Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

09/07/20
NUCLEAR WINTER
StormScapes

10/07/20
MICHAEL GRANT & THE ASSASSINS
Always the Villain

10/07/20
DAWN OF A DARK AGE
La Tavola Osca

10/07/20
TOKYO MOTOR FIST
Lions

10/07/20
REBEL WIZARD
Magickal Mystical Indifference

10/07/20
BLOODY HEELS
Ignite the Sky

10/07/20
SHINING BLACK
Shining Black

10/07/20
VISION DIVINE
The 25th Hour (ristampa)

10/07/20
ENSIFERUM
Thalassic

10/07/20
ENUFF Z`NUFF
Brainwashed Generation

CONCERTI

08/07/20
THE DEAD DAISIES (SOSPESO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

08/07/20
GUANO APES + LACUNA COIL (SOSPESO)
PARCO DELLA CERTOSA - COLLEGNO (TO)

13/07/20
KISS (SOSPESO)
ARENA - VERONA

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

29/07/20
DROPKICK MURPHYS
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

07/08/20
KORPIKLAANI
MONTELAGO CELTIC FESTIVAL - SERRAVALLE (MC)

07/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

Rainbow - Down To Earth
( 8531 letture )
Ritchie Blackmore, dopo la pubblicazione di Long Live Rock’n’Roll, cambia radicalmente la line up dei Rainbow.
Della vecchia formazione rimane solo il fido Cozy Powell: il nuovo cantante (che ha l'improbo compito di sostituire il grande Ronnie James Dio) è Graham Bonnet (dal look davvero improponibile ed ex The Marbles); al basso troviamo l’ex Deep Purple Roger Glover mentre alle tastiere Don Airey.
Un tale stravolgimento è spiegabile unicamente con l’intento del chitarrista di orientare il sound della band verso atmosfere più semplici e commerciali alleggerendo di molto i brani rispetto al glorioso passato.
L’obiettivo è chiaramente quello di cercare di far breccia nel mercato americano; le caratteristiche vocali di Graham Bonnet, a suo agio sia nel contesto di brani più hard che in quelli più leggeri, ben si addicono a questo scopo.

Nel 1979, a distanza di un solo anno dalla precedente release, i Rainbow pubblicano Down To Earth, prodotto da Roger Glover, che comprende otto brani.
L’iniziale All Night Long è un energico pezzo hard rock che varrà spesso eseguito nelle esibizioni live della band; il radiofonico refrain di Bonnet fa già ben capire l’antifona.
Eyes Of The World, aperta dal suono delle tastiere, poteva ben figurare in uno dei tre album in studio dell’epoca Dio: belli i riff e l’assolo di Blackmore.
No Time To Lose è un pezzo orecchiabile sorretto, però, da un efficace riff e da un ottimo lavoro della sezione ritmica.
Makin’ Love è una ballata venata di blues, tutto sommato si può considerare un melenso riempitivo del disco.
Since You Been Gone è una cover di Russ Ballard molto commerciale con un ritornello efficace che ti si stampa nel cervello per non andare più via. Si tratta del brano dell’album che ha avuto maggiormente successo negli U.S.A..
Love’s No Friend ha un andamento blues con in evidenza la voce di Bonnet e l’assolo di Ritchie.
Danger Zone e Lost In Hollywood sono due buoni pezzi tirati con una performance di spessore del duo Bonnet/Blackmore.
In evidenza in questa release il prezioso lavoro di tessitura delle tastiere di Don Airey.

Le sonorità epiche dell’epoca Dio sono ormai un lontano ricordo ed i brani, piuttosto semplici, permangono in perfetto equilibio tra melodia, blues e hard rock.
La chitarra di Blackmore è tagliente ed efficace come sempre ma al servizio di tracks, come predetto, con caratteristiche diverse dal passato.
La band, peraltro, non è ancora coesa e, già a partire dal successivo Difficult To Cure, vedrà l’allontanamento di Bonnet sostituito da John Lynn Turner (ex Fandango) le cui caratteristiche vocali porteranno il sound ancora di più lontano da quello dei primi favolosi album.
Nel complesso Down To Earth è un platter comunque buono, ben arrangiato ed ascoltabile che non apporta, tuttavia, nulla di significativo nell’universo rock.

Certo con Dio i Rainbow erano tutta un’altra cosa!



VOTO RECENSORE
73
VOTO LETTORI
68.04 su 69 voti [ VOTA]
Luka 2112
Giovedì 13 Giugno 2019, 23.56.28
26
Un disco bellissimo con un cantante fenomenale, dove un artista come Blackmore si esprime liberamene cercando altre strade non è necessariamente un male cambiare, C’è ne fossero oggi dischi così.
Emanuele
Sabato 6 Aprile 2019, 0.20.26
25
Che schifo di album.. Una svolta commerciale senza limite al peggio, ascoltare -per credere- i dischi con Turner.. Da qui in poi non saranno più i Rainbow e Richie ritroverà se stesso solo con Perfect Strangers
davide
Sabato 22 Dicembre 2018, 11.11.45
24
appena ascoltato adesso dopo tempo buon album 85 ci sta tutto
Aceshigh
Sabato 31 Marzo 2018, 18.25.57
23
Svolta commerciale sì, ma un gran bell'album lo stesso. Bonnet ha un timbro particolare ma a me è sempre piaciuto. Ci sono un paio di episodi sotto la media, ma Eyes of the World, Lost in Hollywood o All Night Long non si discutono. Voto 82
Fra
Martedì 2 Maggio 2017, 21.41.21
22
Eyes Of The World è veramente fenomenale.
Rob Fleming
Sabato 6 Febbraio 2016, 21.17.14
21
Il cambio di cantante si sente eccome anche se Eyes of the World, Love's no friend (figlia di Mistreated), danger zone e Lost in Hollywood sono degne del passato.80
windowpane
Venerdì 22 Maggio 2015, 20.35.16
20
Avercene di dischi commerciali come questo!
Francesco
Lunedì 20 Gennaio 2014, 0.02.15
19
Stevjoker: quest'album non è affatto inferiore a quelli con Ronnie James Dio.
Andy \\\'71
Mercoledì 29 Maggio 2013, 12.17.14
18
Come volevasi dimostrare.........Parole al vento.
stevjoker
Mercoledì 29 Maggio 2013, 11.47.53
17
Questo disco non è nemmeno lontanamente paragonabile a quelli con Dio non scherziamo proprio
Andy \\\'71
Mercoledì 29 Maggio 2013, 7.42.19
16
Come se la discriminante di un disco fosse la sua commercialità o meno......Commerciale poi,cosa vuol dire?Catchy una parolaccia....Io ascolto le canzoni,poi se son buone e mi piacciono ok,non mi domando se son troppo orecchiabili,se son corte,quindi facili,quindi banali e brutte......mah.......A volte,non capisco certi arrovellamenti.....
Andy \\\'71
Mercoledì 29 Maggio 2013, 7.27.46
15
Commerciale?Banale?Ma chissenefotte!Graham Bonnet rocker di razza,a me piace anche il suo periodo,adoro i Rainbow,e li adoro in ogni loro periodo,dove coi vari cantanti han dato il meglio!E Graham ci stà di brutto,ed ogni paragone ovviamente è fuori luogo,non sussiste in quanto ogni cantante è talmente diverso e talmente ha contribuito diversamente nell'economia della band in diverse ere che paragonarli,come spesso leggo è triste se non inutile!
Flag Of Hate
Venerdì 18 Maggio 2012, 21.03.10
14
Questo disco mi è sempre stato decisamente sulle palle, una ruffianata bella e buona, tutte canzonette da meno di 5 minuti pidocchiosi, sempliciotte e catchy. Simboleggia l'abbandono della magnificenza dei primi, bellissimi dischi in nome del guadagno facile dentro al mercato americano, quello "facilone" per antonomasia, appunto. Senza Ronnie i Rainbow non hanno ragione di esistere.
Filippo "Maninblack"
Mercoledì 15 Giugno 2011, 19.24.05
13
Un Album decisamente buono, Graham Bonnet al top ( purtroppo decimato dai troppi problemi di alcoolismo) Lost in Hollywood , Eyes of the World le migliori
hm is the law
Giovedì 31 Marzo 2011, 8.46.35
12
@ Alex Metalheart: infatti gli ho dato 73 che non è di certo un voto malvagio.
Alex Metalheart
Giovedì 31 Marzo 2011, 0.21.29
11
disco sicuramente commerciale che tuttavia ha dei contenuti abbastanza buoni, non è da sottovalutare, almeno a mio avviso
Ludwig
Venerdì 22 Maggio 2009, 21.34.48
10
Disco brutto fortemente commerciale i primi lavori erano nettamente migliori sotto tutti i punti di vista per me la rece si poteva chiudere così
Renaz
Venerdì 22 Maggio 2009, 17.03.29
9
Tranquillo, ogni cosa a suo tempo e nella sede appropriata! Stasera al Concilio delle Alte Sfere di Metallized discuteremo anche di queste cose. Fine OT
hm is the law
Venerdì 22 Maggio 2009, 17.00.30
8
Beh quì le righe sono 40 e cmq rivisto in che senso?
Renaz
Venerdì 22 Maggio 2009, 16.57.28
7
Lo "stile di 30 righe" andrà rivisto
hm is the law
Venerdì 22 Maggio 2009, 15.43.32
6
Rispondo a Ribbon premesso che il cantato di Bonnet, così come quello di Turner, non mi piace in assoluto proprio perchè ben attagliato per brani leggeri e semplici (quanto basta per carcare di vendere di più in America), nel particolare queta canzone è eccesivamente orecchiabile con un ritornello decisamente banale; il buon riff e la sezione ritmica efficace finisce per sollevarlo di tono. Per quanto riguarda la rece ritenuta un pò corta è nel mio stile non dilungarmi più di 30 - 35 righe per poi approfondire varie tematiche, come questa interessante della song No Time To Lose, in sede di commenti. Ciao Fabio
Ribbon
Venerdì 22 Maggio 2009, 14.56.30
5
Ma non si riesce a scrivere niente tra le virgolette per i discorsi diretti !!! Comunque intendi dire che "No Time To Lose" per fortuna ha un bel riff e un'ottima base ritmica, perché altrimenti una canzone orecchiabile di per sé non è bella?
Ribbon
Venerdì 22 Maggio 2009, 14.53.01
4
. E questo che intendi?
Ribbon
Venerdì 22 Maggio 2009, 14.48.43
3
Bella recensione...forse un po' corta...ma in effetti non c'è molto da dire: da questo album in poi i Rainbow cambiano totalmente faccia...comunque "HM is the law", vorrei che mi spiegassi una frase (non riesco a cogliere a quale apetto dai una sfumatura negativa): . Intendi dire:
Electric Warrior
Venerdì 22 Maggio 2009, 14.47.07
2
dopo l'uscita di R.J. Dio, i Rainbow non hanno più azzeccato un album....si salva solo qualcosina di Straight Between The Eyes
Andrea70
Venerdì 22 Maggio 2009, 13.01.51
1
Troppo commerciale per i miei gusti ma rimane un gran disco.
INFORMAZIONI
1979
Polydor
Hard Rock
Tracklist
1. All Night Long
2. Eyes of the World
3. No Time to Lose
4. Makin' Love
5. Since You Been Gone (Russ Ballard cover)
6. Love's No Friend
7. Danger Zone
8. Lost in Hollywood
Line Up
Graham Bonnet - Vocals
Ritchie Blackmore - chitarra
Don Airey - tastiere
Roger Glover - basso
Cozy Powell - batteria
 
RECENSIONI
79
75
75
71
69
73
83
90
100
86
ARTICOLI
28/07/2015
Intervista
BLACK RAINBOWS
Lysergic Acid (he)art
11/03/2015
Live Report
BLACK RAINBOWS + WEDGE + ELECTRIC SUPERFUZZ
Init, Roma, 06/03/2015
17/03/2014
Intervista
BLACK RAINBOWS
Fuzz Nation
09/02/2014
Live Report
CHURCH OF MISERY + BLACK RAINBOWS
Init, Roma, 05/02/2014
13/05/2010
Intervista
BLACK RAINBOWS
Rock inglese d'Italia
14/03/2010
Live Report
AIRBOURNE + BLACK RAINBOWS
Una serata all'insegna dell'Hard Rock
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]