Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Eyehategod
A History of Nomadic Behavior
Demo

Sunnata
Burning in Heaven, Melting on Earth
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

13/04/21
ABIGORUM
Vergessene Stille

14/04/21
GRAVEYARD OF SOULS
Infinity Equal Zero

16/04/21
HOLDING ABSENCE
The Greatest Mistake Of My Life

16/04/21
ENDSEEKER
Mount Carcass

16/04/21
ICON OF SIN (BRA)
Icon of Sin

16/04/21
TEMPLE BALLS
Pyromide

16/04/21
SPECTRAL WOUND
A Diabolic Thirst

16/04/21
CANNIBAL CORPSE
Violence Unimagined

16/04/21
THE VINTAGE CARAVAN
Monuments

16/04/21
BLACK ORCHID EMPIRE
Live in the Studio (EP)

CONCERTI

16/04/21
LOUDNESS + GREY ATTACK + THOLA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/04/21
AXEL RUDI PELL
DRUSO - RANICA (BG)

05/05/21
SONS OF APOLLO (ANNULLATO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

07/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

08/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

09/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
TRAFFIC CLUB - ROMA

10/05/21
CORROSION OF CONFORMITY + SPIRIT ADRIFT
LEGEND CLUB - MILANO

11/05/21
DEATHSTARS
LARGO VENUE - ROMA

12/05/21
DEATHSTARS
LEGEND CLUB - MILANO

14/05/21
DISCHARGE + GUESTS TBA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Abinaya - Corps
( 2013 letture )
Non è terra di grandi tradizioni metalliche, la Francia. E' terra di grandi condottieri (Napoleone Bonaparte), poeti maledetti (Baudelaire) e provetti footballeurs (Zinedine Zidane) ma non è certo famosa per l'headbanging, gli assoli o qualche epica galoppata come Dio (Ronnie James) comanda. Superato con qualche disturbo di stomaco questa deplorevole introduzione, veniamo agli Abinaya e al loro Corps, disco col quale la band conferma quanto detto in principio: ovvero che Oltralpe farebbero meglio a dedicarsi ancora alla lettura de Les Fleurs Du Mal o alla visione di qualche partita del Paris Saint Germain piuttosto che mettersi a suonare heavy metal. Di ispirazione indiana con divagazioni tribali vagamente riferibili ai Soulfly, gli Abinaya giungono al secondo album della loro carriera, articolato in undici pezzi e cantato nella lingua madre.

La titletrack si apre con un ritmo tambureggiante e giunglaiolo, con qualche spruzzo orientale. Non appena Monsieur Igor Achard afferra il microfono, però, il castello crolla roviniosamente: non è assolutamente lingua adatta per l'acciaio, il francese, e la tesi viene ampiamente confermata da quasi tutte le tracce seguenti. Si salva solo Partir Puis Revenir, che però è la ballad del platter: almeno nelle canzoni mielose questo idioma trova un senso, e ci mancherebbe! Per il resto gli Abinaya stendono delle melodie interessanti, belle come quella di Enfant D'Orient, ma già dalla terza traccia il sound della band inizia ad essere ripetitivo. Probabilmente il migliore del quartetto è il drummer Nicolas Vieilhomme. Sul groppone degli Abinaya pesa una parte centrale del disco in cui l'attenzione cala vertigionosamente, recuperata in parte dal ritmo più dinamico di Les Chars De police e dal bel ritornello radiofonico di La Mort Des Amants.

Insomma, il succo del discorso è uno: se la musica degli Abinaya presenta delle melodie e dei ritmi interessanti, talvolta ripetitivi ma nel complesso positivi, le vocals lasciano alquanto amaro in bocca. Dispiace bocciare severamente chi crede nell'efficacia della propria cultura e della propria lingua a tal punto da portarla on the road come bandiera e orgoglio (sotto la Tour Eiffel il nazionalismo è alquanto sfrontato), però ragazzi qui stiamo parlando di metal, di rock, e il francese cantato in quest'ambito è peggio di un rullante ciccato o di un riff steccato!



VOTO RECENSORE
50
VOTO LETTORI
24 su 20 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2009
Brennus
Heavy
Tracklist
1. Corps (4:47)
2. Enfant d'Orient (4:52)
3. L'Homme Libre (3:12)
4. Regarder le Ciel (3:25)
5. Algo Mais (Quelque Chose de Plus) (4:31)
6. Les Labels (4:34)
7. Testament (4:28)
8. Les Chars de Police (4:16)
9. Partir Puis Revenir (5:20)
10. La Mort des Amants (4:51)
11. Resiste (5:18)
Line Up
- Igor Achard : Chant /Guitares
- Andre Santos : Basse
- Nicolas Heraud : Percussions, Pyrotechnie
- Nicolas Vieilhomme : Batterie
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]