Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ayreon
Electric Castle Live and Other Tales
Demo

Morningviews
You Are Not the Places You Live In
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

27/05/20
HELIKON
Myth & Legend

29/05/20
DEF LEPPARD
London to Vegas

29/05/20
XIBALBA
Anos En Infierno

29/05/20
SORCERER
Lamenting Of The Innocent

29/05/20
PARALYSIS
Mob Justice

29/05/20
OUR POND
Paraphernalia

29/05/20
BEHEMOTH
A Forest (EP)

29/05/20
MORBID ANGELS
Altars of Madness – Ultimate Edition

29/05/20
VIOLENT HAMMER
Riders of the Wasteland

29/05/20
GRAVE DIGGER
Fields Of Blood

CONCERTI

29/05/20
RAIN + GUESTS (ANNULLATO)
BLACK DEVILS SPRING PARTY - S. GIOVANNI IN PERSICETO (BO)

29/05/20
NECRODEATH (ANNULLATO)
LEGEND CLUB - MILANO

30/05/20
MARK LANEGAN BAND (ANNULLATO)
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

09/06/20
PERIPHERY (ANNULLATO)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

10/06/20
IN.FEST
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO

12/06/20
SYSTEM OF A DOWN + KORN + GUESTS TBA (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

12/06/20
GUNS N` ROSES + GUESTS TBA (ANNULLATO)
FIRENZE ROCKS - VISARNO ARENA (FIRENZE)

13/06/20
AEROSMITH + GUESTS (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

16/06/20
STEEL PANTHER + THE WILD (SOSPESO)
ALCATRAZ - MILANO

16/06/20
DEATHLESS LEGACY
CRAZY BULL - GENOVA

Archgoat - The Light Devouring Darkness
( 3850 letture )
A tre anni di distanza da Whore of Bethlehem ritornano sulla scena i finlandesi Archgoat, da molti considerati a ragion veduta vera band culto nel circuito underground di black metal estremo, ormai attivi a fasi alterne, a suon di demo, EP e full-lenght, da ben 20 anni. Già dall'immagine in copertina potrete facilmente intuire quali siano gli ingredienti musicali che i nostri predicatori del male ci propongono: riff asciutti senza alcun compromesso con la melodia, testi blasfemi, ferocia e violenza sprigionata da un suono decadente e povero, da una voce gutturale decisamente brutal che ci accompagna in questo viaggio negli inferi.

Sin dalle prime note dell'intro 3rd Invocation che, rispettando il clichè del genere, inizia con un verso recitato all'incontrario, si capisce come gli Archgoat non abbiamo nessuna intenzione di evolvere il genere né tantomeno di allontanarsi molto dalle loro recenti produzioni. Il precedente album era pressoché identico; questo, se da un lato tranquillizzerà gli amanti più ortodossi del genere, dall'altro canto senz'altro fa riflettere circa la necessità di ripetersi, iterando ancora una volta schemi e relativi territori già battuti da quanti prima di loro, con contegno più che esaustiva ed incisiva.

La vecchia scuola del black metal, a cui i finlandesi non lesinano rendere omaggio, è il chiaro ed unico punto di riferimento di tutto l'album e una produzione volutamente grezza dona al tutto un perfetto stampo vintage, tanto che l'album avrebbe potuto figurare tranquillamente in un catalogo del genere di qualche decade fa.

I nostri spingono sempre sull'accelleratore, dimostrando una discreta attitudine unita ad una dose massiccia di energia e ferocia, di contro rallentando raramente (un esempio su tutti Goat and The Moon, efficace brano con andamento vagamente doom); ma a conti fatti le dieci tracce, per un totale di circa 30 minuti, determinano anche e soprattutto un vuoto creativo che lascia sinceramente perplessi.

Nonostante ciò, in conclusione sottolineo che con The Light Devouring Darkness gli Archgoat svolgono onestamente il compitino, seppur impegnati in un dettato piuttosto che in un tema originale e liberamente ispirato. Per i fan più incalliti del black metal senz'altro un platter soddisfacente per intraprendere un ulteriore viaggio negli inferi; per tutti gli altri, consiglio di aspettare il prossimo "emissario del male".



VOTO RECENSORE
60
VOTO LETTORI
65.21 su 42 voti [ VOTA]
ErikPestilence
Mercoledì 29 Agosto 2012, 13.37.10
4
Ogni tanto ci vuole,voto 80!!
wishmaster nature
Lunedì 12 Settembre 2011, 11.39.41
3
interessante, molta aggressività serve anche questo
Uno qualsiasi
Venerdì 4 Settembre 2009, 10.09.50
2
Gran disco! Gli Archgoat sono i nuovi Beherit, solo che sono più death che black, secondo me. Farà schifo a un pò di palati raffinati senza apertura mentale, farà impazzire a chi vuole musica old school e incazzata.
Kosmos Reversum
Venerdì 4 Settembre 2009, 8.50.14
1
Per me è un discone. Raramente ho sentito tanta ferocia genuina e oscurità. La produzione e l'attitudine che ne viene fuori sono morbose e affascinanti nella loro semplicità. Credo cjhe questo genere di black metal sia per pochi comunque, perchè i soliti troll della foresta non comprenderanno mai.
INFORMAZIONI
2009
Blasphemous Underground
Black
Tracklist
01. Intro: 3rd Invocation
02. Apotheosis Of Lucifer
03. Tribulation Of The King Of
Worms
04. Goat And The Moon
05. Sodomator Of The Doomed Venus
06. The Light-Devouring
Darkness
07. Blessed In Beast's Blood
08. Worms Born Of Martyrdoom09. Fornicated
Messiah
10. The Dawn Of The Antichrist
Line Up
Lord Angelslayer - Vocals/Bass
Ritual Butcherer - Guitar
Sinister Karppinen - Drums
 
RECENSIONI
60
84
ARTICOLI
12/12/2017
Live Report
GOATVOMIT FEST: IMPIETY + ARCHGOAT
Traffic Club, Roma, 01-08/12/2017
02/02/2015
Live Report
INQUISITION + ARCHGOAT
Circolo Colony, Brescia, 26/01/2015
16/08/2014
Live Report
VENOM + ARCHGOAT + GUEST
The Jungle, Cascina di Pisa (PI), 09/08/2014
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]