Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Iamthemorning
The Bell
Demo

Break Me Down
The Pond
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/10/19
PLATEAU SIGMA
Symbols - The Sleeping Harmony of the World Below

25/10/19
JOE BONAMASSA
Live at the Sydney Opera House

25/10/19
VISION DIVINE
When All Heroes Are Dead

25/10/19
ZONAL
Wrecked

25/10/19
EDELLOM
Sirens

25/10/19
RINGS OF SATURN
Gidim

25/10/19
EXMORTUS
Legions of the Undead

25/10/19
CREST OF DARKNESS
The God Of Flesh

25/10/19
STEVE HACKETT
Genesis Revisited Band & Orchestra: Live at the Royal Festival Hal

25/10/19
ANTHONY PHILLIPS
Strings of Light

CONCERTI

20/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Casa della Musica - Napoli

20/10/19
DEFLORE + MOLOTOY
WISHLIST CLUB - ROMA

20/10/19
NECROFILI + DISEASE
VILLAGGIO CULTURA - ROMA

22/10/19
CELLAR DARLING + FOREVER STILL + OCEANS
LEGEND CLUB - MILANO

23/10/19
FOLKSTONE
ORION - ROMA

23/10/19
PINO SCOTTO
MOB CLUB - PALERMO

25/10/19
MACHINE HEAD
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/10/19
INTER ARMA
LIGERA - MILANO

25/10/19
ARBORES AUTUMNALES FESTIVAL
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

25/10/19
FOLKSTONE
VIPER THEATRE - FIRENZE

OSI - Blood
( 3484 letture )
Atteso comeback a distanza di circa tre anni dal precedente Free, (vedi recensione http://www.metallized.it/recensione.php?id=1060 a cura del nostro Luca Chieregato Arakness), per gli OSI – Office of Strategic Influence - singolare creatura musicale che, a dispetto del background musicale dei suoi componenti principali e di almeno uno dei guests presenti nel Cd, si muove invece su coordinate principalmente elettroniche ed ambient appena imbarbarite dall’uso di alcune ritmiche più pesanti.

Gli OSI sono – per chi non lo sapesse – un progetto portato avanti dal duo Kevin Moore, (Fates Warning, Dream Theater, Chroma Key) Jim Matheos, (Fates Warning), che dopo essersi avvalsi in passato della collaborazione alla batteria di tale Mike Portnoy tanto per citare un nome, tornano ora assieme a gente del calibro di Gavin Harrison dei Porcupine Tree alla batteria , ospitando in un brano Mikael Åkerfeldt degli Opeth ed affidando il mixaggio a Phil Cagnotti, già vincitore di un Grammy.

Fatte queste premesse – e sempre riferendomi a chi non li conosce già – sarebbe lecito attendersi una realizzazione prettamente Prog Metal, ed invece Blood è un disco assolutamente lontano dai suoni delle band di provenienza dei soggetti interessati.
A farla da padrona è un’elettronica massicciamente usata, ma sempre in chiave soffusa, oscuramente onirica, maleficamente ipnotica, ed un cantato di Kevin Moore sottotraccia, apparentemente in maniera garbata, ma in realtà molto disturbante.
Tenendo da parte episodi come False Start - che mostra decisamente il lato più tipicamente Heavy del progetto – sono invece songs quali The Escape Artist e Terminal - rispettivamente primo e secondo pezzo dell’album – a comunicare maggiormente l’atmosfera generale del lavoro.

We come Undone è un piccolo compendio di come l’elettronica può e deve essere usata in questo ambito per non risultare soffocante nei confronti della forma-canzone pur ammantando il pezzo di un alone malato e lisergico-depressivo che la rende irresistibile per chi apprezza certe derive psichiche.
In Radiologue - uno dei picchi dell’album – emergono con maggiore chiarezza le radici dei musicisti interessati, mentre in Be the Hero si sente una certa influenza più o meno latente dei Porcupine Tree.
Ho poi decisamente apprezzato Microburst Alert a causa dell’uso di soluzioni sonore liquide, quasi impalpabili all’interno di uno strumentale che si integra benissimo col resto della tracklist, ed introduce poi a Stockholm, il brano in cui è all’opera Mikael Åkerfeldt.
Qui voglio aprire una piccola parentesi: tutti noi conosciamo il lavoro degli Opeth ed il cantato dell’interessato sia in clean che in growl, bene, avete anche voi l’impressione che in clean risulti uno dei cantanti più coinvolgenti di questo periodo?
Ecco, in questo brano ben costruito su di lui egli mostra il suo lato migliore interpretando magnificamente una canzone che colpisce l’anima.
A chiudere il tutto Blood, molto vicina alla produzione precedente.

Un lavoro che complessivamente soffre forse della mancanza dell’effetto sorpresa delle realizzazioni precedenti, ma che conferma la realtà OSI come una delle più interessanti all’interno di un sottosettore di difficile collocazione e certamente non mainstream.
Magari da ascoltare – lo consiglio – in cuffia ed in un ambiente isolato da rumori e disturbi di qualsivoglia genere ed assimilato lentamente con ripetuti ascolti per poterne apprezzare le numerose sfaccettature, ma che non mancherà di soddisfare i suoi acquirenti.



VOTO RECENSORE
76
VOTO LETTORI
49.57 su 28 voti [ VOTA]
JC
Domenica 15 Settembre 2019, 1.20.24
12
Amo tutti i dischi degli OSI, questo per me è da 90.
Luka 2112
Domenica 15 Settembre 2019, 0.41.00
11
Anche questo lavoro è stupendo certo non immediato, distante dagli abusati canoni del prog metal, ma di spessore assoluto.Gavin Harrison è il valore aggiunto .
Il Rettiliano
Lunedì 26 Giugno 2017, 21.20.14
10
Radiologue mi incanta...
Hahira
Lunedì 23 Novembre 2009, 14.15.53
9
Stratosferico, e la prima parola che mi viene in mente ascoltando Blood! Nn so se sia all`altezza dell`album precedente - Free! Ma posso dire con certezza, che il songwriting mi ha colpito profondamente! Nn c`è nient`altro da aggiungere! Il mio voto:95!!
Jimi The Ghost
Mercoledì 2 Settembre 2009, 20.43.33
8
ENTROPIA: "...misura la quantità di incertezza o informazione presente in un segnale aleatorio....ovvero il limite inferiore della compressione dei dati"[da Wiki]. Questo è Kevin, lontano dalla sua partiture trigonometriche musicali. Essere definito genere musicale:"inclassificabile" è il compimento cerebrale degli OSI. Un disco che non puo essere ascoltato senza creare la giusta confusione, l'incertezza,il dubbio in ognuno di noi "....dubitare e ricercare sono fondamentalmente termini sinonimi...poichè è un Processo attraverso il quale l’esistenza individuale matura la consapevolezza su Quella Assoluta" mantenento il dubbio,...."dubbio....è la cosa più bella che un uomo possa provare...."(A.Einstein). Questo è riflettere porta tutti noi ad elevarci sopra un mondo che ricerca l'assolutismo piattismo dell nostre menti. Ancora Grazie Raven per l'assolutismo incerto che fai apparire nelle tue recensioni. Buona filosofia a tutti. JTG
Raven
Domenica 17 Maggio 2009, 14.41.12
7
Altro errore di battitura, ragazzi, fin lì ci arrivo, prendetevela invece con la mia malefica collega che interferisce con metallized quasi quasi la affogo nella chimay.
Marco
Domenica 17 Maggio 2009, 2.13.51
6
Complimentoni x la recensione! P.S. Si scrive Theater non Theatre... ahi ahi
Simone
Venerdì 15 Maggio 2009, 19.49.51
5
Ehehehe ti capisco. Comunque ho ascoltato l'album e mi è apparso diviso da due contesti: una parte avant-grade e l'altra che si rifà al vecchio prog. Tutto sommato è ben fatto e sono in linea con quanto detto da te nella rece.
Raven
Venerdì 15 Maggio 2009, 18.19.20
4
Si, scrivere una rece in ufficio sotto lo sguardo tra l'incazzato e lo schifato di una collega solo perchè il pc serve per trasmettere il file delle presenze mensili alla sede centrale, induce in errori banali come quello sgli Opeth: incredibile, anteporre il lavoro ad una recensione per metallized, che tempi....che tempi.....
Arakness
Venerdì 15 Maggio 2009, 14.37.42
3
Ho tutti i tre dischi e concordo in pieno con Francesco. Blood, seppur discreto, è il più fiacco della discografia. Il primo Office of Strategic Influence resta inarrivabile, con un set di tracce sorprendenti, una ritmica prodigiosa (non per nulla c'erano Malone e Portnoy) e un mood psichedelico da manicomio. Poco da aggiungere al cameo di Mikael, al solito sopra le righe.
Simone
Venerdì 15 Maggio 2009, 14.27.06
2
Recensione allettante, cercherò di ascoltare quest'album al più presto. P.S. immagino sia stato un errore di battitura, comunque sono gli Opeth, non Ophet
Rob
Venerdì 15 Maggio 2009, 13.25.48
1
Non ho ancora ascoltato il disco... ma concordo pienamente sul discorso su Akerfeldt...
INFORMAZIONI
2009
SPV
Inclassificabile
Tracklist
1. The Escape Artist
2. Terminal
3. False Start
4. We Come Undone
5. Radiologue
6. Be The Hero
7. Microburst Alert
8. Stockholm
9. Blood
Line Up
Kevin Moore - Vocals, Keyboards and Programming
Jim Matheos - Guitars, Keyboards and Programming
Gavin Harrison - Drums
Mikael Åkerfeldt - Vocals in “Stockholm”
 
RECENSIONI
76
77
s.v.
ARTICOLI
21/06/2018
Live Report
CORROSION OF CONFORMITY
Santeria Social Club, Milano, 17/06/2018
29/11/2015
Live Report
CHILDREN OF BODOM + SYLOSIS + HELL`S GUARDIAN
Alcatraz, Milano (MI) , 24/11/2015
22/01/2015
Intervista
SYLOSIS
Cuori Passivi
08/07/2013
Live Report
NEUROSIS + UFOMMAMUT
Magnolia, Milano, 04/07/2013
21/07/2012
Live Report
WOLFMOTHER + BUD SPENCER BLUES EXPLOSION
10 Giorni Suonati!, Castello Sforzesco, Vigevano (PV), 10/07/2012
08/03/2012
Live Report
TEXTURES + SYLOSIS + DESTRAGE
Rock N' Roll Arena, Romagnano Sesia (NO), 02/03/2012
08/05/2011
Articolo
CHOOSING DEATH
L'improbabile storia del death metal - la recensione
25/04/2011
Live Report
MASTER + SOUTHWICKED + DESTROY THE OPPOSITION + GARAGEDAYS
Traffic Live Club, Roma, 20/04/2011
24/01/2003
Intervista
LOOSIN '0' FREQUENCIES
Parla Alessandro
14/01/2003
Articolo
LOOSIN 'O' FREQUENCIES
La biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]