Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Wheel
Moving Backwards
Demo

E.G.O
Everything Goes On
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

16/07/19
BROCELIAN
Guardians Of Broceliande

19/07/19
LINGUA IGNOTA
Caligula

19/07/19
CANCER
Ballcutter

19/07/19
SCOTT STAPP
The Space Between the Shadows

19/07/19
CROWN THE EMPIRE
Sudden Sky

19/07/19
CULT OF EXTINCTION
Ritual in the Absolute Absence of Light

19/07/19
FALLS OF RAUROS
Patterns In Mythology - Album Cover

19/07/19
SABATON
The Great War

19/07/19
WORMED
Metaportal

21/07/19
SHARKS IN YOUR MOUTH
Sacrilegious

CONCERTI

16/07/19
NICK MASON
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA - ROCK IN ROMA

16/07/19
YAWNING MAN + ALICE TAMBOURINE LOVER
ALTROQUANDO - ZERO BRANCO (TV)

17/07/19
NICK MASON
ARENA SANTA GIULIANA - UMBRIA JAZZ

17/07/19
YAWNING MAN
THE CONCEPT - LECCO

18/07/19
KING CRIMSON
ARENA SANTA GIULIANA - PERUGIA

18/07/19
NICK MASON
PIAZZA DELLA LOGGIA - BRESCIA

18/07/19
ROCK INN SOMMA (day 1)
SOMMA LOMBARDO (VA)

18/07/19
YAWNING MAN + HERBA MATE
SIDRO CLUB - SAVIGNANO SUL RUBICONE (FC)

19/07/19
PORTO LIVE METAL FEST
PORTO ANTICO - GENOVA

19/07/19
ROCK INN SOMMA (day 2)
SOMMA LOMBARDO (VA)

Black Sabbath - Born Again
( 13100 letture )
Ci sono dischi odiati, altri amati alla follia ed alcuni che dividono il pubblico in due fazioni: quelli che li detestano e coloro che invece li apprezzano. Born Again, pubblicato dai Black Sabbath nell'estate del 1983, appartiene indubbiamente a quest’ultima categoria.

Dopo l’abbandono di Ronnie James Dio e Vinny Appice furono arruolati nella band il mitico cantante Ian Gillan ex Deep Purple e, nuovamente, il batterista originario Bill Ward. L’album fu atteso con trepidazione dal pubblico e dalla critica soprattutto per la presenza di Gillan. Avrebbe retto il paragone con Ozzy e Dio?

Quando l’ascoltai la prima volta rimasi molto deluso da Born Again a causa delle sonorità di produzione assolutamente mediocri (il basso è troppo predominante e copre gli altri strumenti) e per il fatto che il nuovo cantante (che sia ben inteso adoro) faceva rimpiangere i precedessori perchè dotato di uno stile vocale che non si addice al sound dei Black Sabbath. Eppure i brani, molto aspri e duri, sono complessivamente validi, di gran lunga migliori, ad esempio, di quelli appartenenti alla produzione troppo sperimentale dell’ultimo periodo con Ozzy. In termine di vendite l’album andò comunque bene sia in Europa che in America. Gillan però abbandonerà il gruppo molto presto a causa di contrasti con il resto della formazione.

La copertina dell'album è già tutto un programma: ritrae un neonato dalle sembianze demoniache. I testi sono in linea con le sonorità inquietanti ed estreme del disco:

Guarda questo principe del male combattere per il tuo volere contro tutti i sacerdoti della vergogna (da Born Again);

Lei indossa abiti di pelle solo per piacere e li fa vedere in giro. Non c'è una sola cosa che lei non si possa permettere lei è la più ricca puttana della città (da Digital Bitch).

L’open track Trashed è un tirato pezzo hard rock che si apre con un acuto di Gillan, biglietto di presentazione del nuovo cantante. Belli gli assoli di Iommi; la seconda traccia è Stonehenge un brano strumentale cupo e caratterizzato da un battito cardiaco; Disturbing the Priest è una song estrema ed angosciante con una voce di Gillan molto cattiva ed efficace. La successiva strumentale The Dark fa da apripista a uno dei momenti migliori del disco Zero the Hero con un bel ritmo ed un grande Iommi alla chitarra. Digital Bitch è complessivamente un pezzo hard rock anonimo, mentre la successiva bellissima title track Born Again è una ballata con una straordinaria prova di Gillan a proprio agio, finalmete, su un pezzo che si adatta alle sue caratteristiche vocali. Hot Line e Keep It Warm chiudono senza infamia e senza lode il disco, sono brani dignitosi e nulla più.

Born Again è un album da riscoprire. Oggi lo valuto molto di più sebbene continui a ritenere che con l'inimitabile Ozzy alla voce questo disco sarebbe stato uno dei migliori dei Black Sabbath per il sound molto oscuro che lo caratterizza.



VOTO RECENSORE
78
VOTO LETTORI
72.52 su 101 voti [ VOTA]
Aceshigh
Mercoledì 10 Aprile 2019, 17.39.18
65
Grande disco anche questo, sebbene un po' anomalo - come detto da qualcuno prima di me. Probabilmente sono io ad esser abituato ad ascoltare quella voce in un contesto (che ha fatto storia) diverso. Però anche qui le grandi canzoni ci sono e alcuni passaggi di Gillan sono mostruosi, penso alla malvagia Disturbing The Priest o al finale di Hot Line. Un 85 ci sta tutto.
Mauri66
Giovedì 4 Aprile 2019, 12.31.09
64
Non meno di 90! Dalla prima trascinante Trashed all'ultimo riffone di Keep it warm un susseguirsi di grandi pezzi. E Ian Gillan spacca di brutto!
Antonio Palmeri
Mercoledì 29 Agosto 2018, 13.09.30
63
Il mio disco preferito insieme a Heaven and Hell
mic
Giovedì 7 Dicembre 2017, 19.12.22
62
ogni tanto lo riascolto e puntualmente trovo ottima Zero, buona Disturbing, sufficiente Born. I restanti pezzi bruttini. Produzione scandalosa e voce fastidiosa, incredibile per me utilizzare questo aggettivo riferito al sommo GIllan. Eppure sul tubo ci sono delle registrazioni live dei Sabbath dal vivo con un GIllan che interpreta i classici in maniera magistrale.
Max1
Giovedì 23 Novembre 2017, 12.21.52
61
Ampiamente e ingiustamente bistrattato, ma secondo me uno dei migliori dell'era post-Ozzy!"
Sadwings
Giovedì 9 Novembre 2017, 11.07.12
60
Leggendo l'autobiografia di iommi non mi sembra che gillan fosse molto coinvolto nel progetto quindi pur avendo offerto una ottima prestazione io credo che l'elemento collante del tutto sia sempre stato Iommi. E non mi sembra che ozzy pur rispettandolo abbia mai dato un contributo compositivo nei black sabbath (sempre restando a quanto leggo nella biografia di iommi). L'unico che ha dato un contributo singificativo a livello compositivo mi sembra di capire che è stato il grande Ronnie (e forse anche tony martin).
gianmarco
Giovedì 9 Novembre 2017, 8.58.40
59
mi piace un sacco zero the hero .
Funy
Sabato 14 Ottobre 2017, 11.58.40
58
al di fuori di tutto...tecnicamente Gillan è superiore a Ozzy, che vi siate tutti invaghiti del macellaio senza mestiere è solo un impressione data dalle grandissime song prodotte nei primi anni 70.In un sound cupo e hard rock come il loro:ma cosa cazzo centra la vocetta di Ozzy?Forse un Peter Murphy o come faceva Hill degli High tide(che inventò la loro formula senza che nessuno gli riconosca il merito)ci sarebbero azzeccati di+...musica cupa e pesante per una voce che fà così da contrasto?Se solo Ozzy cantava su Canale Italia i sabati sera,tutti lo schifavate...bel disco non paragonabile a i primi 5,ma non male per niente e ancora borbottate.Belli quelli di Ozzy solista...autentico servo delle mode estetiche e musicali anni 80
Gilli1997
Lunedì 26 Dicembre 2016, 11.31.40
57
Deludente questo disco, molto. 50
DP
Mercoledì 7 Dicembre 2016, 13.56.01
56
vero Iommi.......senza fare banali paragoni con lo stile Ozzy , Ronnie Dio , Tony Martin etc che comunque faranno parte della storia Sabbath ma entrando nello specifico a prescindere dalla indubbia qualita' artistica del disco che ritengo un capolavoro a cui avrei assegnato un bel 99 ( non 100 a causa del pessimo missaggio ) la nota che emerge piu' di tutti e' la splendida performance vocale di Gillan . Alla non piu' giovanissima eta' e dopo aver sfruttato la sua voce per anni con i Deep Purple prima e la Gillan Band poi in Born Again raggiunge limiti tutt ' ora inarrivabili da chiunque , melodicamente straordinario e con un livello tecnico su acuti e controvoci eccelso . Una accoppiata devastante che dimostra come il singer si trovasse a suo agio nello oscuro groove della band . Come gia' accennato purtroppo ritengo tutto questo sue eccellere il canto del cigno , il suo testamento musicale...la vetta mai piu' raggiunta ( mi piange il cuore sentirlo con la reunion del 1984 fino ad oggi.....lasciamo stare ) da un cantante che da eroe indiscusso ha segnato una epoca del rock e ritenuto forse il piu' grande in assoluto .
iommi
Martedì 2 Agosto 2016, 13.51.50
55
Ripesco un mio vecchio commento con sui sono tutt'ora d'accordo. "Per me Gillan è perfetto per i Black Sabbath. Questa è la sua migliore interpretazione vocale. Born Again è una delle mie canzoni preferite in assoluto. L'unico problema di questo album è la produzione e il fatto che non è molto compatto. Nei miei sogni Ian Gillan era rimasto in formazione per almeno altri 2 album. Così avremmo visto bene come si sarebbero amalgamati. Un peccato perché è in questo disco che trovo il Ian Gillan che preferisco e che....ahimè non c'è più. Mi piace molto Ian Gillan nei Deep Purple dove ci sono canzoni meno impegnative per l'ugola,ma so che non sarebbe più in grado di eseguire dal vivo i pezzi incisi con i sabbath. La storia è orfana di uno o più seguiti a questo album dalle immense potenzialità. Questo è ancora un disco alla Black Purple. Con canzoni in stile gillan/purple più incattivite e malefiche,ma anche allegre e alcoliche. Avrei gradito un seguito che esplorasse il lato più metal oscuro e serio che questa formazione aveva in se. Mi sarebbe piaciuto sentire cantare Gillan su qualche pezzo scritto da Geezer Butler e mi sarebbe piaciuto sentire qualche tipico lento Sabbath cantato dall bellissima voce di Ian Gillan che non è e non era solo acuti. E mi sarebbe piaciuto sentire ancora quell'epicità commovente della title track Born Again dove Gillan raggiunge vette inarrivabili con un crescendo emotivo molto solido. Ps: A mio parere Ian Gillan era nei live migliore di Tony Martin in quanto aveva più personalità e cantava meglio di ozzy le canzoni del periodo ozzy (chissà che magnifico lavoro avrebbe fatto cantando oltre a Black Sabbath,davvero esagerata con lui alla voce,anche sabbath bloody sabbath,national acrobat e Spiral Architect) e reinterpretava in modo molto diverso e interessante Heaven and Hell. Purtroppo oggi nè Gillan, nè Martin sono più all'altezza del microfono dei Sabbath. Non senza incidere materiale nuovo e ispirato adatto alle voci che hanno ora. L'unico che si era mantenuto vocalmente in forma smagliante era Dio. Ora,dopo la sua morte,mai veramente mandata giù (a maggior ragione avendo percepito le grandi potenzialità che i rinominati heaven and hell avevano nel mondo di oggi) e dopo aver sentito il disco "13" che vede un Ozzy credibile dietro al mircofono solo in quanto l'intero album è stato scritto tenendo conto del fatto che ozzy non è più tanto un canante quanto un cantautore ed è stata usata come punto di forza la sua voce bassa e lunare (certo non potevan fare un disco come Sabbath Bloody Sabbath,sabotage e Tecnical Ecstasy oggi) .....beh...dopo aver assistito a tutto questo penso che per i balck sabbath in senso lato l'unico cantante tutt'ora all'altezza sia Glenn Hughes,vero e ultimo miracolato delle corde vocali ancora in vita. Gillan orami,ahimè,va bene solo per i Deep Purple (adoro l'ultimo Now What) e magari per una collaborazione ex novo con Tony Iommi che certo non sarebbe musicalmente un seguito dei Black Sabbath dell'83 che lo vedevano protagonista
Daniele
Venerdì 3 Giugno 2016, 21.49.24
54
Disco Bellissimo, Ian Gillan stellare, altro che Ozzy alla voce .. con tutto il rispetto per Ozzy e la storia dei B.Sabbath degli anni 70
Agnostico
Domenica 1 Maggio 2016, 2.04.07
53
I Black Sabbath sono il mio gruppo preferito,con qualunque formazione,quest'album denigrato da mollti mi piace moltissimo,ma la vera gemma è la title-track,provate ad ascoltarla in macchina da soli quando tornate verso casa da qualche serata ad alto tasso alcolico:...Consiglio a chiunque di ascoltare approfonditamente i Black Sabbath,hanno cambiato la storia della musica
Rob Fleming
Domenica 17 Gennaio 2016, 14.23.54
52
Un micro appunto alla recensione. GIllan non abbandonò il gruppo per contrasti con i compagni. Li lasciò perché nel 1984 doveva uscire Perfect Strangers...
Rob Fleming
Domenica 17 Gennaio 2016, 14.21.43
51
Per l'ultimo disco con Bill Ward (mai troppo celebrato) troviamo il più grande di tutti: Ian Gillan. Accoppiata stranissima quella tra quest'ultimo e i Black Sabbath, ma in grado di regalare all'ascoltatore momenti veramente eccelsi: Trashed, Born again, Keep it warm che è uno splendido connubio tra la carriera solista del cantante e le atmosfere nere dei Sabbath. E con la Deluxe Edition appena acquistata finalmente mi sono tolto anche la soddisfazione di ascoltare Ian alle prese con il repertorio di altri e come Iommi si cimentava con le partiture di Blackmore (in tournée mi pare si divertissero - ?!? - a rifare Smoke on the water). Anomalo e bellissimo 78
DP
Domenica 27 Settembre 2015, 13.04.30
50
sono in parte d ' accordo con il recensore. Dopo la grande curiosita' iniziale dovuta piu' che altro al nuovo arrivato ( non dubbi , i Sabbath sono sempre una garanzia ) riascoltandolo piu' volte mi rendo sempre piu' conto della sua grandezza....insieme a " Paranoid " e " Heaven and Hell " e' il loro capolavoro . Paradossalmente lo stesso indecoroso missaggio causa di innumerevoli discussioni lo rende affascinante evidenziando la cupa e ruvida maestosita' dei brani . Il sublime Gillan , quale grande maestro e interprete e' , si integra invece perfettamente nel Sabbath sound scatenando le sue ineguagliabili doti vocali con testi taglienti dando vita a magiche atmosfere paranormali....il resto della band assolutamente all ' altezza . Straordinario , epico e ineguagliabile " Born Again " e' per gli amanti del vero hard rock un disco assolutamente da avere a tutti i costi anche perche' rimane il canto del cigno di un vocalist che nei successivi Purple dell ' era moderna modifichera' profondamente e definitivamente il suo stile preferendo un sound piu' melodico ed esibendosi sempre meno in esplosioni al limite della ottava in linea con le sue nuove dinamiche vocali. Gli anni passano per tutti .
AirRaidSiren
Sabato 25 Aprile 2015, 20.03.26
49
Se unisci due grandi come Ian Gillan e Tony Iommi non può che uscire un grande album come questo,con delle canzoni davvero sstraordinarie come la title track, Zero The Hero, Disturbing The Priest e Trashed. Per me un disco da 85.
The Sinner
Venerdì 5 Dicembre 2014, 17.10.30
48
Questo album è fottutamente DARK...l'unica song che purtroppo smorza l'incedere tenebroso del lavoro è "Hot line"....siamo comunque di fronte ad uno degli album meglio riusciti di Iommi e soci !!
sadwings
Giovedì 6 Novembre 2014, 18.23.35
47
Un lavoro controverso per certi aspetti è vero che ha un suono molto oscuro, forse anche a causa di suono non perfetto, tuttavia non mi convince del tutto poichè lo trovo un in generale un album più di scena che di sostanza nonostante una delle ultime prestazioni memorabili di gillan. Infine ho sempre trovato interessante la passione di Iommi per i cantanti provenienti dalle file dei deep purple/Rainbow. 75
DP
Martedì 16 Settembre 2014, 16.26.59
46
e' pur vero che un Gillan cosi' non si e' piu' sentito e mai piu' lo sentiremo . Anche se la sua voce non gli rende giustizia a causa di un missaggio a dir poco scandaloso ( i miei primi demo degli anni 70 suonavano meglio) e' interprete di testi straordinari con estensioni vocali degni dei tempi d' oro dei Purple e in parte della Gillan Band.
matteo38
Giovedì 4 Settembre 2014, 13.38.40
45
a me piace un sacco ,forse solo la title track mi rimase ai tempi indigesta. il resto del disco si muove agevolmente fra hardrock e metal . disturbing the priest ha un riff che ha ispirato na marea di gente futura. ian gillan c'ha quel feeling blues che rende il tutto differente rispetto ai precedenti e che secondo me gli permette di cantare qualsiasi cosa. voto 80
Philosopher3185
Lunedì 10 Febbraio 2014, 15.56.16
44
Album interessante.Lo rivalutato dopo un po',devo ammetterlo. La voce di Ian gillan,non è proprio adatta ma comunque la sua prestazione è piu' che dignitosa...una sorpresa invece ritrovare uno Iommi che ripesca le atmosfere cupe e opprimenti del periodo ozzy,mettendo da parte(momentaneamente)le sonorità epiche dei dischi con Dio.
Giulio Scarchini
Venerdì 1 Novembre 2013, 20.32.13
43
Rispetto alla recensione correggerei solo il giudizio su Digital Bitch: malgrado ci abbia messo diversi anni per apprezzarla, conta oltre che su un'energia incalzante, su una sequenza assolo/bridge centrale di tutto rispetto e su un finale ferro-e-fuoco degnissimo! Disco registrato male, implacabilmente... peccato!
VomitSelf [swan lee]
Sabato 14 Settembre 2013, 18.11.53
42
Disco che non ho mai amato, anzi....tutt'altro! E penso che Gillan qui c'entri come i cavoli a colazione. Poi, boh, de gustibus. Resto fan dei primi 5 capolavori.
andrea
Lunedì 26 Agosto 2013, 22.55.57
41
Ozzy e' un po' sopravvalutato, l'ultimo disco con i Sabbath e' lento e noioso, Born Again riflette la qualita' dei mitici anni 80 e sono d'accordo con un commento precedente, avercene un seguito di Born Again!! Ho 42 anni e ascolto gli stessi dischi da 30 anni perche' il metal dopo gli eighties non si e' piu' rinnovato mentre invece quei dischi sono ancora validissimi. Ricordo quando comprai Born Again, all'epoca non potevo apprezzarlo in pieno ma oggi lo riascolto con tanto maggiore entusiasmo.
HellYeah
Lunedì 26 Agosto 2013, 17.39.42
40
Un bel disco, vero il problema produzione e sonorità ma vedere Gillan nei Sabbath è come vedere Stallone e Schwarzenegger sullo stesso schermo!
mixttli
Sabato 24 Agosto 2013, 16.04.31
39
ditemi se avete mai ascoltato una song metal cosi cupa e avvolgente come zero the hero su cui non c'e' stato nemmeno bisogno di inserire un assolo!!! per me questa song e' unica il suo ritmo cupo e potente un must...quanta nostalgia...
D.P.
Venerdì 21 Giugno 2013, 18.52.03
38
inizialmente Ian Gillan riteneva il disco ricco di grandi canzoni che avrebbero fatto la nuova storia dei Sabbath ma cambio' repentinamente parere una volta ascoltata la versione definitiva terminata la fase di missaggio (a cui non prese parte per impegni improrogabili) definendolo " vera spazzatura". In particolare (a suo giudizio) la sua voce era irriconoscibile . Questo fu' il fattore fondamentale (oltre alla imminente reunion dei Purple) che convinse il vocalist a mollare tutto, enormemente di spiaciuto. In effetti il missaggio non rende onore ad un disco che se ascoltato bene ha dei spunti notevoli (bellisime la tilte track e Disturbing The Priest). Ma pazienza, fa' parte del suo fascino. E pensare che Gillan fu' una seconda scelta : subito dopo la dipartita di Dio fu' interpellato Coverdale (Iommy suo grande ammiratore) che a causa di impegni contrattuali con i Whitesnake fu' costretto a rifiutare.
freedom
Sabato 20 Aprile 2013, 1.37.32
37
Disco meraviglioso. Gillan mette i brividi!
Lucien
Mercoledì 17 Aprile 2013, 19.09.55
36
Fantastico disco.....riascoltarlo oggi e' da brivido, sicuramente diverso dai sabbath classici ma appunto bellissimo perché unico!!!!
Lucien
Mercoledì 17 Aprile 2013, 19.06.51
35
Fantastico disco.....riascoltarlo oggi e' da brivido, sicuramente diverso dai sabbath classici ma appunto bellissimo perché unico!!!!
iommi
Mercoledì 3 Aprile 2013, 21.08.39
34
Per me é "IL DISCO DELLA GRANDE POTENZIALITA" : Gillan (che è un dio assoluto) era al massimo della sua forma e ce ne da prova con la title track (forse la mia Sabbath song preferita),ma hanno prodotto un disco che è effettivamente troppo corto,effettivamente ha qualche riempitivo ed effettivamente è mixato malissimo. Avrei dato un braccio per avere un seguito di Born Again. Poi vorrei esprimere un'opinione: le canzoni del periodo Ozzy sono cantate meglio da Gillan che da Ozzy "ai suoi tempi". Mai sentito una versione di Black Sabbath migliore di quelle del Born Again Tour. La ristampa mi ha fatto ulteriormente incazzare per aver escluso dal secondo cd live alcuni brani fondamentali reinterpretati magistralmente(da notare che Ian Gillan si era inventato una versione diversissima di Heaven and Hell che rendeva giustizia alle sue doti "acute")
Steelminded
Martedì 22 Gennaio 2013, 21.56.22
33
Io qualche disco di più nei Sabbath, l'avrei proprio gradito a Gillan... Da paura a mio avviso la sua prestazione in tutto il disco. L'urlo iniziale di Thrashed è tutto un programma. Evviva!
marmar
Martedì 22 Gennaio 2013, 21.29.25
32
Quando uscì mi misi quasi a piangere, il mio cantante preferito nei Sabbath, da non credere! In realtà fa piangere il missaggio, ma è un disco pieno di grandi canzoni ("Disturbing...", "Zero the Hero", "Trashed"), giusto mix tra il funambolico Gillan di allora e le sulfuree atmosfere di Iommi. Peccato meritava, miglior fortuna.
Francesco
Domenica 26 Agosto 2012, 16.59.54
31
Un ottimo album ingiustamente sottovalutato. Peccato però per la pessima qualità della registrazione.
paju
Domenica 1 Aprile 2012, 15.23.49
30
Grandissimo disco... da riscoprire assolutamente!!1 certo nn è il classico sound dei prim isabbath, ma la formula gilla-sabbath secondo me è vincente anche se è stata inconpresa. Ognuno poi ha i suoi gusti.Un po come Come taste the band deiPurple è un disco particolare.
leonardo
Domenica 5 Febbraio 2012, 19.07.17
29
title track epocale
luci di ferro
Mercoledì 28 Settembre 2011, 21.46.01
28
BORN AGAIN è un CAPOLAVORO ASSOLUTO, alla faccia dei detrattori. Questo album contiene un sacco di classici, che non vengono mai citati da nessuno, un(mistero) a cui io stesso non saprei rispondere........forse è Ian gillan ex(deep purple) ??? L'album parte alla GRANDISSIMA con Trashed c'è anche il videoclip in rete(you tube), MAGNIFICA Disturbing The Priest niente da dire a una songs del genere, se non inchinarsi per la bellezza. Zero the Hero inizia con uno strumentale dark-oscuro per lasciar spazio a un riff LEGGENDARIO di sua maestà TONY IOMMI. Digital Bitch - Born Again (molto melodica) - Hot Line - Keep It Warm sono una più bella dell' altra con riff di chitarra LEGGENDARI & SUBLIMI. Se nel'80 heaven and hell batteva blizzard of ozz per bellezza anche born again batte holy diver del ex(sabbath) Dio. Born again è una PIETRA MILIARE dell'HEAVY METAL 93/100
zimmer
Venerdì 19 Agosto 2011, 17.44.41
27
a me è sempre piaciuto (all'inizio un pò meno), e sarei stato curioso di vedere un eventuale seguito con I. Gillan...
BILLOROCK fci.
Martedì 26 Luglio 2011, 21.04.03
26
nel libro biografico di ozzy, cè un passaggio divertente in merito a questa copertina !! ( i ricordi mi sfuggono, ma pressapoco era cosi), il padre della attuale moglie di ozzy (sharon), per via di un litigio famigliare per questioni di soldi / contratti musicali, prendeva per il culo il buon ozzy, quando andava a casa sua a prendere i nipoti, gli mostrava la copertina dei black sabbath, dicendogli : dove sono i tuoi mostriaciattoli ??? w Ozzy
fabriziomagno
Martedì 26 Luglio 2011, 20.23.43
25
ho riascoltato il cd qualche giorno fa e preso dall'entusiasmo l'ho messo nell'ituns...continua a piacermi così come quando lo scoprii 15 anni fa
jek
Martedì 26 Luglio 2011, 20.17.06
24
Il disco è bello, le canzoni coinvolgenti, Gillan sempre un gigante i tre Sabbath sublimi, ma non sono i Black Sabbath, sono un'ottima e granitica Rock Band, io continuo a piangere DIO.
fabio II
Venerdì 22 Luglio 2011, 17.04.18
23
disco controverso, e non poteva essere altrimenti; 'Zero the Hero' è un vertice di tutta la produzione Sabs, letteralmente fantastica 65/100
Enzo
Martedì 24 Maggio 2011, 21.19.51
22
Adoro sto disco soprattutto per il suono,potente schiacciasassi e poi la voce di Gillan è divina!!!grandi Sabbath onore a Tony Iommi che ha sempre saputo adattarsi e adattare la sua musica ai vari cantanti che ha avuto!
B-DEEP
Domenica 17 Aprile 2011, 17.41.38
21
in merito al disco Ian Gillan ha sempre affermato : " Born Again che pure aveva ottime canzoni di hard rock ere ridotto a spazzatura. Quando sentii il missaggio finale non credevo alle mie orecchie era disgustoso,inascoltabile. Sembrava un demo registrato in una qualche trucida cantina da qualche orribile e sconosciuto gruppo rock". Lo ritengo comunque grandissimo e insieme a Heaven And Hell (gli amanti del periodo Ozzy non mene vogliano) il migliore disco dei Sabbath. Rock
Flag Of Hate
Sabato 16 Aprile 2011, 14.58.55
20
Disco ingiustamente sottovalutato, secondo me è stupendo. La voce di Gillan si adegua perfettamente al sound pesante e oscuro del disco, e il risultato è molto bello. 84/100
metal4ever
Mercoledì 29 Settembre 2010, 23.09.22
19
Come non quotarti Fabio!!!
hm is the law
Mercoledì 29 Settembre 2010, 21.26.28
18
Il cantante perfetto per i BS è e sarà sempre Ozzy!
iommi
Martedì 28 Settembre 2010, 18.11.57
17
Per me invece lGillan è perfetto per i Black Sabbath. Questa è la sua migliore interpretazione vocale. Born Again è una delle mie canzoni preferite in assoluto. L'unico problema di questo album è la produzione e il fatto che non è molto compatto. Nei miei sogni Ian Gillan era rimasto in formazione per almeno altri 2 album,peccato che non amasse molto il sound sabbath,perché è in questo disco che trovo il Ian Gillan che preferisco e che....ahimè non c'è più. Ora mi piace molto Ian Gillan nei Deep Purple dove ci sono canzoni meno impegnative per l'ugola,ma pezzi dei sabbath non potrebbe farne come un tempo. Ps: A mio parere Ian Gillan era nei live migliore di Tony Martin in quanto aveva più personalità e cantava meglio di ozzy le canzoni del periodo ozzy (ascolta Black Sabbth per credere) e reinterpretava in modo interessante Heaven and Hell. Purtroppo oggi nè Gillan, nè Martin sono più all'altezza del microfono Sabbath. L'unico che si era mantenuto in forma era Dio. Una volta perso lui ho paura che il meglio sia passato.
blackie
Venerdì 13 Agosto 2010, 23.33.15
16
a me il disco e sempre piaciuto il sound oscuro e canzoni ottime come zero the hero o born again ne fanno un buon album.mi fa un po strano vedere gillan con i black sabbath ma la sua prova per me e dawero buona.lo preferisco all ultimo periodo con ozzy(technical ecstasy e never say dye),forse il migliore degl album meno amati dei black sabbath
Electric Warrior
Giovedì 20 Maggio 2010, 17.53.14
15
Veramente un disco orribile (e come fan dei Sabbath per me è veramente un dolore esprimere ciò). Gillian grandissimo, ma le canzoni sono ripetitive ed è registrato veramente penosamente
pacho
Giovedì 3 Dicembre 2009, 14.23.50
14
e si!!! il rock mantiene vivi!!!! peccato che molti amici miei non gustano più come una volta!!! lemmy dice : ma se i motorhead erano il tuo gruppo preferito, perchè adesso non li ascolti più? il ragionamento va per estensione!!!!!!!! ma si! ognuno fa le sue scelte. a voi tutti rock on!!!
hm is the law
Giovedì 3 Dicembre 2009, 13.46.38
13
..io ne ho 48! Mitico pacho! Il rock mantiene giovani!
Raven
Giovedì 3 Dicembre 2009, 13.15.17
12
Ma grande Pacho!!! Rock on, e poi sfottono me che ne ho 42.....il rock non muore mai. Yes, BS, PFM , Area, J. Tull D. Purple, li trovi nel data base, (gliultimi 2 anche live report), B. Widow arriveranno
pacho
Giovedì 3 Dicembre 2009, 13.07.34
11
vorrei chiarire a scanso di equivoci che non dico queste cose per snobbismo(è che quest'anno per me scatta la campanella dei 60 anni!!!)....e quindi tutti questi gruppi anni 70(black sabbath,yes,black widow,pfm,area,weather report,jethro tull,vanilla fudge,deep purple ecc...)li ho visti dal vivo a quel tempo(ricordo ancora i black sabbath con ozzy a milano al teatro lirico,se la memoria non mi tradisce!!!!!)...bellissimo!!! rock on
pacho
Giovedì 3 Dicembre 2009, 12.31.58
10
ah!ah!ah!...beh! a me il cd continua a piacere....non cambierò certo la mia opinione!!!! è interessante vedere come ancora oggi si ragioni a compartimenti stagni(quello con questo e così via)....per quanto riguarda la nuova o presunta collaborazione tra iommi e gillan......non mi interessa (non ho voglia di ascoltare 2 fantasmi di se stessi...specialmente gillan che ormai è imbarazzante)......preferisco ricordare i miei eroi nel pieno del loro splendore,.penso(ma è una mia opinione personale e non la verità universale) che sia il modo più bello per onorare chi ha fatto la storia del rock(e non solo quella) concludo dicendo che è cmq bello trovare dei fan disposti al dialogo. rock on
AL
Giovedì 3 Dicembre 2009, 10.39.18
9
un album che proprio non mi piace... Gillan non c'entra coi BS
hm is the law
Giovedì 3 Dicembre 2009, 10.35.34
8
In questo caso caro pacho ci sta benissimo un latinismo: de gustibus. Beh sarai contento che si parla di una nuova collaborazione tra Iommi e Gillan
pacho
Giovedì 3 Dicembre 2009, 2.05.03
7
il miglior album dei sabbath di sempre.punto...inoltre dal vivo bev bevan (pur essendo un drummer di un'altra musica....completamente diversa), suonava egregiamente(meglio del mitico bill ward...fuori uso dall'acol...come testimoniano le pietose esecuzioni del disco in studio!!!!) gillan non ha mai cantato così bene come su born again(forse qui ha veramente tirato fuori i koglioni....cosa che non faceva dai tempi di in rock )....e si è anke fottuto la voce....visto che oggi è completamente afono(anzi poveretto non ne becca una!!!)...cmq io ho il massimo rispetto sempre per i sabbath e per le opinioni altrui. rock on!
Bathory
Mercoledì 1 Luglio 2009, 12.52.16
6
Un grande album rovinato da un pessima registrazione a da un Gillan inadatto al suond dei BS. Interessante l'ipotesi del recensore: forse con Ozzy sarebbe stato tutt'altra cosa
slide
Lunedì 29 Giugno 2009, 19.14.09
5
Lo trovo innaturale. Inadatta la voce di Gillan per le melodie Black Sabbath, tutto qua.
Syd
Mercoledì 1 Aprile 2009, 15.09.51
4
Sono d'accordo, questo è un album da riscoprire, anche se, come detto, i Sabbath hanno fatto sicuramente di meglio.
Raven
Martedì 31 Marzo 2009, 21.08.11
3
ziiiiro the herooooo
arkanoid
Martedì 31 Marzo 2009, 11.08.39
2
Mah... i BS hanno fatto di meglio
Savatage
Lunedì 30 Marzo 2009, 22.07.00
1
Bella rece per un grande disco. A me è sempre piaciuto pur condividendo le critiche mosse da HM
INFORMAZIONI
1983
Vertigo
Hard Rock
Tracklist
1. Trashed
2.Stonehenge
3. Disturbing The Priest
4. The Dark
5. Zero the Hero
6. Digital Bitch
7. Born Again
8. Hot Line
9. Keep It Warm
Line Up
Ian Gillan - voce
Tony Iommi - chitarra, flauto
Geezer Butler - basso
Bill Ward - batteria
Geoff Nicholls - Keyboards
 
RECENSIONI
68
s.v.
87
62
79
75
87
90
83
76
78
85
91
95
83
69
90
93
97
97
92
s.v.
ARTICOLI
22/06/2016
Live Report
BLACK SABBATH + RIVAL SONS
Hallenstadion, Zurigo, 15/06/2016
21/06/2014
Live Report
BLACK SABBATH + BLACK LABEL SOCIETY + REIGNWOLF
Unipol Arena, Casalecchio di Reno (BO), 18/06/2014
14/12/2013
Live Report
BLACK SABBATH
O2 Arena, Praga, 7/12/2013
12/06/2012
Articolo
BLACK SABBATH
I testi, seconda parte
14/05/2012
Articolo
BLACK SABBATH
I testi, prima parte
08/05/2012
Articolo
BLACK SABBATH
I Signori delle Tenebre
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]