Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Nile
Vile Nilotic Rites
Demo

Prysma
Closer To Utopia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/12/19
HAXANDRAOK
KI SI KIL UD DA KAR RA

19/12/19
DAEMONIAC
Dwellers of Apocalypse

20/12/19
NEUROSPHERE
Anthem of the Lost - part I Nightwars

20/12/19
SUN OF THE ENDLESS NIGHT
Symbols of Hate and Deceitful Faith

20/12/19
EMBRYO
Misguided Legacy

24/12/19
THE BASTARD WITHIN
Better Dead Than Friends

27/12/19
CIANIDE
Unhumanized (EP)

09/01/20
WAR DOGS
Die By My Sword

10/01/20
RAGE
WIngs Of Rage

10/01/20
UNHERZ
Mainstream

CONCERTI

14/12/19
JINJER + GUESTS (SOLD OUT!)
MAGAZZINI GENERALI - MILANO

14/12/19
KNOCKED LOOSE + GUESTS
CS RIVOLTA - MARGHERA (VE)

14/12/19
LEAVES` EYES + SIRENIA + FOREVER STILL + GUESTS
REVOLVER - SAN DONA DI PIAVE (VE)

14/12/19
FOLKSTONE
DRUSO - RANICA (BG)

14/12/19
SAIL AWAY + ALLUME
ROCK HEAT - AREZZO

15/12/19
LEAVES` EYES + SIRENIA + FOREVER STILL + GUESTS
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

15/12/19
FOLKSTONE
DRUSO - RANICA (BG)

17/12/19
THE TREAD MANICS + GUESTS
KILLJOY - ROMA

18/12/19
SPECTRAL VOICE + EKPYROSIS
CIRCOLO SVOLTA - MILANO

19/12/19
BENEDICTION + DISTRUZIONE + BLOODSHED + NECROFILI
TRAFFIC CLUB - ROMA

Korn - Life Is Peachy
( 10972 letture )
L’angoscia che permeava il lavoro d’esordio dei Korn raggiunge una profondità ancora maggiore nel successivo album dal titolo enigmatico Life Is Peachy (la vita è come una pesca) pubblicato nel 1996.
La copertina è un ideale seguito di quella di Korn: vi è raffigurato un bambino che si specchia aggiustandosi la cravatta. Riflessa sullo specchio, però, c’è anche un’ombra minacciosa, ma il bambino evidentemente non la vede. Chi è quell’ombra? Non è una persona in senso reale, rappresenta i demoni, la sofferenza e il male insiti in noi.

Dal punto di vista musicale il sound si fa più oscuro, duro, cinico a supporto di testi che descrivono devastazioni interiori, alienazione, abusi subiti e perversioni personali: signori, prego, entrate nel mondo di Jonhatan Davis.

La breve track d'apertura Twist è uno dei brani più strani realizzati dai Korn ed eseguito dal vivo è davvero coinvolgente. Davis biascica come un invasato parole incomprensibili su un tappeto musicale duro come il marmo. I brani più significativi di questa ottima release (Chi, Lost, Swallow, Good God - a mio avviso la track più bella -, Mr. Rogers, No Place To Hide) sono caratterizzati da frequenti cambi di tempo, rallentamenti ed accelerazioni improvvise tese a creare sentimenti sempre contrapposti nell’ascoltatore e, in definitiva, a disorientarlo. Le chitarre sono abrasive, in continua incessante ricerca di suoni interessanti, supportate da un basso mastodontico molto distorto e da un’imponente batteria. Di assoli di chitarra non c'è traccia.
Meno significative nel complesso Wicked (una cover di Ice Cube con ospite il cantante dei Deftones Chino Moreno), Low Rider, altra cover stavolta dei War con un insolito Head alla voce, la funky bizzarra Porno Creep strumentale (rarità per i Korn) e Ass Itch che ha un inizio troppo simile ad uno dei cavalli di battaglia della band: A.D.I.D.A.S. da sempre eseguita dal vivo con il pubblico ad urlare a squarciagola il famosissimo ritornello "All day I dream about sex". Da sballo fatevelo dire da uno che ha avuto la fortuna di vederli dal vivo per ben tre volte!
K@#Ø%! è un pezzo che si evidenzia solo per il fatto di contenere volgarità.
La stupenda conclusiva Kill You è l’equivalente di Daddy, contenuta nell’album precedente, cupa, con aperture melodiche; si parla ancora dei ricordi angosciosi dell’infanzia: "L'unica cosa che voglio fare… (non sei la mia vera madre) E' ucciderti… (allora la colpisco e pugnalo e scopo) Vorrei! Che tu! Fossi morta! Adesso! Come… so Come posso piangere qualcuno che non ho mai amato? Come posso piangere qualcuno che non ho mai amato? Mai amato… Mai amato". L’interpretazione vocale è toccante. Il pezzo si conclude con una ripresa a cappella di Twist

Life Is Peachy è un album travolgente, abrasivo, cattivo che ripercorre sostanzialmente le linee musicali del suo monumentale ed inarrivabile predecessore inasprendole ancora di più.
Dal successivo Follow The Leader inizieranno in pompa magna le ricerche di ulteriori sperimentazioni e miscugli sonori, ma questo è un altro capitolo della storia dei grandi Korn.



VOTO RECENSORE
90
VOTO LETTORI
85.68 su 202 voti [ VOTA]
therox68
Martedì 24 Settembre 2019, 20.51.53
44
Solo un piccolo appunto; il titolo non andrebbe tradotto letteralmente dato che Peachy in slang significa very nice, very good, fine.
Area
Venerdì 7 Giugno 2019, 14.00.55
43
Secondo me non é bello come il primo disco, ma é comunque un classico del genere. L'ho rimesso su dopo tanto tempo, ma mi é venuto da skippare le tracce troppe volte. Purtroppo per lui é incastrato tra i loro due album migliori.
niccolò
Lunedì 23 Luglio 2018, 21.56.35
42
per WAR. Io avevo trovato sul vocabolario peachy "Soffice, delicata" quindi anche la vita è delicata nel senso che la vita è fragile può essere rovinata forse in riferimento agli abusi subiti da Jonathan.
Shadowplay72
Domenica 26 Novembre 2017, 16.21.05
41
Dopo l'omonimo cd questo altro capolavoro.ma comunque i korn non hanno mai fatto album brutti!
Demanufattura
Mercoledì 30 Agosto 2017, 17.21.58
40
Niente male, anche se l'omonimo resta il capolavoro di questo gruppo. 87/100
war
Sabato 19 Agosto 2017, 12.19.46
39
"la vita è come una pesca"... ma prima di scrivere recensioni, farsi un giro su un sito con dizionario e vocabolario inglesi? Così magari si evita di scrivere idiozie come questa... (per la cronaca, peachy significa "eccezionale, fantastico" in linguaggio idiomatico, quindi il titolo diventa un ironico "la vita è fantastica", non "la vita è come una pesca")
Tommaso calvino
Domenica 20 Novembre 2016, 15.02.27
38
Mi piace troppo sto disco. Duro, violento, secco e ruvido. 100
gianmetal
Domenica 12 Giugno 2016, 20.06.26
37
l'ho riascoltato dopo anni e anni,una meraviglia.Pero l'omonimo è insuperabile
Mirco Morgese
Sabato 16 Aprile 2016, 18.29.55
36
Mi è piaciuto parecchio, ma non è al livello dell'esordio per me... c'è comunque un abisso tra questo e l'esordio. Il suono della chitarra mi suona orrido, fosse stato fatto bene forse la differenza sarebbe stata poca. Voto: 82
Rob Fleming
Sabato 30 Gennaio 2016, 14.19.08
35
Stesso discorso fatto per il debutto
FrancuZzo
Mercoledì 5 Agosto 2015, 21.19.00
34
Secondo me appena appena inferiore al primo disco.Suoni molto cupi.All'epoca lo divorai voto 70
MauroBirra
Mercoledì 5 Agosto 2015, 19.34.19
33
Il mio preferito dei korn.
MauroBirra
Mercoledì 5 Agosto 2015, 19.34.15
32
Il mio preferito dei korn.
Birra artigianale
Sabato 1 Agosto 2015, 18.23.33
31
Il mio preferito dei korn.
Birra
Lunedì 27 Luglio 2015, 13.01.19
30
Il mio preferito dei korn.
simo
Lunedì 27 Luglio 2015, 12.15.04
29
Il mio preferito dei korn.
Maurone
Domenica 26 Luglio 2015, 19.03.08
28
Il mio preferito dei korn.
Mauroe20
Domenica 26 Luglio 2015, 18.07.15
27
il mio preferito dei korn.
Mauro
Domenica 26 Luglio 2015, 18.06.42
26
il mio preferito dei korn.
luiz
Lunedì 6 Aprile 2015, 18.45.57
25
Atmosfere a mio parere più scure rispetto all ' album d ' esordio,una vera perla del nu metal,voto 90!
Vulgar Puppet
Lunedì 26 Novembre 2012, 20.36.15
24
L'album dei Korn che preferisco. Lavoro pregevole, un disco che deve essere un must per tutti coloro che amano i Korn... Cattivo, grezzo.. Originale. Uno dei sei capolavori dei Korn, come detto a mio parere il loro picco. Voto: 93
Swan Lee
Domenica 25 Novembre 2012, 22.35.48
23
Per me, il loro capolavoro. Lo preferisco addirittura al bellissimo debut. Appena usci', questa musica era nuova, sperimentale, psicotica, vera...Peccato per come si sia involuta la storia dopo questo capolavoro..questo è per me un album da 100!
freedom
Venerdì 16 Novembre 2012, 12.48.34
22
Grazie fabio II, a dire il vero è stata la prima parola che mi è venuta in mente...
fabio II
Giovedì 15 Novembre 2012, 13.35.08
21
Ok, grazie freedom ( non ricordo se ti avevo già detto che hai il nick più bello del sito ) per la conferma.....si anche 'Follow' non è male...anzi; però preferisco quelli che ti ho menzionato in precedenza.
freedom
Giovedì 15 Novembre 2012, 13.24.20
20
Si si, era proprio lui che lavorava in un obitorio...sono d'accordo con te su Issues, un discone immenso, e anche Follow the Leader non scherza. Eh già, che bei tempi, ormai lontani...ora sembrano usciti da uno studio cinematografico di Hollywood, altro che Bakersfield!
fabio II
Giovedì 15 Novembre 2012, 12.30.50
19
Freedom delle relegioni ne ho pieni i coglioni già con quelle che ci sono adesso, però i primi due Korn sono grandi dischi ( per me molto bello anche Issues ); non ricordo quale componente della band, forse proprio Jonathan, lavorasse di notte in un obitorio; certo è che la musica sembra davvero composta ad immagine e somiglianza, eppoi provengono da Bakersfield, un posto orrendo tra Los Angeles ed il deserto, pieno solo di centri commerciali e pozzi petroliferi. Un luogo tetro anche nella California del sud
freedom
Giovedì 15 Novembre 2012, 12.09.56
18
Oh madonna santa...altri tempi, altri Korn. Disco che potrebbe dar vita ad una nuova religione per quanto mi riguarda (assieme al primo). Capolavoro assoluto, imperfezioni comprese. Voto 97.
JasonF
Mercoledì 14 Novembre 2012, 21.30.31
17
Bellissima recensione. Bellissimo disco. Purtroppo però i Korn di questo disco sono ormai lontanissimi da quelli attuali..
A.D.I.D.A.S.
Martedì 5 Giugno 2012, 17.51.41
16
altra pietra miliare, anche se non seminale come il debutto. l'atmosfera è lo stesso irrespirabile, ma si intravede un po' di luce in fondo al tunnel (porno creep, lowrider). voto: 95.
il vichingo
Sabato 3 Marzo 2012, 11.40.11
15
Ahha grande AdemaFilth! A quanto pare abbiamo tra noi un plurilaureato professore di grammatica italiana
AdemaFilth
Sabato 3 Marzo 2012, 11.06.23
14
@Jane's: illustre esperto dell'accademia della crusca, ci faresti l'onore di illuminarci sulle magagne linguistiche che dici di aver ravvisato nello scritto? Oh grande dignitario della magniloquenza, abbi pietà di noi e aprici gli occhi a cotanta saggezza che ci sfugge, beffarda della nostra ignoranza!
hm is the law
Sabato 3 Marzo 2012, 9.52.07
13
@ Giovanni: ti ringrazio, purtroppo qulacuno si sta divertendo ad abbassare il voto dei lettori senza avere il coraggio di argomentare perchè nemmeno sarebbe in grado di farlo. Ciao!
Giovanni
Giovedì 1 Marzo 2012, 12.11.49
12
Ottima recensione Fabio, come al solito!
hm is the law
Giovedì 1 Marzo 2012, 10.24.50
11
@ Jane's: il tuo commento è chiaramente un tentativo di provocazione; se hai voglia di fare la persona seria, fai considerazioni intelligenti tese ad approfindire la conoscenza dei Korn altrimenti spreca meglio il tuo tempo. Grazie..
Jane's
Mercoledì 29 Febbraio 2012, 21.42.47
10
Recensione potenzialmente più che dignitosa e non priva di spunti condivisibili. Il tutto, purtroppo, sprofonda inesorabilmente nel "cestinabile" in prossimità del "traguardo"...quando gli elementari rudimenti della grammatica italiana vengono mandati a puttane in maniera imbarazzante.
Master Killer
Venerdì 30 Dicembre 2011, 21.28.39
9
Capolavoro del NuMetal! e dei KoRn, peccato adesso :/
Franky1117
Mercoledì 26 Ottobre 2011, 14.04.45
8
la fotocopia dell'esordio, bello ma meno riuscito
MAIDEN 65
Lunedì 8 Agosto 2011, 8.21.19
7
Gran disco potenza allo stato puro e ho detto tutto .
arkanoid
Domenica 27 Giugno 2010, 20.26.15
6
Un disco duro come un macigno più estremo del predecessore. Capolavoro del nu metal!
YOUDESERVETODIE
Lunedì 14 Giugno 2010, 10.18.10
5
65? Bahahah. Questo disco è una perla. 95/100
Andrea70
Sabato 9 Maggio 2009, 13.30.22
4
Grande a me piace moltissimo
Stefano
Venerdì 8 Maggio 2009, 11.39.16
3
Molto bello ed oscuro ma un gradino inferiore al disco d'esordio
NoRemorse
Venerdì 8 Maggio 2009, 0.53.37
2
Una band che seguo tantissimo e di cui sono grande fan! Issues forse il loro capolavoro ma fino a Take a Look in the Mirror (compreso) la loro carriera è perfetta! Dopo due buoni album a mio avviso...ma bisogna essere un pò open minded per capirli (See You On The Other Side mi piace tantissimo!)... Che dire di questo dusco? Come evidenziato è leggermente inferire al primo album di debutto (LA STORIA del nu metal), ma siccome il primo è a livelli esagerati vuol dire che anche questo lo è! Grande album...il più duro da mandare giù a mio avviso...(per la pesantezza dei contenuti e per l'atmosfera generale che vi è dentro ovviamente) P.S.:il mio preferito è Untochables!
valereds
Giovedì 7 Maggio 2009, 21.19.43
1
la distorzione,la perverzione,la sofferenza,la rabbia,l'odio,la disperazionela ricerca della liberazione sicuramente i temi centrali del disco che Davis esprime con tutto se stesso.Un disco memorabile che segna un'importante evoluzione nel mondo dei Korn,un gradino fondamentale verso una sorta di perfezione che sfocia in Issues(oggettivamente bellissimo),una perfezione che è impossibile ripetere...
INFORMAZIONI
1996
Epic/Sony
NuMetal
Tracklist
1. Twist
2. Chi
3. Lost
4. Swallow
5. Porno Creep
6. Good God
7. Mr. Rogers
8. K@#Ø%!
9. No Place To Hide
10. Wicked
11. A.D.I.D.A.S.
12. Low Rider
13. Ass Itch
14. Kill You
Line Up
Jonathan Davis - voce, cornamuse, chitarra, batteria
Head - chitarra, voce
Munky - chitarra
Fieldy - basso
David Silveria - batteria
 
RECENSIONI
79
80
78
71
69
87
80
93
85
90
97
ARTICOLI
06/02/2015
Live Report
KORN
Atlantico, Roma, 02/02/2015
30/06/2013
Live Report
KORN + BULLET FOR MY VALENTINE + LOVE AND DEATH
Ippodromo delle Capannelle, Roma, 25/06/2013
03/07/2011
Live Report
KORN
Ippodromo delle Capannelle, Roma, 29/06/2011
27/09/2010
Live Report
OZZY OSBOURNE + KORN
Palasharp, Milano, 22/09/2010
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]