Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Caligula’s Horse
Rise Radiant
Demo

Black Pestilence
Hail the Flesh
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

05/06/20
16
Dream Squasher

05/06/20
THE GHOST INSIDE
The Ghost Inside

05/06/20
-(16)-
Dream Squasher

05/06/20
DEVIN TOWNSEND
Empath - The Ultimate Edition

05/06/20
NANOWAR OF STEEL
Sodali Do It Better

05/06/20
BLIGHT
Temple Of Wounds

05/06/20
HAKEN
Virus

05/06/20
MAKE THEM SUFFER
How To Survive A Funeral

05/06/20
HANGING GARDEN
Against the Dying of the Light

05/06/20
GRUESOME/EXHUMED
Twisted Horror (split)

CONCERTI

09/06/20
PERIPHERY (ANNULLATO)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

10/06/20
IN.FEST
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO

12/06/20
SYSTEM OF A DOWN + KORN + GUESTS TBA (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

12/06/20
GUNS N` ROSES + GUESTS TBA (ANNULLATO)
FIRENZE ROCKS - VISARNO ARENA (FIRENZE)

13/06/20
AEROSMITH + GUESTS (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

16/06/20
STEEL PANTHER + THE WILD (SOSPESO)
ALCATRAZ - MILANO

16/06/20
DEATHLESS LEGACY
CRAZY BULL - GENOVA

17/06/20
SOCIAL DISTORTION + GUEST TBA
CARROPONTE - SESTO SAN GIOVANNI (MI)

18/06/20
GLORYHAMMER
ALPEN FLAIR - BOLZANO

21/06/20
INFECTED RAIN + ANKOR + TBA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Rush - Caress Of Steel
( 5884 letture )
L'album della quasi-svolta. O, se preferite, quasi l'album della svolta.
Resta il fatto che Caress Of Steel al di là del suo valore effettivo e del successo (o meno) di vendite, era destinato a fungere da ponte fra i Rush degli esordi e quei grandiosi rappresentanti del progressive che troveremo da 2112 in poi.

Nel settembre 1975 la band aveva alle spalle già due full-lenght, di cui l'ultimo risalente solo a pochi mesi prima: un disco d'esordio fortemente hard rock, con una line-up diversa, e un secondo disco che metteva già in mostra elementi personali (si veda ad esempio By-Tor and the Snow Dog) ma che rimaneva ancora legato a soluzioni già sperimentate e non eccessivamente originali.

È pur vero che a metà '70s il progressive si era anch'esso ampiamente affermato nel mondo musicale (proprio nel 1975 i Pink Floyd pubblicavano Wish You Were Here), ma è anche per questo motivo che va reso il giusto merito al trio canadese, capace di cogliere pienamente lo spirito prog rielaborandolo in maniera del tutto personale e fondendolo con numerosi altri elementi in un sound unico e inconfondibile.

Per comodità, mi consento di applicare all'interno del disco una divisione funzionale a sottolineare quanto scritto finora: da un lato le prime tre canzoni, dall'altro le restanti due (che nella versione originale erano suddivise in altre tracce, per un totale di nove); le prime restano ancora legate al primo periodo dei Rush, sebbene alcune piccole differenze corrodano questo legame dall'interno, mentre le ultime rompono in maniera totale con tutto ciò.

Bastille Day e I Think I'm Going Bald sono ancora pesantemente legate alla tradizione hard rock: la prima è una canzone vivace e dal mood esplosivo, sottolineato dagli altissimi acuti di Lee; la seconda, in controtendenza, ha un'atmosfera molto più pacata, e il cantante canadese, tra un acuto e l'altro, si concede anche il lusso di cantare in alcuni momenti utilizzando un inusuale tono molto basso; non si tratta comunque di una delle migliori prove della band, ed escludendo l'andamento rockeggiante che invita a dimenarsi a ritmo, non lascerebbe molto nell'ascoltatore.

Lakeside Park è una sorta di ponte tra le due metà del disco: alla base vi è ancora una fortissima componente hard rock, ma le atmosfere, i tecnicismi e le linee melodiche intraprese dalla linea vocale lasciano già intravedere le soluzioni che arriveranno in seguito. Una canzone riccadi pathos e davvero bella, peccato che lo stesso Lee l'abbia in seguito ripudiata, e di conseguenza non la si vedrà mai eseguire dal vivo.

Le ultime due tracce fanno, insieme, trentuno dei quarantacinque minuti del disco; The Necromancer e The Fountain Of Lamneth sono infatti il primo esempio di suite prog della band canadese, e in particolare la seconda è uno dei pezzi più lunghi nella sua storia, superata solo – e di poco – dall'immensa 2112 che arriverà l'anno seguente.

The Necromancer tradisce ancora una certa ingenuità nella scelta di soluzioni che il gruppo saprà in seguito affinare e portare ad ottimi livelli: lunghissime sezioni interamente strumentali mostrano una maturità artistica già invidiabile, per quanto alcune di essere risultino leggermente ripetitive; il ruolo di protagonista è affidato alla chitarra di Lifeson, tecnicamente ottima, ma i cui assoli mancano talvolta di incisività e risultano ancorati a una mentalità non ancora pienamente lanciata nello spirito progressive.

The Fountain Of Lamneth è invece già di tutt'altro livello: all'inizio dolce e acustico, dominato dalla linea vocale di Lee, si sovrappone una chitarra tagliente, la linea vocale si fa acuta, e l'intera band si dedica ad un attacco sonoro che pianta forse le sue radici nell'hard rock, ma dai cui rami si distinguono chiaramente le vette del prog che il trio si apprestava ai tempi a raggiungere. È poi il momento della sezione Didacts And Narpets, dimostrazione del superlativo livello tecnico di Neil Peart, uno stravolgente assolo di batteria eseguito a velocità sovrumane, davvero strabiliante (questo assolo è stato inoltre reinterpretato dal velocissimo Mike Mangini nel disco di tributo Subdivisions). Il resto della canzone, che meriterebbe di essere raccontato passo per passo, si snoda su linee melodiche dolci, spesso accompagnate dalla chitarra acustica (splendido il connubio tra questa e il timbro di Lee attorno a 10:30), momenti di esibizione – mai fine a se stessa – di tecnica, e un finale che riprende la parte iniziale, con l'aggiunta di una chitarra più intraprendente e libera nella creazione di virtuosismi.

Caress Of Steel non è un disco di enorme qualità: sicuramente un disco di buona fattura è godibile, ma questo passa in secondo piano rispetto all'importanza del lavoro nel quadro complessivo della discografia della band: come già detto, è il ponte tra i primissimi Rush e quelli dei capolavori successivi, e racchiude in sé l'essenza di questa trasformazione.



VOTO RECENSORE
76
VOTO LETTORI
58.29 su 44 voti [ VOTA]
Lele 12 DiAnnö
Domenica 31 Dicembre 2017, 3.06.21
14
Lakeside Park "non la si vedrà mai eseguire dal vivo."? Forse il recensore non ha nemmeno ascoltato All The World's A Stage... "We'd like to do something for you right now that's on Caress of Steel, this is a song that Neil wrote the lyrics for about a place not too far from where he was born, not to far from here as a matter of fact...it's called Lakeside Park".
Rob Fleming
Sabato 6 Febbraio 2016, 21.01.17
13
Forse anche migliore del precedente con Bastille Day, I think I'm going bold e Lakeside park splendidi affreschi zeppeliniani. Ma qualcosa si sta muovendo. Il gruppo sta già valutando di modifica l'approccio ed in tal senso il capolavoro Necromancer ne è la conferma.75
LMA
Venerdì 22 Gennaio 2016, 15.40.17
12
Meglio nel hard rock che nel prog. 70 non di più per me.
BlackSoul
Domenica 3 Gennaio 2016, 17.43.17
11
Il riff di I Think I'm Going Bald annichilisce tutti quelli degli ac/dc. Per il resto discone
Full metal jacket
Martedì 21 Luglio 2015, 11.55.02
10
Per me molto buono, l'album commercialmente è stato un flop, ed anche il tour di supporto, e si è rischiata la fine
TheBluesBreaker
Lunedì 13 Aprile 2015, 20.53.56
9
Qualcuno mi spieghi come fa Neil Peart verso il quinto minuto di The Fountain Of Lamneth a rullare sui tamburi in modo cosi rapido, disumano
thrasher
Venerdì 24 Ottobre 2014, 9.07.00
8
E dopo ci si domanda perché siano venuti in Italia dopo trentanni di carriera x la prima volta.... 46 di voto... vuol dire al di là se piace no non capire che cazzo di musicisti ci siano dietro... è come suonino da paura... Sara meglio l ultimo exodus suonato interamente con 2 dita e con qualche assolo in scala minore.. complimenti
nat 63
Venerdì 24 Ottobre 2014, 8.51.12
7
Disco bellissimo , dalle atmosfere talora dolci , sognanti e malinconiche,altre dure ed aggressive , ma sempre contraddistinte dalla solita,enorme classe dell'act canadese. "The necromancer" è un pezzo che ,ogni volta, mi lascia a bocca aperta. Mostri ,i Rush sono mostruosamente bravi. Voto un pò troppo basso: per me il disco è meritevole del 90.
Steelminded
Lunedì 19 Maggio 2014, 21.59.41
6
A me piace molto - per me è 80. Necromancer è ottima e non concordo con le leggere critiche del recensore, che forse invece applicherei alla Fountain of Lamneth, sempre sul punto di decollare ma che alla fine non prende mai il volo. Secondo me il pezzo è un pò il difetto del platter, nel senso che non si rivela all'altezza delle aspettative che crea. La batteria di Peart comunque sbaraglia tutti_che fenomeno.
patrik
Giovedì 20 Febbraio 2014, 16.42.02
5
e i pink floyd?????centrano con il prog meno di altri si, almeno per me
Dirk
Martedì 16 Aprile 2013, 22.53.00
4
Partenza da alla grande con Bastille Day,un po' sottotono la seconda,pregevole Lakeside park.Le ultime due suite scorrono un po' male e sono unite non proprio al meglio,la milgliore per me è The Fountain.Però non è un disco che metto spesso.
Delirious Nomad
Lunedì 30 Luglio 2012, 10.13.14
3
Ah, i tempi in cui i Rush erano più bravi comporre pezzi hard rock che suite...concordo con voto e recensione, bastille day è stupenda.
Nikolas
Martedì 25 Maggio 2010, 23.15.50
2
Secondo me è molto buono ma non eccellente. Ripeto comunque un concetto fondamentale: in una scala assoluta, forse solo l'esordio è un disco da meno di 85, e tutti sono dei dischi grandissimi! Nel trattare una discografia così incredibilmente vasta e di livello così alto (credo che come qualità media i Rush siano la band migliore della storia, sul serio!) bisogna assolutamente adottare una scala "interna" relativa alla discografia, altrimenti i giudizi si "appiatirebbero" dividendosi semplicemente tra "ottimo disco" e "capolavoro". Saluti
Electric Warrior
Giovedì 13 Maggio 2010, 19.26.05
1
Lavoro sottovalutato della discografia dei Rush. Io lo trovo un album eccellente, anche se sicuramente inferiore a 2112, A Farewell To King e Hemispheres
INFORMAZIONI
1975
Mercury Records
Prog Rock
Tracklist
1. Bastille Day
2. I Think I'm Going Bald
3. Lakeside Park
4. The Necromancer
5. The Fountain Of Lamneth
Line Up
Geddy Lee - Basso, Voce
Alex Lifeson - Chitarra classica e acustica
Neil Peart - Batteria
 
RECENSIONI
s.v.
82
71
77
82
80
71
79
78
87
80
95
89
88
94
94
98
75
76
73
ARTICOLI
22/11/2015
Live Report
DEATHCRUSHER TOUR 2015
Carcass + Obituary + Napalm Death + Voivod, Estragon, Bologna (BO), 17/11/2015
23/12/2007
Live Report
RUSH
Datchforum, Assago, 23/10/2007
09/02/2007
Live Report
SICK OF IT ALL + WALLS OF JERICHO + HATEBREEDERS + CRUSHING CASPARS
La data a Trezzo D'Adda
13/02/2006
Intervista
SUBLIMINAL CRUSHER
Parla la band
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]