Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Kansas
The Absence of Presence
Demo

Northern Crown
In a Pallid Shadow
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

08/08/20
STEVE VON TILL
No Wilderness Deep Enough

11/08/20
SEASON OF DREAMS
My Shelter

12/08/20
WITHIN DESTRUCTION
Yōkai

14/08/20
ROBBY KRIEGER
The Ritual Begins at Sundown

14/08/20
NUG
Alter Ego

14/08/20
WARKINGS
Revenge

14/08/20
CHASTAIN
For Those Who Dare – 30th Anniversary Edition

14/08/20
KAMELOT
I Am The Empire - Live From The 013

14/08/20
PRIMITIVE MAN
Immersion

14/08/20
HAVUKRUUNU
Uinuos Syömein Sota

CONCERTI

08/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

09/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

11/08/20
BAD RELIGION
FESTIVAL DI RADIO ONDA D'URTO - BRESCIA

12/08/20
BAD RELIGION (SOSPESO)
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

19/08/20
PALAYE ROYALE
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

26/08/20
GRAHAM BONNET & ALCATRAZZ + GIRLSCHOOL + ASOMVEL
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

27/08/20
WOLFMOTHER + HARDCORE SUPERSTAR (SOSPESO)
PIAZZA DUOMO - PRATO

04/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA (SALA SINOPOLI) - ROMA

05/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
2DAYS PROG - VERUNO (NO)

06/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
POLITEAMA GENOVESE - GENOVA

Saltatio Mortis - Wer Wind Sät
( 3300 letture )
Il Mittelalter-rock, ovvero il Rock Medioevale, è un genere nato nei focosi anni ’70 in Germania. I primi a lanciare questa tipologia di rock contaminato da tipici strumenti medioevali furono gli Ougenweide. A seguito del successo riscontrato dai Subway To Sally che commercializzarono il genere nacquero, come funghi nel sottobosco, numerosi gruppi che abbracciarono la proposta. A difesa del genere si ergono in primis gli In Extremo che, mischiando le canoniche sonorità rock a strumenti quali cornamuse, arpe e sitar, classico strumento a corde di origine indiana, a chitarre elettriche, basso, batteria ed effetti elettronici, hanno plasmato l’intero movimento.

Nel corso degli anni in terra d’Alemagna, sulla scia dei connazionali, ulteriori band Mittelalter-rock si sono affacciate sul mercato. Su tutte bisogna citare Schelmish, Schandmaul e Saltatio Mortis. E di questi ultimi che in loco bisogna trattare. Principalmente dell’ultima loro uscita Wer Wind Sät. Fondati nel 2000 a Mannheim irrompono presto sulla scena riscontrando successo con il debut Tavernakel, album quasi completamente strumentale. Si susseguono altri dischi che permettono alla band di imporsi a trecentosessanta gradi nel panorama tedesco, e discretamente anche in quello europeo.

Lo stile è quello tipico del genere. Tra strumenti classici quali la cornamusa e la ciaramella e strumenti moderni quali chitarra elettrica, basso e batteria, i tedeschi riescono a ricreare un’atmosfera antica dalle reminescenze medioevali, il tutto rafforzato dalla presenza di effetti elettronici. Nel 2006 tre degli otto membri fondatori abbandonano il progetto. Con l’avvento dei nuovi membri la band pubblica nel 2007 Aus der Asche che presenta una svolta a livello stilistico, avviata in verità nel predecessore Des König Henker, che consiste nel totale abbandono degli innesti elettronici. Wer Wind Sät continua sulla scia dei precedenti piazzando brani dall’animo vetusto ricchi di contaminazioni. La BagPipe, ovvero la cornamusa, è un elemento onnipresente all’interno del disco. Con solerzia accompagna le dodici tracce del platter ricreando atmosfere grigie ed epiche degne delle miglior storie di cappa e spada. Il supporto degli strumenti elettrici risulta fondamentale per la riuscita del disco che, altrimenti, a lungo andrebbe ad annoiare. Da notare la presenza del frammento medioevale La Jument de Michao intonato in francese. Ma degna di citazione è anche Wir säen den Wind sul finir del full-lenght e la precedente Vergessene Götter dalle ritmiche sferzanti e dai toni pomposi.

In Italia il Mittelalter-rock è stato riportato in auge dai bergamaschi Folk Stone autori di un debutto omonimo di elevata caratura stilistica e qualitativa. Il successo degli orobici ha portato una ventata di freschezza nel panorama nostrano risvegliando un sentimento folcloristico e tradizionale non indifferente, rivelandosi fondamentale per la nascita di progetti similari. Gli appassionati al genere, ma anche i più curiosi, possono avvicinarsi senza riserve all’ultimo lavoro dei Saltatio Mortis anche perchè, prendendo in prestito il motto dei tedeschi, non ci resta che ballare, perché chi balla non muore…



VOTO RECENSORE
72
VOTO LETTORI
25.15 su 19 voti [ VOTA]
Theo
Lunedì 2 Gennaio 2012, 23.01.28
3
buon gruppo, veramente valido... corro a comprare qualche loro album
il vichingo
Mercoledì 23 Novembre 2011, 15.33.24
2
Poche storie! Questo è un SIGNOR album, ce ne fossero di più questa qualità
Giasse
Sabato 19 Settembre 2009, 19.55.47
1
è un album che non mi ha esaltato. Li preferivo con qualche richiamo elettronico tipo Das Zweite Gesicht...
INFORMAZIONI
2009
Napalm Records
Folk
Tracklist
1. Ebenbild
2. Salome
3. La Jument de Michao
4. Letzte Worte
5. Kaltes Herz
6. Rastlos
7. Miststück
8. Tief in mir
9. Aus Träumen gebaut
10. Manus Manum Lavat
11. Vergessene Götter
12. Wir säen den Wind
Line Up
Alea der Bescheidene (Voce, Cornamusa, Shalm)
Cordoban der Verspielte (Chitarra, Shalm, Cornamusa, Flauto, Fiddle)
Mik el Angelo (Chitarra, Liuto, Cittern)
Falk Irmenfried von Hasen Mümmelstein (Cornamusa, Schalmeien, Wui indiano, Introduzioni parlate)
Magister Flux (Equipaggiamento moderno)

El Silbador (Cornamusa, Shalm)
Bruder Frank (Basso)
Lasterbalk der Lästerliche (Batteria, Percussioni, Programming)
Thoron Trommelfeuer (Batteria, Percussioni)
 
RECENSIONI
45
80
84
72
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]