Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ayreon
Electric Castle Live and Other Tales
Demo

Morningviews
You Are Not the Places You Live In
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/05/20
SINISTER DOWNFALL
A Dark Shining Light

25/05/20
TILL DIE
Ruthless

27/05/20
HELIKON
Myth & Legend

29/05/20
PARALYSIS
Mob Justice

29/05/20
BEHEMOTH
A Forest (EP)

29/05/20
GRAVE DIGGER
Fields Of Blood

29/05/20
CENTINEX
Death In Pieces

29/05/20
PALAYE ROYALE
The Bastards

29/05/20
SORCERER
Lamenting Of The Innocent

29/05/20
XIBALBA
Anos En Infierno

CONCERTI

29/05/20
RAIN + GUESTS (ANNULLATO)
BLACK DEVILS SPRING PARTY - S. GIOVANNI IN PERSICETO (BO)

29/05/20
NECRODEATH (ANNULLATO)
LEGEND CLUB - MILANO

30/05/20
MARK LANEGAN BAND (ANNULLATO)
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

09/06/20
PERIPHERY (ANNULLATO)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

10/06/20
IN.FEST
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO

12/06/20
SYSTEM OF A DOWN + KORN + GUESTS TBA (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

12/06/20
GUNS N` ROSES + GUESTS TBA (ANNULLATO)
FIRENZE ROCKS - VISARNO ARENA (FIRENZE)

13/06/20
AEROSMITH + GUESTS (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

16/06/20
STEEL PANTHER + THE WILD (SOSPESO)
ALCATRAZ - MILANO

16/06/20
DEATHLESS LEGACY
CRAZY BULL - GENOVA

Edguy - Vain Glory Opera
( 5759 letture )
Gli Edguy, che band. Sempre in prima linea, frizzanti, allegri e trascinanti. Caratteristiche non casuali che riflettono nella loro essenza l’animo goliardico e dinamico del frontman Tobias Sammet. Nata e cresciuta musicalmente nella cittadina di Fulda in Assia, vicina alle frontiere della Baviera e della Turingia, la formazione è arrivata in superficie nel 1992 sotto la guida di un giovanissimo Sammet, che all’epoca contava quattordici anni di vita. Il loro bizzarro nome deriva dal soprannome con il quale i ragazzi della band usavano chiamare il loro professore di matematica.

Le due demo registrate nel ’94 misero in mostra le abilità e la genuinità dei ragazzi e li aiutarono, l’anno successivo, a strappare un contratto importante con una casa discografica. Il loro primo album Savage Poetry, autoprodotto tra l'altro, non ottenne un grande successo e sarà rivalutato solamente dopo l'uscita del terzo album: Vain Glory Opera. Da quel momento in poi la strada volta in discesa per i giovani musicisti tedeschi che, negli anni a seguire, conquisteranno una posizione di rilievo nell'Olimpo del power metal.

Vain Glory Opera dicevamo: un album eterogeneo, spumeggiante e trascinante. Un power metal brioso, deciso e ispirato. Non le solite solfe trite e ritrite che oggigiorno infestano il mercato discografico. I brani di questo full-length sono di altissimo livello e denotano anche una certa destrezza con gli strumenti e possono vantare il contributo di maestri del calibro di Timo Tolkki, il quale ha anche prodotto il disco, e Hansi Kursh, storico cantante dei Blind Guardian, come guest star.

Spesso si sente dire che la classe non è acqua. Nel caso di Tobias Sammet e nel caso degli Edguy questo concetto è perfettamente attinente. Basta assaggiare alcune leccornie di questo album per rendersene conto. Until we Rise Again, How Many Miles, Out of Control potrebbero far scuola a tanti gruppi della scena attuale. Grinta, melodia e passione coadiuvano con la spiccata creatività di Sammet, una qualità colorata che porterà la band nel corso degli anni a raggiungere grandi traguardi. Ma del resto basta notare la quantità e il pregio delle uscite complessive del folletto teutonico per attestare la veridicità dell’affermazione. Prendete ad esempio il progetto Avantasia.

Adesso, rivolgendo una seconda esamina al disco, c’è da sottolineare la presenza della splendida ballad Scarlet Rose e della magica title-track che strizza l’occhiolino alle produzioni degli Europe degli anni ottanta. Inoltre non è da dimenticare la forte influenza che le zucche di Amburgo hanno avuto sulla band e sul giovane Sammet. L’allegria e la spensieratezza di alcuni brani riporta in auge le migliori composizioni degli Helloween direttamente dall’epoca d’oro dei due Keeper: Fairytale ne è una chiara dimostrazione. L’album nel suo seguito contiene altri estratti interessanti tra cui la granitica No More Foolin’, sviluppata tra riff massicci ed un chorus avvolgente, e l'azzeccata cover di Hymn degli Ultravox.

Ultimamente la band, sempre sotto la guida del buon Tobias, ha scelto di intraprendere nuove strade smorzando i toni, cambiando leggermente rotta. Rocket Ride ad esempio, uscito nel 2006, seppur allineandosi sui soliti binari stilistici, presenta sonorità molto vicine all’hard rock e decisamente più soft. Di tale stampo sono anche la prima parte della nuova creazione targata Avantasia - The Scarecrow- e l'ottavo album studio Tinnitus Sanctus che, in verità, hanno lasciato un po’ d’amaro in bocca agli affezionati delle vecchie produzioni.
Insieme ad altri e blasonati gruppi storici questa band fa parte di quella ristretta cerchia che ha saputo rendere nobile il power metal rilanciandolo ad alti livelli. Ed è proprio con questo terzo full-length che la carriera del gruppo subisce una decisa svolta in positivo, rivelandosi un fondamentale trampolino di lancio verso il successo e la notorietà.



VOTO RECENSORE
88
VOTO LETTORI
66.71 su 67 voti [ VOTA]
Valerio
Domenica 13 Ottobre 2019, 10.56.03
15
Ho inserito il disco nel lettore per la prima volta e sono rimasto di stucco: i brani catturano subito, potenti, travolgenti, non me lo sarei aspettato. La canzone “Out of control” da sola vale l’acquisto del disco. La title-track invece l’ho trovata interessante, anche se è una specie di incrocio tra “Galaxies” e “The hand of time“degli Stratovarius. Ottima l’idea delle collaborazioni per un gruppo agli esordi, l’aiuto giusto che unisce l’esperienza alla freschezza e all’ispirazione dei giovani teutonici…
HeroOfSand_14
Domenica 17 Settembre 2017, 15.49.48
14
Uno dei dischi più acclamati della band ma che non ho mai compreso fino in fondo, contiene grandi pezzi ma non indimenticabili, e lo dico da amante folle della band. Le migliori per me sono Walk On Fighting, Tomorrow (epica se si accetta il timbro di Tobi), Until We Rise Again e la classica Scarlet Rose, bellissima. La cover degli Ultravox è fatta benissimo ma rimane una cover, la titletrack è un must dei live e ci sta, bello cantare il ritornello ma non mi ha mai fatto impazzire. Stessa cosa per Out of Control, pur con un grande guest come Kursh. Preferisco Theater e gli altri album successivi, (quasi) tutti
manaroth85
Giovedì 5 Maggio 2016, 23.28.15
13
La titletrack e un capolavoro! Una delle canzoni più belle del power! Grande gruppo e ottimo disco voto95
Piè'
Lunedì 8 Febbraio 2016, 18.59.56
12
Si veramente come è possibile che questo album sia poco più che suffieciente?? Ma che problemi avete?
Nameless
Sabato 21 Novembre 2015, 21.04.08
11
Dio porco il voto lettori e qualcosa di indegno
Andrew Lloyd
Venerdì 20 Giugno 2014, 16.03.06
10
Vain Glory Opera fu uno dei dischi che non solo che consolidò il ritorno del Power avvenuto già 2-3 anni prima, in quell'esplosivo biennio che fu il 1998/1999, ma anche uno di quegli episodi che ti riportava ( roba rara) alla mente il sound "happy days" dei Keepers-Helloween. Senza dubbio influenzati anche da Gamma Ray e Stratovarius, tuttavia dal vivo gli ho sempre ritenuti noiosetti...
RocketTobi
Mercoledì 28 Dicembre 2011, 2.39.00
9
stupendo
Maurizio
Lunedì 19 Settembre 2011, 17.45.04
8
Accattivante, pomposo e potente. Più evoluto rispetto a Theater of Salvation, che comunque è un gran mattone power.
Radamanthis
Sabato 7 Maggio 2011, 18.33.17
7
Album molto bello! L'apice della loro discografia! Voto 95!
Rob
Martedì 28 Aprile 2009, 12.39.40
6
Pure a me dice un bel pò di cose!
master444
Sabato 25 Aprile 2009, 12.44.23
5
questo gruppo mi dice abbastanza
Renaz
Venerdì 24 Aprile 2009, 16.13.08
4
4!
Er Trucido
Venerdì 24 Aprile 2009, 15.19.35
3
Facciamo 3...
Hellion
Giovedì 23 Aprile 2009, 17.55.36
2
...allora siamo in 2, insignificanti!
maiden1976
Mercoledì 22 Aprile 2009, 15.19.13
1
questo gruppo non mi dice proprio niente...
INFORMAZIONI
1998
AFM Records
Power
Tracklist
01. Overture
02. Until We Rise Again
03. How Many Miles
04. Scarlet Rose
05. Out of Control
06. Vain Glory Opera
07. Fairytale
08. Walk on Fighting
09. Tomorrow
10. No More Foolin'
11. Hymn (Ultravox cover)
Line Up
Tobias Sammet - Vocals, Bass, Keys
Jens Ludwig - Guitars
Dirk Sauer - Guitars
Frank Lindenhall - Session Drums

Guests
Frank Lindenthal – drums
Ralf Zdiarstek, Norman Meiritz, Andy Allendörfer – backing vocals
Hansi Kürsch – additional vocals on tracks 5 and 6
Timo Tolkki – guitar solo on track 5
 
RECENSIONI
80
79
75
82
85
86
75
89
88
65
ARTICOLI
12/10/2014
Live Report
EDGUY + UNISONIC + STARCHILD
Live Club, Trezzo sull’Adda (MI), 07/10/2014
23/05/2014
Intervista
EDGUY
Il nostro segreto? Parlare e ascoltare!
15/10/2011
Live Report
EDGUY + KOTTAK
Alcatraz, Milano, 10/10/2011
29/08/2011
Intervista
EDGUY
Quattro chiacchiere con Jens Ludwig
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]