ha entusiasmato per niente. Però non so se fidarmi del mio stesso parere visto che, forse, l'ho ascoltato in una qualità un po' scadente che diminuiva il volume della canzone e quindi l'impatto. Saluti
Andy \\\'71
Martedì 16 Aprile 2013, 10.15.47
29
Disco strepitoso,così come il mito "Skydancer"e "The Gallery"voto 90!
gianmarco
Sabato 6 Ottobre 2012, 0.01.45
28
grande album , pietra miliare come the gallery .
L'Io Della Mente
Martedì 2 Ottobre 2012, 13.47.06
27
il mio è un nick name scelto apposta per l'occasione... e poi mica ho detto che è un brutto album, ho solo detto che non mi fanno impazzire, tutto qua... comunque sarà pure una pietra miliare, ma io so che il loro miglior disco in assoluto viene considerato quasi all'unanimità "the gallery".
Sambalzalzal
Martedì 2 Ottobre 2012, 1.41.38
26
ma scusa io della mente@ non ti hanno mai fatto impazzire e ti ispiri a loro per il tuo nick? Questo album è veramente una pietra miliare del metal melodico svedese! Redimiti!
L'Io Della Mente
Martedì 2 Ottobre 2012, 1.27.52
25
non mi hanno mai fatto impazzire, nonostante li ritenga comunque un gruppo importante per l'evoluzione del death svedese... infatti questo disco ce l'avevo, ora non più... ricordo comunque che le migliori mi erano da subito sembrate la trascinante "zodijackyl light" e la suggestiva "insanity's crescendo".
Sambalzalzal
Lunedì 18 Giugno 2012, 7.54.28
24
Spero Lizard si diverta anche per noi, dunque!!!! @Undercover, i Bolt non ricordo di averli visti in quell'anno ma non ci giurerei xchè sono parecchio scordarello! L'occasione x i Dark Tranquillity fu se non erro con il Domination Tour assieme a quelle seghe assurde dei Dellamorte, Bewitched, Enslaved e? Demoniac? O loro o gli Swordmaster. Dovrei avere da qualche parte anche un cd compilation ma mi pare ci siano più bands rispetto a quelle che andarono in tour...
Undercover
Domenica 17 Giugno 2012, 22.10.11
23
@Khaine in vecchi dialoghi avuti con Saverio sotto recensioni e nelle notizie sulla programmazione dei festival ha più volte chiaramente fatto intravedere una preferenza per il festival transalpino e per il bill che di anno in anno viene presentato in maniera ricca e interessante, quindi pensando al periodo in cui siamo l'ho buttata lì
Khaine
Domenica 17 Giugno 2012, 21.14.46
22
Io però lo dico, dato che Undercover è stato così sveglio da capirlo subito: si, sta proprio all'Hellfest! Come hai fatto a capirlo? Rispondi che poi chiudiamo l'OT complimenti per l'intuizione
Er Trucido
Domenica 17 Giugno 2012, 21.12.03
21
Non dico niente, da buon siciliano omertoso sono
Undercover
Domenica 17 Giugno 2012, 21.05.45
20
eheh va beh, si sta a divertire (Hellfest? XD)? Meglio per lui, spero mi delucidi perché non ricordo nulla, l'adolescenza è passata da un po'...
Er Trucido
Domenica 17 Giugno 2012, 21.02.30
19
eh Lizard adesso non è disponibile (non è manco in Italia ed ha tutta la mia invidia ) quindi l'interrogativo per il momento rimarrà senza risposta
Undercover
Domenica 17 Giugno 2012, 20.56.38
18
Capito ricordo quell'anno perché salto il mitico concerto dei Bolt Thrower che sfiga pazzesca, però il locale chissà qual'era forse lo ricorda Lizard.
Sambalzalzal
Domenica 17 Giugno 2012, 20.54.33
17
Undercover@ no, li vidi a Roma! All'epoca c'era ancora il mitico Frontiera!
Undercover
Domenica 17 Giugno 2012, 20.43.31
16
Sambalzalzal ma eri a Firenze anche te?
Sambalzalzal
Domenica 17 Giugno 2012, 20.39.24
15
perlamadonna e dio che disco! E che ricordi! Li vidi dal vivo subito dopo l'uscita dell'album e fu veramente uno show memorabile!
ASD
Giovedì 10 Novembre 2011, 13.49.18
14
Uno dei miei album preferiti dei dark Tranquillity! Punti più alti: Zodijackyl Light, Insanity's Crescendo, Hedon e The Mind's Eye , capolavori immortali della band. Un album che spacca! P.S: li preferivo pure io senza tastiere!
Enrideath
Mercoledì 28 Settembre 2011, 17.59.13
13
Buon album, considerando che è il successore del capolavoro The Gallery. Rispetto al predecessore ho notato un'aggressività dirompente, che ha accorciato la durata media delle song, alternata a sezioni acustiche molto gradevoli. Le mie preferite: Hedon, Constant, Insanity's Crescendo e The Mind's Eye
Kinuz
Lunedì 19 Settembre 2011, 21.26.25
12
Fantastico. Questo disco stranamente è considerato un po' da tutti il meno riuscito, ma io lo trovo inarrivabile,emozionate e gasante al tempo stesso. Sono questi i DT che preferisco. Peccato che il sound non è stato mantenuto del tutto nei disci successivi. Dico solo: Hedon.Insanity's Crescendo. In spasmodica ricerca della t-shirt. Qualche consiglio? Voto: 99 ENTER SUICIDAL ANGELS !!!!!
Serenity
Lunedì 30 Agosto 2010, 11.48.03
11
Disco veramente emozionante, il mio preferito.
Franky1117
Venerdì 20 Agosto 2010, 17.14.26
10
buon disco anche se composto col pilota automatico,contiene però 3-4 perle stratosferiche
enry
Domenica 7 Marzo 2010, 14.24.05
9
Insieme a "The Gallery" il miglior disco dei DT. Mai più su questi livelli. 90/100
Uno qualsiasi
Mercoledì 24 Febbraio 2010, 17.37.03
8
Per me è il più brutto dei DT prima che (opinione mia) si commercializassero da "Damage done". Si salvano solo le prime 4 canzoni, poi è più o meno sempre la solita roba. Voto: 50 perché ce l'ho originale e non ancora sono riuscito a sentirlo tutto: mi annoia.
Giasse
Mercoledì 7 Gennaio 2009, 13.40.07
7
Skydancer è un discorso a se stante. Lo reputo un disco impareggiabile ed avanguardistico; nulla a che vedere con il resto della carriera dei DT, come sonorità, come songwriting, come contaminazione. The Gallery è invece, a parer mio, il miglior disco in DT-style. Insomma... se un neofita mi chiedesse chi sono i DT gli farei ascoltare Punish My Heaven!
Khaine
Mercoledì 7 Gennaio 2009, 13.33.33
6
Skydancer sicuramente no, io avrei scelto esattamente come te...
Nikolas
Mercoledì 7 Gennaio 2009, 11.31.25
5
Beh The Gallery sicuramente, poi ... beh forse questo sta meglio come classico per quello che tyu hai scritto nella prima riga della rece, è solo il mio gusto personale che mi porta a preferire altri dischi
Renaz
Mercoledì 7 Gennaio 2009, 10.24.17
4
Quindi, dovendo scegliere due Classici dei Dark Tranquillity, voi avreste scelto Skydancer e The Gallery?
Nikolas
Martedì 6 Gennaio 2009, 21.48.02
3
Quoto... non perchè io all'epoca ascoltassi Metal, cosa che è iniziata purtroppo solo qualche anno dopo, ma in generale per quanto sia un buon disco il mio PERSONALE parere è che non sia un disco da più di 85... come se fosse un brutto voto XD
Giasse
Martedì 6 Gennaio 2009, 21.30.20
2
Dico la verità: all'epoca fui deluso. Rispetto a Skydancer e The Galley mi sembrava mediocre, anche se in effetti nn lo è. Tuttavia ancor'oggi preferisco gli esordi.
Khaine
Martedì 6 Gennaio 2009, 17.57.11
1
Ehhhh ragazzi che discone!!!!!
INFORMAZIONI
1997
Osmose Productions
Melodic / Techno / Death
Tracklist
1. Dreamlore Degenerate
2. Zodijackyl Light
3. Hedon
4. Scythe, Rage and Roses
5. Constan
6. Dissolution Factor Red
7. Insanity's Crescendo
8. Still Moving Sinews
9. Atom Heart 243.5
10. Tidal Tantrum
11. Tongues
12. The Mind's Eye
Line Up
Mikael Stanne − vocals
Niklas Sundin − guitars
Fredrik Johansson − guitars
Martin Henriksson − bass guitar
Anders Jivarp − drums
 
RECENSIONI
76
75
65
78
85
90
88
59
75
93
94
89
ARTICOLI
27/11/2013
Live Report
DARK TRANQUILLITY + TRISTANIA + DESECRATE
Rock'n'Roll Arena, Romagnano Sesia (Novara), 22/11/2013
08/11/2011
Live Report
DARK TRANQUILLITY + ELUVEITIE + MERCENARY ed altri
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI), 03/11//2011
17/10/2010
Live Report
DARK TRANQUILLITY + ARTIFACT + INSOMNIUM
Milano, Magazzini Generali, 12/10/2010
12/03/2004
Live Report
DARK TRANQUILLITY + DARK LUNACY
Motion, Zingonia, 28/11/2003
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]