IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Brian May
Clicca per ingrandire
John Deacon
Clicca per ingrandire
Freddie durante un live
Clicca per ingrandire
Freddie alla fine di un concerto
Clicca per ingrandire
La presunta ultima foto di Freddie
Clicca per ingrandire
Brian May e la moneta che usa come plettro
Clicca per ingrandire
John Deacon live
Clicca per ingrandire
Brian May
Clicca per ingrandire
Mercury negli anni 70
Clicca per ingrandire
Mercury negli anni 80
Clicca per ingrandire
Con Montserrat Caballet
Clicca per ingrandire
I Queen anni 70
Clicca per ingrandire
Il logo dei Queen
Clicca per ingrandire
I Queen anni 80
Clicca per ingrandire
Freddie nel video di These Are The Days Of Our Lives
Clicca per ingrandire
Roger Taylor
Clicca per ingrandire
Taylor live
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/10/14
ALICE COOPER
Raise The Dead - Live From Wacken

20/10/14
STARKILL
Virus Of The Mind

20/10/14
SUNN O)))
Soused

20/10/14
DEEP PURPLE
Live In Verona (DVD)

20/10/14
RUINSIDE
10 Forms Of Dominion

20/10/14
ZAPRUDER
Fall In Line

20/10/14
MARK LANEGAN BAND
Phantom Radio

20/10/14
GALAR
De Gjenlevende

21/10/14
STATUS QUO
Aquostic (Stripped Bare)

21/10/14
SLIPKNOT
.5: The Grey Chapter

CONCERTI

20/10/14
SAINT VITUS + ORANGE GOBLIN
LOCOMOTIV - BOLOGNA

20/10/14
VALLEY OF THE SUN
LO-FI - MILANO

21/10/14
MR. BIG
LIVE CLUB - TREZZO SULL`ADDA (MI)

22/10/14
RAW IN SECT + WINE GUARDIAN + SILENTRIP
BARRIO`S CAFÉ - MILANO

24/10/14
ATTILA
LIVE FORUM - ASSAGO (MI)

24/10/14
DEATHSTARS + THE DEAD AND LIVING
VIDIA CLUB - CESENA (FC)

24/10/14
AEVUM + MISTEYES
AUDIODROME - MONCALIERI (TO)

24/10/14
VALLEY OF THE SUN
ALTROQUANDO - ZERO BRANCO (TV)

25/10/14
FORGOTTEN TOMB + SIMULACRO + AD VITAM
CUEVAROCK LIVE - QUARTICCIU (CA)

25/10/14
DEATHSTARS
ROCK `N` ROLL ARENA - ROMAGNANO SESIA (NO)

Queen - Innuendo
( 33802 letture )
Innuendo è la Musica che entra nella mia vita e la cambia per sempre.
Innuendo è Sua Maestà Freddie Mercury che mi rapisce con la sua voce magica e mi porta in un mondo fino ad allora sconosciuto.
Innuendo è energia vitale, passione e amore per la musica.
Innuendo è l'ultimo atto del più grandioso personaggio che abbia mai calcato il palcoscenico.

È l'impresa più difficile che abbia mai affrontato in vita mia, riuscire a trasmettere ad altre persone tutto ciò che questo disco è stato, ed è tuttora, per me.
Innuendo entrò nella mia vita quando avevo 10 anni, quando per la prima volta quella musicassetta iniziò a girare nel mio walkman – da quanto tempo non ne uso uno? - facendomi capire, come una folgorazione, che la mia vita non sarebbe mai più stata la stessa.
Non fu facile rendermi conto che stavo amando una band che non esisteva più da troppi anni, che da quel 1991 aveva completato il suo straordinario lavoro – non mi interessa ora parlare del Tribute Concert, del postumo Made In Heaven o di tutto quello che, purtroppo, è venuto dopo – e che avrei dovuto convivere per sempre con la macchia di non aver mai potuto vedere dal vivo, ma neanche vivere i tempi in cui era possibile, questo fenomenale gruppo.

Ma capii in seguito che tutto ciò non contava, che le splendide pagine di musica scritte da questi personaggi fantastici non sarebbero mai passate, che mi avrebbero fatto compagnia sempre, che sarei cresciuto con loro, e così fu: è solo grazie ai Queen che ebbe inizio la mia crescita che mi ha portato a non poter vivere senza musica, e di conseguenza a onorarla , ogni giorno, sulle pagine di questa webzine.
Mi sembra quindi il minimo dedicare la mia recensione numero 100 a questo disco.

Vi sono molte opinioni su cosa fossero i Queen nel 1991: per alcuni una band con ancora tantissimi anni di successi davanti, per altri uno gruppo prossimo alla fine, per altri ancora quattro musicisti che stavano insieme solo per sfruttare la sicurezza di un nome redditizio.
Io ai tempi non ero che un infante, e non posso né voglio entrare in queste questione: da parte mia voglio limitarmi a parlare di questo disco e di rendere un giusto – spero converrete con me – tributo a uno dei più carismatici e dotati cantanti che la musica abbia mai conosciuto.

Innuendo si apre con la title-track, una canzone che già ci proietta su livelli di assoluta eccellenza, nelle creazioni della contorta genialità di Freddie Mercury e dei suoi tre compagni di viaggio (secondo la leggenda la canzone sarebbe nata da una jam session): è un brano epico, coinvolgente, in cui il suono tagliente che esce dalla Red Special di Brian May e la sconvolgente potenza vocale di Freddie rapiscono l'ascoltatore in un vortice di emozioni pienamente rispecchiato dalle liriche, che culmina nella sezione centrale:

Through the sorrow all through our splendour
Don't take offence at my innuendo

You can be anything you want to be
Just turn yourself into anything you think that you could ever be
Be free with your tempo, be free be free
Surrender your ego - be free, be free to yourself


È un delicato arpeggio su cui si posa, dolcemente, la linea vocale a costruire la cerniera di questa canzone, seguito dal celeberrimo assolo in stile flamenco: prima la chitarra acustica, poi quella elettrica, si susseguono in splendidi virtuosismi (l'acustica viene qua suonata da un ospite d'eccezione come Steve Howe, leggendario chitarrista degli Yes); la parte finale è prima oscura e opprimente, anche in virtù degli effetti applicati alla voce, in seguito riempita dagli inarrivabili acuti di Mercury. Una canzone che è tutto e niente al contempo, musicalmente priva di un filo conduttore ma insieme così completa e perfetta, uno splendido mosaico.

Ma è la canzone successiva che mette in mostra tutta la malata, splendida fantasia dei Queen: I'm Going Slightly Mad è un capolavoro troppo poco spesso citato e considerato, almeno da chi non è un fan accanito della band. Capolavoro per i testi, chiaro riferimento, da un punto di vista folle e visionario, alla situazione emotiva, ma anche fisica, di Freddie, che nonostante ciò sfodera una forza e una passione incredibili per cantare al mondo, ben prima dell'annuncio che darà il 23 Novembre 1991, di essere ormai arrivato a un punto dal quale non è più possibile tornare indietro (I'm Going Slightly Mad, It Finally Happened, Oh Dear!).
Ma capolavoro anche per la musica, dal mood cupo, insistente, claustrofobico, rotto solo dall'assolo di May, che rimane comunque molto più sommesso del solito; un viaggio nella follia di una mente geniale ma ormai irrimediabilmente malata, di un uomo vissuto per anni al centro del palco, ma con un retroscena di sentimenti e sofferenze che spesso si trovava a dover nascondere.

And there you have it

E infine capolavoro per il video, che devo assolutamente pubblicare, perché questo, più di tutte le parole che potrei usare, è il miglior modo per entrare nello spirito della canzone:



I due brani che seguono furono scritti, almeno nella forma primitiva, da May per il proprio album solista, ma non per questo meritano meno attenzione.
Headlong è un pezzo in puro stile Queen anni '80, con un ritmo moderato ma incalzante, chitarra particolarmente distorta e cori, che ricorda un po' Another One Bites The Dust - nei ritornelli - e un po' il Freddie dal tono più rauco e sporco di I Want It All; mentre I Can't Live With You è totalmente diversa: ritmo più leggero, linee vocali alternativamente acute o delicate, andamento ripetitivo ma con alcuni notevoli passaggi chitarristici.

Dopo due pezzi abbastanza “semplici” ne troviamo uno davvero particolare e più introspettivo: Don't Try So Hard unisce i toni di una ballad al cantato in falsetto di Mercury, creando un contrasto che estrania l'ascoltatore immergendolo in un'atmosfera surreale, sferzata dall'urlo della chitarra di May nell'assolo.

Ride The Wild Wind è idealmente il sequel di I'm In Love With My Car dall'album A Night At The Opera: scritte entrambe da Roger Taylor, esse parlano del suo amore per i motori; il beat veloce e continuo su cui è strutturato tutto il prezzo rende la sensazione della velocità – in alcuni punti si sente anche il rumore di una macchina – così come l'assolo, mentre la linea vocale si risparmi in gran parte del pezzo, mantenendo un tono di secondo piano, lasciando che sia la sezione strumentale del gruppo a creare l'atmosfera adatta, obiettivo che viene centrato perfettamente.

Con All God's People la band torna a mischiare idee provenienti dalle fantasie più disparate, e sebbene il risultato non possa rivaleggiare con l'opener, ci troviamo di fronte a una canzone interessante, per quanto spesso poco considerata: il ritmo è vario e vivace, la chitarra acuta e penetrante, ma ora in primo piano ora quasi inudibile; mentre a farla da padrone sono i cori e la voce di Freddie che mette in mostra tutta la sua estensione vocale, raggiungendo note altissime così come altre notevolmente basse, talvolta scalando dalle une alle altre con grande disinvoltura; in alcuni punti l'apparente mancanza di una struttura ordinata rimanda ai Queen dei primi '70, quelli di canzoni come The March Of The Black Queen o Great King Rat, eccetto per la massiccia presenza delle tastiere nella sezione centrale.

These Are The Days Of Our Lives ha un gran valore affettivo per i fan di questa band, forse più del suo valore effettivo (scusate il gioco di parole); la struttura della canzone è infatti piuttosto lineare, basata sulle percussioni - in particolar modo le congas – e sulla dolcezza della linea vocale, malinconica e nostalgica. Ma ad essere ricordato sarà sempre, anche in sinergia con tale mood, il videoclip, l'ultima apparizione in un video di Mercury, che nonostante riesca ancora a tirare fuori l'energia per riempire di carica emotiva la sua prestazione, appare ormai magrissimo e col viso scavato, consumato dall'AIDS che lo ucciderà pochi mesi dopo.

E se Delilah è un pezzo leggero e allegro, dedicato a uno degli innumerevoli gatti di Freddie, in cui da menzionare è soprattutto l'assolo suonato per mezzo di una talk box, mentre The Hitman è un bel brano hard rock costruito su uno schema piuttosto familiare alla band (da Tear It Up a Princes of the Universe , per non dimenticare I Want It All), è con la successiva Bijou si raggiunge uno dei massimi momenti di intensità emotiva.

Tre minuti e mezzo di una chitarra acuta, penetrante ma dolce, sforzata al massimo ma delicata, una chitarra di chiara Gilmouriana memoria, senza nessun contributo di basso o batteria, solo lei e un leggero sottofondo di tastiera; è un suono magico, che rapisce, la sei corde di May urla, si dimena, si addolcisce e poi ci trascina in una spirale in crescendo, per poi depositarci di fronte alla Sua voce:

You and me we are destined you'll agree
To spend the rest of our lives with each other
The rest of our days like two lovers
For ever
Yeah
For ever

My Bijou


È un momento di massima emotività, non riesco a trattenere qualche lacrima, ma tutto sfuma in un attimo e May mi sta già riaccompagnando, tra urla e dolci carezze, alla fine.

Manca solo una canzone, ancora quattro minuti e mezzo, per una canzone che è storia:The Show Must Go On, scritta a nome Queen ma attribuita a May e Mercury, è considerato il testamento di quest'ultimo, la lotta contro la morte imminente, le mille fatiche per resistervi, la voglia di vita che esplode in tutta la sua pienezza, l'ultimo, grandioso atto di estrema vitalità, una vittoria sulla morte (My make-up may be flaking, But my smile still stays on). La canzone è splendida, carica di pathos, un viaggio nell'agonia che risale fino all'esplosione della gioia di vivere:

My soul is painted like the wings of butterflies,
Fairy tales of yesterday, will grow but never die,
I can fly, my friends!


E infine l'ultimo, terribile, grandioso acuto di Farrokh Bulsara, inimitabile, inarrivabile, con cui questo grandioso personaggio ci lascia, privandoci della sua presenza, ma non della sua magia, che vive nella sua musica, nel ricordo della sua voce, nel cuore di milioni di persone che ogni giorno si emozionano ascoltandolo.

Goodnight Freddie! We Love You!



VOTO RECENSORE
s.v.
VOTO LETTORI
84.38 su 134 voti [ VOTA]
Galilee
Domenica 12 Ottobre 2014, 11.40.37
69
Painkiller. Dici che non ti piacciono i Queen, ma citi solo le loro canzoni pop anni 80. Ascoltati i primi 6 dischi poi ne riparliamo. Fidati, è un pò come dire, non mi piacciono i Metallica, ho ascoltato solo load e reload. Vedrai che ci andrai fuori. Anyway , questo è un disco grandioso che arrivò dopo un bel pò di album decisamente sottotono e troppo mainstream. Non potevano chiudere in meglio.
Nikolas
Domenica 12 Ottobre 2014, 9.44.34
68
Lo spiego nel commento numero #2
WHY ?
Domenica 12 Ottobre 2014, 0.47.16
67
SENZA VOTO?
UpLoad
Domenica 3 Agosto 2014, 22.42.54
66
Marzo 1991, da li in poi, il pezzo spagnoleggiante di innuendo lo sentivi dappertutto, prima della morte di freddie era questo il romentone, mio padre comprò il cd ed io non ascoltavo altro...prima ancora di sapere chi erano i queen , della fine che stava per fare freddie mercury , di bohemian rapsody e tutto il resto....uno dei miei dischi preferiti.
sadwings
Lunedì 23 Giugno 2014, 15.54.20
65
Capolavoro e mi permetto di citare un brano come ride the wild wind che secondo me è un vero capolavoro poco conosciuto.
Giacomo
Martedì 11 Marzo 2014, 20.28.46
64
Adoro bruce dickinson, rob halford, ian gillan, ronnie james dio, Michael kiske,ralf sheepers e tim owen, ma freddie era imbattibile potevi fargli cantare la qualsiasi(lo ha fatto) ed il risultato era sempre lo stesso: STREPITOSO!(r.i.p. Amico)
Conte Mascetti
Mercoledì 30 Ottobre 2013, 20.33.02
63
Monumentale. Epico. Il migliore epitaffio per una band che adoro sin da quando ero bambino.
Cons
Mercoledì 30 Ottobre 2013, 19.44.34
62
Capolavoro
suocera
Giovedì 26 Settembre 2013, 18.58.30
61
qui bisogna scrivere solo due parole. GRAZIE QUEEN.
Macca
Giovedì 30 Maggio 2013, 10.52.55
60
Mi entrò nelle vene appena ascoltato: avevo solo 11 anni, e mi ricordo che pensai qualcosa tipo "finalmente ho trovato tutto quello che voglio da una cassetta". Questo non è un solo un capolavoro, è un monumento alla musica capace di far sognare chiunque abbia la fortuna di innamorarsene perdutamente.
vitadathrasher
Sabato 27 Aprile 2013, 13.05.33
59
Nel 91 uscirono dei bei dischi, tra cui questo, che reputo il migliore dei queen post anni 70.
giorgione
Martedì 5 Marzo 2013, 13.43.11
58
Per quei pochi che non lo avessero fatto, consiglio la visione di Highlander (il film) con la loro colonna sonora. O almeno il video di Princess of the universe sul tubo..... Per chi scrive una delle accoppiate piu' epiche esistenti nella filmografia mondiale....
Cujo
Martedì 22 Gennaio 2013, 22.28.43
57
Album di gran classe, di gran gusto e melodia. Al tempo, quando lo acquistai, dei Queen ascoltavo solo le grandi Hit ...dopo Innuendo imparai ad amarli in toto. Ciao
robbie
Lunedì 22 Ottobre 2012, 20.32.24
56
L'APOTEOSI!! A mio giudizio miglior album dei queen e forse della storia della musica..I queen raggiungono un livello divino,Innuendo rappresenta alla perfezione lo stile di musica della band con pezzi fantastici, Innuendo slightly mad dont try so hard bijou e poi i testamenti the show must go on e days of our lives dove freddie da una sorta di addio ai fans..voto 100 e più..
celtic warrior
Giovedì 13 Settembre 2012, 17.15.23
55
Grande !! Painkiller , si si questo è veramente un grande album , come lo è tutta la discografia dei Queen . Bella pure la recensione.
Painkiller
Giovedì 13 Settembre 2012, 16.49.10
54
Mi permetto di scrivere un commento a questo album perchè NON sono un fan dei Queen, dei quali, a parte le canzoni più famose e gettonate nei best of, conosco davvero poco. Conosco davvero poco perchè la varie radio ga-ga, invisible man, under pressure, a kind of magic, I want to break free etc per i miei gusti sono sempre state orribili. Dei Queen, prima di Innuendo, le uniche canzoni che mi erano piaciute davvero erano princess of the universe e we are the champions. Ma Innuendo l'ho sempre adorato, in ogni sua canzone. Un magico capolavoro contenente un caleidoscopio di generi e influenze senza mai essere banale, un disco che mi emozionò al primo ascolto e mi emoziona ancora oggi. Detto da uno che non li ha mai amati (anzi)...
Nikolas
Sabato 1 Settembre 2012, 15.20.57
53
Bastava leggere il commento numero 2. Non dico il 40 eh, il 2! booo, sta mania di commentare senza sapere cosa si sta dicendo...
yargaglaw
Sabato 1 Settembre 2012, 14.51.13
52
perché non c'è il voto? boooo, sta mania di non mettere il voto perché la rece è gia "grande"...
Sambalzalzal
Sabato 18 Agosto 2012, 14.55.06
51
Bellissimo... e sapeste quante volte ho ascoltato a catena Ride The Wild Wind in moto di notte... poesia pura...
Antonio
Sabato 17 Marzo 2012, 18.38.47
50
Grande semplicemente grande, bellissima recensione che porta il ricordo di uno dei più grandi "artisti musicali" della sua generazione. Grande, immesno Freddie Mercury.
Luigi
Sabato 17 Marzo 2012, 14.40.08
49
INNUENDO E' UN CAPOLAVORO ASSOLUTO, UN DISCO MAESTOSO, POTENTE, EPOCALE...
lux chaos
Martedì 21 Febbraio 2012, 19.49.04
48
che discone!!!! ehi, avete sentito? non è ancora uscita la news su metallized, ma adam lambert canterà coi queen al sonisphere uk.....chissà che macello verrà fuori!! sono curioso...
K80
Giovedì 5 Gennaio 2012, 23.34.04
47
Freddie non era una voce..............Era LA VOCE!!! QUEEN FOREVER!!!!!!!!!!
Alex
Venerdì 30 Dicembre 2011, 18.55.26
46
I queen erano fantastici: Freddie Mercury aveva una voce incredibile. I tokio hotel, in confronto, cantano come il mio amico pescivendolo la domenica mattina al mercato ittico...
Alex
Venerdì 30 Dicembre 2011, 18.15.04
45
buon anno a tutti e w i queen
Alex
Venerdì 30 Dicembre 2011, 15.19.54
44
Mi sono commosso. E meraviglioso. The queen are immortal
Alex
Venerdì 30 Dicembre 2011, 15.14.37
43
I QUEEN non sono persone. Sono dei scesi sulla terra per farci cantare. Se la musica vivra x sempre,i Queen vivranno x sempre
scopascoiattoli
Martedì 27 Dicembre 2011, 22.09.54
42
Non mi piace.
Alessia
Martedì 27 Dicembre 2011, 22.00.07
41
Sono di parte, è il mio gruppo preferito e perciò non sarei obiettiva.. ma questo album me li ha fatti conoscere... poi ho scoperto il resto, e sicuramente per certi versi preferisco i primi loro lavori.. Ma Innuendo è qualcosa di incredibilemente emozionante. E mi fermo qui.. Voto 99... ma solo perché, secondo me, A Night at the Opera, Queen II, e Sheer Heart Attack sono un gradino sopra...
Argo
Lunedì 26 Dicembre 2011, 7.58.44
40
Onore ai Queen, certo, ma il commento di Stefano mi sembra leggermente azzardato, è uno di quei commenti che viene fuori trasportato dall'entusiasmo e dalla nostalgia, per qualcuno o qualcosa sparito prematuramente. Potrei dire lo stesso dei Beatles, o dei Doors.
Stefano
Domenica 25 Dicembre 2011, 22.52.40
39
I QUEEN sono e saranno il miglior gruppo musicale mai esistito unici e immortali come nessun altro, inchinamoci difronte alla Regina
TommyMay 94
Sabato 3 Settembre 2011, 15.22.04
38
Innuendo è un disco incredibile!!!E' ricco di pathos e qualità musicale dall'inizio alla fine!!!La title track iniziale lascia già intuire quale sarà l'alto livello del disco!!Sei minuti che danno carica ed emozione!!!Headlong è un ottimo pezzo rock dell'inimitabile Brian May e Bijou mi emoziona tantissimo ogni volta che la ascolto, fantastica!!!Ma per me questo disco raggiunge il suo massimo livello con TSMGO, canzone unica nella storia del rock a mio parere e vero capolavoro con testo stupendo e musica fantastica!!
freedom
Sabato 3 Settembre 2011, 14.04.17
37
Innuendo e bohemian rhapsody le due canzoni più belle della storia. Qst disco è magnifico, lo ascoltavo a soli 10 anni perkè mio padre lo metteva sempre su e ricordo ke già all'epoca mi venivano i brividi...ke dire, per me i Queen sono più importanti dei Beatles. Voto 100.
Marco
Sabato 13 Agosto 2011, 16.08.40
36
Complimenti recensione bellissima. C'è tutta la passione di una persona per la musica. Davvero complimenti. Voto 95
BILLOROCK fci.
Martedì 9 Agosto 2011, 19.33.27
35
disco pauroso, si passa dalla misteriosa innuendo alla canzone di puro rock, Headlong e hitman, ed infine dalla struggente, these are the days of my life, alla famosa, the show must go on .....voto 90
Macbeth
Martedì 24 Maggio 2011, 13.52.53
34
L'ultimo capolovo dei Queen!!!
Khaine
Mercoledì 30 Marzo 2011, 11.45.25
33
@ mail: grazie della segnalazione, ho corretto
mail
Mercoledì 30 Marzo 2011, 11.16.38
32
Guardate che all'inizio c'è scritto "sua maestra Freddie..."che è orribile da vedere....
blackie
Domenica 6 Marzo 2011, 2.47.48
31
la title track penso che sia una delle piu belle canzoni della storia!tanti ricordi mi legano a quest album,dawero pieno di piccole gemme come dont try so hard o l immensa show must gon...troppa emozione e tristezza pensando che sia l ultimo di freddy.....la voce piu meravigliosa che il mondo abbia mai conosciuto.
Thrashead
Sabato 18 Dicembre 2010, 15.27.32
30
Assolutamente 100. A differenza di molti dischi pop, questo non invecchia mai, e forse per questo che il disco è pazzesco.
Matocc
Mercoledì 8 Dicembre 2010, 12.43.29
29
quanti ricordi... quella nuova canzone dal titolo strano -innuendo- il cartello pubblicitario nel negozio di dischi e le voci sulla malattia di Freddie a cui non volevo credere... viverlo in diretta è stato bellissimo e terribile, poi arrivò quel maledetto giorno... grandissimo disco Innuendo, la title-track è magnifica, il flamenco suonato con la chitarra acustica poi riproposto dalla red special di May è uno degli assoli più travolgenti e di classe della sua carriera, una cosa incredibile... IGSM è di una cupa bellezza, Headlong è molto coinvolgente ed ha un gran tiro, così come la heavy The Hitman. DTSH e soprattutto ICLWY mi hanno sempre preso tantissimo, Delilah è simpatica, AGP ha un che di gospel che la rende unica e veramente riuscita; la triste TATDOOL mi commuove ogni volta che la ascolto mentre in Bijou Brian ci fa capire una volta di più cosa vuol dire saper suonare la chitarra.... infine c'è TSMGO, drammaticamente sublime, che chiude un album variegato e bellissimo, il testamento in rime della voce più bella che sia mai esistita e di una delle più grandi band del mondo... se oggi ascolto Musica è grazie a loro
hellvis
Lunedì 18 Ottobre 2010, 10.04.43
28
Questo disco mi ha fatto riconciliare con i Queen dopo gli alti e bassi degli anni 80. Diciamo che ha cancellato in un colpo il piattumesynth-pop di The Works e i deliri discotecari di Hot Space. Meno male.
LedVoglinaro
Lunedì 11 Ottobre 2010, 20.26.51
27
Devo tutto ai Queen, grazie a loro (e poi anche ai Led Zeppelin e ai Black Sabbath) mi sono avvicinato a questa musica. Innuendo e' uno dei loro migliori album della loro discografia straordinaria. L'ho ascoltato la prima volta a 13 anni e a distanza di parecchi anni non mi annoia mai. Favolosa la "title track", secondo me uno dei piu' belli pezzi rock della storia. E che dire di The Show Must Go On e soprattutto di These Are the Days Of Our Lives.....Mi commuovo ancora..... Bellissima recensione, rende giustizia ad un album immenso. Voto 90.
genny queen
Venerdì 24 Settembre 2010, 22.45.19
26
amo i queen da tantissimi anni (di anni ne ho54) ma quello che non capisco è perchè quando parlano dei grandi della musica degli anni 70/80 non nominano mai i queen li nominano tutti ma loro no. Quando uscì innuendo ricordo che è venuto con me in sala parto per questo che mia figlia si chiama federica. Feddy we love you.
Aileen
Domenica 8 Agosto 2010, 15.25.14
25
Album egregio, l'ho veramente amato tantissimo e provato le stesse emozioni nell'ascoltarlo (almeno fino a quando non ho scoperto tutti gli altri), ma la recensione, che è in realtà una celebrazione, trasuda melassa.
mikels
Domenica 8 Agosto 2010, 14.12.30
24
Bando alle cazzate: amo questo disco alla follia. Sono innamorato dei Queen. In questo disco parlano con le proprie parole la Musica e l'Emozione. Fanno la loro porca comparsa anche Follia, Ironia e Divertissment: e poi c'è lei, la Poesia. Dio quanto amo i Queen.
Enzo
Sabato 7 Agosto 2010, 14.42.01
23
Gran Disco Gran Recensione....io la penso assolutamente come chi lo ha recensito....capolavoro indiscusso del rock...il canto del cigno di Freddie...per il resto sono senza parole perchè sono troppo emozionato come lo sto ancora ascoltando,ed ho appena finito di leggere la recensione...cmq volevo dire che Freddie ha lasciato un vuoto incolmabile con la sua morte,è difficilmente in futuro si riempirà...
Luca
Domenica 11 Luglio 2010, 1.51.38
22
In questo momento penso che sia pop ben fatto.
Olof
Giovedì 1 Luglio 2010, 16.49.09
21
ho scoperto questo disco in macchina con mio padre: avevo 10 anni e lui, durante le varie strofe, mi traduceva i testi in italiano: solo crescendo ho poi scoperto come freddie sarebbe morto di li a poco, tornando quindi, da solo, a rileggermi questo che è un vero e proprio "testamento"... cd epico!
luca
Martedì 30 Marzo 2010, 11.48.52
20
premetto che avendo quasi 15 anni non abbia questa capacità critica, ma ci sono cresciuto con questo gruppo (quando avevo 4 anni guardavo sempre la cassetta greatest flix e queen live and rare comprate da mio fratello in scozia) e i QUEEN mi sono entrati nel cuore;anch'io mi sono rattristato a sapere che non c'erano più, ma sono diventato completamente dipendente di mercury, may, deacon e taylor! poi ho cominciato a sentire altri generi ma ora sto ricominciando a mettere tutti i loro cd nel mio stereo e riascoltarli!emozione e grandezza musicale senza limiti per un gruppo che ha segnato troppo la musica contemporanea, cimentandosi in vari generi (HOT SPACE è magnifico questo sempre secondo me) e riuscendo sempre a trovare consensi in tutte le fasce d'età;è questa la miscela della magia QUEEN:emozioni tradotte in musica (la vera Musica, per intenderci!) GRAZIE QUEEN!
Matocc
Martedì 19 Gennaio 2010, 23.04.59
19
@ Berto: credo che mieik non si riferisse a Innuendo in particolare ma a uno dei principali obiettivi finali che il quartetto si era prefissato di raggiungere nel corso della propria carriera -oltre, ovviamente, a quello di esprimersi artisticamente nel miglior modo possibile. Lo stesso Freddie aveva più volte dichiarato che tutto ciò che voleva dalla vita era fare un sacco di soldi e spenderli! Direi proprio che entrambi gli scopi sono stati raggiunti...
Berto
Lunedì 11 Gennaio 2010, 0.22.40
18
@mieik: Non credo che una super divo che sa di dover morire da un momento all'altro faccia un disco per soldi; per me è anche questa indubbia sincera passione il bello dell'ultimo Freddie Mercury. Non è mia intenzione scatenare flame, sia chiaro. Bella recensione comunque, mi ci sono rispecchiato: sono nato quasi in concomitanza con l'uscita di questo album, per me il top del rock di tutte le epoche.
mieik
Domenica 3 Gennaio 2010, 14.14.28
17
Ottima recensione. C'è tutto il sentimento smisurato e folle che a volte serve per apprezzare i Queen in un album che schiera tra le sue file brani geniali, sì, ma anche momenti più scadenti. Un buon modo di chiudere una carriera, dopotutto. Con molto spazio per rimpiangere i Queen dei tempi d'oro, band-bordello e riempitiva, che ha saputo trovare le armi per fare il suo mestiere con stile e talento grazie a May e a Mercury (quest'ultimo in particolare). Non mi dispiace che il loro obbiettivo prinicipale sia stato, in fondo, quello di far soldi a palate. Anzi, il loro mix di furbizia e poesia è quanto di più coerente si possa pretendere.
David Shake
Venerdì 18 Dicembre 2009, 11.14.51
16
Genio , sentimento , magia pura ..... uno dei dieci dischi più belli della storia della musica....
Federico95
Martedì 6 Ottobre 2009, 22.03.25
15
Che recensione. E che disco! Il migliore dei Queen, senza ombra di dubbio.
tornado
Venerdì 18 Settembre 2009, 16.56.35
14
che recensione. mi sono quasi commosso. in ginocchio di fronte alla band piu' grande di tutti i tempi
Nikolas
Lunedì 26 Gennaio 2009, 14.44.20
13
Verissimo Francè, verissimo anche questo!
Raven
Lunedì 26 Gennaio 2009, 12.18.51
12
ed il perchè noi scriviamo e loro ci leggono
Nikolas
Lunedì 26 Gennaio 2009, 0.03.08
11
È davvero bello leggere certe testimonianze, ti fa capire la differenza tra chi la musica la ascolta solo e chi la vive...
taipan
Domenica 25 Gennaio 2009, 22.46.02
10
incontrai una ragazza a cui piacevano i Queen. Mi innamorai di lei e di questo meraviglioso disco. La ragazza è divenuta mia moglie, il disco la nostra colonna sonora. Legato per ovvi motivi a questa opera, dono un 100 e lode senza ritegno e senza vergogna. Goodnight Freddie! We Love You!
Raven
Lunedì 12 Gennaio 2009, 23.10.12
9
Non mi hanno mai preso molto, ma questo è un gran disco e questa è una gran recensione.
baruni frangè
Lunedì 12 Gennaio 2009, 19.08.54
8
recensione maestosa, come del resto si deve ad un gruppo di tale portata. nelle tue parole ho rivisto me all'età di 10 anni con lo stesso walkman e la stessa cassetta di cui parli... è stato bello ed emozionante, anche se carico di tanta nostalgia....
IntoMyCoven
Lunedì 12 Gennaio 2009, 12.38.02
7
Recensione scritta col cuore....bravissimo!!
Renaz
Domenica 11 Gennaio 2009, 13.04.43
6
Per me invece, come dice Nikolas, un disco immenso in ogni sua parte, che mi emoziona ancora oggi, e che forse tocca un pò con nostalgia la mia infanzia...
Khaine
Domenica 11 Gennaio 2009, 11.15.06
5
Recensione stratosferica Nikolas; io l'album non lo vedo nella maniera in cui lo vedi tu, ma ho grande rispetto per l'opinione che hai espresso e ti sono grato per tutti i paragoni che hai fatto con i vecchi brani: la conoscenza enciclopedica di questi gruppi è una cosa rara, anche se non sembra. Ad ogni modo: per me l'album raggiunge picchi di inventiva straordinari (soprattutto in Innuendo e The Show Must Go On), ma incontra anche dei punti bassi. Non il mio disco preferito dei Queen ma cavolo... siamo mille anni luce avanti alla media dei gruppi...
Simone
Sabato 10 Gennaio 2009, 22.30.02
4
Idem.
maiden1976
Sabato 10 Gennaio 2009, 21.32.08
3
anche x me affettivamente parlando è un disco da 100.
Nikolas
Sabato 10 Gennaio 2009, 21.19.21
2
Grazie vale P.S. volevo dire una piccola cosa riguardo al voto (o meglio, alla sua assenza): spero di aver reso quanto sono legato a questo album, ed è per questo motivo che non posso permettermi di associarvi un voto. Per me, ripeto PER ME, ossia per quello che è stato nella mia vita, solo il 100 avrebbe avutto senso. Ovviamente, non è oggettiamente un disco che meriti il 100, per questo motivo, per evitare di fare un torto ad altri dischi che il 100 lo meritano, e per non costringermi a dargli un voto inferiore, ho preferito non darlo proprio
valentina
Sabato 10 Gennaio 2009, 20.47.52
1
Grandiosa recensione, grandioso album, grandiosi vecchi Queen
INFORMAZIONI
1991
Parlophone
Rock
Tracklist
1. Innuendo
2. I'm Going Slightly Mad
3. Headlong
4. I Can't Live with You
5. Don't Try So Hard
6. Ride the Wild Wind
7. All God's People
8. These Are the Days of Our Lives
9. Delilah
10. The Hitman
11. Bijou
12. The Show Must Go On
Line Up
Freddie Mercury (Voce, Pianoforte, Tastiere, Sintetizzatori, Programming)
Brian May (Chitarra, Backing Vocals, Tastiere, Sintetizzatori, Programming)
John Deacon (Basso, Backing Vocals, Tastiere, Sintetizzatori, Programming)
Roger Taylor (Batteria, Backing Vocals, Percussioni, Tastiere, Programming)

Musicisti Ospiti:
Steve Howe (Chitarra acustica su traccia 1)
Mike Moran (Piano, Sintetizzatori, Programming su traccia 7)
 
RECENSIONI
77
93
77
69
55
76
98
84
73
91
90
89
90
89
ARTICOLI
07/04/2005
Live Report
QUEEN + PAUL RODGERS
Palalottomatica, Roma, 04/05/2005
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]