Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Slipknot
We Are Not Your Kind
Demo

Atlas Entity
Beneath the Cosmic Silence
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/08/19
DEADTHRONE
Premonitions

23/08/19
DOMINATION INC.
Memoir 414

23/08/19
LAGERSTEIN
25/7

23/08/19
METH.
Mother of Red Light

23/08/19
ISOLE
Dystopia

23/08/19
DEVIN TOWNSEND
Eras part IV

23/08/19
SACRED REICH
Awakening

23/08/19
ILLDISPOSED
Reveal Your Soul for the Dead

23/08/19
NEMESEA
White Flag

23/08/19
AVIANA
Epicenter

CONCERTI

23/08/19
NECRODEATH + GUESTS
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

23/08/19
POVOROCK (day 1)
AREA FESTEGGIAMENTI - POVOLETTO (UD)

24/08/19
REZOPHONIC + GUESTS
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

24/08/19
BREAKING SOUND METAL FEST
SALENTO FUN PARK - MESAGNE (BR)

24/08/19
POVOROCK (day 2)
AREA FESTEGGIAMENTI - POVOLETTO (UD)

24/08/19
METAL REDENTOR FEST
SPAZIO LUPARDINE - PENTIMELE (RC)

25/08/19
BEHEADED + HELION
CIRCOLO SVOLTA - MILANO

30/08/19
DRAKKAROCK (day 1)
VALHALLA PUB - BORGO TICINO (NO)

31/08/19
DRAKKAROCK (day 2)
VALHALLA PUB - BORGO TICINO (NO)

31/08/19
ANGUISH FORCE + GUESTS
ATZWANG METAL FEST - CAMPODAZZO (BZ)

DevilDriver - Pray For Villains
( 6343 letture )
Dez Fafara vince la sua scommessa per la quarta volta di fila.

Quando, anni fa, Dez Fafara sciolse i Coal Chamber e decise di formare una nuova band, molti, compreso il sottoscritto, pensavano che il nuovo gruppo non sarebbe stato altro che la riproposizione di quanto già espresso in precedenza, una sorta di ideale continuazione. Questa, che sarebbe apparsa quale mossa azzeccata nel breve periodo, un qualcosa attraverso cui cullarsi sul lavoro fatto nel passato recente, è stata smentita dai fatti a seguire. Il singer, che illo tempore aveva promesso un netto cambio di rotta per la band successiva, era stato preso poco sul serio e molti pensavano ad una sorta di "Coal Chamber parte seconda", niente di più. Gli stessi che scetticamente avevano atteso il loro esordio, da allora non possono non ammettere che il buon Dez aveva ragione.

Dal 2003 i DevilDriver costituiscono a tutti gli effetti un modello per chiunque voglia avvicinarsi al death/core. Fin dall'omonimo album tale band ha dimostrato nei fatti che il proprio leader, nel rischiare in proprio e nel dichiarare la fine dei Coal Chamber, aveva visto lungo. In poco tempo Fafara & Company si sono dimostrati qualitativamente elevati ed estremamente prolifici: quattro album in sei anni non sono cosa da tutti.

Eccoci quindi arrivare a Pray For Villains. Si parte con la titletrack ed una cosa emerge dall'inizio: i DevilDriver non alleggeriscono, non rallentano, non demordono. Da subito si parte con l'acceleratore pigiato a tavoletta. Raffiche di doppia cassa, arricchite dall'urlo iniziale del singer e dalle chitarre che seguono il mood, intasano le orecchie, le martoriano. Fasi alterne compongono Pray For Villains, tra velocità quasi grind, decelerazioni accurate e precise, vocals perfette. Come inizio siamo su livelli altissimi. La seguente Pure Sincerity vira su territori sludge, a cui fanno da gran cassa i suoni estesi delle chitarre e la voce di Fafara, maggiormente incline verso una flebile melodia rispetto all'iniziale indole rabbiosa. Nemmeno il tempo di pensare "ehi, questo disco sarà più sludge dei precursori?", che si torna a picchiare quali mastri ferrai, come e più di prima. La sezione ritmica che fino a questo momento confermava quanto già conoscessi della band, con Fate Stepped In mi stupisce ancora maggiormente. Ascoltare ed ammirare con quanta facilità i musicisti riescano a gestire determinati tempi ed alcuni break, mi fa per l'ennesima volta dare ragione al buon Dez, che, anni orsono, decise di puntare su musicisti che avevano dalla loro una grossa preparazione tecnica più che un nome conosciuto. Convinto che questo album continuerà a picchiare fino alla fine mi appresto alla traccia seguente, ed invece sono ancora una volta spiazzato. Back With A Vengeance è una song easy listening, qualcosa ricco di refrain e mid tempo, sempre rocciosa nell'anima, ma diversa nella composizione esteriore. Beh, del resto dopo un assalto come quello precedente, un alleggerimento non poteva che far bene. Essendo i DevilDriver una band improntata anche alla velocità di esecuzione non si poteva resistere oltre qualche minuto senza schizzare via, lungo la strada che porta dalla melodia alla rabbia, attraverso quella linea di continuità che la band amministra come propria. Le seguenti I've Been Sober e Resurrection BLVD ne costituiscono dimostrazione. La gestione del songwriting è costante, così come l'esaltazione delle proprie capacità tecniche che emergono costantemente anche nelle canzoni a venire fino alla conclusiva e deflagrante I See Belief.

Che dire ancora? I DevilDriver oggi costituiscono un "unicum", non perché unici titolari di un genere fin troppo inflazionato, ma perché come poche band sono riuscite in alcuni obiettivi molto complessi per chi fa musica.
1) Si confermano costantemente, e per la qualità e per le doti tecniche.
2) Sono stati una scommessa, che inizialmente godeva di pochi crediti, ed oggi ne ha parecchi.
3) Lavorano sodo in studio e live, al punto che non si riesce a capire dove trovino il tempo per coniugare dischi validi ad un numero di concerti sempre maggiore.
4) Questa band, nonostante sia ormai ampiamente affermata, fa dell'umiltà la propria bandiera, costantemente.

Concludendo, i DevilDriver di oggi, seppure con un disco che non arriva, per il sottoscritto, alla qualità eccezionale del secondo The Fury Of Our Maker's Hand, si confermano ancora una volta, divenendo prius inter pares, leader con altri di un genere. Tutto questo perché hanno talento, perché hanno preparazione, perché curano il proprio prodotto, non sottovalutando l'audience, che al contrario di quanto pensino tante altre band "trandy", si sta facendo sempre più competente e selettiva. Se, come il nu metal, anche il death/core franerà su se stesso, i DevilDriver saranno tra le poche band a salvarsi.

Un'ultima cosa: non scommettete col simpatico Dez... lui le proprie scommesse le vince. Sempre.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
60.34 su 46 voti [ VOTA]
rykotek
Venerdì 13 Settembre 2013, 22.35.24
16
c'è anche da dire che quest'album potrebbe plagiare psicologicamente motociclisti assetati di sangue addestrandoli a macinare carne umana con ruote chiodate e mazze chiodate!!!!!! x chi non l'ha ancora ascoltato: vi consiglio vivamente di farlo...
rykotek
Venerdì 13 Settembre 2013, 22.26.58
15
Questo cd per me è bello quanto il primo e il secondo, ma pure sincerity e la più bella di tutta la loro discografia; rimane il fatto che i Devildriver rimangono, come Slayer e Seputura/Soulfly, una tra le tre band migliori in assoluto nel metal mondiale.....bella la recensione.
BILLOROCK fci.
Giovedì 29 Settembre 2011, 15.35.48
14
meglio i Coal chamber .... a mio avviso !
devil son
Giovedì 29 Settembre 2011, 15.08.21
13
grande band i devildriver , comubque il primo rimane il migliore della discografia
zerba
Martedì 18 Gennaio 2011, 18.45.55
12
ultimamente lo sto ascoltando ed è davvero un gran lavoro. Vorrei inoltre fare una menzione speciale per I'VE BEEN SOBER, io penso che sia una canzone incredibile.
Sonny
Venerdì 11 Giugno 2010, 22.53.40
11
Dez è eccezionale. Grandi!
horrorifico
Giovedì 17 Settembre 2009, 9.36.30
10
Album spettacolare !!!....riff violentissimi ottime le parti di cantato...davvero grandi !!!
Alex Ve
Mercoledì 9 Settembre 2009, 13.09.49
9
Chiarisco solo una cosa: come per i Devildriver, tutte le band che hanno un sound personale, è difficile definirle in un genere. Per questo ci sono le recensioni. Purtroppo però il riquadro che vedete di fianco alle recensioni va sempre compilato con il genere del disco recensito. Quindi in questo caso, come in altri, il genere espresso nel riquadro è un semplice riferimento/punto di partenza, per una recensione che poi esprimerà i contenuti del disco, allargandoli ed analizzandoli in maniera possibilmente completa.
Fulvio
Mercoledì 9 Settembre 2009, 0.40.41
8
Etimologicamente non so che genere sia nello specifico. Io sono della vecchia scuola anche se molto molto aperto al nuovo. (ma non al Nu metal). So che i DeviDriver spaccano da paura su disco e dal vivo pure. Recensione perfetta!!!! Bravissimo. Comunque il vero fenomeno nei DevilDriver e' il batterista. Spaventoso e suona sempre scalzo...
Nigma
Mercoledì 9 Settembre 2009, 0.33.03
7
Nulla da dire sulla recensione, ci mancherebbe, semplicemente trovo sbagliato associare il termine ai DevilDriver, niente di più, niente di meno. Il voto, per altro, rispecchia perfettamente il mio parere sul disco (per difetto, addirittura), per cui non ho certo di che lamentarmi.
Nikolas
Martedì 8 Settembre 2009, 21.51.54
6
Questo non l'ho ancora sentito, ma i Devildriver, sono d'accordo con voi, sono davvero un caso unico nel panorama "core" (si, lo so, non sono ne metal-core ne death-core, ma comunque ascrivibili come nucleo nel filone di quel tipo), uno dei pochi gruppi del genere che mi dicano davvero qualcosa, molto validi!
Arakness
Martedì 8 Settembre 2009, 21.47.50
5
Mi sembra che Alex lo abbia ripetuto in tutte le salse lungo la sua ottima recensione che l'album, e più in generale i Devildriver, sono un "unicum" (cito testuale parola), una mosca bianca nel panorama, che pescano elementi core ma in realtà hanno molte altre freccie al loro arco a favore di una visione ben più ampia(death, groove, sludge, melodic-emo, etc...). Per carità, criticate, discutete... ma leggete anche prima di farlo
Nigma
Martedì 8 Settembre 2009, 20.29.39
4
Deathcore? questo è puro groove metal nella sua forma più aggressiva e potente; potremmo anche definirlo Dez-core, ma soltanto come gioco di parole.
Alex Ve
Martedì 8 Settembre 2009, 19.36.55
3
Maiden 1976 - Grazie mille --------- tribal axis - beh, io lo avrei anche definito "Dez Aggressive Sound", ma avrei personalizzato troppo il discorso incentrandolo esclusivamente sulla figura del leader , ed i musicisti che suonano nei Devildriver sono eccellenti
tribal axis
Martedì 8 Settembre 2009, 19.04.04
2
disco eccezionale... la definirlo death core però secondo me non è esatto...
maiden1976
Martedì 8 Settembre 2009, 14.06.07
1
bella Alex!!
INFORMAZIONI
2009
Peaceville Records
Death Core
Tracklist
01. Pray For Villains
02. Pure Sincerity
03. Fate Stepped In
04. Back With A Vengeance
05. I've Been Sober
06. Resurrection Blvd.
07. Forgiveness Is A Six Gun
08. Waiting For November
09. It's In The Cards
10. Another Night In London
11. Bitter Pill
12. Teach Me To Whisper
13. I See Belief
Line Up
Dez Fafara – vocals
Jeff Kendrick – guitar
Mike Spreitzer – guitar
Jon Miller – bass
John Boecklin – drums
 
RECENSIONI
74
75
80
80
83
70
ARTICOLI
02/03/2013
Live Report
CANNIBAL CORPSE + DEVILDRIVER + THE BLACK DAHLIA MURDER + HOUR OF PENANCE
Alcatraz, Milano, 26/02/2013
20/01/2012
Live Report
MACHINE HEAD + BRING ME THE HORIZON + DEVILDRIVER + DARKEST HOUR
Alcatraz, Milano, 13/11/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]