Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Candlemass
The Door to Doom
Demo

BlurryCloud
Pedesis
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/03/19
THE END MACHINE
THE END machine

22/03/19
PSYCHOPUNCH
We Are Just As Welcome As Holy Water In Satans Drink - 22nd anniversary special edition

22/03/19
DYING GORGEOUS LIES
The Hunter and the Prey

22/03/19
IMPRECATION
Damnatio Ad Bestias

22/03/19
FROZEN CROWN
Crowned In Frost

22/03/19
THE TREATMENT
Power Crazy

22/03/19
TERROR OATH
Terror Oath

22/03/19
S91
Along The Sacred Path

22/03/19
ANGEL BLACK
Killing Demons

22/03/19
AORATOS
Gods Without Name

CONCERTI

22/03/19
PROSPECTIVE
SATYRICON - ALATRI (FR)

22/03/19
PINO SCOTTO + GUESTS
LA CLAQUE - GENOVA

22/03/19
PROFANAL + EKPYROSIS + CARRION SHREDS
EXENZIA - PRATO

23/03/19
FUROR GALLICO
DAGDA CLUB - RETORBIDO (PV)

23/03/19
IMAGO IMPERII + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

23/03/19
SEPTICFLESH + KRISIUN + DIABOLICAL + XAON
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

23/03/19
HELLUCINATION + GUESTS
EVOL LIVE CLUB - ROMA

23/03/19
NANOWAR OF STEEL
MEPHISTO - ALESSANDRIA

24/03/19
SEPTICFLESH + KRISIUN + DIABOLICAL + XAON
ALCHEMICA - BOLOGNA

24/03/19
INCANTATION + DEFEATED SANITY + GUEST
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

Labyrinth - Return To Heaven Denied
( 7982 letture )
Ci sono album che hanno meriti che vanno aldilà della loro intrinseca bellezza; che hanno travalicato i confini del loro raggio d’azione; ci sono dischi -e gruppi- che hanno avuto la forza di uscire dalla massa e d’imporsi all’attenzione generale; gruppi che hanno avuto il merito di saper cogliere l’attimo e realizzare in musica tutti i loro propositi. È questo il caso -senza ombra di dubbio- dei Labyrinth che grazie alle note di Return to Heaven Denied forgiarono -poco più di dieci anni fa- quel sound che nel mondo sarà sinonimo di Italian Power Metal ed affini -aberranti- etichette. Se oggi il metal tricolore è arrivato dove è arrivato, bè… signori, giù il cappello, perché è proprio grazie a dischi come questo - e i primi di Rhapsody ed Eldtritch- che il verbo metallico della penisola è riecheggiato in giro per il mondo.

Nonostante l’ottimo debutto del 1996 (No Limits -con Fabio Lione alla voce-) i Labyrinth arriveranno alla consacrazione col secondo album, Return to Heaven Denied. Prima di giungere alla pubblicazione del disco ci furono delle sostanziali modifiche nella line up, che credo sia bene sottolineare. Ci fu l’avvicendamento di Lione -accolto a braccia aperte dalla premiata ditta Turilli/Staropoli nei Rhapsody(Of Fire)- con un “certo” Roberto Tiranti che proveniva dai New Trolls; quello di Frank Andiver con Mat Stancioiu dietro le pelli, e quello di Ken Taylor con Andrea De Paoli alle tastiere. Questi tre new entry in line up, affiancati dal quel geniaccio di Olaf Thorsen, Andrea Cantarelli e Cristiano Bertocchi diedero vita a questo piccolo capolavoro di power/prog italiano; un gioiello preziosissimo alla luce di quanto ho scritto in testa alla recensione.

Il disco parte in quarta, con quello che all’epoca della mia adolescenza era -ma infondo lo è ancora nel mio cuore- uno dei miei inni, affiancato da Emerald Sword dei Rhapsody e da qualche pezzo degli Stratovarius. Sto parlando dell’opener Moonlight, prototipo della canzone power per eccellenza. Un pezzo che fa del potenza del ritornello -come da manuale per il genere- il proprio punto di forza. Moonlight shining in the sky/nothing more can stop my flight/Take my hand again, fly with me thousand million miles away. Niente di criptico, niente di particolarmente difficile, anzi, direi proprio facile. Eppure quel Mooooooooonliiiiiiiiiiiiight rallentato -che l’ugola di Tiranti deifica- scommetto che lo abbiate cantato centinaia di volte mentre scapocciavate sotto al palco o in camera vostra (come il sottoscritto che -nel ’98- aveva appena 13 anni). Il pezzo parte con una chitarra acustica poi bruscamente interrotta dallo stesso giro su quella elettrica di Thorsen. Partenza modello bombardamento a tappeto della batteria sorretta da una grande prova di Bertocchi al basso e da un grande Tiranti che da subito s’impone con forza all’attenzione dell’ascoltatore. Gran lavoro di chitarre (come in tutto l’album del resto) e ancora il chorus introdotto da un bridge di pari bellezza. Un classico della band. Un classico che anche i metallari con la puzza sotto al naso -ahimé, ce ne sono parecchi- dovrebbero conoscere.

Si prosegue sulla falsariga dell’opener con New Horizons, altra ottima canzone dove Tiranti si mette in mostra anche per i suoi celebri falsetti. Si prosegue -senza scendere minimamente di livello- con la melodia di The Night of Dreams, una canzone dove cala il ritmo, ma -ancora una volta- si può apprezzare la straordinaria capacità dei Labyrinth di costruire canzoni melodiche ma non banali. In questo pezzo più di altri vengono fuori le doti compositive di Andrea De Paoli che dimostra di avere una di quelle doti che pochi musicisti hanno; mi riferisco al mettere le note al posto giusto senza essere invadenti, senza esagerare. Le parti di tastiera di The Night Of Dreams rasentano la perfezione.
Un dolce pianoforte che s’intreccia alla delicata voce di Tiranti introduce un altro classico del gruppo: Lady Lost In Time. Cosa dire? Il riffing di Thorsen è serrato, ma allo stesso tempo trova il tempo di fare scorribande con Cantarelli con scale velocissime. Il power italiano nasce qui, o almeno è passato da qui. Ancora grandi sprazzi compositivi con State Of Grace, che decelera decisamente per dare più spazio alla melodia della chitarra. Poi uno dei miei pezzi preferiti del disco: Heaven Denied. Un pezzo ricercato ed elegante, ma che grida vendetta. Ogni volta che lo ascolto mi regala una nuova emozione.

Si prosegue con la spumeggiante Thunder, episodio -ancora una volta- caratterizzato dalla velocità. Ritornello perfetto per essere cantato live. Un altro centro nel bersaglio. Poi un esperimento a mio viso riuscitissimo. I nostri -alla faccia di chi definisce il mondo del metal chiuso e monotono- si sono cimentati con una cover (pratica poi diffusa da Thorsen con i futuri fratelli Vision Divine) che col metal non ha nulla da spartire. Sto parlando del rifacimento di Feel (Legend B remix), pezzo techno (c’ho messo un quarto d’ora per scriverlo!) che proprio in quegli anni impazzava in discoteca. D’altronde se ricordate Vertigo del precedente No Limits, c’è poco da meravigliarsi. Ad ogni modo, stiamo parlando di una grande maturità artistica unita ad una buona dose di coraggio, sulle quali spiccano soprattutto le notevoli capacità esecutive. Time After Time ci riporta sui binari del canonico power, mettendo a segno un altro piccolo colpo vincente. Siamo quasi alla fine, ma i Labyrinth devono lasciarci in eredità ancora un altro capolavoro, la magnifica Falling Rain. Chiude il disco Die For Freedom, altra perla che mostra il meglio di sé nella seconda parte.

Return to Heaven Denied è l’atto di nascita del power italiano. Un disco che possiede tutto quello che si possa chiedere ad un album power. Acquisto obbligato.

La band ha da poco annunciato la reunion con la formazione ufficiale e la registrazione di Return to Heaven Denied Pt. 2 (clicca qui per leggere la news), ed è proprio per questo che voglio lasciarvi citando gli stessi Labyrinth:

Remember my words
I said
One day I'll come back
I'm turning back to the Heaven denied
Once i had gone
today I'll turn to light (am I dreaming?)


Bentornati ragazzi, vi stavamo aspettando.



VOTO RECENSORE
90
VOTO LETTORI
86.06 su 128 voti [ VOTA]
Andrea Salvador
Giovedì 14 Marzo 2019, 18.28.59
50
Probabilmente uno dei migliori album italiani di sempre. Qui c'è tutta la tradizione italiana della grande melodia. New Trolls,L Orme, Banco Mutuo Soccorso e PFM unita a Malmsteen, Iron Maiden, Judas Priest, Deep Purple, Rainbow e Helloween, per me la musica di "Return To Heaven Denied" è questo. Che, poi, sia Power Metal non mi interessa. La grande musica italiana è questa... Melodie intricate e testi che ti entrano nella testa e non ne escono più. Non è banale. Non è facile.
HeroOfSand_14
Mercoledì 12 Settembre 2018, 18.27.31
49
Non capisco come sia possibile trovare cosi tanti commenti neutrali o critici nei confronti di uno di quei dischi che, penso sia oggettivo, siano talmente elevati a livello qualitativo che si sono meritati un posto nell'olimpo del metal nostrano. Nuovamente torno a leggere commenti denigratori solo per via del fatto che i Labyrinth sono italiani. Comunque, sono affezionato parecchio a questo album e sono d'accordo con chi dice che non sono più riusciti ad eguagliare la magia, l'atmosfera e le melodie sognanti che avevano creato. Il misto di prog e power qui è evidente e calza a pennello con brani indimenticabili, cantati da una voce stellare che in futuro maturerà ancora di più fino a diventare uno dei migliori cantanti italiani. Nel Live dell'anno scorso, dove suonarono per intero il disco, la maturazione di Roberto è evidente e dà un altro tocco di qualità alle canzoni. Disco intramontabile, invecchiato benissimo (a parte magari la produzione) e che rimarrà negli annali. Insulso dire il contrario
Area
Giovedì 24 Maggio 2018, 9.44.30
48
Me lo regalarono in quel periodo in cui andavano i film del Signore degli anelli. A posteriori dico che é un disco Power che oltre a rifarsi un po agli Helloween del periodo dei Keepers "alla lontana" risente un po anche dell'influenza del Progressive Rock più tastieristico nostrano e Inglese.
lux chaos
Mercoledì 19 Aprile 2017, 10.07.14
47
Che capolavoro, riascoltato stamattina...un vero capolavoro del metal italiano, e mondiale...li vidi, senza sapere neanche chi fossero, al mitico gods of metal del 98 a 15 anni, furono tra i primi a suonare e mi innamorai subito...che disco CLAMOROSO...per me non si sono più ripetuti su tali livelli, questo gioiello resta un unicum irripetibile
Dav86
Venerdì 5 Agosto 2016, 12.57.33
46
Per me, il miglior album metal italico di sempre e uno dei miei top 5 album metal! SPETTACOLARE CAPOLAVORO.
JACK SERME
Giovedì 3 Marzo 2016, 13.39.16
45
Spettacolare. Bellissimo. Un lavoro davvero con L maiuscola. La band supera se stessa.
Half Ano
Domenica 20 Dicembre 2015, 17.38.54
44
Per me 90 è pure un po' basso come voto per questo disco...
Sonia
Domenica 20 Dicembre 2015, 14.59.02
43
90 va più che bene, al di là del genere qui si parla della Storia del Metal di questo paese. Per una volta tanto siate patriottici e non esterofili. Labyrinth orgoglio nazionale assieme a tante altre band
Gamma
Lunedì 19 Maggio 2014, 19.20.18
42
Rispolverato oggi....vhè onestamente 90 mi sembra un pò troppo, in ogni caso si è sicuramente un buon prodotto...
enzo
Giovedì 30 Gennaio 2014, 0.09.16
41
per me un must lo comprai quando usci disco fantastico praticamente perfetto
Giovanni
Martedì 11 Giugno 2013, 20.10.38
40
SPETTACOLARE.
Interstellar overdrive
Mercoledì 6 Febbraio 2013, 23.41.15
39
L'ho riascoltato oggi dopo tanto tempo. Un album veramente godibile e ben fatto. Non è il caso di gridare al miracolo, ma come album d'esordio lasciava presupporre una carriera luminosa per i Labyrinth, che purtroppo invece si sono persi per strada.
roby
Sabato 24 Marzo 2012, 14.33.41
38
che album, che album!! una canzone più fantastica dell'altra
ASD
Giovedì 17 Novembre 2011, 21.45.49
37
Bellissimo album! Return To Heaven Denied lo considero alla pari di No Limits (album di cui spero di veder presto la recensione!)! Con questi due album, uno dietro l'altro, i Labyrinth hanno fatto la storia del metal made in italy. Il riff di Moonlight rimmarrà nella storia! Peccato che gli album successivi siano stati assolutamente meno ispirati di questo. Roberto Tiranti non fornira mai più secondo me un prestazione allo stesso livello di Return To Heaven Denied.
Rob
Domenica 6 Giugno 2010, 19.04.40
36
Si si Marco è verissimo. Ha anche partecipato al musical "I Dieci Comandamenti"...
marco
Domenica 6 Giugno 2010, 18.59.24
35
ma roberto ha anche fatto i raccomandati se non sbaglio,e per un soffio non va in finale...
Lancio
Domenica 6 Giugno 2010, 18.58.00
34
album stupendo dall'inizio alla fine non un minuto noioso..perfino la canzone strumentale(di solito mi annoiano)e' veramente bella...e nonostante siano passatom ormai 12 anni lo riascolto ancora volentieri...e ci sono molto affezionato essendo uno dei primi dischi che ho ascoltato in ambito rock/metal.l'unica pecca e' che non si sono piu'ripetuti su questo livello,anche se credo sia molto difficile...speriamo nel nuovo album...ciao a tutti
onofrio
Sabato 19 Dicembre 2009, 19.45.49
33
Return To Heaven Denied stupendo cd che non conosce noia canzoni 100 copertina 100
Khaine
Martedì 10 Novembre 2009, 22.28.04
32
Ah ecco, ecco perchè jnon ricordavo!!! Si si, ricordo tutto,...
Rob
Martedì 10 Novembre 2009, 20.28.01
31
Con i New Trolls! Non so perchè ho scritto Quintorigo! Mi si sono spenti i neuroni!
Rob
Martedì 10 Novembre 2009, 20.18.04
30
Bè ragazzi, Roberto non è nuovo a questo tipo d'incursioni nel mainstream... chi ricorda San Remo con i Quinto rigo? Secondo me ha fatto bene... se fosse stato scelto avrebbe potuto mostrare come si canta seriamente a un bel pò di gente!
Raven
Sabato 31 Ottobre 2009, 17.11.43
29
Viene anche da chiedersi perchè lo abbia fatto.....
frank
Sabato 31 Ottobre 2009, 17.09.28
28
e pensare che un genio come Roberto Tiranti ha fatto il provino per x factor, ed è stato scartato...
pv
Sabato 31 Ottobre 2009, 16.27.10
27
bellissimo
Plinio
Martedì 27 Ottobre 2009, 17.14.47
26
Capolavoro
horrorifico
Venerdì 23 Ottobre 2009, 17.39.57
25
gran bel disco
Raven
Venerdì 23 Ottobre 2009, 14.04.30
24
Una delle poche cose che ascoltai con vero interesse negli anni 90.
Renaz
Giovedì 22 Ottobre 2009, 23.37.16
23
Mi fido di te, Claudio...
Claudio
Giovedì 22 Ottobre 2009, 19.51.35
22
diementicavo...quando Stancioiu era via per il servizio militare nel tour di questo splendido lavoro, per un periodo ci suono' Ross Lukather ( Death ss, Athena, Shining Fury )
Claudio
Giovedì 22 Ottobre 2009, 18.45.52
21
ok renaz...session...ma fino ad un certo punto, perche poi se ne è andato via x scelta sua, come sai il disco precedente lo suono' pure lui..un session scrive pure testi per due album, come questo e NO LIMITS? un ex e basta seconde me.. p.s. frank fu uno dei fondatori della band
Renaz
Giovedì 22 Ottobre 2009, 18.23.13
20
Appunto Claudio, un session
Electric Warrior
Giovedì 22 Ottobre 2009, 17.53.03
19
grandissimo disco,grandissimo gruppo
Dephacer C.
Giovedì 22 Ottobre 2009, 17.22.08
18
questo disco è stato uno dei fulmini a ciel sereno nel mio cuore! assieme ai Rhapsody costituiscono un vanto enorme per la nostra nazione.un grande disco.
Claudio
Giovedì 22 Ottobre 2009, 17.20.07
17
ragazzi fidatevi al 100% il disco è stato registrato da FRANK ANDIVER...agli ZENITH STUDIOS è stata fatta solo la batteria, tutto il resto presso i New Sin del grande Luigi Stefanini... se leggete il booklet del cd cè scritto cosi .. ALL DRUMS PLAYED AND RECORDED BY FRANK ANDIVER AT ZENITH STUDIOS ( LU) ITALY
Nightblast
Giovedì 22 Ottobre 2009, 16.40.54
16
Bel disco che mette in luce un'ottima band che però in brevissim tempo avrebbe perso tutto il suo "charme". Indubbiamente tra i vari Rhapsody, Domine, e company i Labyrinth si sono sempre distinti per capacità e qualità. A mio avviso non un capolavoro ma indubbiamente un gran disco. Speriamo non intitolino davvero il disco della reunion Return to heaveb denied part. 2...Sarebbero quantomeno ridicoli.
Renaz
Giovedì 22 Ottobre 2009, 15.25.16
15
Non ci metto la mano sul fuoco, per carità, però credo che me l'avesse detto lo stesso Mattia ad un concerto.. ma posso sbagliarmi, ero molto giovincello all'epoca
Rob
Giovedì 22 Ottobre 2009, 15.20.16
14
Per quanto ne so io, Frank Andiver ha scritto le parti di batteria prima di andarsene....
Renaz
Giovedì 22 Ottobre 2009, 15.06.26
13
... e in effetti in questo disco ha suonato un session perchè Stancioiu era via per il servizio militare... booh
Khaine
Giovedì 22 Ottobre 2009, 14.45.10
12
IN realtà credo di doverti contestare, Admiron, perchè il comunicato stampa (pubblicato anche sul nostro sito) dice che la band tornerà con la stessa line-up di questo disco
Adimiron
Giovedì 22 Ottobre 2009, 14.22.28
11
@Mario: NON suonerà Mattia Stancioiu, 99 su 100...
AL
Giovedì 22 Ottobre 2009, 14.11.49
10
Morby è il numero 1 !!!
Vittorio
Giovedì 22 Ottobre 2009, 14.10.54
9
Strepitoso!
Mario
Giovedì 22 Ottobre 2009, 14.07.40
8
CHI SUONERA' LA BETTERIA NEL PROSSIMO DISCO? QUALCUNO HA NEWS IN MERITO?? GRAZIE
Claudio
Giovedì 22 Ottobre 2009, 14.04.46
7
Capolavoro assoluto del power metal italiano. per me è uno dei 5 album migliori POWER al mondo..grande lavoro di Frank Andiver dietro la batteria, non scordiamoci di questo..ok?? 100
Renaz
Giovedì 22 Ottobre 2009, 13.10.19
6
Io li ho visti quando alla voce c'era Morby... un concerto eccelso
LAMBRUSCORE
Giovedì 22 Ottobre 2009, 13.06.13
5
non ci crederete ma adoro questo disco, li ho visti anche nel loro tour di quell'anno, insieme a pegazus e hammerfall, ho anche parlato coi ragazzi della band e devo dire che non si davano della merda, come tanti dicono.
Khaine
Giovedì 22 Ottobre 2009, 12.41.39
4
Rischiose in entrambi i sensi: potrebbero affondare ma anche portare al massimo successo una band. Vedremo... io mi fido della band e attendo di sentire i primi samples con molta trepidazione...
AL
Giovedì 22 Ottobre 2009, 11.40.08
3
strepitoso!! capolavoro!!! peccato nel voler fare la parte 2... i sequel non mi piacciono e sono operazioni rischiose...
Arekusu
Giovedì 22 Ottobre 2009, 10.05.29
2
Concordo, grandissimo disco. Peccato non avessero a disposizione i mezzi (i dindini, il vil denaro) di oggi!
Khaine
Giovedì 22 Ottobre 2009, 7.51.41
1
Uno dei più grandi dischi della storia del metal in Italia ed in Europa.
INFORMAZIONI
1998
Metal Blade
Power
Tracklist
01. Moonlight
02. New Horizons
03. The Night Of Dreams
04. Lady Lost In Time
05. State Of Grace
06. Heaven Denied
07. Thunder
08. Feel (Legend B. Remix)
09. Time After Time
10. Falling Rain
11. Die For Freedom
Line Up
Roberto Tiranti - voce
Olaf Thorsen - chitarra
Andrea Cantarelli - chitarra
Cristiano Bertocchi - basso
Andrea De Paoli - tastiera
Mattia Stancioiu – batteria

www.myspace.com/labyrinthitalia
www.labyrinthband.com
 
RECENSIONI
78
75
76
77
90
80
ARTICOLI
13/06/2017
Live Report
RHAPSODY + EPICA + LABYRINTH
Alcatraz, Milano, 07/06/2017
08/06/2017
Intervista
LABYRINTH
Quando la musica è architettata per restare
01/03/2011
Live Report
SONATA ARCTICA + LABYRINTH + 4TH DIMENSION
Alcatraz, Milano, 27/02/2011
14/07/2010
Live Report
OZZY OSBOURNE + LABYRINTH
Villa Contarini, Piazzola Sul Brenta (PD), 05/07/2010
07/06/2010
Live Report
MEGADETH + SADIST + LABYRINTH
Atlantico, Roma, 04/06/2010
09/03/2004
Articolo
LABYRINTH
La biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]