Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Neal Morse
Sola Gratia
Demo

Sun Eater
Light Devoured
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/10/20
YES
The Royal Affair Tour - Live From Las Vegas

30/10/20
BLACK STONE CHERRY
The Human Condition

30/10/20
STORMBRINGER
Stealer of Souls

30/10/20
ENGST
Schone Neue Welt

30/10/20
NUCLEAR POWER TRIO
A Clear and Present Rager

30/10/20
WILDNESS
Ultimate Demise

30/10/20
THE FLOWER KINGS
Islands

30/10/20
LIKE MOTHS TO FLAMES
No Eternity in Gold

30/10/20
URIAH HEEP
Fifty Years in Rock

30/10/20
THEM
Return to Hemmersmoor

CONCERTI

24/10/20
NERO DI MARTE + GUESTS
CS BOCCIODROMO - VICENZA

24/10/20
OTTONE PESANTE
SECRET SHOW - GENOVA

24/10/20
VIRTUAL SYMMETRY
CINEMA PLAZA - MENDRISIO (CH)

25/10/20
DEATH THE SUNDAY FEST
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

30/10/20
ULVEDHARR + GUESTS
DRUSO - RANICA (BG)

30/10/20
OTTONE PESANTE
INK CLUB - BERGAMO

30/10/20
HELLUCINATION + NEBULAE
TRAFFIC CLUB - ROMA

31/10/20
DEATHLESS LEGACY + DAMNATION GALLERY
CRAZY BULL CAFE' - GENOVA

31/10/20
OTTONE PESANTE
IL CASTELLO - PARMA

31/10/20
CLAUDIO SIMONETTI`S GOBLIN + VICOLO INFERNO
LOCOMOTIV CLUB - BOLOGNA

Nightwish - Made in Hong Kong (and Various Other Places)
( 6120 letture )
A distanza di circa un anno e mezzo dall’avvicendamento tra Tarja Turunen ed Anette Olzon tra le fila dei Nightwish e dal rilascio di Dark Passion Play -un album che ho giudicato abbastanza deludente, vedi recensione- la band torna a farsi sentire con una testimonianza live in formato CD/DVD che altro non è se non la riproposizione di otto brani tratti dall’album prima citato integrato da altri tre pezzi e da alcune trascurabili testimonianze video, il tutto al solo scopo di confermare che la Olzon si è pienamente integrata nel gruppo e che è una ottima cantante, coadiuvata nel suo ruolo da un Marco Hietala talvolta fin troppo sopra le righe, probabilmente a causa di un tasso alcolico troppo elevato a causa di un simpatico gioco di carte che il gruppo usa per passare il tempo durante il tour e che è apprezzabile nel DVD aggiuntivo.

Per ciò che attiene l’operazione presenta la nuova deliziosa e carinissima cantante il risultato è stato centrato, la Olzon è -giustamente- molto diversa da chi l’ha preceduta, ma mostra una certa padronanza della propria ugola e una dignitosa presenza on stage (del resto avevo già sottolineato in sede di recensione che la colpa del risultato di Dark Passion Play non era certamente della singer) ma l’operazione Live in Hong Kong and Various Other Places pare rivolta esclusivamente ai propri fans ed a quella frangia di indecisi che non è ancora riuscita a valutare il modo di considerare Anette, dato che i contenuti di questa release non sono, a mio parere, in grado di attrarre nessun ascoltatore al di fuori di queste due fasce.

I pezzi tratti da Dark Passion Play acquistano on stage una dimensione più coinvolgente, specialmente The Poet and the Pendulum, a dispetto dei numerosissimi passaggi campionati e/o preregistrati, ed in generale tutta la prima parte del disco mantiene una certa tensione, migliorando specialmente la resa dei pezzi più deboli, che però, alla fine dei conti, tali rimangono, fino a giungere alle noiose closers Last Of The Wilds e 7 Days To The Wolves, non fugando con ciò i dubbi circa la resa dei vecchi pezzi che, comunque, saranno secondo me resi in maniera più che accettabile in altre sedi.
Nella seconda parte del lavoro, quella in studio, incontriamo Escapist, già presente come bonus track su DPP; While Your Lips Are Still Red, presente sul singolo Amaranth e scritta per la colonna sonora del film Lieska!; ed una versione demo di Cadence Of Her Last Breath cantata da Hietala.
Rimane l’impressione di una certa discontinuità causata dalla frammentarietà degli effetti dalla platea derivante dal fatto che il disco è -come da titolo- la somma di una serie di esibizioni in svariati posti.
Abbastanza striminzito il DVD: una serie di dichiarazioni a favore di Anette, alcuni “dietro le quinte” come il già citato giochino alcoolico di Hietala - cuore pulsante del gruppo - e tre video clips, niente di che.

Concepito come spot a favore della nuova singer questo live svolge abbastanza bene il proprio compito, ma non aggiunge nulla di rilevante alla storia della band se non il mostrare che Anette è piuttosto simpatica e sa cantare, ma questo lo sapevamo già.
Se siete dei fans sfegatati di Tuomas Holopainen e compagnia probabilmente comprerete il prodotto a prescindere dalla mia recensione e da quella di chiunque altro, se non lo siete potete tranquillamente destinare altrove i soldi necessari al suo acquisto, o almeno conservarli fino al prossimo lavoro in studio.



VOTO RECENSORE
65
VOTO LETTORI
18.93 su 89 voti [ VOTA]
Stefano
Martedì 25 Settembre 2012, 12.44.37
18
Mah...su "7 days to the wolves" posso essere abbastanza d'accordo, non è il massimo anche se tutto sommato non mi dispiace, però su "Last of the wilds" proprio no: non solo è uno splendido strumentale e non è noiosa, ma distaccandosi dalle sonorità più granitiche degli altri brani evoca quelle atmosfere e sensazioni che il gruppo voleva portare in musica quando è stato fondato...
Theo
Sabato 3 Marzo 2012, 22.31.19
17
Per chi abbia dato un'occhiata e soprattutto un ascolto alle performance dei nightwish ai 70000 tons of metal, festival in crociara appena tenuto avrà potuto senz'altro notare il grande miglioramento di anette alla faccia di tutti quelli che la criticano a spada tratta, e senza ascolti accurati... Ottimo lavoro dei Nightwish
Theo
Venerdì 30 Dicembre 2011, 19.05.13
16
a presciere dal fatto che le tracce possano piacere o meno, la prestazione è buona, la presenza pure... la voce della tanto odiata anette olzon non ottima forse (non tutti lo sanno, anche se tutti fanno i sapientoni in materia, lei è subentrata successivamente al songwrite e quindi è naturale che per alcune tracce le sue vocalita non calzassero a pennello) ma sicuramente decente. quindi questo voto, che scolasticamente parlando equivale ad un 1 (ma ci pensate almeno? ovviamente mi rivolgo ai tanti che avranno votato 0... ma in base a cosa voti 0???) mi pare davvero insensato e dettato da una presa di posizione stolta piuttosto che da un ascolto (l'avranno poi ascoltato tutti? mah...) accurato, motivato e pensato
Theo
Venerdì 30 Dicembre 2011, 19.00.27
15
mi chiedo come sia possibile che su una media di 58 voti, il voto complessivo sia 9 su 100... bah
Sugara 'Sug Zug'
Lunedì 21 Marzo 2011, 1.33.30
14
Commento OT: Ma quando ci fate le rece degli altri lavori dei nightwish? Ps: Raven for president!
blackie
Martedì 8 Marzo 2011, 2.11.24
13
se analizziamo la qualita delle canzoni sicuramente ottimo!la prestazione di anette e molto buona,ma onestamente avrei preferito un live piu completo con canzoni tratte dall era tarja.cosi sinceramente non ha molto senso fare uscire un live con la stessa scaletta dell ultimo in studio...
Raven
Giovedì 8 Luglio 2010, 11.18.34
12
Mi sfugge il senso del commento.....
stefano
Giovedì 8 Luglio 2010, 10.54.44
11
ma vaffanculo va...Dai CAZZO!!
Raven
Lunedì 30 Marzo 2009, 17.53.03
10
Grazie Autumn , ad ogni modo è sempre più difficile definire i generi visto che si mescolano con estrema facilità, per me ne esistono solo 2: musica buona e musica cattiva, il resto è contorno su cui non vale la pena litigare.
Autumn
Lunedì 30 Marzo 2009, 15.00.05
9
Beh, Francesco è la nostra Enciclopedia Metallum!
andrea
Lunedì 30 Marzo 2009, 14.21.45
8
concordo col recensore/raven sull'inutilità del discorso. però quando cominci a sentire una torma di ragazzini che pretendono di sapere "cos'è questo e cos'è quello" (come tutti noi, d'accordo ) perchè magari hanno letto delle cose che non stanno nè in cielo nè in terra, un po'ti girano. E mi sia concessa un'ultima arringa, dopodichè chiudo: da appassionato del genere comincio a essere stufo di come il genere viene trattato, e chi vuol capire capisca: se si trattasse di un disco dei maiden ad esempio o di un qualsiasi altro gruppo di metal classico o old school (e si badi bene che sono piuttosto obiettivo, non amando granchè l'attuale incarnazione dei nightwish) tutti starebbero bene attenti a quello che si dice, a usare le parole giuste, ecc. "Perchè quello è il vero metal e blablabla", nonostante si tratti di roba tutta uguale da vent'anni almeno. Usare la stessa cura anche per gli altri generi non mi sembra poi così inconcepibile. p.s.wiki è ottima ma da non prendere come oro colato... meglio affidarsi all'immensa Encyclopaedia Metallum (www.metal-archives.com)... una volta provata non la si abbandona più!
Raven
Sabato 28 Marzo 2009, 16.53.16
7
Chi ti ha detto che avrei voluto scriverlo? era solo per farti un esempio di come il discorso sui generi sia sostanzialmente inutile, symphonic metal ti va bene? mi sembra cmq che stiamo perdendo tempo su un dettaglio insignificante.
Mat
Sabato 28 Marzo 2009, 16.38.40
6
Associami un punto di quelli elencati sotto ad una canzone dei Nightwish... e non mi dire la voce femmile che è la cosa più sbagliata che potresti scrivere
Mat
Sabato 28 Marzo 2009, 16.37.29
5
Essendo ke ti fidi di wiki sempre da li Caratteristica principale di questo genere musicale sono i riff di chitarra lenti e oppressivi che, accompagnati dall'utilizzo delle tastiere, contribuiscono a creare un'atmosfera malinconica e decadente. Come nel Death doom metal, il cantato è in growl (a volte viene usato anche lo scream), accompagnato da cori di voci femminili che, col tempo, hanno acquisito sempre più rilievo arrivando a duettare con la controparte maschile. Le tematiche affrontate spaziano dalle letteratura gotica al binomio amore-morte, per arrivare alla diffidenza verso l'umanità in decadenza e alle sofferenze esistenziali.
Raven
Sabato 28 Marzo 2009, 13.39.15
4
da wiki: Genere Attualmente: Symphonic metal- Gothic rock[1] Origini: Symphonic power metal Gothic metal ad ogni modo sono solo etichette spesso usate per semplificare al massimo, tutto qui,
andrea
Sabato 28 Marzo 2009, 13.22.00
3
la coscenza m'impone di spezzare una lancia in favore di entrambi (raven e mat), con una leggera propensione per il commento di mat: è vero, etichettare tutto spesso in maniera ridondante e forzata sta cominciando a diventare fastidioso, per chi legge e non è fan di un dato gruppo e ancor di più per chi lo è; negli anni ho letto certe filastrocche visionarie degne dei film di lynch o tarkovskij (bombastic doomy blackish neo-jazz tuasorella metal...) che diciamolo, han proprio rotto. Dall'altra parte, dopo anni e anni di appassionata passione per il gothic metal con annessi e connessi, origini e derivazioni, ecc., ecc., comincio parimenti a rompermi di leggere recensioni (che si suppone dovrebbero esser redatte da gente esperta) che appioppano la suddetta etichetta ad un gruppo solo perchè ci canta una donna. Immagino che tra un po'anche i matia bazar verranno definiti "gothic metal".
Raven
Sabato 28 Marzo 2009, 8.59.09
2
Perchè, come lo definiresti? Symphonic metal? E comunque: che importanza ha?
Mat
Venerdì 27 Marzo 2009, 23.12.25
1
Una cosa vorrei sapere.. con che criterio si può definire questo album, ho cmq in Nightwish in generale, Ghotic????
INFORMAZIONI
2009
Nuclear Blast
Gothic
Tracklist
1. Bye Bye Beautiful (Live)
2. Whoever Brings The Night (Live)
3. Amaranth (Live)
4. The Poet And The Pendulum (Live)
5. Sahara (Live)
6. The Islander (Live)
7. Last Of The Wilds (Live)
8. 7 Days To The Wolves (Live)
9. Escapist
10. While Your Lips Are Still Red
11. Cadence Of Her Last Breath (Demo)


DVD
Documentary (Dark Passion Play World Tour)
Video Clips:
01. Amaranth
02. Bye Bye Beautiful
03. The Islander
Line Up
Anette Olzon - Vocals
Tuomas Holopainen - Keyboards
Erno ''Emppu'' Vuorinen - Guitars
Marco Hietala - Vocals, Bass
Jukka "Julius" Nevalainen - Drums

 
RECENSIONI
s.v.
84
67
82
s.v.
76
65
65
88
84
86
90
85
76
ARTICOLI
10/12/2016
Intervista
NIGHTWISH
Questo è ciò che siamo oggi
16/09/2016
Live Report
NIGHTWISH + TEMPERANCE
Palabam, Mantova, 12/09/2016
04/12/2015
Live Report
NIGHTWISH + ARCH ENEMY + AMORPHIS
Unipol Arena, Casalecchio di Reno (BO), 29/11/2015
01/05/2012
Live Report
NIGHTWISH + BATTLE BEAST + EKLIPSE
Mediolanum Forum, Assago (MI), 25/04/2012
06/12/2011
Intervista
NIGHTWISH
Finlandia? Italia? La passione è sempre quella
13/11/2004
Live Report
NIGHTWISH + SONATA ARCTICA
Mazda Palace, Milano, 28/10/2004
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]