Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Evergrey
The Atlantic
Demo

BlurryCloud
Pedesis
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

01/03/19
BROWBEAT
Remove the Control

01/03/19
HEAUME MORTAL
Solstices

01/03/19
DER WEG EINER FREIHEIT
Live In Berlin

01/03/19
QUEENSRYCHE
The Verdict

01/03/19
WHILE SHE SLEEPS
So What?

01/03/19
CARTOGRAPHS
Wilt & Blossom

01/03/19
CLIMATE OF FEAR
The Onset of Eternal Darkness

01/03/19
DARKWATER
Human

01/03/19
MARK MORTON
Anesthetic

01/03/19
IN FLAMES
I, The Mask

CONCERTI

23/02/19
BUCKCHERRY + GUESTS
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

23/02/19
...AND YOU WILL KNOW US BY THE TRAIL OF DEAD
COVO CLUB - BOLOGNA

23/02/19
UNDISPUTED ATTITUDE FESTIVAL
DEFRAG - ROMA

23/02/19
SATAN + RAM + SCREAMER
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

23/02/19
OPERATION MINDCRIME
MEPHISTO - ALESSANDRIA

23/02/19
PROSPECTIVE
DA MONSTAS - PORTO POTENZA (MC)

23/02/19
NANOWAR OF STEEL
FUORI ORARIO - TANETO (RE)

23/02/19
FORGOTTEN TOMB + GUESTS
BOCCIODROMO - VICENZA

23/02/19
BLACK THERAPY + EVIL NEVER DIES
EVILUTION CLUB - ACERRA (NA)

23/02/19
ENUFF Z' NUFF + SISKA
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

Into Eternity - Buried in Oblivion
( 4539 letture )
A distanza di poco tempo dall’uscita dei Kataklysm, mi capita per le mani un altro gruppo canadese, e l’idea che il Canada sia un paese “eletto” mi viene confermata. Oltre alla incredibile scena grind, con gruppi come i Cryptopsy, i Gorguts e i suddetti Northern Hyperblasters, o a quella più “folle” composta da band quali gli Strapping Young Lad o gli Zimmer’s Hole, si aggiungono anche questi Into Eternity, ormai giunti al terzo album, i quali si muovono su coordinate che contaminano death e prog. E lo fanno molto abilemente. Il nuovo parto, a mio parere, si candida come una delle maggiori uscite in campo extreme del 2004, portando una ventata di freschezza e originalità in ambito metal, evolvendolo verso una nuova dimensione.
La prima canzone contiene tutte le peculiarità che fanno grande questo disco: da un lato il death, con growls (addirittura in quattro per queste parti) e sfuriate classiche del genere, alternate a vocals pulite efficaci e molto curate, ad opera del nuovo cantante Chris Krall, dotato di una timbrica alta e pulita, riuscendo ad accontentare sia chi ama il prog e sia chi ama l’estremo. Uno dei punti di forza dell’album, se non IL punto di forza, è l’alternarsi dei diversi stili vocali, che entusiasmano dall’inizio fino all’ultima traccia, e un esempio ne è la penultima canzone “black sea of agony”,forse l’apice delle composizioni degli Into Eternity, che esalta anche per la splendida melodia creata. Altri esempi sono la title “buried in oblivion” e la conclusiva “morose seclusion”, addirittura due prove acustiche della band, dove doppie voci confermano che questi ragazzi non hanno lasciato nulla al caso.
Grande tecnica, e anche tanta fantasia, sono caratteristiche che i protagonisti sanno interpretare al meglio, riuscendo mai noiosi e sempre coinvolgenti (e soprattutto dinamici), tra partiture tecniche e altre melodiche, tra tradizione e evoluzione. Saranno presenti anche nel nostrano Gods Of Metal (il bill non gli da certo giustizia), in attesa del prossimo lavoro per il quale si nutriranno grandi aspettative. Complimenti.



VOTO RECENSORE
87
VOTO LETTORI
22.97 su 37 voti [ VOTA]
Diego
Mercoledì 8 Gennaio 2014, 16.39.44
6
Il "problema" di questa recensione e relativo voto, è che dopo sono arrivati Stu Block alla voce e due album come The scattering of ashes e The incurable tragedy che sono forse anche superiori, per cui la scala forse dovrebbe essere rivista. La bellezza di questo album, tuttavia, non consente di scendere sotto l'87!
D.R.I.
Venerdì 20 Gennaio 2012, 12.48.08
5
"Altra band che gira più per la promozione che ha che per le reali qualità espresse, il metal ahimè è anche questo" non credo sia il loro caso onestamente, ma è un mio punto di vista. In riferimento a d altre band invece è sicuramente così, senza ombra di dubbio
Undercover
Giovedì 19 Gennaio 2012, 13.37.47
4
Boh l'incipit già lascia perplessità, i Gorguts e i Cryptopsy grind? Tralasciando quest'aspetto il disco è bello, nulla da dire ma se questo si considera un gran disco, i Quo Vadis di "Defiant Imagination" dello stesso anno, non calcolati perché privi del supporto adeguato di una label come si deve, cosa dovrebbero prendere 6000?... Altra band che gira più per la promozione che ha che per le reali qualità espresse, il metal ahimè è anche questo.
D.R.I.
Giovedì 19 Gennaio 2012, 13.16.46
3
ricordo ancora le recensioni entusiastiche!
DaniAraya
Mercoledì 18 Gennaio 2012, 20.23.12
2
Il migliore cd tra tutti i loro, di questo me ne sono proprio innamorato. Gli altri non mi dicono nemmeno molto, ma questo è fantastico davvero! Voto: 89
D.R.I.
Mercoledì 18 Gennaio 2012, 18.54.30
1
l' inizio di un nuovo modo di concepire il metal
INFORMAZIONI
2004
Century Media
Prog Death
Tracklist
1-Splintered Visions
2-Embraced By Desolation
3-Three Dimensional Aperture
4-Beginning Of The End
5-Point Of Uncertainty
6-Spiralling Into Depression
7-Isolation
8-Buried In Oblivion
9-Black Sea Of Agony
10-Morose Seclusion
Line Up
Chris Krall – Vocals
Tim Roth – Guitars / Vocals
Rob Doherty – Guitars
Scott Krall – Bass
Jim Austin – Drums / Vocals
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]