Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Helloween
United Alive in Madrid
Demo

Freakings
Rise of Violence
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/10/19
SHRINE OF INSANABILIS
Vast Vortex Litanies

17/10/19
SHRINE OF INSANABILIS
Vast Vortex Litanies

17/10/19
MAESKYYRN
Interlude

17/10/19
BREAK ME DOWN
The Pond

18/10/19
UNAUSSPRECHLICHEN KULTEN
Teufelsbücher

18/10/19
HOLY SERPENT
Endless

18/10/19
KONKHRA
Alpha and the Omega

18/10/19
DEEZ NUTS
You Got Me Fucked Up

18/10/19
NEGATOR
Vnitas Pvritas Existentia

18/10/19
INFECTED RAIN
Endorphin

CONCERTI

17/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Teatro della Concordia - Torino

17/10/19
THUNDERMOTHER
LEGEND CLUB - MILANO

18/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
ORION - ROMA

18/10/19
PINO SCOTTO
STAMMITCH TAVERN - CHIETI

18/10/19
TIDES FROM NEBULA + GUESTS
HT FACTORY - SEREGNO (MB)

18/10/19
STAGE OF REALITY + NEW DISORDER + WHITE THUNDER
TRAFFIC LIVE - ROMA

18/10/19
SHORES OF NULL + SEDNA
BIKE BAR CINETICO - CERVIA (RA)

19/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
RIVOLTA - VENEZIA

19/10/19
NODE
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

19/10/19
SKELETOON + GUESTS
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

Aleph - Seven Steps Of Stone
( 2242 letture )
Gli Aleph sono da molti considerati, probabilmente a ragion veduta, una delle migliori band italiane emergenti in circolazione. A tal proposito vi consiglio di recuperare il precedente In Tenebra del 2005, invito riferito soprattutto ai neofiti, per intendere non solo il livello di questi ragazzi provenienti da Bergamo, ma precisamente l’universo musicale che si celo dietro tale progetto. Infatti tentare di accostare un genere al combo nostrano è impresa quantomeno ardua: death, progressive, power, dark sono solo i principali punti di riferimento desumibili di primo acchito. Eppure i nostri già al primo colpo hanno dato prova di talento, riuscendo a trattare una materia particolarmente difficile, abili nel mescolare diversi atomi, dando così vita ad una creatura senz’altro non ancora perfetta, ma indubbiamente sensata e sufficientemente personale.

Dopo quattro anni di assenza, i lombardi tornano in laboratorio per dar corso ad un nuovo esperimento, così da dimostrare che gli avvincenti sviluppi del debutto sono stati tutt’altro che un fuoco di paglia. Come era facile presagire, Seven Steps Of Stone prosegue lungo il cammino tracciato dal precedente fortunato episodio. Anche se ingioiellato da una produzione non proprio scintillante, ascoltando il neonato si ha subito l’impressione che il quintetto sia cresciuto, puntando molto su una robusta facciata di professionalità. Da un punto di vista strettamente musicale, siamo quindi nuovamente al cospetto di una entità dalle molte sfaccettature nella quale le svariate influenze musicali, che in linea di massima rispecchiano quelle in precedenza indicate, vengono manipolate al fine di ergere un fastoso costrutto. L’aggressività del metal, spinta fino a punte estreme, si amalgama tanto a strutture sinfoniche, la maggior parte dal piglio oscuro, quanto ad aperture più ariose e galoppine, che molto devono alla tradizione teutonica. Non mancano inoltre all’appello arpeggi epici di derivazione classica, mid-tempo di matrice doom e alcune deliziose divagazioni acustiche, ben integrate in un quadro già evidentemente vario. Forse in questo novello episodio la componente power è leggermente più accentuata e tende a prevaricare le altre espressioni, in modo particolare nella prima parte dell’act nonché la meno . In ogni caso il tutto è chiaramente reso possibile dall’indiscutibile capacità esecutiva dei singoli, parecchio bravi nel cimentarsi in evoluzioni e repentini cambi di stile, tanto da non lasciare intendere mai la minima indecisione. Particolare nota di merito per il keyboarder Giulio Gasperini sommo artefice di tutte le intriganti atmosfere, sempre abile tessitore di infinite trame tutt’altro che banali. Anche il singer Battaglia dimostra di aver appreso la lezione, interpretando in maniera proficua le eterogenee intonazioni. Molto suggestiva la seconda parte del disco, dove troviamo in evidenza prima Chimera, dalla vocazione rapsodica, a seguire An Autumn Colder Than Winter, con tastiere protagoniste, Epitaph Lies, dagli intrecci subitanei e sorretto da un riffing serrato, e infine El Aleph, brano cadenzato dagli accenti funerei.

Nonostante tutta questa maestria e dispendio di energie, ho ancora l’impressione che gli Aleph non siano riusciti a superare i propri limiti, riproponendo alcune imperfezioni già esibite ai tempi degli esordi. In particolare, se da un lato, come già sottolineato, alcuni spigoli sono stati smussati, d’altro canto le ascendenze sono ancora troppo accentuate. Infatti, anche se la miscela è desueta, i singoli corpuscoli seguitano a suonare fortemente ispirati da illustri signori che rispondono al nome di Amorphis, Opeth, Iced Earth e Cirith Ungol (giusto per citarne alcuni).

Insomma, Seven Steps Of Stone si afferma come una discreta uscita che senza ombra di dubbio spunta tra la media delle pubblicazioni in circolazione, ma purtroppo, considerate le premesse, lascia l’amaro in bocca tipico dell’occasione mancata.

Reticolari!



VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
24.45 su 20 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2009
Fuel Records
Inclassificabile
Tracklist
1. The Cradle And The Blade
2. Bringer Of Light
3. The Voices From Below
4. Chimera
5. An Autumn Colder Than Winter
6. Tidal Wave
7. Epitaph Lies
8. El Aleph
Line Up
Lorenzo Fugazza (Chitarra)
Giulio Gasperini (Tastiere)
Dave Battaglia (Voce, chitarra)
Manuel Togni (Batteria)
Antonio Ceresoli (Basso)
 
RECENSIONI
70
85
ARTICOLI
27/11/2002
Articolo
ALEPH
La biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]