Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Possessed
Revelations of Oblivion
Demo

Degraey
Reveries
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

31/05/19
VENOM
In Nomine Satanas (boxset)

31/05/19
DARKTHRONE
Old Star

31/05/19
VADER
Thy Messenger (EP)

31/05/19
VEUVE
Fathom

31/05/19
DEATH ANGEL
Humanicide

31/05/19
GRIFFON/DARKENHOLD
Atra Musica

31/05/19
1914
The Blind Leading The Blind (ristampa)

31/05/19
FUNERAL STORM
Arcane Mysteries

31/05/19
KALEIDOBOLT
Bitter

31/05/19
TRYGLAV
Night Of Whispering Souls

CONCERTI

26/05/19
JAG PANZER
JAILBREAK LIVE CLUB - ROMA

26/05/19
METAL QUEEN`S FESTIVAL (day 3)
IL PEOCIO - TROFARELLO (TO)

30/05/19
MANTICORE + GUESTS
BLUE ROSE SALOON - BRESSO (MI)

31/05/19
MORTADO
CRAZY BULL - GENOVA

01/06/19
ARCH ENEMY + GUESTS
LIVE CLUB - TREZZO SULL ADDA (MI)

01/06/19
KING DUDE + GUESTS
POSTWAR CINEMA CLUB - PARMA

02/06/19
GOTTHARD + GUESTS
LIVE CLUB - TREZZO SULL ADDA (MI)

04/06/19
ARKONA
Traffic Live Club - Roma

05/06/19
HALESTORM + GUEST TBA
ESTRAGON - BOLOGNA

05/06/19
ARKONA
Slaughter Club - Paderno Dugnano (MI)

VII Gates - In Hoc Signo Vinces
( 2077 letture )
Seconda fatica per gli svedesi VII Gates e primo album sotto Lion Music. Salterei ogni tipo di preliminare anche perché i VII Gates sono il classico gruppo che sbandiera una propria originalità, ma a conti fatti ha davvero poco di originale di cui potersi vantare. Detto questo andrei dritto dritto al nocciolo della questione: In Hoc Signo Vinces non mi ha colpito particolarmente, né per originalità – come detto prossima allo zero- né per aver fatto registrare qualche pezzo che valga la pena ascoltare data l’assenza di novità.

Tutto da buttare? Non proprio; il disco risulta godibile ed è proprio questo il problema. Mi spiego meglio; l’album scivola via nella sua (pachidermica) durata senza lasciare mai il segno, nonostante una manciata di canzoni di buona fattura; mi riferisco in particolare ad Answer To You, Heart (Stranger In The Dark), la lunga Immortal (Hymn To The Prison Guard), Children Of The Corn e The Mad Minstrel.

Volendo parlare del disco, bisogna riconoscere che il gruppo riesce nei loro intenti; suonare un’heavy metal tradizionale con una chiara predilezione per il power contemporaneo.

Da apprezzare soprattutto il lavoro del chitarre di JJ Rockford e Mick van Slowfoot; mentre, a mio giudizio, piuttosto deprecabile la scelta forzata di Criss Blackburn di voler emulare Rob Halford; caro Criss rassegnati, Rob è di un altro pianeta.

Un disco da comprare proprio se avete soldi da buttare. Tutti gli altri -che come me sono stati colpiti dalla crisi- possono in tutta tranquillità spendere altrove i loro risparmi.



VOTO RECENSORE
58
VOTO LETTORI
22.94 su 17 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2008
Lion Music
Power
Tracklist
01. When Gates Are Opening
02. The Skyrider
03. Dreams They Haunt Me
04. March Of The Amazones
05. Answer To You, Heart (Stranger in the dark)
06. Immortal (hymn to the prison guard)
07. Lethal Attraction
08. Children Of The Corn
09. The Mad Minstrels (with delusions of grandeur)
10. The Lake
11. Cat Eyes
12. Feeding The Predator
Line Up
JJ Rockford - Guitars
Mick van Slowfoot - Drums
Criss Blackburn - Vocals
Robert Makek - Guitars
Nicola Posa - Bass

www.viigates.se
www.myspace.com/viigates
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]