Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Metallica
S&M²
Demo

Black Spirit Crown
Gravity
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/09/20
ALEX MELE
Alien Doppelganger

01/10/20
THE ERKONAUTS
I Want It to End

02/10/20
ROBERT PLANT
Digging Deep. Subterranea

02/10/20
MYGRAIN
V

02/10/20
BON JOVI
2020

02/10/20
SALTATIO MORTIS
Fur Immer Frei

02/10/20
ANAAL NATHRAKH
Endarkenment

02/10/20
THE PILGRIM
...From the Earth to the Sky and Back

02/10/20
ISENGARD
Varjevndögn

02/10/20
SCHWARZER ENGEL
Kreuziget Mich

CONCERTI

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

09/10/20
MORTADO
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

09/10/20
BULLO FEST
LEGEND CLUB - MILANO

10/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) + AFRAID OF DESTINY (ANNULLATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

11/10/20
TWILIGHT FORCE + GUESTS (RINVIATO)
LEGEND CLUB - MILANO

11/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
AUDITORIUM - MILANO

Rush - Rush
( 9437 letture )
1968: Inizia la storia di una delle più grandi band progressive che il mondo abbia conosciuto.
1975: Esce il secondo disco della band, il primo con la line-up definitiva, ancora immutata dopo 34 anni.

Nel mezzo, la prima esperienza dei Rush nel grande mondo del mercato musicale; come biglietto da visita la band presenta il disco omonimo, ancora pienamente legato all'hard rock, con venature blues e sprazzi di heavy metal, e con John Rutsey (recentemente deceduto) dietro le pelli, il quale verrà sostituito, con enormi conseguenze, dal successivo Fly By Night.

Tipico disco d'esordio, Rush presenta una band ancora acerba il cui enorme potenziale si intravede a malapena, nascosto dagli schemi molto derivativi utilizzati su larga scala all'interno di questo prodotto: l'inizio è di buona caratura, col ritmo inarrestabile di Finding My Way, anche se la struttura prevedibile e gli acuti “indisciplinati” di Lee ne penalizzano un minimo la resa totale; la canzone si candida comunque tra le migliori del lotto, insieme alla conclusiva -e comunque molto differente- Working Man, in cui alla mancanza di originalità sopperiscono una bella costruzione melodica giocata sul contrasto voce/chitarra (quest'ultima mostra già alcuni sprazzi di eccellenza, per quanto mascherati, nel proprio lavoro sia di riff che solistico) e il buon livello tecnico della band (Rutsey non è Peart, ma si difende comunque discretamente, mentre i suoi due compagni mettono già in evidenza doti notevoli).

Nella mezz'ora che sta fra le due canzoni citate, tanto rock scanzonato in puro stile '70s (Need Some Love e In The Mood), blues di buon livello con vaghissimi accenni dei Rush che saranno (Here Again), e in generale un sound carico e potente, per quanto legato fermamente a schemi già sperimentati e sicuri, e che solo in rari momenti, nonché sotto l'aspetto prettamente strumentale, mette in mostra personalità e capacità degne di nota.

Fossi stato presente all'uscita di questo disco, non avrei mai potuto pensare che i Rush sarebbero potuti diventare una band stratosferica, capace di calcare 30 anni di musica senza mai passare di moda, mettendo la propria firma su alcuni dei momenti più alti mai toccati dal prog rock nella sua storia.
Mi sarei limitato a constatare che Rush era un buon disco di hard rock, degno di numerosi ascolti ma non destinato a cambiare la storia.

Ed è in effetti secondo questi termini che il disco in sé va interpretato; la fama della band canadese, e l'amore che si può provare su di essa (e che io, per primo, provo) non può comunque portare a mitizzare un disco che rimane buono ma tutt'altro che eccellente.
Da Fly By Night la band tirerà poi fuori gli assi (tanti, tantissimi assi) dalla manica, ma questa è un'altra storia.



VOTO RECENSORE
73
VOTO LETTORI
60.90 su 54 voti [ VOTA]
Tino
Sabato 12 Settembre 2020, 16.57.33
13
A parte working man e in the Mood non mi è mai piaciuto granché, i rush sono uno dei miei gruppi preferiti ma questo è quello che mi piace meno della loro discografia assieme a caress of steel, erano ancora acerbi e soprattutto derivativi, viceversa trovo il secondo fly by night un capolavoro dove si avverte anche il cambio di passo per l'arrivo del professore
Max1
Sabato 12 Settembre 2020, 16.36.06
12
L inizio del tutto! Grazie ragazzi! (e come fatto notare, mancava the Professor!)
Rob Fleming
Sabato 12 Settembre 2020, 12.48.09
11
Mi ci è voluta la morte di Peart (che peraltro non ci suona nemmeno) e il lockdown per spingermi a completare la discografia dei Rush. Questo esordio lo avevo sempre evitato. E facevo male. Alcuni brani li conoscevo dal Live All the World's a Stage e me li facevo bastare. SBAGLIATO! Mi stavo perdendo un capolavoro come Here again, una tensione drammatica con Lifeson già mattatore. Bellissima l'oscura Working Man. Condivido tutti i commenti degli utenti che parlano dei Led Zeppelin. Il recensore omette la questione, forse per evitare sterili polemiche, ma occorre ammettere che in Finding my way sembra che ci sia Robert Plant dietro al microfono e che Lifeson in più momenti si traveste da Jimmy Page. Album molto bello seppur molto poco originale. 75
Philosopher3185
Venerdì 15 Novembre 2019, 0.29.23
10
Un sano album di sano Hard Rock in stile Led Zeppelin,la band ancora non aveva i connotati prog e sperimentali che i avrebbero resi celebri e imitati da tantissime band,ma ascoltando il disco si capisce che la band aveva gia' tutte le potenzialita':un ottimo song writing,la voce incredibile di Geddy Lee e lo stile potente ma anche vario e di classe di Lifeson alle chitarre.
Mirkorock
Domenica 28 Ottobre 2018, 19.47.55
9
Here Again working man da paura solo queste 2 meritano l'acquisto del cd
marmar
Domenica 25 Dicembre 2016, 22.40.04
8
Esordio capolavoro per una delle più grandi band di sempre. Classe, potenza, raffinatezza nonostante fossero degli sbarbatelli, l'inizio di un mito.
ELIO MARRACINY
Domenica 25 Dicembre 2016, 21.55.43
7
Rimosso
Argo
Sabato 19 Marzo 2016, 11.49.37
6
Un'ottimo disco rock, figlio di quegli anni. Nel mio recupero della discografia completa dei Rush questo cd arriva come sesto cd, dopo i 5 capolavori di fine anni 70 e inizio 80. Chiaramente mi suona veramente diverso da come ero abituato a sentirli, ma rimane comunque un'ottimo disco d'esordio. 75
LMA
Giovedì 7 Gennaio 2016, 20.26.42
5
80/100 Non sarà originale come proposta, ma questi quando ci si mettevano, indipendente dal genere con il quale si cimentavano, mi pare che tirassero sempre fuori delle gran cose. Gran classe e la si avverte anche qui, all'inizio.
peppe
Sabato 14 Giugno 2014, 14.10.45
4
potevi anche aggiungere che need some love è praticamente una canzone dei led zeppelin!!!
Dirk
Martedì 16 Aprile 2013, 22.41.13
3
Ottimo hard rock ,ancora un po' acerbo,ma godibillissimo!
The Nightcomer
Martedì 13 Marzo 2012, 17.45.13
2
Ritengo corrette le argomentazioni contenute nella recensione, tuttavia l'album si ascolta molto volentieri. Un buon debutto, senz'altro!
David Shake
Venerdì 18 Dicembre 2009, 13.57.39
1
Debutto bellissimo .... molto Zeppelin ... per decine di altre band "normali" questo potrebbe essere un capolavoro ma per gli immensi RUSH è "solo" un buon inizio !!!
INFORMAZIONI
1974
Mercury Records
Hard Rock
Tracklist
1. Finding my Way
2. Need Some Love
3. Take A Friend
4. Here Again
5. What You're Doing
6. In the Mood
7. Before and After
8. Working Man
Line Up
Geddy Lee - Vocals, Bass
Alex Lifeson - Guitar
John Rutsey - Drums
 
RECENSIONI
s.v.
82
71
77
82
80
71
79
78
87
80
95
89
88
94
94
98
75
76
73
ARTICOLI
22/11/2015
Live Report
DEATHCRUSHER TOUR 2015
Carcass + Obituary + Napalm Death + Voivod, Estragon, Bologna (BO), 17/11/2015
23/12/2007
Live Report
RUSH
Datchforum, Assago, 23/10/2007
09/02/2007
Live Report
SICK OF IT ALL + WALLS OF JERICHO + HATEBREEDERS + CRUSHING CASPARS
La data a Trezzo D'Adda
13/02/2006
Intervista
SUBLIMINAL CRUSHER
Parla la band
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]