Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Cortex Complex
Memoirs of an Apocalypse
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

CONCERTI

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS ----> ANNULLATO!
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

24/11/17
INDACO + MOUNTAINS OF THE SUN
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

24/11/17
SHAMELESS + TUFF
DEDOLOR - ROVELLASCA (CO)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

25/11/17
PROSPECTIVE + UNDERTHEBED + OBSCURAE DIMENSION
CENTRO GIOVANILE CA' VAINA - IMOLA

Kiss - Creatures of the Night
( 10284 letture )
Dopo il flop di vendite mondiale di Music From The Elder, la band subisce un forte shock emotivo e traballa pericolosamente, trovandosi a dover scegliere una via che li riporti in linea di galleggiamento forzato: il ritorno all’hard and heavy dei primordi. The Elder, qualitativamente, fu un grandissimo disco rivalutato solo in seguito, ma nel 1982 i Kiss si trovarono al classico bivio con in più una miriade di problemi da risolvere e tanto per cambiare c’era Ace Frehley di mezzo. Viene scelto un produttore nuovo come Michael James Jackson al quale si associano Paul e Gene e vengono tracciate le direttive per un recupero del sound e delle coordinate che fino a quel punto avevano reso i Kiss degli eroi. Più chitarre, più consistenza nel songwriting e una batteria detonante. Eric Carr era un bravissimo batterista con una pacca micidiale e si calò perfettamente nella parte tirando fuori performance pazzesche in termini di suono e compattezza. Per accentuare e migliorare la scrittura delle canzoni vennero assoldati ottimi musicisti come Bryan Adams, fresco di un successo importante, e Jim Vallance. La band, nel frattempo, aveva seri problemi con il manager storico Bill Aucoin, colui che li aveva veicolati presso il grande pubblico: lo licenziarono. Ultima tortura, Ace. Mentre Paul, Gene ed Eric registravano provini e componevano in studio, lo spaziale, giusto per non smentirsi, era latitante. Non si fece mai vedere tra mixer e sala di registrazione, si rifiutò di andare in California, sede delle recording session, e non suonò una sola nota dell’intero, terremotante lavoro.

Paul si recò anche a casa sua ma l’extraterrestre voleva una sua carriera solista e non si schiodò da quella paranoia. Ma i Kiss all’epoca erano deboli. Dopo l’abbandono di un membro ufficiale due anni prima (Peter), dopo un fiasco colossale (The Elder) temevano che i fans non avrebbero retto alla delusione di un nuovo abbandono di un membro di vecchia data e scelsero la soluzione peggiore ma più diplomatica. Misero la faccia di Ace in copertina nonostante lui fosse ormai fuori dalla band e si lavarono la coscienza. In vece sua si alternarono numerosi chitarristi e la nebbia della leggenda non li fa trapelare nemmeno tutti. Vincent Cusano poi diventato membro ufficiale della band come Vinnie Vincent, Adam Mitchell, Robben Ford, Bob Kulick, Steve Ferris, Rick Derringer e forse anche Bruce Kulick, insomma una vagonata di guitar player sostituirono Space Ace con risultati davvero brillanti ed efficaci. Il disco, registrato tra luglio e settembre del 1982, uscì con una copertina fascinosamente notturna con i quattro in primo piano, logo e scritte in rosa e una nuova carica dirompente. Quasi quaranta minuti di rock con le stra-palle! Creatures Of The Night, anche se all’epoca non vendette moltissimo, è certamente il miglior album da studio della seconda fase della carriera dei Kiss. Almeno secondo il giudizio di chi sta scrivendo. Suoni grandiosi, band in forma, batteria che anticiperà, di ben otto anni, la forza tellurica che i Metallica usarono nel loro Black Album con lo stratagemma di mixare il suono di tamburi e rullante ben al di sopra delle chitarre. Il drum sound di Eric Carr sconvolge chi ascolta sin dal primo pattern e trascina la band con se sciorinando un heavy rock eccezionale! Basti pensare a tuoni fumanti come I Love It Loud ormai un evergreen di Gene o pesanti mazzate come War Machine ma non solo.

La titletrack”apre l’album ed è subito la saga delle chitarre. Fitte, rumorose, incazzate ma anche melodiche per disegnare una traccia che si imprime nella memoria. Riff circolare e uno Stanley spietato alla voce, innesca cori dilanianti che sfumano acuti, poi il solo di Adam Mitchell davvero esuberante di note fischiate. Un inizio col botto, ottimo! Saint And Sinner si esalta su un basso che sganghera fuori dal seminato e la voce del demone linguacciato molto ficcante che lacca una song quadrata e cattiva il giusto. Batteria precisa, potente ed ossessionante nei suoi quattro quarti, solo della sei corde profondo e quasi da cantare nella melodia. Di nuovo un voto altissimo per questa traccia. Keep Me Comin' è un capolavoro di Paul scritto con Adam Mitchell: cantato cantilenante chitarre da paura e sezione ritmica atletica: il chorus è da applausi. Un gran pezzo che meriterebbe la riproposizione live, davvero eccellente anche il bridge rallentato che prelude ad una sparata chitarristica sudata e dal gran feeling. Paul uber alles per i suoi vocalizzi, grandioso. Il lettore ottico ingrana Rock and Roll Hell ed è subito spettacolo per palati fini. Alcuni giri solo di basso e voce con un Simmons veramente furioso, evocativamente bestiale, poi deflagra l’ennesimo capolavoro. Batteria, chitarra, cori, arrangiamenti, tutto da brividi, un must per ogni Kiss fan. Meriti indubbi per Eric che spiattella un rullante e dei suoni da vertebre schiacciate; il solo è fantastico e lucente con Robben Ford al plettro. Finale con un Gene contortamente cattivo e una chitarra sofferente che agonizza e lascia il testimone a Danger. Ecco, l’unica traccia per così dire “normale” dell’intero disco è proprio questa. Canzone carina ma nulla di particolare al cospetto di un pacchetto di gemme purissime e dall’alto valore intrinseco. Struttura tetragona, chorus orecchiabile e grande guitar solo, ma nulla di più. Poi si riparte con le cose pazzesche. Che dire di più di I Love It Loud? Un classico del vampiro, che la scrisse con Vinnie Vincent. Anthem da stadio che dal vivo segue l’assolo di basso con relativo sangue sputato. Solo una curiosità: sul palco è stata abolita una strofa sin dalla prima volta che venne eseguita, meglio concentrarsi sui cori da stadio che la song stessa provoca. Pezzo monumentale tipico delle composizioni dei Kiss sin dagli albori! Una loro caratteristica insomma.

I Still Love You parte con un arpeggio ed è lo slow di Paul Stanley. Oltre sei minuti di sofferenze e di spremute di cuore per una donna perduta che si ama ancora, fuse in una song che trabocca di basso pulsante e batteria devastante sui tom, alla faccia del lento. Prestazione vocale più che maiuscola puntellata da una chitarra elettrica ottima, suonata ancora da Robben Ford. Un saliscendi di emozioni, un’infezione che rilascia miasmi stupendi; fatevi intossicare ve lo consiglio. Grandiosa. Si va verso la fine ma se pensate a pezzi di riempimento vi sbagliate di grosso. Scoppia subito un ruggito Her love is a gun, her love is a blade…, oddio Killer! Gene è il punitore ed è qui per tutti noi. Voce satanica, ritmi serrati, struttura strana ma fottutamente bella, un altro pezzo che vorrei sentire in sede di concerto. Un concentrato di cattiveria, perizia tecnica, idee nuove (sentire il bridge centrale che pare un disco incantato) e voglia di tornare ancor più incazzati. Grandissimo pezzo. War Machine chiude il platter ed è una libidine senza pari. Un riff incredibile sostenuto da una batteria che fa tremare le gonadi nelle mutande con un Gene alla voce, sprezzante e condottiero. Una “macchina da guerra” impressionante scritta a tre mani da Simmons, Adams e Vallance che diventerà una trave importante nella carriera della band. I suoni sono incredibili, tutto è perfetto, anche i razzi chitarristici che colorano la battaglia e il finale che sfuma in una cannonata che si perde su alture brulle e devastate.

Creatures of the Night è un capolavoro assoluto, lo consiglio a tutti, belli e piccini, adulti o maturi rocker d’annata. Un disco imperdibile e spesso, ingiustamente, sottovalutato.
Nonostante le buone previsioni l'album, pur vendendo molte più copie di Music from The Elder, si tradurrà inizialmente in un parziale fallimento commerciale, che provocherà anche la cancellazione di molte date del tour del gruppo negli Stati Uniti. La cosa che in pochi sanno e che durante le registrazioni Eddie Van Halen seppe che i mascherati cercavano un chitarrista, parlò con Gene Simmons per sapere se esisteva la possibilità di venir assunto nel ruolo. All’epoca Eddie, frustrato dai comportamenti di Dave Lee Roth, voleva abbandonare i Van Halen. Non venne preso per un motivo: come lo avrebbero presentato e truccato? Sarebbe stato un problema insormontabile quindi Gene rifiutò. Pensate che sarebbero stati i Kiss con Eddie… pazzia pura!!!
Questo fu anche l'ultimo album dei Kiss in studio con il make-up, Ace apparve magicamente per la promozione tv in Europa, mitica rimane l’apparizione dei quattro a Discoring, poi venne allontanato e per il tour entrò ufficialmente Vinnie Vincent con il trucco del Mago Wiz disegnato da Paul. Bravo chitarrista Vinnie, per carità, ma poco adatto allo stile della band e soprattutto un piantagrane di prima categoria. Avrà vita breve all’interno della line-up.
C-ya soon…



VOTO RECENSORE
99
VOTO LETTORI
78.32 su 97 voti [ VOTA]
simo
Giovedì 23 Luglio 2015, 22.26.52
44
Quanto cazzo spinge questo LP? Il migliore della loro discografia senza alcun dubbio. Masterpiece
Appg
Mercoledì 6 Maggio 2015, 17.34.23
43
La prima volta che l'ho sentito e stato una botta di adrenalina grandiosa, grandi suoni a 360gradi chitarre sibillanti batteria portentosa e grandi pezzi......peccato non tutti...
Sandman
Martedì 25 Novembre 2014, 21.03.47
42
Finalmente qualcuno che valuta in modo eccellente Creatures Lo reputo uno dei lavorii migliori dei Kiss anche se del combo originale erano rimasti Paul e Gene, ma il prodotto finale è di pregevole fattura 92/100
Philosopher3815
Mercoledì 2 Luglio 2014, 20.09.25
41
Disco stupendo..grandi pezzi,ottima produzione,una menzione particolare per il batterista,potentissimo e compatto.
DP
Venerdì 4 Ottobre 2013, 19.45.48
40
sapete come Carr, peraltro ottimo e rimpianto drummer, ha ottenuto quel suond cosi' devastante ? Con 2 microfoni per ogni singolo tom, cassa e rullante aiutati da ben 4 panoramici. Micidiale alchimia.
Andy '71 vecchio
Martedì 20 Agosto 2013, 19.18.54
39
Una parola sola DEVASTANTE!La batteria di Eric devasta tutto e tutti e poi come al solito grandissimi pezzi,in questo album davvero heavy!Voto azzeccato!
D.P.
Martedì 20 Agosto 2013, 17.05.37
38
ricordo che quando lo misi sul piatto, calai delicatamente la testina Shure e alzai il volume rimasi senza parole. Premesso che sono sempre stato un ammiratore della classica mark mai e poi mai mi sarei aspettato di ascoltare i Kiss in questo modo. Assolutamente devastanti ! Il disco e' senza ombra di dubbio il migliore (insieme a Dynasty ma questa e' un' altra storia e un' altra epoca) di tutta la loro discografia in particolare perche' rappresenta coraggiosamente come l'illustre predecessore il cambio di rotta drastico dei loro confini artistici. Riff tosti e granitici, cantati duri quanto basta e orecchiabili dove i sempre straordinari Paul e Gene sono in stato di grazia e il drumming del compianto Caravello assolutamente epico in perfetto stile Bonham elevano il livello generale compositivo del disco alla magnificenza. Unico neo negativo ? La solita banale e infantile copertina. Ripeto e ne sono convinto che i Kiss facevano corsi grafici serali di aggiornamento per realizzare copertine cosi brutte. Ma fortunatamente la musica e' un' altra storia.
Francesco
Sabato 1 Settembre 2012, 1.33.56
37
Scusate, mi sono sbagliato: voleva dire merita 100, non 99.
Francesco
Sabato 1 Settembre 2012, 1.33.12
36
Ci sono persone scettiche nell'affermare che i Kiss sono una band di heavy metal... Ascoltate dischi come questo Creatures of the night o il successivo Lick it up: se i Kiss non suonano heavy metal, vi consiglio di andare da Amplifon. Grande album, merita 99, non 100.
matteo36
Lunedì 30 Luglio 2012, 19.02.40
35
per me il migliore dei kiss insieme al leggendario alive! merita anche 100 . mi piacciono molto anche i successivi lick it up e animalize senza contare l' ottimo revenge del 92. semplicemente mitici
Fabio Bianchini
Mercoledì 11 Luglio 2012, 1.13.51
34
per me uno dei loro dischi più riusciti..peccato che non abbia avuto più successo ... se qualcuno che non conosce i kiss mi chiedesse da dove iniziare ad ascoltarli, tra i primi gli consiglierei sicuramente creatures; per me non ha niente da invidiare a love gun o destroyer..
Queen W.A.S.P.
Martedì 6 Marzo 2012, 12.31.03
33
Favoloso dal prima traccia sino all'ultima. E' l'album che proclama il ritorno dei KISS al rock e perchè no al METAL. Massiccio, Esplosivo. La doppia cassa di Eric Carr fa solamente tremare. Da avere ORIGINALE! VOTO 99!!!!!!!
Argo
Mercoledì 15 Febbraio 2012, 13.01.59
32
Ottimo cd, il secondo cd dei Kiss che ho ascoltato dopo Revenge, 20 anni fa. Ottimo cd!
Eugene
Mercoledì 15 Febbraio 2012, 13.00.07
31
E' stato il primo disco dei KISS che ho ascoltato per intero e per me rimane il migliore. Qualcuno dice che il voto è esagerato, ma se 99 non lo diamo a Creatures Of The Night a quale disco lo dovremmo dare?
Frankiss
Venerdì 2 Dicembre 2011, 3.18.31
30
Quoto Billorock...caro Il Saggio!!! Provare x cag....ehm..per credere!!!
BILLOROCK fci.
Giovedì 1 Dicembre 2011, 8.45.23
29
il saggio : Prova ad ascoltare Lulù dei Reed/ metallica e vedrai che digestione... ti verrà la dissenteria per una settimana !!
conte mascetti
Giovedì 1 Dicembre 2011, 2.09.07
28
disco oscuro e massiccio. L'ho consumato a forza di sentirlo.
Davide
Martedì 26 Luglio 2011, 16.36.56
27
A mio parere, voto esagerato, molto meglio del precedente, ma troppo esagerato. Un 82 andrebbe bene.
B-DEEP
Lunedì 18 Aprile 2011, 13.33.01
26
in questo disco Kiss grandissimi. Non ce' un attimo di pausa, tosto, massiccio, dalle grandi dinamiche suonato egregiamente da grandi musicisti (ripeto grandi) erroneamente sempre sottovalutati e poco considerati (es. il drumming del sempre compianto Carr e ' devastante, un misto tra Carmine Appice e John Bohnam molto molto incazzati) e dove tutti si devono ricredere e fare mea culpa . Rock
Jack
Sabato 2 Aprile 2011, 19.50.39
25
Quest' album è libidine pura!!!!! Il migliore da studio secondo il mio parere, e poi la formazione con Eric e Vinnie è la migliore in assoluto!! Complimenti al bravissimo Frankiss per la rece !
marcodales
Sabato 8 Gennaio 2011, 3.06.15
24
voto alla rece :99 come al disco ! curiosità : lo sapevi che ROCK'N'ROLL HELL era stata già incisa nel 1979 dal gruppo BACHMAN TURNER OVERDRIVE ? quindi Brian Adams non l'aveva scritta con loro o per loro...ma semplicemente i kiss ne hanno fatto una cover.
Painkiller
Mercoledì 15 Dicembre 2010, 17.12.44
23
giuro che non capisco come si faccia a dire che questo è un capolavoro, per me ci sono quattro o cinque filler insieme ad altrettanti capolavori, ma questo non può essere sufficiente.....mah.
blackie
Sabato 20 Novembre 2010, 0.20.49
22
lo adoro forse una produzione troppo cruda ma le canzoni ci sono eccome su tutte la grandiosa WAR MACHINE autentica cannonata cosi come CREATURES,LOVE LOUD e l immensa STILL LOVE YOU! un plauso specile ad eric carr autentico mattatore con una prova dawero micidiale!
hellvis
Lunedì 15 Novembre 2010, 9.42.59
21
Per un gruppo che si trovava nello sfacelo più totale mica male, anzi direi quasi un capolavoro. La produzione è galattica, la batteria è un'esplosione atomica, le canzoni a livelli altissimi però manca Ace e per quanto Vinnie e tutti quelli che suonarono su questo disco ce la mettano tutta, si sente.
JiNn Dirt Show
Martedì 3 Agosto 2010, 18.02.54
20
Finalmente qualcuno che dice che War Machine è un gran pezzo... Grande Frankiss!!!
Matt
Lunedì 5 Luglio 2010, 11.16.56
19
Ace360 c'ha ragione!
ace360
Sabato 5 Giugno 2010, 10.11.14
18
Quando credi morti i kiss imbracciano le chitarre ti camminano sopra e ti fanno un capolavoro!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Smonta
Venerdì 23 Aprile 2010, 17.41.22
17
Buone alcune canzoni tipo Danger e I love it loud, cmq love gun è una spanna sopra a questo album
David shake
Martedì 22 Dicembre 2009, 9.54.04
16
99..... mi sembra un pò esagerato !!!!! Buon disco ma l'assenza del tocco di Ace pesa come un macigno. Vinnie Vincent non mi ha mai esaltato come chitarrista, ovviamente non per la tecnica ma per il feeling e il calore... .Darei un 75/80 e non di più. 99 si da ad un disco perfetto ..... l'unico disco perfetto dei KISS per me è REVENGE .....
Miircio
Martedì 17 Novembre 2009, 12.50.13
15
Il mio album preferito dei Kiss, e se devo dirla tutta, con Vinnie ed Eric è pure la mia line-up preferita... Peccato che Vinnie rompesse...
AdemaFilth
Giovedì 5 Novembre 2009, 15.31.08
14
Fantastico!
Cpt Adamo
Venerdì 16 Ottobre 2009, 22.14.47
13
Album Irripetibile
jony
Lunedì 5 Ottobre 2009, 19.56.21
12
ottimo album il migliore degli anni ottanta
hm is the law
Lunedì 28 Settembre 2009, 21.10.28
11
Grandissimo disco a me fa impazzire!!!! Ottima rece!!!!
taipan
Lunedì 21 Settembre 2009, 23.04.46
10
SONIC BOOM!!!!!!(scusate,ma non sono riuscito a trattenermi)
Janko
Sabato 19 Settembre 2009, 19.47.17
9
Fantastico disco e ottime canzoni, migliorate dal sound unico che i Kiss non hanno più avuto, perlomeno per la batteria. Grandissimo Rock!!
Janko
Sabato 19 Settembre 2009, 19.47.13
8
Fantastico disco e ottime canzoni, migliorate dal sound unico che i Kiss non hanno più avuto, perlomeno per la batteria. Grandissimo Rock!!
taipan
Sabato 12 Settembre 2009, 19.27.45
7
nella loro lunga discografia,per quanto mi riguarda,è il disco più esaltante.Canzoni molto diverse tra loro ed ispiratissime, ne fanno un lavoro da possedere assolutamente.Adoro il 1982 perchè ero un pischello e perchè i Kiss dettero alle stampe questo bellissimo disco.Voto meritato.
Hellion
Sabato 12 Settembre 2009, 15.55.09
6
...adesso me lo ascolto attentamente, forse non essendo un loro fan, non mi sento di dare un voto così alto..
frankiss
Sabato 12 Settembre 2009, 15.21.55
5
il voto è la summa di una miriade di caratteristiche proprie dell'album....già solo il suono contenuto nel disco e la produzione incredibile valgono almeno un 90....considerate il periodo di uscita (ben 27 anni fa)...ci sono lavori editati ai giorni nostri che non godono di suoni incredi bili come quelli di Creatures.....e poi le composizioni contenute, di primissimo piano, alcune al top tali da diventare classici dei Kiss, vi sembra poco?......Gli album iniziali dei Kiss, guardate le mie passate recensioni, sono pietre miliari irripetibili ma vogliamo parlare del suono o della produzione? Suvvia...un voto ad un lavoro va dato per un insieme di cose..e di fattori....mi sembra chiaro....
tribal axis
Sabato 12 Settembre 2009, 14.28.48
4
il voto è esagerato... il disco non è male per carità, ma sicuramente inferiore ai primi dischi della band...
Hellion
Sabato 12 Settembre 2009, 14.16.19
3
...rece bellissima, come le voglio io, dettagliate e con qualche chicca nascosta, ma il voto è esagerato dai... ...cmq rispetto....I love it loud mi esalta, la ascoltavo proprio in quell'anno...
Electric Warrior
Sabato 12 Settembre 2009, 13.06.05
2
Ottima recensione,ottimo disco
NoRemorse
Venerdì 11 Settembre 2009, 12.15.02
1
Ella madonna! concordo! anche se non me l'aspettavo un voto così...grande!
INFORMAZIONI
1982
Mercury Records
Hard Rock
Tracklist
1. Creatures of the Night
2. Saint And Sinner
3. Keep Me Comin'
4. Rock and Roll Hell
5. Danger
6. I Love It Loud
7. I Still Love You
8. Killer
9. War Machine


Line Up
Gene Simmons - Bass and Voice
Paul Stanley - Guitar And Voice
Ace Frehley - Lead Guitar
Eric Carr - Drums and Voice
 
RECENSIONI
90
90
75
80
13
98
70
96
55
70
80
75
80
90
50
99
97
35
95
80
90
97
95
60
95
90
80
100
80
85
60
ARTICOLI
20/05/2017
Live Report
KISS + RAVENEYE
Pala Alpitour, Torino, 15/05/2017
17/02/2016
Articolo
IN TOUR CON I KISS
Le storie on the road della Original KISS KREW - 1974-1976
17/06/2015
Live Report
KISS + THE DEAD DAISIES
Arena di Verona, 11/06/2015
26/03/2014
Articolo
NOTHIN` TO LOSE - LA NASCITA DEI KISS 1972-75
La recensione
23/06/2013
Live Report
KISS + RIVAL SONS
Mediolanum Forum, Assago (MI), 18/06/2013
13/02/2013
Articolo
KISS
'Welcome to the Show' - La recensione della biografia
24/09/2011
Articolo
KISS
Le Maschere del Rock - la recensione
28/11/2010
Articolo
KISS
Kiss & Lick: la biografia non autorizzata
23/05/2010
Live Report
KISS + TAKING DAWN
Forum di Assago, Milano, 18/05/2010
31/07/2008
Live Report
KISS + CINDER ROAD
Datchforum, Assago (MI), 24/06/2008
13/05/08
Live Report
KISS + CINDER ROAD
Arena, Verona, 13/05/2008
22/02/07
Intervista
MESSIAH'S KISS
Parla la band
30/10/2004
Live Report
NECRODEATH + KISS OF DEATH + DISEASE
Alpheus, Roma, 10/10/2004
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]