Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Kansas
The Absence of Presence
Demo

Northern Crown
In a Pallid Shadow
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

08/08/20
STEVE VON TILL
No Wilderness Deep Enough

11/08/20
SEASON OF DREAMS
My Shelter

12/08/20
WITHIN DESTRUCTION
Yōkai

14/08/20
ROBBY KRIEGER
The Ritual Begins at Sundown

14/08/20
NUG
Alter Ego

14/08/20
WARKINGS
Revenge

14/08/20
CHASTAIN
For Those Who Dare – 30th Anniversary Edition

14/08/20
KAMELOT
I Am The Empire - Live From The 013

14/08/20
PRIMITIVE MAN
Immersion

14/08/20
HAVUKRUUNU
Uinuos Syömein Sota

CONCERTI

08/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

09/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

11/08/20
BAD RELIGION
FESTIVAL DI RADIO ONDA D'URTO - BRESCIA

12/08/20
BAD RELIGION (SOSPESO)
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

19/08/20
PALAYE ROYALE
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

26/08/20
GRAHAM BONNET & ALCATRAZZ + GIRLSCHOOL + ASOMVEL
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

27/08/20
WOLFMOTHER + HARDCORE SUPERSTAR (SOSPESO)
PIAZZA DUOMO - PRATO

04/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA (SALA SINOPOLI) - ROMA

05/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
2DAYS PROG - VERUNO (NO)

06/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
POLITEAMA GENOVESE - GENOVA

Urkraft - Eternal Cosmic Slaughter
( 2260 letture )
Basta non ne posso più! No,non sono in preda ad una crisi esistenziale, bensì avvilito ed arcistufo nel sentire il milionesimo, pacchianissimo e noioso disco intrinso da melodie ruffianeggianti che fanno da spalla ad un tentato attacco sonoro dei più violenti e ancora tastiere, synth e compagnia bella in prima fila per tentare di spalleggiare questo full-lenght che di originale ed innovativo non ha proprio nulla.
Ah si, loro sono gli Urkraft e vengono dalla Danimarca ma in fondo che ci importa?
Che poi, ascoltando il disco, la musica è suonata bene con una buona produzione che comunque non distoglie la mia attenzione sull'ennesima band che cerca disperatamente di portare avanti un discorso iniziato troppo tempo fa dai maestri At The Gates e ripreso con estrema eleganza/ferocia dai The Haunted. Dopo loro il buio.
E questi continuano ad arricchire quella musica crudele ed esasperata (che così era e così deve rimanere) con suoni elettronici, melodici che vengono prontamente giustificati da una doppia cassa furibonda quanto banale in ogni passaggio.
Passiamo quindi all'ugola presa in prestito da Thomas, che oltre a far urlare la sua chitarra tenta un approccio pseudo growl, emulando quel timbro vocale esasperato che mi riporta dritto dritto al grande Tompa Lindberg.
9 le tracks presenti, che come se non bastasse quanto fin qua letto, risultano all'ascoltatore di difficile immagazzinazione, simili tra loro e piuttosto lunghe (una media di 4 min.abbondanti).
E io cerco disperatamente un varco di luce, mi ritorgo dentro il tunnel degli Urkraft ma nulla, neppure le tracce estrapolate singolarmente esaltano in alcun modo questo disco. Quindi ogni sforzo risulta vano, anche il mezzo sorrisetto ebete che si era formato sul mio viso nel sentire la seconda traccia aprirsi con "Death?What do you guys know about it?", tratta dal film Platoon (e comunque già presente nel disco Hate Crew Deathroll dei Children Of Bodom...), se n'è andato. Inutili.



VOTO RECENSORE
45
VOTO LETTORI
14.11 su 34 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2004
Cartel Media
Melodic Death
Tracklist
1.Blessed Be The Human Beast
2.Paint The City Black
3.Soulless
4.Unleash The Will
5.Eternal Cosmic Slaughter
6.In The Border Of The Known World
7.Cannibal Melancholy
8.Through Your Senses
9.The Scarlet Burning
Line Up
Thomas - vocals & guitar
Birk - Lead guitar
Jeppe - bass
Mikael - drums
Eg - keyboard
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]