Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Primal Fear
Apocalypse
Demo

Talbot
Magnetism
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/08/18
CEMETERY URN
Barbaric Retribution

17/08/18
DORO
Forever Warriors, Forever United

17/08/18
EXOCRINE
Molten Giant

17/08/18
FEUERSCHWANZ
Methämmer

17/08/18
CARNATION
Chapel of Abhorrence

24/08/18
HOPELEZZ
Stories Of A War Long Forgotten

24/08/18
DIABOLOS DUST
The Reaper Returns

24/08/18
PAUL FERGUSON
Remote Viewing

24/08/18
DARK MILLENNIUM
Where Oceans Collide

24/08/18
THE AMITY AFFLICTION
Misery

CONCERTI

16/08/18
FRANTIC FEST (DAY 1)
TIKITAKA VILLAGE - FRANCAVILLA (CH)

17/08/18
FRANTIC FEST (DAY 2)
TIKITAKA VILLAGE - FRANCAVILLA (CH)

17/08/18
NEREIS + GUESTS
CASTALDI FESTIVAL - SEDICO (BL)

17/08/18
NECRODEATH + GUESTS
ZONA INDUSTRIALE - PULSANO (TA)

17/08/18
RADUNOROCK FESTIVAL (day 1)
BAITA PENNA NERA - VALLE DI CEMBRA (TN)

17/08/18
HARD ROCKOLO FESTIVAL
PARCO ROCCOLO - PIEVE DI CADORE (BL)

18/08/18
FRANTIC FEST (DAY 3)
TIKITAKA VILLAGE - FRANCAVILLA (CH)

18/08/18
DESTRAGE + GUESTS
SUMMER CROCK FESTIVAL - BORGHETTO DI SAN MARTINO DI LUPARI (PD)

18/08/18
HIRAX + GUESTS
MU CLUB - PARMA

18/08/18
RADUNOROCK FESTIVAL (day 2)
BAITA PENNA NERA - VALLE DI CEMBRA (TN)

Napalm Death - Time Waits For No Slave
( 4574 letture )
I Napalm Death, ovvero una delle band più importanti, seminali, ma allo stesso tempo esposte a critiche nel mondo del metal estremo, tornano sulla scena a tre anni di distanza dal molto buono (ma, a mio parere, non eccellente) Smear Campaign.

E lo fanno in una maniera ormai consolidata, senza pensare a soluzioni innovative e sorprendenti, ma con la solita scarica di grindcore/death metal, velocissimo e violento.

Time Waits For No Slave, tredicesimo album in studio della band inglese, si snoda su 14 tracce di media lunghezza (siamo ben lontani ormai dalle micro-canzoni di Scum), per un totale di 50 minuti di violenza musicale secondo canoni ormai ben conosciuti.

Le composizioni del gruppo si basano su una sezione ritmica davvero di spessore, non solo estremamente veloce, ma anche precisa e autrice di alcuni passaggi (tra cui numerosissimi cambi di tempo) tecnicamente degni di nota; si tratta ovviamente per larghi tratti di un aspetto secondario, in quanto quello preponderante è costituito dalla velocità e dall'aggressività della linea vocale, improntata alternativamente su un growl particolare (e non sempre convincente) o su uno scream davvero graffiante e violento, che avrebbe sicuramente meritato un uso largamente maggiore.
Fanno la loro comparsa, all'interno delle canzoni, anche brevi sezioni in cui la velocità diminuisce sensibilmente, grazie a cambi introdotti dal già citato ottimo lavoro della sezione ritmica, e in cui le chitarre salgono al ruolo di protagoniste, riuscendo a variare piacevolmente canzoni la cui lunghezza (non eccessiva di per sé, ma sicuramente notevole per del grindcore) rischierebbe di stufare l'ascoltatore. Ne sono esempi canzoni come Life And Limb o l'Opener, mentre altre partono da questa strada per giungere ad una ritmica dalla velocità medio/alta ma con cadenza quasi thrash metal, ottenendo risultati molto interessanti: On The Brink Of Extinction deve molto al suddetto genere, soprattutto nel riffing e nelle sezioni strumentali, che sembrano arrivare direttamente da un incrocio tra la Bay Area e la Germania; è una scelta che meriterebbe maggiore attenzione da parte della band, poiché mentre le canzoni più canoniche si snodano alla fine su metriche e strutture sempre affini, queste (oltre alla citata ve ne sono altre, come Fallacy Dominion) hanno il pregio di risultare fresche e ispirate, oltre a permettere alla band di mettere in mostra le proprie doti tecniche.

In linea di massima il disco scorre via in maniera fluida, tra ottimi pezzi (oltre alle già citate meritano di essere nominate almeno Feeling Redundant e A No-Sided Argument) e altri che, seppur discreti, passano senza lasciare molto.
Forse questo Time Waits For No Slave rappresenta un piccolo passo indietro rispetto al precedente, ma a sua volta apre alla band alcune strade che potrebbero portare ad una nuova giovinezza della band.



VOTO RECENSORE
77
VOTO LETTORI
55.08 su 46 voti [ VOTA]
hj
Mercoledì 13 Agosto 2014, 13.30.25
10
Abbadon87@hai ragione da vendere ma il suo post è di 3 anni fa...
Abbadon87
Mercoledì 13 Agosto 2014, 12.48.40
9
@Gibbeenti se non ti piace puoi anche dirlo ma modera il linguaggio, ora torna ad ascoltare i Tokio hotel.
giobbe
Domenica 27 Novembre 2011, 1.26.16
8
concordo con Odino....passano gli anni ma spaccano sempre....spaccano sempre il cazzo...si levassero dai coglioni....
Odino
Lunedì 25 Maggio 2009, 22.25.37
7
Passano gli anni ma spaccano sempre! Grando! Immensi!
NoRemorse
Venerdì 10 Aprile 2009, 11.17.42
6
Disco bellissimo! Tra l'altro molte canzoni sono thrash, e di questo non posso che goderne! Alcune parti quasi in pulito potranno fare storcere il naso ai puristi ma non si può dire che sono brutte canzoni, anzi! Contentissimo di averlo comprato!
hm is the law
Sabato 24 Gennaio 2009, 21.30.24
5
Grande release con alcune ottime canzoni. A mio avviso i Napalm Death stanno vivendo una fase creativa molto buona considerato che anche il predecessore Smear Compaign mi aveva decisamente impressionato in positivo.
Mattia
Venerdì 23 Gennaio 2009, 11.00.30
4
Preferisco i precedenti, questo ha alcuni riempitivi di troppo. Comunque, bella mazzata.
ROSSMETAL65
Sabato 17 Gennaio 2009, 19.35.08
3
GRAN DISCO! I NAPALM MI SEMBRANO SEMPRE MOLTO ARRABBIATI.SECONDO ME SONO ANCORA LORO IL SIMBOLO DEL GRIND E "TIME WAITS FOR NO SLAVE" NE E' LA CONFERMA.DEVASTANTI.
Nikolas
Sabato 17 Gennaio 2009, 12.14.57
2
Ti dirò, è un disco davvero godibile, se considerassi solo il disco in sè, meriterebbe probabilmente anche di più; Nella visione d'insieme della loro discografia, e più in generale del movimento grind, a mio avviso perde qualcosa, ma ce ne fossero di band grind di questo livello ancora in giro.
Il Mentalista
Sabato 17 Gennaio 2009, 12.06.22
1
gran bel disco.
INFORMAZIONI
2009
Century Media
Grindcore
Tracklist
1. Strongarm
2. Diktat
3. Work to Rule
4. On the Brink of Extinction
5. Time Waits for No Slave
6. Life and Limb
7. Downbeat Clique
8. Fallacy Dominion
9. Passive Tense
10. Laurency of the Heart
11. Procrastination of the Empty Vessel
12. Feeling Redundant
13. A No-sided Argument
14. De-evolution Ad Nauseum
Line Up
Mark "Barney" Greenway - Vocals
Mitch Harris - Guitar, Backing Vocals
Shane Embury - Bass
Danny Herrera - Drums
 
RECENSIONI
80
77
86
85
86
88
87
88
85
ARTICOLI
24/02/2014
Live Report
HATEBREED + NAPALM DEATH
Orion Live Club, Ciampino (RM), 19/02/2014
27/08/2013
Live Report
NAPALM DEATH + BOLOGNA VIOLENTA
Festa di Radio Onda d'Urto, Brescia, 22/08/2013
15/07/2012
Live Report
NAPALM DEATH + ORANGE MAN THEORY + BOLOGNA VIOLENTA + GALERA
Gods of Grind, Traffic Club, Roma, 25/06/2012
10/08/2010
Intervista
NAPALM DEATH
Le ultime voci dal Sikelian
20/10/2009
Live Report
NAPALM DEATH + CRIPPLE BASTARDS
Rock Planet, Pinarella di Cercia (RA), 03/10/2009
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]