Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Living Colour
Shade
Demo

In Vain (SPA)
IV
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

14/12/17
HAMKA
Multiversal

15/12/17
AVENGED SEVENFOLD
The Stage - deluxe edition

15/12/17
DIRGE
Alma | Baltica

15/12/17
AERODYNE
Breaking Free

15/12/17
DE LA MUERTE
Venganza

15/12/17
DSEASE
Rotten Dreams

15/12/17
ASKING ALEXANDRIA
Asking Alexandria

15/12/17
MATERDEA
A Rose for Egeria - Deluxe Edition

15/12/17
MISTHERIA
Gemini

15/12/17
NEIGE MORTE
Trinnt

CONCERTI

14/12/17
GENUS ORDINIS DEI + GIGANTOMACHIA
TRAFFIC CLUB - ROMA

15/12/17
MOLLY HATCHET
BLOOM - MEZZAGO (MB)

15/12/17
SPEED STROKE + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

15/12/17
ELVENKING + ANCESTRAL
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

15/12/17
IFMT WINTER FEST (day 1)
CENTRO GIOVANILE CA VAINA - IMOLA

15/12/17
DEFLORE + DISUMANA RES
ALVARADO STREET - ROMA

16/12/17
JOHN DALLAS + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

16/12/17
CADAVERIA + GUESTS
CRASH - POZZUOLI (NA)

16/12/17
ELVENKING
OFFICINE SONORE - VERCELLI

16/12/17
MICHAEL ANGELO BATIO & BLACK HORNETS
REVOLVER - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

Blind Guardian - The Forgotten Tales
( 5728 letture )
Pubblicazioni come The Forgotten Tales negli ultimi anni si sono moltiplicate nel panorama discografico internazionale. Sebbene abbiano poco da offrire a livello artistico, sono spesso utili alle band come “pausa creativa” e alle etichette per sfruttare il potenziale commerciale di qualche act al culmine della propria parabola ascendente. Questa raccolta di ri-arrangiamenti, cover e b-sides dei Blind Guardian rappresenta il perfetto compromesso tra due facce della stessa medaglia.

La tracklist si apre con due cover, Mr. Sandman del quartetto vocale femminile The Chordettes e Surfin' USA dei Beach Boys – troveremo più avanti anche Barbara Ann in medley con il rockabilly classic Long Tall Sally dei Little Richard – che non aggiungono nulla ai rispettivi originali in termini d'arrangiamento; discutibile la scelta di includere nel catalogo questi classici del rock 'n roll americano anni '60, soprattutto se pensiamo a quanto strida l'immagine sole, spiagge e fantasie hawaiiane dei ragazzotti californiani antesignani di Ricky Cunningham & Fonzie paragonata a quella fin troppo sobria di Hansi Kürsch.

Bright Eyes, dall'immaginifico Imaginations From The Other Side, è invece la prima di quattro tracce già pubblicate dai bardi di Krefeld e qui riproposte - alcune in acustico, altre in versioni per così dire più “sofisticate”. Il risultato generalmente è scadente; il semplice fatto che la propria musica peschi a piene mani nel folklore e nella tradizione medievale non autorizza a sedersi attorno ad un fuoco e rielaborare buona parte della produzione sotto quest'influenza. Tant'è che se si esclude Morderd's Song, le altre sono risibili (rasentano l'assurdo Lord Of The Rings e Black Chamber, dove sembra passare l'idea che gli originali fossero semplicemente da buttare, data l'assenza di modifiche sostanziali alla struttura delle canzoni).

The Wizard degli Uriah Heep e Spread Your Wings dei Queen confermano l'impressione di trovarsi all'ascolto di un album dove la band ha semplicemente aggiunto o tolto il gain alle chitarre (a seconda di quanto proponeva l'originale), con l'aggravante di prestazioni vocali più che mediocri – impietoso il confronto con Freddie Mercury. L'unica traccia degna di nota è To France, hit del 1984 di Mike Oldfield, la sola del lotto ad avvicinarsi per sonorità e atmosfere ai lavori dei Guardian. A completare la scaletta troviamo uno degli innumerevoli live dell'anthem The Bard's Song, A Past And Future Secret, ripresa paro paro da Imaginations..., e una versione “orchestrale” di Theatre Of Pain, da Somewhere Far Beyond, pezzo che già nella sua veste originale lasciava più di qualche dubbio.

The Forgotten Tales stupisce per la sua banalità, molto di più si poteva osare nella scelta dei pezzi e nei loro arrangiamenti, ma è forse troppo da pretendere per una simile uscita. Il mercato internazionale ne poteva sicuramente fare a meno, anche se per i fan irriducibili può considerarsi un cimelio da collezione.



VOTO RECENSORE
55
VOTO LETTORI
54.12 su 55 voti [ VOTA]
Togno89
Lunedì 14 Dicembre 2015, 17.38.43
24
eddai sù! ci sono delle buone cose. Neanche la sufficenza mi sembra esagerato. Sarà che è stato uno dei primi CD dei Guardian e ci sono affezionato
Name of Steel
Domenica 4 Marzo 2012, 3.46.54
23
In quest'album, tutti i loro pezzi ri-arrangiati sono (manco a dirlo) fantastici. Mordred's song fa venire i brividi; mette in risalto le qualità di Hansi molto più dell'originale e l'orchestrato dà la giusta atmosfera al pezzo. Qualcuno si lamenta dei pezzi come Surfin' in the U.S.A? Ba', smettiamola di fare i super metallari e facciamo un bel sorriso ascoltando questi classiconi del rock suonati dai Guardian. Spread your wings, fatta da loro mi piace molto (amo i Queen) e forse hanno addirittura messo qualche abbellimento in più, rispetto all'originale. Come la canta Kursch be'... è forte ma non è il suo genere, eh. To France si presta benissimo al loro stile: mi sembrava un loro inedito! Tutti i loro pezzi di questo disco li preferisco agli originali. 55 non dà giustizia a questa raccolta. Secondo me un 70 ci poteva stare.
Nightfall's Dream
Mercoledì 29 Febbraio 2012, 10.59.41
22
Il disco in sè non è un granchè anche perchè personalmente come detto nella recensione non vedo molta coerenza tra lo stile dei Blind Guardian e le allegre canzoncine da surfisti. Mordred's song la preferivo decisamente in Imaginations form the other side, tuttavia darei la sufficienza al disco solo per Lord Of The Rings (che nella versione orchestrale a mio parere è parecchio migliorato e molto più evocatico ed adatto a trasportare gli ascoltatori nelle magiche terre di Tolkien) e A Past And Future Secret (un pezzo magistrale che anche se non rinnovato o modificato è più che degno di far parte di una raccolta e in particolare per questo caso ne alza il livello generale semplicemente con la sua presenza). Alla luce di ciò VOTO: 62
Echoes
Sabato 11 Febbraio 2012, 14.50.36
21
A me piace tantissimo la versione di Lord of The Rings (molto più dell'originale). Voto troppo basso un s.v. serebba stato la cosa migliore
il vichingo
Martedì 13 Dicembre 2011, 15.36.41
20
55 a quest'album mi sembra una gran cazzata, viva la sincerità!!! Io avrei messo un furbo SV... e se proprio dobbiamo appiopare un voto, un 65 ci stava tutto!
Moonchild
Martedì 25 Ottobre 2011, 17.29.05
19
Non merita questo voto, come minimo un 65...
Finntrollfan
Mercoledì 21 Settembre 2011, 16.55.45
18
Dai, su.... non merita proprio per niente una bocciatura. La versione orchestrale di Lord of the Rings è un mezzo capolavoro ma ce ne sono anche altre di carine (Theathe of pain, Mordred's song).... voto ingiusto
Michele
Venerdì 10 Settembre 2010, 19.31.01
17
Suvvia,questo disco è ottimo per passare il tempo,e la versione ochestrale di Theatre of Pain mi piace ^^
fabriziomagno
Mercoledì 28 Luglio 2010, 1.39.10
16
questa raccolta m'è sempre piaciuta tantissimo...ricordo quando un sabato di 11-12 anni fa mi trovai al dylan dog di rimini a ballare surfin' usa e barbara ann per poi "scoprire" che erano i BG a suonarle. Ricordi di gioventù, ma ancora oggi il disco - di tanto in tanto - gira nello stereo. Come dice qualcuno "e fattela na risata!"
Paul the boss
Lunedì 28 Dicembre 2009, 14.44.00
15
vai tra... i gusti sono gusti
AL
Lunedì 23 Novembre 2009, 16.38.13
14
x Paul: penso di essere l'unico nel mondo a ritenere nightfall un disco discreto e niente più. ma non mi prende per nulla )
Paul the boss
Lunedì 23 Novembre 2009, 14.56.11
13
concordo con AL per S.V. anche se ha sparato una gran boiata dicendo che nightfall è da 70
AL
Mercoledì 29 Aprile 2009, 9.22.49
12
vista la particolarità del disco era più giusto dare S.V. secondo me...
Khaine
Mercoledì 29 Aprile 2009, 8.57.46
11
Sissi assolutamente, mica volevo dir quello... solo che di solito quando si apprezza una band si tende ad apprezzare con più semplicità i suoi lavori, quindi il fatto che tu abbia dato una valutazione negativa mi fa pensare a cosa potrebbe pensare di questo disco dei BG una persona che la band non la conosce affatto...
mithra
Mercoledì 29 Aprile 2009, 0.59.11
10
beh il fatto che mi piaccia un gruppo e che abbia a casa tutta la loro discografia non significa per forza di cose che li debba incensare per ogni scorreggia che fanno... per me critica costruttiva = onestà intellettuale, e viceversa ovviamente...
Khaine
Martedì 28 Aprile 2009, 23.32.03
9
IN effeti il discorso di filippo e renaz non fa una piega... più che altro, vedere una band come i BG valutati in questa maniera da da pensare, soprattutto se la valutazione negativa proviene da estimatori della band come renaz e pippo (io, che sono pure estimatore, la valuto in maniera positiva... ma sono uno contro due!)
Fuckimg
Martedì 28 Aprile 2009, 19.22.06
8
Brutto all'inverosimile
Renaz
Martedì 28 Aprile 2009, 18.45.05
7
ma sì è il solito discorso che tratto da tempo: quali sono gli album da 10/100, 20/100, 30/100, se già un 50 fa scalpore?
mithra
Martedì 28 Aprile 2009, 18.24.33
6
l'importante è che si capisca l'impressione (negativa) generale, il voto è abbastanza relativo... in effetti 55, 50 60 o 65 non fa molta differenza, anche perchè si dovrebbe parametrare il tutto ad un 100 di riferimento del genere (e già lì mi vien da ridere) e valutare di conseguenza...
Renaz
Martedì 28 Aprile 2009, 15.12.36
5
Beh io non gli avrei dato 55, ma l'analisi è comunque esatta...
Khaine
Martedì 28 Aprile 2009, 14.45.23
4
Madò ma son l'unico a cui è piaciuto sto cd
AL
Martedì 28 Aprile 2009, 14.13.06
3
album praticamente inutile ma ottimo per i collezionisti dei BG.
Renaz
Martedì 28 Aprile 2009, 0.40.10
2
Ebbravo FIlippo, c'hai azzeccato in pieno
NIkolas
Lunedì 27 Aprile 2009, 23.19.41
1
Recensione puntuale e inappuntabile. Discutibilissima la scelta dei brani, terribile Spread Your Wings, le poche volte che mi è capitato di ascoltarla sono dovuto correre ad ascoltare l'originale!
INFORMAZIONI
1996
Virgin
Power
Tracklist
1. Mr. Sandman (The Chordettes)
2. Surfin' USA (Beach Boys)
3. Bright Eyes (versione acustica)
4. Lord of the Rings (versione orchestrale)
5. The Wizard (Uriah Heep)
6. Spread Your Wings (Queen)
7. Mordred's Song (versione acustica)
8. Black Chamber (versione orchestrale)
9. The Bard's Song (live)
10. Barbara Ann / Long Tall Sally (Beach Boys)
11. A Past and Future Secret
12. To France (Mike Oldfield)
13. Theatre of Pain (versione orchestrale)
Line Up
Hansi Kürsch: voce, basso
André Olbrich: chitarra solista
Marcus Siepen: chitarra ritmica
Thomas Stauch: batteria
 
RECENSIONI
68
80
86
82
79
97
55
98
85
92
88
80
75
ARTICOLI
26/05/2017
Intervista
BLIND GUARDIAN
Inarrestabili bardi
10/05/2015
Live Report
BLIND GUARDIAN + ORPHANED LAND
Alcatraz, Milano, 05/05/2015
19/09/2012
Articolo
BLIND GUARDIAN
# 2 - La biografia
07/09/2012
Articolo
BLIND GUARDIAN
# 1 - La biografia
15/09/2011
Intervista
BLIND GUARDIAN
La parola ad André Olbrich
17/10/2010
Live Report
BLIND GUARDIAN
Roma, Atlantico, 12/10/2010
06/11/2006
Live Report
BLIND GUARDIAN
Alcatraz, Milano, 10/10/2006
16/06/2006
Articolo
BLIND GUARDIAN
Lo studio report
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]