Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
I Black Sabbath on stage!
Clicca per ingrandire
Black Sabbath
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

CONCERTI

19/11/17
CRIPPLED BLACK PHOENIX + EARTH ELECTRIC + JONATHAN HULTEN
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

19/11/17
ROCK TOWERS FESTIVAL
ESTRAGON - BOLOGNA

19/11/17
BACKYARD BABIES + GUESTS
LAND OF FREEDOM - LEGNANO (MI)

19/11/17
SOULS OF DIOTIMA
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

Black Sabbath - Master Of Reality
( 15232 letture )
Prodotto da Rodger Brain, nel luglio 1971 viene pubblicato Master Of Reality, terza prova in studio dei Black Sabbath; il titolo (Padrone Della Realtà) si riferisce chiaramente agli effetti allucinogeni provocati dall’uso di stupefacenti. L’album segue cronologicamente gli immensi Black Sabbath e Paranoid, entrambi dischi seminali nella storia della musica rock e metal. Master Of Reality non deluse le aspettative dei fan entrando subito nella top ten statunitense.

Nel lontano 1965, a seguito di un incidente sul lavoro, la mano destra del giovane Tony Iommi subì danni permanenti; per tale motivo l’artista fu costretto ad utilizzare delle protesi ed abbassare l’accordatura della chitarra al fine di rendere più semplice l’utilizzo dello strumento musicale: fu grazie a tale accorgimento che si debbono i riff lenti, ossessivi, oscuri e pesanti di cui sono pregni gli album del gruppo e, in particolare, questa release diventerà uno dei lavori più influenti del genere doom metal. Alcuni colpi di tosse di Iommi introducono la stupenda Sweet Leaf, dotata di un riff portante straordinario (uno di quelli che ti si ficcano nel cervello per non andare più via per intenderci meglio) e di un testo che parla -in positivo è ovvio!- della droga (il titolo tradotto, infatti, significa Dolce Foglia).
Entriamo in atmosfere decisamente più sinistre con la successiva After Forever:

Hai mai pensato alla tua anima -può essere salvata?
O forse pensi che quando sarai morto il tuo soggiorno sarà la tomba
Dio è solo un pensiero nella tua testa o è una parte di te?
Cristo è solo un nome che hai letto in un libro quando eri a scuola?


Il brano è piuttosto composito: inizialmente dinamico, poi rallenta (da evidenziare un riff da sballo partorito dal grande Iommi), quindi prosegue alternando giri di chitarra alle parti più dinamiche dell’inizio: l’effetto finale è decisamente stupendo!
Molto suggestivo l’uso della chitarra acustica nella brevissima strumentale Embryo, che ha praticamente il compito di introdurre Children Of The Grave, uno dei brani più famosi del quartetto di Birmingham, caratterizzato da un incedere pacato, possente, molto groovy, e da un efficace lavoro della sezione ritmica; vero cavallo di battaglia nelle esibizioni dal vivo del gruppo (anche delle future formazioni) trattandosi di un brano che ha fatto sempre gran presa sul pubblico.
Orchid è un altro pezzo strumentale acustico di Iommi, un po’ più lungo stavolta, molto rilassante ma è solo una pausa perché la seguente dura Lord Of This World desta violentemente l’ascoltatore; una canzone in puro stile Sabbath dalla ritmica perfetta e potente con un grande Ozzy alla voce.
Domina la disperazione nella lunga e nostalgica Solitude caratterizzata dal suono del flauto di Tony Iommi. Il testo parla di un amore che non c’è più e della malinconia causata dal suo ricordo; musicalmente si tratta di una triste ballata dai contorni vagamente doom sorretta dalla bellissima voce di Ozzy Osbourne (ricorda le eteree atmosfere di Planet Caravan contenuta in Paranoid).
L’album si conclude con un altro pezzo forte, l’esplosiva Into The Void, che sarà ripresa anche dai Kyuss, infarcita di riffs superbi di grande spessore compositivo con un eccelso Bill Ward alla batteria.

Album profondo, intimo e diverso nella sua essenza dai lavori precedenti, Master Of Reality è un grandissimo disco sia a livello musicale che lirico: il pathos è assicurato anche grazie all’uso intelligente delle tastiere, il trio Iommi/Butler/Ward funziona a meraviglia nel contesto di ritmiche sempre azzeccate e la particolare voce di Ozzy si attaglia perfettamente allo stile della band: in definitiva terza release, terzo caplavoro...

...e non sarà l’ultimo.



VOTO RECENSORE
97
VOTO LETTORI
88.16 su 204 voti [ VOTA]
diego
Martedì 14 Novembre 2017, 19.35.35
64
il mio preferito 100!!!! Children of the Grave è un capolavoro
Hagen
Martedì 10 Ottobre 2017, 6.01.36
63
Io li preferivo con Di'Anno (?)
Suarez
Lunedì 9 Ottobre 2017, 23.02.38
62
Già questo lavoro é troppo radio friendly
Suarez
Lunedì 9 Ottobre 2017, 23.01.52
61
Da quando se n'è andato Bon scott si sono snaturati troppo...troppo commerciali per i miei gusti
duke
Lunedì 9 Ottobre 2017, 22.19.03
60
100.....disco che ha fatto la storia del metal!da avere ed ascoltare ad oltranza!
mad
Venerdì 4 Agosto 2017, 20.39.04
59
Immenso. Sembra uscito oggi. Goduria . 100 pieno
Psychosys
Venerdì 16 Dicembre 2016, 21.50.15
58
Ma quante mani aveva esattamente Bill Ward? Voto 93\100
rocco siffredi
Sabato 3 Dicembre 2016, 0.11.04
57
IMMENSI.
Lemmy
Venerdì 2 Dicembre 2016, 23.15.11
56
Uno dei più grandi album della storia del metal, e Iommy si conferma un assoluto fuoriclasse, un tocco e un gusto assolutamente unico, sia negli intro che in generale nella strofa entra la magia heavy rock della maestria iommiana, di solito nella particolarità personalissima con power chord binote, più mobile di quelli a tre note e speso con la fondamentale sulla quinta corda e a volte l'accordo percussivo lo fa cadere sul secondo movimento di battuta di solito con l'ausilio di un barrè sul nono tasto, facendo dominore e affermare in tal modo la terza maggiore dell'accordo.Iommy è unico, magia pura.100 netto.
Mulo
Venerdì 2 Dicembre 2016, 22.58.35
55
Eccellenza in musica,le schitarrate di after forever sono 10 anni avanti (x non parlare del suono di chitarra),ma anche il resto fa paura. Sono gli Dei della musica. 100/100 secco.
John Ross
Martedì 15 Novembre 2016, 21.58.17
54
Album eccezionale e attualissimo. Ottima anche la recensione, anche se ci sarebbe un aspetto di MOR su cui ritengo essenziale insistere un po', ed è quello dei testi, il vero passo avanti rispetto ai due album precedenti. Niente più tematiche fantascientifiche (si vedano Planet Caravan e Iron Man) né fantastiche (Fairies Wear Boots), solo un grande realismo ed una profondità che testimoniano la completa maturazione di un gruppo che, adesso come allora, può vantarsi di avere ben pochi rivali. Leggere per credere!
MetallaroRosso
Sabato 22 Ottobre 2016, 21.38.04
53
voto 100, uno dei dischi con cui mi sono approciato all'Heavy metal.
Il Marchese Del Grillo
Mercoledì 24 Agosto 2016, 19.08.27
52
E anche il mio!!!!
hermann 60
Giovedì 9 Giugno 2016, 17.39.04
51
Fotocopiate il commento di black e avrete il mio
black
Sabato 30 Aprile 2016, 3.22.34
50
Voto semplicemente 100, non c'è niente da dire tranne che la sola children of the grave vale il prezzo del disco!
matteo d'errico
Domenica 10 Aprile 2016, 10.40.18
49
Forse poco conosciuto dal grande pubblico ,ma apprezzatissimo dai più informati, giustamente Metallized lo indica come 3° capolavoro. Il gruppo era in stato di grazia e qui lo dimostra in modo esemplare. L'atmosfera è più light,ma la voce di Ozzy è talmente unica che hai l'impressione di ascoltare una cover del 1°... Invece qui i ritmi si srotolano più agili, incalzanti e senza la suspence del 1°. Non è monocolore, ma eclettico e ricco di sorprese. Le maldicenze circa l'abilità dei musicisti affondano tra le onde create dalle 10 corde di Iommi e Butler e dalle bacchette di Ward, sempre in perfetta sintonia, che trascinano il pubblico all'applauso libera -torio... Sfido a trovare un brano meno bello di altri. La scelta non è possi -bile. Album compatto ,di rottura ,altamente rappresentativo dello stile B.S. Però si distingue uno slow, come risposta agli slow delle altre band: ognuna ha il suo . Qui c'è Solitude che crea una pausa soft tra i ritmi pressanti e travolgenti . Se poi riuscite a vederli live,allora tutto vi risulterà più chiaro.Voto 96,solo perchè non è pietra miliare .
Rob Fleming
Domenica 17 Gennaio 2016, 14.10.23
48
La novità consiste in due schegge acustiche: Orchid ed Embryo che svelano un lato di Iommi ancora sconosciuto. Ma tanto, questo è il disco di Children of the grave. E con questo potremmo aver detto tutto. Ed invece ci sono anchora Solitude (che gli Ulver rifaranno in maniera eccelsa. Ed il cerchio si chiude) e le "canoniche" - nei suoni catacombali non nella qualità - Sweet leaf, After forever, Lord of this world e Into the void. Peraltro, le liriche di After Forever sono fantastiche; ha un testo bellissimo che gli Stryper manco si sognano. Alla faccia di chi ha sempre considerati metallari satanisti... Voto 95
MetallaroRosso
Domenica 15 Novembre 2015, 22.05.12
47
album eccezzionale brani come Sweet Leaf e Children of the Grave pongono le basi per la nascita dell'Heavy Metal.
Alexi Laiho
Giovedì 12 Novembre 2015, 14.58.03
46
L'ultima frase della recensione ha detto tutto. Children of the Grave è semplicemente arte, una delle mie canzoni preferite in assoluto, che quasi oscura i comunque capolavori Sweet Leaf ed Into the Void. 96
VecchioThrasher
Venerdì 2 Ottobre 2015, 16.55.05
45
Che album ragazzi...tra Paranoid,sabbath bloody sabath la storia del heavy metal metto anche Black sabbath...capolavori!
unknown
Venerdì 2 Ottobre 2015, 16.09.58
44
Con il tempo ho perso molte certezze, credo che sul doom e sullo stoner i tanto bisfrattati U.SA. in realta' non erano per nulla estranei a queste sonorita' ben prima dei loro odiati cuginetti inglesi, credo che nomi come Grand Funk Railroad, Dust eSir Lord Baltimore la sapessero lunga, molti moltiddimi dubbi mi si addensano sullo scetrro detentore dei Sabbath, o almeno se si intende come unico ed esclusivo.Comunque un gran bel disco.
_KiNG_
Venerdì 2 Ottobre 2015, 11.03.45
43
E' un album stupendo anche se devo ammetterlo, non mi ha preso da subito rispetto ai precedenti ''Black Sabbath'' e ''Paranoid'', insuperabili a mio parere.
Steelminded
Venerdì 15 Maggio 2015, 0.36.49
42
Un godimento ancestrale - coloro che in un colpo inventarono tre generi musicali, heavy, doom e stoner... Immenso album, probabilmente il loro migliore, 100 secco, con altri 4 o cinque immediatamente sotto a 99. Immortali Sabbath, quando il talento e la musica sgorga dalle vene a profusione, non può essere altrimenti. All right now, wont'you listen? Evviva!
RockyFra
Giovedì 7 Maggio 2015, 3.56.57
41
Sweet Leaf: 9; After Forever: 8; Embryo: s.v; Children of the Grave: 10; Orchid: 8; Lord of This World: 10; Solitude: 10; Into the Void: 9; Voto Album: 9.5
giuseppe
Mercoledì 14 Gennaio 2015, 14.13.33
40
questo per me è l'ultimo dei loro migliori album voto sempre 100 e lode!!!
Philosopher3185
Mercoledì 17 Dicembre 2014, 21.28.03
39
La storia....ho detto tutto.
Beta
Venerdì 1 Novembre 2013, 20.53.27
38
Invece la mia preferita è proprio After Forever, seguita da Lord of this World in ogni caso tutto il disco è un capolavoro, fare una classifica dei brani è impossibile! favoloso
Giulio Scarchini
Venerdì 1 Novembre 2013, 20.40.41
37
Amo l'intero disco; traccia meno immediata l'incredibile After Forever, la mia preferita Into the Void!
Philosopher3185
Martedì 23 Aprile 2013, 18.02.55
36
Che album pesante.qui' ci sono proprio i vagiti del doom metal
marmar
Martedì 22 Gennaio 2013, 21.34.12
35
Il mattone decisivo nella splendida carriera dei Sabbath, dopo le due gemme iniziali era difficile ripetersi, ma loro l'hanno fatto. "Sweat leaf" è nera e appiccicosa come la pece, "Children..." una sinfonia, "Lord..." l'essenza dei Sabbath. Della serie, non c'è due senza tre!
Matocc
Venerdì 18 Gennaio 2013, 21.30.30
34
ho un debole per Sabbath Bloody Sabbath ma se dovessi dire qual è il migliore dei BS probabilmente direi questo: è completo, non ha una nota fuori posto e soprattutto contiene Children of the Grave (ogni volta che sento le tecche che tira Butler col suo basso mi vengono i brividi e mi esalto come un pazzo). poi la tosse campionata e il riff della stupenda Sweet Leaf, After Forever, Lord of This World... per non parlare di Solitude che è una gemma magnifica. CAPOLAVORO
Precision88
Venerdì 18 Gennaio 2013, 13.21.56
33
Il mio disco preferito dei Sabbath, oscurità allo stao brado. PEr me con questo disco hanno detto " fino ad oggi abbiamo giocato, ora nasce il Metal"
TheRamonesFan
Lunedì 10 Settembre 2012, 14.56.59
32
Voto giustissimo! "Solitude" è forse il brano che preferisco, ma adoro anche "Children of the Grave".
blackie
Giovedì 6 Settembre 2012, 13.08.19
31
100!capolavoro assoluto!
AL
Martedì 31 Luglio 2012, 15.38.56
30
grandissimo album! 90 a occhi chiusi!
testadibue
Giovedì 26 Aprile 2012, 7.41.18
29
Voto dei lettori ridicolo. 100 chiaro come il sole a mezzogiorno.
jek
Sabato 21 Aprile 2012, 13.29.34
28
Non avevo ancora commentato questo ennesimo capolavoro? Rimedio: ribadisco che i primo 5 dischi dei Sabbath sono la storia e non possono mancare in una in una discografia. Il voto dei lettori è il solito scherzone.
The Sinner
Venerdì 2 Marzo 2012, 15.35.34
27
Il miglior lavoro dei Sabbath con Ozzy in formazione !!! Un must !
fabio II
Lunedì 13 Febbraio 2012, 14.48.10
26
Ciao Lizard, assolutamente,per me è IL disco dei Sabs; pensa se fosse stata inserita 'Planet Caravan' a spezzare l'egemonia della saturazione electric/doom!! PS: se non la conosci ascolta 'Weevil Woman', poi ci risentiamo, se vuoi, per commennti ulteriori
Lizard
Lunedì 13 Febbraio 2012, 14.42.40
25
Disco allucinante, il mio preferito, anche se per i Sabbath si tratta di cuore e per me è impossibile scegliere. Ma questo è... Perfetto.
fabio II
Lunedì 13 Febbraio 2012, 14.37.43
24
Visto cos'è capitato all'hard rock negli anni successivi, 'M.O.R.' è uno dei lavori più influenti di sempre. Nella versione de luxe c'è un'inedita, Weevil Woman' 71, che è seplicemente stratosferica; il riff, di Mr riff Iommi, è ancora in grado oggi di scavare il solco; modernissima- accompagnata un coro superfreak. Non conoscevo, ascoltata a fine settimana, sono rimasto a bocca aperta
freedom
Martedì 10 Gennaio 2012, 0.26.44
23
Io gli avrei dato 100 con gli occhi chiusi. Questo è il metal prima del metal. Il miglior disco dei Sabbath e uno dei più grandi album metal, rock e della musica tutta. Credo siano degli alieni, a nessuno sarebbe venuto in mente di registrare un disco del genere nei '70. Grazie Black Sabbath per averci dato l'heavy metal. 100 +.
AL
Giovedì 25 Agosto 2011, 14.52.15
22
sto giocando tutti i numeri dei commenti del buon Master of reality ma non vinco mai una minchia... (
Genghis Khan
Giovedì 25 Agosto 2011, 9.17.10
21
Un vero combattente !!!
BILLOROCK fci.
Giovedì 25 Agosto 2011, 9.10.05
20
Tombola..!!!
enry
Mercoledì 24 Agosto 2011, 20.15.18
19
5 su Napoli e 9 su Genova.
Vinnie Paul
Mercoledì 24 Agosto 2011, 19.52.40
18
Sweet leaf -8,5 After forever -8 Embryo 5,5 Children of the grave -9 Orchid -6 Lord of this World -9 Solitude -8,5 Into the void -9
Master of Reality
Sabato 30 Luglio 2011, 15.49.54
17
Sweet Leaf = 7; After Forever = 5.5; Embryo = 6.5; Children of the Grave = 8; Orchid = 7; Lord of This World = 7; Solitude = 7; Into the Void = 7.5; Voto album = 7.5
SNEITNAM
Domenica 26 Dicembre 2010, 13.12.16
16
Una pietra miliare che adoro follemente e non solo per la sua importanza storica monumentale ma per ogni sua singola canzone. Pensare che un grandissimo come Tony Iommi sfornò per primo riff pesanti e cazzuti mai sentiti prima di allora e che hanno composto pietre miliari quali canzoni come "Children of the Grave" e "Into the Void" nel lontanissimo 1970/1971 mi fa venire i brividi, riffs che hanno fatto scoula a tutti e che sono una componente fondamentale nell'Heavy Metal. Monumentali e storici assieme a un'altra band monumentale come i Judas Priest
hellvis
Venerdì 10 Settembre 2010, 18.15.13
15
Nel giro di 2 anni I Black Sabbath inventano il metal (I album), lo perfezionano (Paranoid) e tranquillamente producono MOR diverso dagli altri e primo esempio per molti versi del doom con testi che celebrano Gesù Cristo e i suoi valori spiazzando i critici frettolosi che li avevano già bollati come i re del satanismo. Penso che il termine "capolavoro" usato molto spesso a proposito qui invece si adatti a pennello. Da antologia gli intervalli acustici di Iommi e il suo detuning copiato da mezzo mondo.
il leccese90
Giovedì 19 Agosto 2010, 22.57.28
14
certa gente secondo me è davvero di un'altro pianeta..a pensare che toni iommi aveva giusto 3 anni più di me quando scrisse sto disco ci sto male
antoniometalhead98
Giovedì 19 Agosto 2010, 18.45.44
13
90 pieno... il migliore dopo BS e paranoid , l'album è ancora più duro dei precedenti e il suono dei black sabbath non sara mai cosi ( solo qualcosa in sabbath bloody sabbath) album ke ha fatto la storia non solo dell' heavy ma anke del doom e stoner metal...
onofrio
Domenica 15 Agosto 2010, 22.03.28
12
Master Of Reality è un monumento in musica, pietra miliare voto:10000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000 e lode.
tribal axis
Venerdì 19 Giugno 2009, 22.44.54
11
molto molto bello ma preferisco paranoid e sabbath bloody sabbath
born_too_late
Martedì 16 Giugno 2009, 22.28.21
10
Il mio preferito dei Sabbath, lo amo
maiden1976
Giovedì 11 Giugno 2009, 16.25.43
9
che goduria questo album.... il loro capolavoro però è sabbath bloody sabbath
valentina
Mercoledì 10 Giugno 2009, 9.52.15
8
I Black Sabbath con Ozzy, o del periodo ozzettiano , sono decisamente cupi: non ci si puo' capire quale dei loro album sia un manifesto per il doom, anche se io tendo a preferire BS. Children of the grave è stato il mio battesimo, e questo album il mio primo del gruppo. E come si dice, le prime volte non si scordano mai
Er Trucido
Martedì 9 Giugno 2009, 23.04.03
7
Un disco veramente eccezionale, forse il mio preferito per quanto riguarda l'atmosfera che trasmette. Si può dire che sia il certificato di nascita del Doom
Andrea70
Martedì 9 Giugno 2009, 18.40.09
6
Mi stavano venendo le lacrime agli occhi leggendo questa rece....Dio che album!
Raven
Martedì 9 Giugno 2009, 18.04.52
5
Quoto AL
Autumn
Martedì 9 Giugno 2009, 17.37.24
4
Sicuramente il mio preferito del Sabba, e di gran lunga anche
MyCoven
Martedì 9 Giugno 2009, 17.20.35
3
Che album ragazzi. Da brividi:
AL
Martedì 9 Giugno 2009, 15.57.10
2
Children of the Grave... che canzone!!! che capolavori che che erano in grado di fare questi qui!!! pur continuando a preferire Sabbath Bloody Sabbath aggiungo che è comunque un bellissimo lavoro con atmosfere uniche!
Electric Warrior
Martedì 9 Giugno 2009, 15.35.54
1
Capolavoro
INFORMAZIONI
1971
Vertigo
Doom
Tracklist
1. Sweet Leaf
2. After Forever
3. Embryo
4. Children of the Grave
5. Orchid
6. Lord of This World
7. Solitude
8. Into the Void
Line Up
Ozzy Osbourne (Voce)
Tony Iommi (Chitarra elettrica, chitarra acustica, pianoforte e flauto)
Geezer Butler (Basso)
Bill Ward (Batteria, percussioni)
 
RECENSIONI
68
s.v.
87
62
79
75
87
90
83
76
78
85
91
95
83
69
90
93
97
97
92
s.v.
ARTICOLI
22/06/2016
Live Report
BLACK SABBATH + RIVAL SONS
Hallenstadion, Zurigo, 15/06/2016
21/06/2014
Live Report
BLACK SABBATH + BLACK LABEL SOCIETY + REIGNWOLF
Unipol Arena, Casalecchio di Reno (BO), 18/06/2014
14/12/2013
Live Report
BLACK SABBATH
O2 Arena, Praga, 7/12/2013
12/06/2012
Articolo
BLACK SABBATH
I testi, seconda parte
14/05/2012
Articolo
BLACK SABBATH
I testi, prima parte
08/05/2012
Articolo
BLACK SABBATH
I Signori delle Tenebre
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]