Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Cortex Complex
Memoirs of an Apocalypse
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

CONCERTI

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

Kiss - Rock and Roll Over
( 5476 letture )
A pochi mesi, per la precisione otto, dalla pubblicazione di un altro capolavoro come Destroyer, i Kiss vanno”oltre il Rock and Roll”!!
Ritmi ossessivi, inusitati, che partoriscono un album composto praticamente in tournee. Il filo folle “disco, tour, disco” regge alla grande, e vede i quattro newyorkesi tenere botta all’inverosimile dopo esser diventati delle star internazionali. In giro per il mondo, non sempre con esiti fantasmagorici come affluenza di pubblico, soprattutto in alcuni paesi europei, Gene, Paul, Ace e Peter si rinchiudono in un teatro e accendono nuovamente le polveri. Rock And Roll Over è un lavoro solido, duro, senza alcuni fronzoli che avevano condito alcune partiture orchestrali presenti nel predecessore. Il ritorno ad una musica quadrata e tetragona viene preteso a gran voce da Peter ed Ace, i quali non si erano trovati d’accordo con lo sperimentalismo imposto dal produttore Bob Ezrin, perfetto intessitore di melodie e musicista geniale dalle idee geniali , vero deus ex machina di Destroyer.
O per dirla tutta, entrambi lo odiavano categoricamente. Viene quindi scelto un nuovo produttore, Eddie Kramer, affittato lo Star Theater a nord di New York, dotato di un palco centrale circondato da poltrone, di cui Frank Sinatra era comproprietario. E proprio lì, su quello stage, per dare la parvenza alla band di suonare sempre dal vivo, vengono registrate le dieci tracce che finiranno nel lavoro definitivo. I pezzi sono quasi tutti a firma della premiata ditta Stanley-Simmons, i due restanti membri presentarono diverse canzoni considerate non all’altezza, ciò che rimase venne riarrangiato e prodotto, finendo nei solchi del disco. Ricalcando l’esito fortunatissimo del celebrato predecessore, la copertina è realizzata da un disegnatore che pone in evidenza, con colori sgargianti, le caratteristiche delle maschere; un po’ pacchiana come release, senza dubbio, ma reggerà alle buriane degli anni e del tempo, divenendo una delle copertine più amate dai fan e dai merchandiser.


La musica è tosto materiale mascherato. Sin dall’apertura di I Want You si assiste ad una sfilata di grandi canzoni Kiss, non per nulla almeno tre pezzi di questo album diverranno dei grandi classici. Il sound è ormai a puntino, bastano poche note e l’ascoltatore non può fare a meno di riconoscere la distorsione delle chitarre, le armonie e le vocalità che sono ormai divenuti l’emblema della band. Paul canta in maniera grandiosa sull’arpeggio terroso del opener e sullo sviluppo di un pezzo anthem da stadio, dividendosi il guitar solo con Ace; Take Me viene squassata dalle sue svisate canore che duettano con chitarre ipnotiche e seriali; Mr. Speed è un pezzo tutt’altro che veloce ma tremendamente fascinoso con cori e controcori che vestono una linea ritmica scarna però efficace. Il solo è un classico alla Ace Frehley, conciso ma stimolante. Makin’ Love è l’ennesima fissa dei quattro per il sesso a livello di lyrics; la stesura è un pezzo duro, gridato, con partiture secche che vedono anche una rullata completa di batteria dal più piccolo tom al timpano della Pearl di Peter Criss. Coinvolgente in studio, non funzionerà granché in sede live. Gene Simmons, invece, lo troviamo più incazzato e tremendo di sempre. I suoi pezzi cantati incutono timore, una voce cavernosa ma fottutamente espressiva sin dal campanaccio iniziale di Calling Dr. Love, pezzo dove si concede digressioni di pronuncia inglese - mi riferisco al “You can duo” invece della pronuncia normale “Do”. La song è davvero grande con Ace che zampilla creatività e lancia note lunghe vibrate, con cori che estasiano i fans e una voce che non da tregua. Yeah, that’s Gene Simmons! Bestiale in tutte le sue forme…Ladies Room è canzone piacevolissima che non si capisce perché mai sia stata suonata dal vivo e Love’em and Leave’em è uno dei singoli lanciati con tanto di clip fenomenale. Non vendette eccessivamente ma il video è fantastico, uno spaccato fedele di ciò che la “più grande band del mondo” faceva vedere in quel periodo: botti, colori, fumi, scritta incandescente e un Gene con espressioni da belva braccata. La voce è grandiosa, la chitarra di Ace, galattica nel solo che spazza via tutti i detrattori: uno dei migliori assoli della sua intera carriera. See You in your Dreams potrebbe anche essere una canzone d’amore ma con quella voce…anche qui Gene Simmons è ferale, devastante, godereccio di malvagità, un vero Demon, accompagnato da una batteria un po’ troppo secca nel sound ma precisa e al passo con quegli anni.
Curiosità, lo stesso Gene suonò la chitarra ritmica in fase d’incisione . I restanti due episodi sgorgano dal geyser infiammato che è l’ugola roca di Peter. Baby Driver è traccia contraddistinta dai miagolii catarrosi del batterista ma come struttura non fa certo gridare al miracolo, diciamo che si salva solo per la voce. Hard Luck Woman, che vede Paul alla chitarra acustica a 12 corde, è un grande hit single potenziale che non raggiungerà i fasti dorati della più celebre Beth. Curioso veder suonare un pezzo così sereno da quattro energumeni truccati come cavalieri dell’Apocalisse; la canzone è bella ed è legata a filo doppio al cuore di ogni fans che si rispetti..

Il disco uscì con l’etichetta di lavoro aureo e non tardò a confermare le previsioni. I Kiss, in quel periodo, potevano far uscire qualsiasi cosa in ogni mese dell’anno e i fans prendevano d’assedio i negozi di dischi. Vendette molto bene Rock And Roll Over, un milione di copie con relative carrettate di dischi di platino e dorati, ma la situazione all’interno della band stava pressurizzando una crisi che giungerà di lì a poco. Peter beveva e si drogava a dismisura, Ace lo seguiva a ruota, due quarti del meccanismo giravano spesso a vuoto, solo Gene e Paul si mantenevano lucidi per gestire l’impero che stava sempre più prendendo forma.
E dopo la release la band, tanto per cambiare, fece le valigie e partì in tour.





VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
61.36 su 38 voti [ VOTA]
Rob Fleming
Sabato 30 Gennaio 2016, 14.09.59
19
Tutto rock e divertimento. Mi piacciono I want you, arpeggio dolce e riff violentissimo; Hard Luck Woman e la potentissima Makin' love. Il gruppo aveva voglia di divertirsi e di far divertire ed in quest'ottica Calling Dr. Love e Ladies room sono esempi eccezionali. 75
Appg
Martedì 5 Maggio 2015, 13.42.32
18
Ottimo album ed ottima produzione anche se brani ad esempio i want you dal vivo sono a mio parere un'altra cosa molto piu rock.
Philosopher3185
Martedì 1 Luglio 2014, 12.29.45
17
Grane bell'album,vario,duro e compatto,con una buona produzione.
Philosopher3185
Martedì 1 Luglio 2014, 12.29.42
16
Grane bell'album,vario,duro e compatto,con una buona produzione.
sadwings
Mercoledì 26 Marzo 2014, 18.26.33
15
Il mio album preferito dei kiss. Non c è un brano debole. 90
DP
Sabato 28 Settembre 2013, 19.19.31
14
lo ritengo buono, grazie anche perche' ha la fortuna di avere tra i solchi due vere perle immortali come la country-rock "Hard Luck Woman" cantata magistralmente con la sua caratteristica voce da Peter Criss e "Makin Love" vera e propia Kiss hard rock song dove primeggia lo splendido e tecnico guitar solo di Ace Frehley e la "interminabile" rullata consecutiva su ben 8 tom di Criss nel finale. Anche qui una copertina orribile, ma oramai ci sono abituato. Rock ' on
Jeff96
Sabato 10 Agosto 2013, 16.30.38
13
Ottimo disco,uno dei miei preferiti! Love em leave em è fantastica,video compreso,Mr Speed anceh,ma la mia preferita è Makin Love ^^ Ti devo correggere,Ladies Room è stata suonata molto spesso in live,nel 1977. Come mai c'è Watchin You nella scaletta in alto,nella lista delle canzoni? :O
Painkiller
Venerdì 20 Aprile 2012, 8.54.54
12
Provo un particolare amore per questo album, mi spiazzo' non poco dopo Destroyer, e forse lo preferisco al suo più patinato predecessore. In ogni caso è una questione di lana caprina...a parte I WANT YOU che dal vivo è stupenda ancora oggi, adoro letteralmente baby driver!!!
jemini
Martedì 18 Gennaio 2011, 15.53.33
11
il disco è parecchio bello, ma devo ammettere che prefersico LOVE GUN...vabe sono i gusti
blackie
Domenica 28 Novembre 2010, 19.13.39
10
il loro migliore album..un gioiello a 24 karati!10 canzoni spattacolari un disco che racchiude quanto di piu bello si possa creare in musica!
ace360
Domenica 11 Ottobre 2009, 18.09.01
9
Il miglior album della band.
taipan
Sabato 7 Marzo 2009, 19.27.47
8
personalmente trovo “Rock And Roll Over” il loro disco migliore a pari merito con " Creatures of the Night".Bellissima "I WANT YOU" che in sede live rende alla grande e bella come sempre la rece, dove emerge l' amore di Franco per i mitici KISS! (quanti poster e ritagli sui nostri muri ! )
hm is the law
Sabato 7 Marzo 2009, 13.20.12
7
Bello anche se i Kiss in studio hanno fatto molto meglio.
elysis
Venerdì 6 Marzo 2009, 22.49.00
6
Un ritorno al graffiante stile iniziale del bacio, per chi vuole ascoltare un po di buon Hard Rock senza compromessi. Complimenti Frankiss sia per la recensione, sempre impeccabile, che per il tuo libro... In bocca al lupo!
pincheloco
Venerdì 6 Marzo 2009, 15.27.50
5
Infatti i miei complimenti sono proprio in merito all'obiettività oltre che naturalmente all'ottima narrativa. Anch'io sono sempre stato loro fan e posseggo i loro dischi quasi tutti in vinile. Del resto sono coetaneo di raven per cui abbiamo vissuto i periodi migliori della nostra musica.
Frankiss
Venerdì 6 Marzo 2009, 14.57.35
4
Grazie mille Khaine!!
Khaine
Venerdì 6 Marzo 2009, 12.30.37
3
Altro colpaccio del mitico Frankiss!
Frankiss
Venerdì 6 Marzo 2009, 12.29.38
2
Grazie Pincheloco, per me è un onore poter recensire gli album dei Kiss e nonostante sia un gigantesco loro fan cerco di sempre di essere oggettivo ed obiettivo in merito ai loro lavori...
pincheloco
Venerdì 6 Marzo 2009, 12.04.12
1
ALTRO GRANDE ALBUM DELLA BAND CHE AMIAMO. RECENSIONE BELLISSIMA COME SEMPRE, COMPLIMENTI.
INFORMAZIONI
1976
Casablanca
Hard Rock
Tracklist
1. I Want You
2. Take Me
3. Calling Dr. Love
4. Ladies Room
5. Baby Driver
6. Love 'Em And Leave 'Em
7. Mr. Speed
8. See You In Your Dreams
9. Hard Luck Woman
10. Makin' Love
Line Up
Paul Stanley - Guitar and Voice
Ace Frehley - Lead Guitar and Voice
Gene Simmons - Bass and Voice
Peter Criss - Drums and Voice

 
RECENSIONI
90
90
75
80
13
98
70
96
55
70
80
75
80
90
50
99
97
35
95
80
90
97
95
60
95
90
80
100
80
85
60
ARTICOLI
20/05/2017
Live Report
KISS + RAVENEYE
Pala Alpitour, Torino, 15/05/2017
17/02/2016
Articolo
IN TOUR CON I KISS
Le storie on the road della Original KISS KREW - 1974-1976
17/06/2015
Live Report
KISS + THE DEAD DAISIES
Arena di Verona, 11/06/2015
26/03/2014
Articolo
NOTHIN` TO LOSE - LA NASCITA DEI KISS 1972-75
La recensione
23/06/2013
Live Report
KISS + RIVAL SONS
Mediolanum Forum, Assago (MI), 18/06/2013
13/02/2013
Articolo
KISS
'Welcome to the Show' - La recensione della biografia
24/09/2011
Articolo
KISS
Le Maschere del Rock - la recensione
28/11/2010
Articolo
KISS
Kiss & Lick: la biografia non autorizzata
23/05/2010
Live Report
KISS + TAKING DAWN
Forum di Assago, Milano, 18/05/2010
31/07/2008
Live Report
KISS + CINDER ROAD
Datchforum, Assago (MI), 24/06/2008
13/05/08
Live Report
KISS + CINDER ROAD
Arena, Verona, 13/05/2008
22/02/07
Intervista
MESSIAH'S KISS
Parla la band
30/10/2004
Live Report
NECRODEATH + KISS OF DEATH + DISEASE
Alpheus, Roma, 10/10/2004
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]