Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Living Colour
Shade
Demo

In Vain (SPA)
IV
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

14/12/17
HAMKA
Multiversal

15/12/17
AVENGED SEVENFOLD
The Stage - deluxe edition

15/12/17
DIRGE
Alma | Baltica

15/12/17
AERODYNE
Breaking Free

15/12/17
DE LA MUERTE
Venganza

15/12/17
DSEASE
Rotten Dreams

15/12/17
ASKING ALEXANDRIA
Asking Alexandria

15/12/17
MATERDEA
A Rose for Egeria - Deluxe Edition

15/12/17
MISTHERIA
Gemini

15/12/17
NEIGE MORTE
Trinnt

CONCERTI

14/12/17
GENUS ORDINIS DEI + GIGANTOMACHIA
TRAFFIC CLUB - ROMA

15/12/17
MOLLY HATCHET
BLOOM - MEZZAGO (MB)

15/12/17
SPEED STROKE + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

15/12/17
ELVENKING + ANCESTRAL
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

15/12/17
IFMT WINTER FEST (day 1)
CENTRO GIOVANILE CA VAINA - IMOLA

15/12/17
DEFLORE + DISUMANA RES
ALVARADO STREET - ROMA

16/12/17
JOHN DALLAS + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

16/12/17
CADAVERIA + GUESTS
CRASH - POZZUOLI (NA)

16/12/17
ELVENKING
OFFICINE SONORE - VERCELLI

16/12/17
MICHAEL ANGELO BATIO & BLACK HORNETS
REVOLVER - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

Hypnosis - The Synthetic Light of Hope
( 1741 letture )
The Synthetic Light of Hope, ultimo lavoro dei francesi Hypnosis, distribuito in patria da quasi un anno e solo da ottobre anche in Europa, lascia veramente l'amaro in bocca. Mettiamola così: se il gruppo esiste dal 1993 senza ancora aver infranto il muro del riconoscimento globale, limitandosi a raccogliere qualche incoraggiante parere di critica, a onor del vero solo in patria, un motivo ci sarà. Purtroppo non sparliamo di una formazione agli esordi che magari deve ancora dimostrare idee e potenziale o, peggio ancora, di ingiustificato accanimento critico, ma di ben diciassette anni di anonima carriera, i quali non sono assolutamente pochi.

Un death metal scialbo, dalle venature industrial, le quali non danno esclusività ai pezzi, facendoli piuttosto crollare in estenuanti ripetizioni che, accostate all'eccessiva lunghezza dei brani, degenerano il lavoro in noia totale e priva d'emozioni. Tralasciando l'aspetto meramente compositivo, che i più alternativi ascoltatori del genere potranno anche considerare un tentativo vagamente originale atto a creare un tendenzioso seguito di nicchia, consegue assolutamente insufficiente è la scelta del sound: zero dinamica e un suono ovattato che vieta di dare almeno in tal senso una nota di pieno merito alla creazione di quest'album. La drum machine è un carro armato innegabilmente troppo in rilievo, un assillo costante ad alto volume che si ferma solo in qualche vano tentativo di respiro. Così come i synth pop, spropositati e asfissianti che contribuiscono in maniera negativa allo svolgersi dei brani, rendendoli in alcuni tratti grotteschi. La vera pecca del lavoro è individuabile nella più che discutibile seconda voce della chitarrista Cindy Goloubkoff; un pesce fuor d'acqua, mai pungente, quasi dissacrante nello spirito delle intenzioni della band. Non vorrei esagerare, ma in alcuni momenti è sembrato ricordare quei tormentoni rompiscatole estivi, quel timbro vocale melodico in voga nelle discoteche dance anni '90. Comica, derisoria, forse adatta a una forma di dance metal rivoluzionaria, ma di sicuro deludente per il rispetto che merita lo sporco e bastardo death metal. Proporre delle sfumature industrial non significa ridurre allo stato brado e irriverente il genere. Tentativo, per farla breve, decisamente mal riuscito. A questo si aggiunge l'insufficiente prima voce di Greg Balia-Taris in una performance di assoluta calma piatta, monotona nelle dinamiche e, se pur propositiva di violenza, priva di personalità. Veramente poche le canzoni da tenere in considerazione in quest'album degli Hypnosis: qualche tempo ben ritmato e scambi di chitarre considerevoli degne di nota li troviamo in [Kill Me] When I Dream e nel pezzo Into Trouble Waters, dove si sente il "profumo" di qualche passaggio death old style, salvo poi esser puntualmente surclassato da synth di poca ricercatezza compositiva così da vanificare il tutto.

Va bene, un album si può anche sbagliare, consegnare la propria carriera all'oblio, ma vi prego rimuovete quella seconda voce: intendiamo metal e siamo persone dall'orecchio "grezzamente sopraffino".



VOTO RECENSORE
45
VOTO LETTORI
21.66 su 18 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2009
Dark Balance
Industrial
Tracklist
1. Blood Tears
2. The Day We Failed
3. Into Trouble Waters
4. The Synthetic Light of Hope
5. Wasted Land
6. An Ordinary Day
7. My Deepest Solitude
8. Dead Is the Sun
9. Kill Me When I Dream
Line Up
Greg - Vocals
Cindy Goloubkoff - Guitars, Vocals
Pierre Bouthemy - Guitars, Vocals
Johan - Bass
 
RECENSIONI
50
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]