Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Metallica
S&M²
Demo

Black Spirit Crown
Gravity
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

29/09/20
SECOND TO SUN
Leviathan

30/09/20
ALEX MELE
Alien Doppelganger

01/10/20
THE ERKONAUTS
I Want It to End

02/10/20
ION OF CHIOS
_reHUManize_

02/10/20
GOREPHILIA
In the Eye of Nothing

02/10/20
NACHTBLUT
Vanitas

02/10/20
SIX FEET UNDER
Nightmares of the Decomposed

02/10/20
ANAAL NATHRAKH
Endarkenment

02/10/20
SCHWARZER ENGEL
Kreuziget Mich

02/10/20
ISENGARD
Varjevndögn

CONCERTI

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

09/10/20
MORTADO
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

09/10/20
BULLO FEST
LEGEND CLUB - MILANO

10/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) + AFRAID OF DESTINY (ANNULLATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

11/10/20
TWILIGHT FORCE + GUESTS (RINVIATO)
LEGEND CLUB - MILANO

Pain Of Salvation - 12:5
( 6243 letture )
Può un gruppo fuori dal comune proporre un live come tutti gli altri? Beh, come ben potete immaginare la risposta è no.
Il 2003 è stato l'anno dei live album, anche di band di una certa importanza, ma obbiettivamente non c'era nulla di particolarmente interessante se paragonato a questo.
Il live in questione dei Pain Of Salvation non è un semplice cd dal vivo; è una raccolta di emozioni, pensieri, idee e intuizioni perfettamente riuscite. E' un fermo-immagine di una band che riesce a stupire sempre di più, interpretando al meglio il ruolo di nuovi alfieri del genere.

Il disco è uno show acustico (sì, avete letto bene!) registrato il 12 maggio 2003 nella città natale della band, Eskilstuna, ed è diviso in tre parti (un medley iniziale, cinque canzoni complete e un altro medley per concludere il tutto).
I brani non sono riproposti come erano stati concepiti in studio, ma sono stravolti, riarrangiati e resi a tratti irriconoscibili! Ma forse è proprio questo il segreto, invitare l'ascoltatore a ristudiare le note di ogni singola canzone, emozionarsi di nuovo con qualcosa di diverso ed incredibilmente unico. I 60 minuti del cd scorrono via davvero velocemente e tra le tracce maggiormente riuscite cito volentieri le rivisitazioni di Leaving Entropia e di Ashes.
Di grandissimo spessore la prova del leader Daniel Gildenlöw, un artista davvero completo, e ottimo il lavoro della band -anche se a volte i cori non sono sempre perfetti.
Per alcune persone non sarà facile digerire i cambiamenti che alcune canzoni hanno subito e magari storceranno pure il naso, ma alla band probabilmente non interessa, vista la scelta coraggiosa che è alla base di questa release.
Una pecca importante a mio avviso è l'assenza di canzoni dal fantastico One Hour by the Concrete Lake che di certo non avrebbero sfigurato in mezzo alle altre, ma come si può fare un'obiezione alla band dopo queste intense 16 tracce? Molto simpatico il finale blues, prima dello scroscio di applausi che chiude un disco che si prospetta tra i più interessanti dell'intero anno.

Se già amate come me questo gruppo andate sul sicuro, inseritelo nel vostro lettore e da lì non lo toglierete per un bel po' di tempo.



VOTO RECENSORE
87
VOTO LETTORI
43.5 su 50 voti [ VOTA]
Dark_Nebula
Venerdì 28 Agosto 2020, 16.26.17
6
Poesia in musica, davvero emozionante. Poche release sono riuscite a trasmettermi le sensazioni provate con questo loro live. Chiudendo gli occhi mi sembrava di essere pure io in quel locale a Elskinstuna il 12/05/2003
valeriano fatica
Domenica 8 Luglio 2018, 12.23.34
5
Capolavoro assoluto, vorrei tornare indietro nel tempo per essere tra il pubblico.
Rush 1981
Domenica 22 Gennaio 2017, 17.36.09
4
Semplicemente Divino..
Maurizio 76
Sabato 24 Dicembre 2016, 17.32.45
3
must have punto
Absynthe6886
Domenica 7 Novembre 2010, 0.24.18
2
APPASSIONATO. RICERCATO. RAFFINATO. EMOZIONANTE (oltre ogni immaginazione). Sommando i quattro aggettivi: CAPOLAVORO!
splinter
Martedì 9 Gennaio 2007, 10.21.27
1
d'ora in poi mi firmo con splinter, sono il vecchio "alessio". Comunque ho avuto modo di ascoltare questo live giusto qualche giorno fa e l'ho trovato un autentico capolavoro, hanno dimostrato le loro capacità anche in fase acustica anche se che fossero bravi lo si sapeva già; in genere a me non me ne frega niente dei live però di fronte a questo bisogna inchinarsi!
INFORMAZIONI
2004
Inside Out
Prog Metal
Tracklist
Book I - Genesis
1. Brickwork, pt 1.I
2. Brickwork, pt 1.II
3. Brickwork, pt 1.III
4. Brickwork, pt 1.IV
5. Brickwork, pt 1.V
Book II - Genesister
6. Winning a War
7. Reconciliation
8. Dryad of the Woods
9. Oblivion Ocean
10. Undertow
11. Chain Sling
Book III - Genesinister
12. Brickwork, pt 2.VI
13. Brickwork, pt 2.VII
14. Brickwork, pt 2.VIII
15. Brickwork, pt 2.IX
16. Brickwork, pt 2.X
Line Up
Kristoffer Gildelow - bass, vocals
Johan Langell - drums, vocals
Daniel Gildelow - lead vocals, guitar
Fredrik Hermansson - piano
Johan Hallgren - guitar, vocals
 
RECENSIONI
62
50
59
85
77
85
87
70
90
88
85
ARTICOLI
28/08/2020
Intervista
PAIN OF SALVATION
Chiudersi in se stessi per aprirsi agli altri
14/04/2013
Live Report
PAIN OF SALVATION + ANNEKE VAN GIERSBERGEN + ARSTIDIR
Estragon, Bologna, 10/04/2013
01/03/2012
Live Report
PAIN OF SALVATION + CRYPTEX
New Age, Roncade (TV), 24/02/2012
29/11/2011
Live Report
OPETH + PAIN OF SALVATION
Alcatraz, Milano, 24/11/2011
29/04/2005
Live Report
PAIN OF SALVATION
Rolling Stone, Milano, 27/04/2005
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]