Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Darkthrone
Old Star
Demo

E.G.O
Everything Goes On
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/07/19
CANCER
Ballcutter

19/07/19
CROWN THE EMPIRE
Sudden Sky

19/07/19
LINGUA IGNOTA
Caligula

19/07/19
CULT OF EXTINCTION
Ritual in the Absolute Absence of Light

19/07/19
FALLS OF RAUROS
Patterns In Mythology - Album Cover

19/07/19
SABATON
The Great War

19/07/19
WORMED
Metaportal

19/07/19
SCOTT STAPP
The Space Between the Shadows

21/07/19
SHARKS IN YOUR MOUTH
Sacrilegious

26/07/19
BLACK RAINBOWS
Hawkdope (reissue)

CONCERTI

19/07/19
PORTO LIVE METAL FEST
PORTO ANTICO - GENOVA

19/07/19
ROCK INN SOMMA (day 2)
SOMMA LOMBARDO (VA)

19/07/19
HELLUCINATION + GUESTS
HILL METAL FEST - MOTTOLA (TA)

19/07/19
YAWNING MAN + ELEPHARMERS + COSMIC SKYLARK
SET TO SUN FESTIVAL c/o TORRE DI BARI' - BARI SARDO (NU)

20/07/19
THE DARKNESS + NOISE POLLUTION + HANGARVAIN
CARROPONTE - SESTO SAN GIOVANNI (MI)

20/07/19
MILANO DEATH RALLY (day 1)
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

20/07/19
IN THE WOODS... + MESSA + BLACK OATH
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

20/07/19
DESTRAGE
ROCK IN PARK - CEREA (VR)

20/07/19
GRAVE DIGGER + GUESTS
AMBRIA METAL FESTIVAL - AMBRIA DI ZOGNO (BG)

20/07/19
NODE
GRAVE PARTY - GAGGIANO (MI)

Burzum - Hvis Lyset Tar Oss
( 18167 letture )
Hvis Lyset Tar Oss ovvero: “Se La Luce Ci Prendesse”, questo il titolo dell’opera massima di Varg Qisling Larssøn Vikernes, picco artistico di un’intera scena culturale, araldo supremo del black metal old school paragonabile forse solo a De Mysteriis Dom Sathanas dei Mayhem o Transilvanian Hunger dei Darkthrone pubblicati nello stesso anno, quell’orami lontano 1994 che consegnò al mondo intero dei capolavori di un’epoca purtroppo irripetibile. Un’opera unica, dal fascino intrinseco indelebile, ancor oggi immediatamente coglibile e quindi, non solo musica, ma genuina esperienza catartica, misticismo allo stato puro, ineguagliabile punto di correlazione tra occulto e arte, idea e azione, rappresentazione e sentimento. È inutile mentire a me stesso, non posso categoricamente essere obbiettivo nei confronti di quest’album: il potere che sprigiona ad ogni suo ascolto, il nichilismo psicologico che mi attanaglia senza tregua dai primi accordi dell’opener al brano ambient conclusivo, non mi permettono alcuna alternativa. Qui non si scherza, l’arte è magia e quest’album ne è la prova inconfutabile, che lo vogliate o no.

Det Som En Gang Var: “ciò che fu un tempo”, la perdita di ogni speranza, ogni gioa o amore… “La perdita” come concetto preso in sè stesso e tradotto in musica: questo il significato del primo brano dell’album, indelebile alla mente di chiunque si dichiari blackster, celebre prova di Varg che riassume in sé tutta la sua arte nel modo migliore possibile. I primi accordi depressivi e lenti come inesorabili rintocchi di una campana a morto compongono l’intro del brano conferendogli una ritualità unica: sembra di prepararsi veramente ad un evento incredibile, ad un rito occulto, allo sprigionarsi di entità sovraumane. La fantasia di ognuno di noi è chiamata a creare le immagini che preferisce, ma una cosa è certa: non potranno essere infantili giochi di fantasia, perché a condurci nelle tenebre è l’Acheronte norvegese, impareggiabile creatore di incubi impensabili le cui coordinate -rintracciabili nella sua musica- non permettono interpretazioni “positive” di sorta. Il synth, che padroneggierà l’intero brano, ha qualcosa di metafisico: trascende i riff delle sei corde, si impone su tutta la struttura della composizione in un continuo e ripetitivo lamento che ha del maniacale, siamo alla celebrazione della morte, della perdizione, del decadimento assoluto e inesorabile. Mentre dietro le pelli Varg si destreggia con maggior precisione in confronto agli album precedenti combinando il classico quattro quarti marziale con inserti di tom e doppia grancassa ben congeniati, alla voce il suo screaming è disperato, è la desolazione dell’uomo tra i boschi, sommerso dalla natura, impotente e soggiogato alla sua forza indomabile. Tengo a sottolineare che con Hvis Lyset Tar Oss Vikernes raggiunge a mio parere la padronanza assoluta dei propri vocalizzi disumani, riuscendo a calcolarne sia la straziante modulazione che la dirompente potenza con maestria raramente riscontrabile da chi fa uso di questa tecnica estrema.

When the light licks our flesh
Goes toward the sky a smoke
A cloud of our form
Prisoners of the burials
Tormented by God's goodness
No flame no hate
They were right we have come to Hell


La title-track è una vera tortura psicologica che, come il testo descrive, ha realmente efficacia ascoltandola soli, tra le fronde ombrose degli alberi, immedesimandosi nell’oscurità della natura per coglierne il valore ed in seguito accecarsi con i raggi del sole in una radura dopo la lunga meditazione nel buio. L’esperienza è davvero unica: l’ossessione dell’arpeggiato e minimale riffing perdura per ben otto minuti, in una sostenuta ripetizione interminabile che porta l’ascoltatore alla trance, a quello stato d’animo tipico delle più nere opere norvegesi che solo pochi tra i maestri di quest’arte riescono ad esprimere. A questo proposito mi si conceda un parallelismo con i mostri sacri Darkthrone, colleghi intimi di Vikernes per cui egli scrisse alcuni testi. La catarsi provocata in Hvis Lyset Tar Oss è paragonabile a capolavori come la title track di Transilvanian Hunger o ai migliori brani di Under a Funeral Moon: utilizza infatti le stesse tecniche stilistico-compositive. La ripetizione maniacale del riff, della linea vocale e del blast beat della strofa dura per quasi tre alienanti minuti per poi esplodere in un coinvolgente cambio di batteria in cui lo stesso quattro quarti inziale viene riprodotto in sedicesimi dalla doppia grancassa mentre il rullante batte i quarti. Il cambio in questione può apparire banale o scontato poiché utilizzato massicciamente in ambito metal, ma tengo a sottolinearne il valore in questa sede poiché lo ritengo una scelta stilistica fondamentale per la scena norvegese dei primi anni novanta che continua a fare scuola odiernamente. L’inatteso cambio ritmico ha un impatto devastante: l’ascoltatore, abituandosi alla monotonia della strofa, subisce l’attacco della doppia cassa direttamente allo stomaco restando senza fiato e, non appena si aliena alla ripetizione del nuovo ritmo, ecco che torna -nell’ountro- il blast beat dell’intro: fenomenale. La semplicità e la genialità di Varg sta proprio in questi “piccoli” accorgimenti, sfumature a primo acchito difficilmente individuabili all’orecchio del non esperto, ma che una volta identificate, riescono a impadronirsi del nostro animo, ghermendolo inesorabilmente.

In the shadows...
Out from the mist
Out from darkness
Out from the big shadows of the mountain
The castle of the dream...
So ends the ride
That lasted a lifetime
For the master goes (in the castle of the dream)


Inn I Slottet Fra Droemmen (“Nel Castello del sogno”) segue gli schemi della canzone precedente negli introduttivi quattro minuti di perpetuo caos per risolversi in un duetto di scream e chitarra estremamente evocativo, coinvolgente e onirico, interrotto dall’inserimento dell’ottimo finale che riprende gli stilemi dell’opener tramite l’intreccio di synth e dell’unico “solo” minimale dell’album. Questo brano vuole essere la conclusione della tempesta prima del viaggio introspettivo della stupenda Tomhet: a mio modo di vedere la miglior composizione ambient di sempre scritta da Burzum.

Vuoto” è il significato del titolo in lingua norvegese e vuoto deve sentirsi chi è giunto sin qui, dopo questo estenuante percorso dell’immaginazione lungo le mistiche visioni che Vikernes ci ha imposto di vivere tramite la sua musica. Semplici note, ancora una volta ripetute allo stremo, ci condannano allo svuotamento dei sentimenti, di ogni pensiero, di qualsiasi cosa in cui crediamo e per cui abbiamo vanamente combattuto per rimanerne aggrappati durante tutto il running time del disco che fin qui ci ha portati. Plumbee visioni di arcane ere remote dove il tempo non esiste e che l’uomo non ha inquinato con la sua presenza, dove i nostri concetti non hanno presa sul reale, dove non possiamo agire né volere, ma solo sentire come amebe spettatrici di un mondo inesistente, miraggio e utopia del suo creatore che non potremo mai cogliere pienamente. Ci ritroviamo dunque spogli della nostra umanità, logori di un viaggio fuori dalla portata di una psiche “sana”, poveri come non lo siamo mai stati, “poveri” come il titolo del quadro di Theodor Kittelsen (1857- 1914) “Fattigmannen” che rappresenta la copertina di questo capolavoro firmato Burzum.

Credo che molti non saranno d’accordo con il mio modo di descrivere e valutare quest’album e, a ben vedere, a causa di un’ottima ragione insita nell’opera stessa: Hvis Lyset Tar Oss è uno di quegli album che ha una capacità comunicativa tanto unica quanto rara che porterà inevitabilmente a divisioni di critica, a dibattiti tra gli ammiratori e i detrattori, a scontri e dispute il cui esito –se mai si arriverà ad un verdetto finale- vedrà vincitore sempre e solo Varg Vikernes, con la sua ideologia e le sue contraddizioni, con i suoi misteri e la sua arte, di cui tutto si può dire, ma il cui potere psicologico coercitivo è impossibile negare.



VOTO RECENSORE
99
VOTO LETTORI
93.46 su 491 voti [ VOTA]
Diego
Giovedì 27 Giugno 2019, 1.08.15
131
Riguardo il tizio inbloom....non ho nessuna voglia di offenderti come tu hai fatto con me...non mi va di sparare sulla croce rossa...
Diego
Giovedì 27 Giugno 2019, 1.05.16
130
Cavolo dimenticavo....i video black metal ed i report sullo stesso li passavano su MTV...
Diego
Giovedì 27 Giugno 2019, 1.02.42
129
1-il paragone col movimento glam anni 80 era inteso come esempio della scarsissima ricerca e qualità compositiva....è logico che numericamente le vendite non sono paragonabili.... 2- Varg come strumentista e compositore è oggettivamente scarso...può piacere o meno...sempre scarso rimane.
il pazzo
Giovedì 27 Giugno 2019, 0.03.32
128
si effettivamente paragonare l'intero movimento black metal (scandinavo e non) a quello glam lo trovo decisamente inopportuno. I motley crue li sentivi pure nei mini parket cosa che invece non credo proprio sia mai successa con un qualsiasi brano black….potenzialmente lo scandalo e l'effetto shock sarebbe pure potuto essere sfruttato per fare soldi ma alla fine non fù cosi, si ci fu una sorta di moda ma rimase circoscritta all'ambiente metal estremo. Gente come i motley crue fecero talmente tanti soldi che uscirono ampiamente dall'ambiente rock metal e andarono ben oltre. per il resto quei fatti hanno fatto storia ma poi è successo che la musica era passata quasi in secondo piano ed è stata una grossa stronzata per me. in ogni caso credo che tutta la storia fu molto teatralizzata a scopo di media quando invece le cose furono molto più lineari e semplici, gente che si stava sul cazzo poca sanità mentale condita da una buona dose di droghe e alcool. per il resto grande artista burzum e grande uomo di merda allo stesso tempo, va bene cosi non è ne il primo nell'ultimo ad avere codeste caratteristiche.
In Bloom
Mercoledì 26 Giugno 2019, 22.43.46
127
L'intero movimento black dai primordi a oggi non ha venduto tutto assieme quanto i soli Motley Crue con Doctor Feelgood... Quando scrivete certe cose almeno controllate di aver posizionato il cervello all'interno di quella fronte inutilmente spaziosa.
lisablack
Mercoledì 26 Giugno 2019, 22.43.02
126
Di stronzate ne hanno dette tante..pero' resta il fatto che se c'è stato un ' omicidio..sotto sotto qualcosa c'è...cazzi loro!
Diego
Mercoledì 26 Giugno 2019, 22.08.40
125
All'epoca convenne dire una marea di stronzate sul maligno riguardo l'omicidio di Euro...si chiama mossa di marketing e fruttò l'esplosione commerciale della scena....che diventò come il glam rock anni 80....hai presente il gratta e vinci...gratta sopra e niente sotto...
legalizedrugsandmurder
Mercoledì 26 Giugno 2019, 13.05.45
124
questo album è un capolavoro del black metal, degli aspetti extramusicali non mi frega nulla
lisablack
Mercoledì 26 Giugno 2019, 7.03.48
123
Non mi fa' passa' come " la scema del villaggio" eh! La verità' assoluta su questa faccenda, solo Varg la sa'. Noi sappiamo solo cosa ci hanno propinato i giornali all'epoca..percio' nemmeno tu hai la verità' in tasca.
Diego
Mercoledì 26 Giugno 2019, 1.56.22
122
Lisa Black qua sotto crede ancora a babbo natale...Euro aveva prodotto i primi due album di Varg e li doveva sia dei soldi sulle vendite e sia quelli che lo stesso Varg aveva anticipato per le registrazioni....rimandi su rimandi....minacce su minacce...ed alla fine...alla ennesima richiesta di danaro....
lisablack
Venerdì 21 Giugno 2019, 9.04.32
121
Non sono d'accordo su niente..A me delle sue ideologie che sia di destra o sinistra frega zero, e' una testa di cazzo, esaltato anche troppo..resta il fatto che musicalmente questo album e' qualcosa di unico, nel suo genere.E' un personaggio negativo di sicuro, non da idolatrare, e non penso che tra lui ed Euronymous ci fosse " questione di quattrini"..Magari c'era anche altro..
Diego
Venerdì 21 Giugno 2019, 1.26.34
120
Artista molto sopravvalutato...tecnicamente scarso....compositore ridicolo come le sue ideologie. Ma alla fine avrà avuto i soldi che li doveva Euro?
dan
Lunedì 23 Luglio 2018, 14.13.14
119
Disco bellissimo da accapponare la pelle anche se io personalmente come uscita nello stesso anno (1994) preferisco In the nightside eclipse. voto 90
Hagen
Sabato 7 Luglio 2018, 22.15.05
118
Beh, sulla storia dello snuff movie direi che bisogna prendere la cosa con le pinze, dato che Euronymous non ha mai avuto modo (per ovvi motivi) di rispondere alle accuse. Sul disco invece nulla da dire, se non che lo ritengo il migliore di Burzum e uno dei capisaldi del genere
Hagen
Sabato 7 Luglio 2018, 22.15.05
117
Beh, sulla storia dello snuff movie direi che bisogna prendere la cosa con le pinze, dato che Euronymous non ha mai avuto modo (per ovvi motivi) di rispondere alle accuse. Sul disco invece nulla da dire, se non che lo ritengo il migliore di Burzum e uno dei capisaldi del genere
zakyzar
Sabato 7 Luglio 2018, 21.26.53
116
ma dove mi trovo sul sito di amici!!di che cazzo state parlando?questi dovrebbero essere i commenti al piu grande disco black della storia?o solo pettegolezzi sulla personalita di varg vikernes che santo non e' ma che ne sappiamo noi se quel 10 agosto le cose sarebbero andate diversamente e il signor varg torturato e massacrato su uno snuff movie,questo aveva in mente arseth (musicalmente un altro genio)?allora ascoltate e meditate xke dischi del genere non usciranno piu'qlke coglione dira meno male,a noi amanti della musica bastano questi..voto100
jaw
Mercoledì 13 Giugno 2018, 10.11.41
115
Per me ha ragione freedom , la musica invece può anche piacere. Suo razzismo stendo in velo pietoso, prima di tutto mi stanno sulle balle i qualunquisti, poi un lombardo è diverso da un ligure e da un marchigiano, poi ci sono i marchettari che si sentono speciali. Lascia stare si sente dalle inflessioni dialettali, e nessuna emoticon puo' farlo.
freedom
Mercoledì 13 Giugno 2018, 9.58.32
114
Io dico la mia, soprattutto perché vedo gente prendere per vangelo le porcate che dice questo emerito cretino. Poi ovviamente ognuno faccia come vuole.
Zess
Mercoledì 13 Giugno 2018, 9.45.34
113
E devi metterci in guardia tu, no?
freedom
Mercoledì 13 Giugno 2018, 1.20.50
112
Comunque nei precedenti commenti sono stato fin troppo buono. Varg è proprio una gran testa di cazzo. E assassino, non dimentichiamo. Una trentina di coltellate ad un ragazzo che scappava gridando aiuto. E anche razzista. Cioè questo va in giro a dire che i biondi ce l'hanno più lungo e qualche migliaio di segaioli gli mette pure mi piace. Provate a lasciare un commento razzista su uno dei suoi video, così a random, la prima brutalità che vi viene in mente, magari sui neri...Varg, il biondo- superiore, vi metterà un cuoricino. In un mondo normale questo psicopatico starebbe ancora in una cella a farsi violentare. Vomitevole. Boicottate il suo canale, è roba da malati di mente. Scusate lo sfogo, ma il mondo deve sapere.
ObscureSolstice
Domenica 10 Giugno 2018, 17.34.47
111
@No Fun #99: .."E' una musica che non trovo violenta o marcia, come viene descritta, fredda si, ma anche rilassante, non comunica angoscia, tranquillizza ed eccita allo stesso tempo"....finalmente qualcuno che ha capito cos'é l'essenza del black metal. Io mi rilasso e mi sono sempre rilassato con questa musica. Non si prende mai per sfogo; ti deve dire qualcosa dal primo momento, e ne sono legato, c'e' qualcosa che mi accomuna mentalmente e non si sa spiegare dal primo momento che l'ascolti...come tra gli elementi naturalistici, col pathos spirituale mi trasporta emozionalmente, é se e' cio' di quello che hai bisogno, se c'e' e' quello che unisce..se non c'e' allora..non unisce. Trasmette tranquillità, pathos e spiritualità
tino
Domenica 10 Giugno 2018, 14.21.06
110
La moglie e' francese.
lisablack
Domenica 10 Giugno 2018, 14.09.22
109
Ah! Addirittura in Francia? Capisco..in Norvegia ha fatto del casino, meglio cambia' aria..
No Fun
Domenica 10 Giugno 2018, 13.51.00
108
@Lisa, a me risulta stia nel sud della Francia. E in questo lo capisco, anche se i fiordi sono magnifici, meglio fare l'eremita tra le vigne del Médoc o della Borgogna
No Fun
Domenica 10 Giugno 2018, 13.37.11
107
Ah ah è vero, i Burzum... va bene che è matto come un cavallo ma le personalità multiple non mi risulta
lisablack
Domenica 10 Giugno 2018, 13.37.06
106
Quoto Alessio..album bellissimo e inarrivabile per me, quello che è lui non me ne frega nulla, delle sue idee, delle stronzate che ha detto o che ha fatto. L'unica cosa che gli condanno è l'omicidio di Euronymous..poi anche li, bisognerebbe sapere la verità. Uno è morto e non può' parlare, e lui all'epoca chissà quali scuse ha inventato pur di farla franca..come sono andate le cose lo sa solo lui. Per il resto ha fatto bene a chiudere il progetto Burzum, nella vita qualche volta bisogna dire "basta". Se è pazzo come sentenzia duke..non credo, non così tanto. C'è anche tanta intelligenza e furbizia che non guasta mai. Musicalmente nel suo genere è stato geniale, nulla da dire, adesso se si ritira nei boschi norvegesi, fa' la cosa giusta, lo farei anch'io, c'è tanto bello in quei posti..
Akessio
Domenica 10 Giugno 2018, 13.24.03
105
@No Fun, ho capito quello che intendi, ed in effetti hai ragione ancht te...non ci piove neanche su questo. . Poi chissà.. Pero' cavolo una cosa mi dava fastidio tanti anni fa' e ancora oggi mi meraviglia. Quando sento articolarlo al plurale. Burzum e' Burzum. Anzi era.
No Fun
Domenica 10 Giugno 2018, 13.08.43
104
@Alessio che sia un gran disco non ci piove, anzi aggiungerei anche Fallen e Belus a quelli da te citati. Per me se continua va benissimo, quello che volevo far notare a @Duke è che appunto non è che se smette di fare musica smette di essere pazzo, anzi, è pure peggio, ci priva di una cosa positiva che faceva. Preferisco che faccia musica piuttosto che restare soltanto uno pseudo eremita survivalista collegato a internet.
Alessio
Domenica 10 Giugno 2018, 12.11.58
103
Tutto quello che volete, per me questo rimane un grandissimo disco al pari di Det Som Engang Var, Filosofem e l'omonimo. Però.. Tra l'altro... concordo anche con quanto scritto da @Freedom qui sotto. Aurevoir.
freedom
Domenica 10 Giugno 2018, 11.12.12
102
In effetti Varg è il re delle contraddizioni. La vita da eremita comunque la fa sul serio e si è accoppiato con una donna "ariana", mettendo al mondo una decina di marmocchi biondi e puri che domineranno il mondo nel prossimo futuro....ok scherzi a parte, il tipo ha dato prova di essere un mezzo psicotico in più di un'occasione...l'omicidio, il periodo nazi, l'evasione, i video in cui prende a pugni il vento e fa il bagno con l'armatura, insomma un vero personaggio. Però su certi temi ha ragione da vendere, basta non prendere per oro colato tutte le cazzate che gli escono di bocca.
No Fun
Domenica 10 Giugno 2018, 10.49.45
101
@Duke, in meno non penso proprio, mica è morto, e poi è finito il progetto Burzum, non è detto non continui a fare musica con un altro progetto. Tra l'altro non ho mai capito, diceva che il metal viene dal blues e dalla musica afroamericana (giusto, ovvio) e che quindi era musica degenerata, ma allora perché non ti metti a suonare il clavicembalo? E invece no. È il paradosso dei razzisti, vogliono restare puri ma allora dovrebbero isolarsi dal mondo e accoppiarsi tra consanguinei. Sai che bella progenie. Lo stesso nella musica. Non ci fosse contaminazione staremmo ancora a suonare il piffero e la cetra. E invece per fortuna abbiamo avuto il blues, il flamenco, la marcia turca di Mozart, Django Reinhardt e persino Burzum.
duke
Lunedì 4 Giugno 2018, 15.23.28
100
si sono sciolti.....adios ! un pazzo in meno....
No Fun
Martedì 10 Aprile 2018, 0.27.51
99
Ho ascoltato questo disco per la prima volta una ventina di anni fa, in un periodo in cui sentivo più che altro roba "alternativa" tipo Sonic Youth o Flaming Lips, prestatomi da un amico che era in fissa per il black. Ricordo che mi fece ridere. Che cazzo di roba è, pensai, musica quasi ambient, ronzante, con ogni tanto delle urla come se il vicino di casa di Burzum strillasse di smetterla di fare casino. Lasciai perdere. Poi non so perché ma una decina di anni dopo ripensai a quell'ascolto, a quella musica ipnotica che ricordavo benissimo, e mi comprai il disco. Fu il primo di una lunga serie di album black che acquistai e consumai avidamente, Burzum, Darkthrone (immensi), Bathory, Emperor, Impaled Nazarene etc. etc. Per dieci anni ho lasciato questa musica nella cantina della mia testa e quando poi ho deciso di assaggiarla, beh, una sbornia. E' una musica che non trovo violenta o marcia come viene descritta, fredda sì, ma anche rilassante, non comunica angoscia, tranquillizza ed eccita allo stesso tempo. Prosit.
Dany71
Lunedì 26 Febbraio 2018, 11.40.26
98
@93: grazie, ho messo in vendita tutto il mio materiale black nord europeo, dovrei farci poco meno di 1000 €. Grazie, veramente.
tino
Lunedì 26 Febbraio 2018, 10.52.26
97
nell'ultimo selfie che gira in rete il conte sempre più uguale al nonno di heidi
Ezio
Lunedì 26 Febbraio 2018, 10.19.56
96
Samael dato che il black non ti piace, non commentare nemmeno questo album, vai a commentare i metallica, megadeth o manowar che e' da piu' di 25 anni che non fanno un album decente e tirano a campare, loro si' che sono bravi
lisablack
Domenica 25 Febbraio 2018, 19.26.12
95
Infatti va bene Samael, è un'opinione che non è la prima volta che sento. Un genere come il black e poi questo capolavoro qui sopra, non credo che piaccia a molti..molto bello Belus comunque.
Suarez
Domenica 25 Febbraio 2018, 18.38.26
94
Va bene.
Samael
Domenica 25 Febbraio 2018, 18.35.30
93
Un cane che abbaia...chitarre zanzarose un sinth monotono...non mi piace questo disco come tutta la discografia black metal...Mayhem ,Darkthrone,Satyricon,Marduk ecc. ecc.. inascoltabile per me tutto il black..l'unico disco black che amo è Belus sempre di Burzum..ma c'è nè fossero dischi come Belus...
zakyzar
Sabato 17 Febbraio 2018, 15.46.52
92
che dire di quest'album,capolavoro assoluto dietro di qualke punto al gia"citato de miisteris,NIIENTE!!! ascoltate e sentirete dentro di voi qlksa di totalmente sconosciuto.un viaggio astrale senza ritorno xke vi fermerete qui enn cercherete altro,,,,buon voyage!!!!
Shadowplay72
Mercoledì 29 Novembre 2017, 2.33.56
91
Ogni album di burzum per me è un capolavoro.questo in particolare lo adoro.grande grande grande!
ObscureSolstice
Venerdì 13 Ottobre 2017, 1.27.22
90
vuoto assoluto da ascoltare in venerabile silenzio e meditazione...tra antichità e misantropia, le gesta di uno che sembra aver vissuto quei tempi remoti in quel di Norvegia...Questo lavoro racchiude tante ma tantissime atmosfere artistiche che hanno preso d'ispirazione ogni band che si sia avvicinata al solo pensiero al black metal...tra soprattutto elementi ambient, atmosferici ossessivi e figure mitologiche. La grandezza di un genio, che ancora oggi non ci si capacita come a 20 anni abbia potuto creare un opera così di spessore come un saggio classico del genere da lasciare all'umanità. Onorate questa opera universale, perchè mai nessuno riuscirà ad arrivare a tanto. Disco da avere e possedere, da ascoltare, ascoltare e riascoltare e ancora riascoltare. Impossibile non averlo. Classico di tutti i tempi...99
lisablack
Venerdì 15 Settembre 2017, 13.09.34
89
Silvia, capisco il tuo punto di vista..riguardo i Dissection, l'album da te citato è tra i migliori di sempre in questo genere. Sono d'accordo con quello che dice Lucky, questo album ha il potere di trasportati via, come un'esperienza in un'altra mondo..sentite Tomhet e ditemi se non avete un brivido? Via, siamo sinceri..cretino o no, nazista o comunista, ma che ce frega! Questo album rimane un capolavoro oscuro e di sofferenza che sarà difficile ripetere..ha ragione la recensione parola per parola. E per finire ci lascio un bel 100 secco.
Silvia
Venerdì 15 Settembre 2017, 12.44.50
88
"la sua" riferito a Burzum
Silvia
Venerdì 15 Settembre 2017, 12.44.06
87
@Lisa, non lo so, ne avevamo gia' discusso credo, es. a me piacciono da morire i Dissection musicalmente e credo che Storm of the Light's Bane (es) sia un album stupendo sia da un punto di vista musicale che lirico (alcuni testi sono delle piccole poesie anche se oscure). Eppure dopo aver sentito tutto quello che ruotava attorno a Nödveidt non riesco piu' ad ascoltarli. Idem x i Lostprophets di cui mi piacciucchiavano due pezzi. Magari questo approccio e' sbagliato pero' x me e' cosi', e' una cosa che sento, non e' ragionata. Poi non discuto la sua musica e il suo impatto, anzi, spesso le personalita' tormentate creano un'espressione artistica molto intensa
Luky
Venerdì 15 Settembre 2017, 12.31.59
86
Giusto per tornare IT, è stato il primo album di Burzum che ho ascoltato e uno dei piú belli, se non il piú bello. La prima traccia è una delle cose migliori che abbia mai sentito, ti porta in un'altra dimensione, ogni nota è perfetta e il cantato non graffia solo le corde vocali di Varg ma anche la tua anima. Le altre tracce sono egualmente evocative e introspettive, e non c'è un momento che posso definire brutto o non all'altezza. Voto 95
lisablack
Venerdì 15 Settembre 2017, 12.13.22
85
A me che mi frega..se è questo è nazista, comunista, ateo, etero, gay..io ascolto la sua musica, e le emozioni che mi trasmette..poi insomma se è un delinquente e va in galera 40 anni son cazzi suoi! Io sto a casa mia tranquilla..
Silvia
Venerdì 15 Settembre 2017, 12.02.19
84
@Quello che si offende facilmente, vero, ma io mi riferivo al fatto che stavamo parlando su quali potessero essere le cause dei noti fattacci. Alla fine non abbiamo alcun titolo x dire niente, no? Persino sull'omicidio in realta' Vikernes offre un'altra versione, una sorta di legittima difesa degenerata. x questo dico che in realta' non abbiamo titolo x parlare. Poi discutere sulle opinioni e' altro. "questo non per sminuire quel che ha fatto" giustamente come dici tu
Quello che si offende facilmente
Venerdì 15 Settembre 2017, 11.51.21
83
Duke con i social e you tube chiunque può dire la sua, da chi ha i titoli per farlo a chi parla tanto per far caciara, Burzum ormai è diventato una macchietta vittima del suo stesso personaggio, a vederlo nei video ora sembra innocuo, gira per i boschi e ogni tanto se ne esce con qualche annacquata sparata sulle radici dell 'europa e bla bla bla....questo non per sminuire quel che ha fatto, ma ormai è acqua passata e cmq anche Euronymous in quanto a squilibri non era secondo a nessuno.
Silvia
Venerdì 15 Settembre 2017, 11.14.02
82
@duke hai assolutamente ragione, la penso come te! In effetti poi sono solo chiacchiere totalmente dal di fuori, nessuno di noi conosce neppure le persone ne' gli eventi da vicino! pero' evidentemente sono tematiche che ancora risvegliano interesse pur dopo tanti anni
duke
Venerdì 15 Settembre 2017, 10.34.30
81
per me e' solo un pazzo nazista...perché dare tanto spazio alle sue deliranti parole?e' tutto quest'odio verso il mondo?e' nato in Norvegia un paese ricco,avanzato ...boh?
Silvia
Giovedì 14 Settembre 2017, 23.15.44
80
Comunque non crediate che ora zappi la terra pacificamente (magari)... ogni tanto si becca qualche denuncia. Inoltre (con tino ne avevamo gia' discusso ) io non credo all'omosessualita' repressa, credo piuttosto che "i fattacci" siano dovuti alla misantropia (nel senso di odio verso il prossimo) tanto cara a lui e a gli altri che avete citato. Credo che i gay venissero presi di mira da loro semplicemente perche' all'epoca erano un bersaglio di moda. @tino, sai pero' io credo che oggi la bisessualita' non sia piu' un tabu' comunque oggi
lisablack
Giovedì 14 Settembre 2017, 21.57.17
79
Tino, nel suo post dice che Varg è cretino per forza perché è un gay di estrema destra, come se le due cose non fossero compatibili..Nel senso che se uno è gay, è per forza di sinistra..la destra è razzista e omofoba. Invece hai ragione tu, importanti gerarchi nazisti erano omosessuali..anche se la loro ideologia condannava l'omosessualità. Perciò, il luogo comune "gay di sinistra" è da sfatare.
tino
Giovedì 14 Settembre 2017, 21.00.56
78
Sinceramente Lisa non ho ben capito quello che intende dire duke,sicuramente vikernes non è gay perché un gay generalmente schifa sessualmente le persone dell'altro sesso, mentre lui ha figliato ed e' sposato. Questo però non vuol dire che non sia bisex, un aspetto molto diffuso tra i maschi, però tenuto ben nascosto perché la società tende a condannare stili di vita sessuale per così dire alternativi. Se poi ci mettiamo che costoro esaltano il superuomo, il disprezzo per il diverso, il capofamiglia virile, beh in gioventù certe debolezze con rischio di sputtanamento possono aver prodotto raptus distruttivi. Diciamo che nazismo e omosessualità sulla carta sono incompatibili, ma e' risaputo che un sacco di nazisti erano in realtà gay e bisex...un bel problema quando si viene a sapere
lisablack
Giovedì 14 Settembre 2017, 19.01.15
77
Duke perché la sessualità' di una persona determina le sua idea politica? Ma non dire boiate..e se è gay non è certo cretino come ti ostini a ripetere.
tino
Giovedì 14 Settembre 2017, 18.10.38
76
Che sia un nazistone non è una notizia
duke
Giovedì 14 Settembre 2017, 17.29.44
75
vedi che varg e' un cretino...un gay di estrema destra...come dire nero nazista...sono due concetti agli opposti...meno male che ora zappa la terra!
tino
Giovedì 14 Settembre 2017, 16.34.01
74
Non parlerei di omosessualità ma di bisessualità...più diffusa fra maschi di quanto si pensi ma tabù
Mulo
Giovedì 14 Settembre 2017, 16.24.22
73
E'andata com'è andata x un insieme di fattori,tra cui soldi,gelosie,leadership (magari anche questa cosa dell'omosessualità)...
lisablack
Giovedì 14 Settembre 2017, 16.15.51
72
Non volevo dirlo..ma anch'io penso che ci sia un'omosessualità repressa in questi fattacci. Non voglio passi il messaggio dell'omosessuale omicida, deviato, perchè è un triste luogo comune che non rispecchia la realtà.
tino
Giovedì 14 Settembre 2017, 16.06.30
71
Non ci credo neanche se è vero che l’ha ucciso per soldi, in vecchie interviste dava continuamente del gay a euronimous dicendo che teneva in casa un dildo sporco di m…a …chissà come faceva a saperlo. Il comune denominatore di questi fatti di cronaca nera sono sempre rapporti ambigui fra maschi che chissà come mai degenerano, e in posti come il nord europa dove certi comportamenti sessuali sono abbastanza diffusi ma guai a sapersi in giro. Faust che segue un gay in un bosco dopo essersi fatto abbordare in bar, nodtveidt idem, poi quell’altro tedesco con il ragazzino. Sembra il vecchio film di ernst rohm e altri simpaticoni…tutti superuomini di facciata che poi sotto sotto avevano il vizietto. Comunque ora il conte sembra una comparsa da film di tarantino…ormai non lo caga più nessuno, nemmeno i suoi vecchi amici.
lisablack
Giovedì 14 Settembre 2017, 15.46.13
70
Elluis..ho detto "atteggiamenti discutibili" per farla breve e non elencare sempre la solita manfrina. Ovvio come persona non è certo perbene..e chi l'ha mai detto? Sulla storia trita e ritrita con Euronymous, secondo me tutti e due erano pronti ad uccidersi l'un con l'altro, per soldi come dice Mulo e altri interessi che non sapremo mai. Ha ragione Mulo quando dice che per la Norvegia, lui ha pagato il suo debito, adesso vediamo se combina altre stronzate..ma non li conviene.
Quello che si offende facilmente
Giovedì 14 Settembre 2017, 15.14.18
69
Vai su you tube e dgt thulean perspective. Praticamento ormai fa il contadino in francia e pubblica quintalate di video dove filosofeggia su tutto, ogni tanto parla anche di musica. 546 video caricati....insomma il montesi del black metal....
Mulo
Giovedì 14 Settembre 2017, 15.03.42
68
Tra l'altro son 3 anni che è sparito.....Passato dal fare un disco all'anno allo sparire.....Qualcuno ha sue notizie?
Quello che si offende facilmente
Giovedì 14 Settembre 2017, 15.02.42
67
Se solo non li avesse registrati così di merda sti dischi...cmq riesce bene nell'intento di creare angoscia e solitudine nulla da dire, però cristo che strazio i suoni.....
Elluis
Giovedì 14 Settembre 2017, 14.59.00
66
Conosco molto bene la storia, all'epoca mi appassionò e mi incuriosì molto, anche perchè allora ascoltavo molto black metal norvegese, percui me la sono letta bene sia su Lords of Chaos, che da altre parti. Non volevo rinvangare la storia, ma dato che lisablack si riferiva quasi sicuramente a quegli avvenimenti, mi sembrava giusto puntualizzare quale fosse la causa di suoi "atteggiamenti discutibili".
Mulo
Giovedì 14 Settembre 2017, 14.38.25
65
X la legge norvegese ha pagato x i suoi crimini x cui mi sembra inutile rivangare la solita solfa..Sull'omicidio da quello che ho capito Varg aveva saputo che Euro voleva fargli la pelle (Euro doveva anche soldi al conte)ed è andato a chiedere spiegazioni a riguardo,poi la cosa è degenerata ed è finita come tutti sappiamo....
Elluis
Giovedì 14 Settembre 2017, 14.33.45
64
@lisablack atteggiamenti molto discutibili?? Ma sei seria?? Uno che ha dato fuoco a numerose chiese, che ha viaggiato 500 km nella notte per andare ad assassinare Euronymous con decine di coltellate di cui l'ultima nel cranio, lo chiami un atteggiamento discutibile?? Per me è uno psicopatico e un sociopatico di primo ordine oltre al fatto che è sempre stato vicino a certi ambienti legati all'estrema destra radicale, e non l'ha mai troppo nascosto. Sulla musica non giudico, perchè alla fine non me ne frega un cazzo di ascoltarla.
lisablack
Giovedì 14 Settembre 2017, 13.41.08
63
Cretino un cazzo..la cattiveria, il dolore e l'oscurità di questo album, anzi di questo capolavoro, non può essere il risultato della mente di un cretino. Come persona, ha avuto atteggiamenti molto discutibili, e qui non ci piove..Io giudico il disco che è qualcosa di incredibile, per quello che trasmette a me.
duke
Lunedì 1 Maggio 2017, 13.03.25
62
e' varg il cretino.
Any Velvet
Lunedì 3 Aprile 2017, 0.30.40
61
Disco che a mio parere andrebbe almeno ascoltato due volte di seguito .. con la congiunzione dell'ultima traccia srtumentale "tomhet" con la prima "Det Som En Gang Var" incredibile. Album davvero molto bello e anche molto carico di rabbia sicuramente una pietra storica del genere che racchiude in se un fascino di anni passati veramente inimitabili ai giorni nostri.Riguardo al Sound e alla produzione definita da qualcuno scarsa o di bassa qualità credo che l'album sia cosi e basta voluto o non voluto anzi lo trovo molto ben fatto e quel suono grezzo e sporco sono l anima del disco e io lo adoro.
d.r.i.
Sabato 3 Settembre 2016, 22.28.26
60
Immancabile, confermo Il 99
zakyzar
Sabato 3 Settembre 2016, 22.14.47
59
lui e'varg vikernes nel bene e nel male comunque un gigante della musica moderna ..tu chi sei che firmi sino o come ti chiami ..chi e'il cretino?
gianmetal
Mercoledì 8 Giugno 2016, 23.34.56
58
troppo potente,ti fa viaggiare wow
damiano
Martedì 16 Febbraio 2016, 6.20.25
57
un capolavoro.
simo
Giovedì 12 Novembre 2015, 22.09.47
56
Cioè non voglio dire che faccia cagare anzi..non mi permetterei mai..tra l'altro se dovessi fare un confronto tra i suoi due lavori migliori ne uscirebbe stravincitore filosofem, comunque non tiriamo confronti decisamente arditi dai
simo
Giovedì 12 Novembre 2015, 21.50.25
55
Paragonare questo lavoro a una qualsiasi opera di Nietzsche significa spararla non grossa, di più. Stiamo parlando di un cretino,con ideali a mio parere inaccettabili,che ha fatto qualche buon lavoro di black/ambient che io non chiamerei capolavoro ma qui rientriamo nel range dei gusti personali. Resta il fatto che anche i testi oggettivamente non sono nulla di che, roba trita e ritrita perciò non confondiamo una divinità con un semplice musicista norvegese
zakyzar
Giovedì 12 Novembre 2015, 20.42.48
54
sono daccordo con vikingo questo non e' un grande album ma un capolavoro irraggiungibile, quando nietsche diede alle stampe also sprache zarathustra la maggior parte della critica non lo capi' tranne una piccola parte che vide l onda lunga della grande opera,recensione superba,voto 99
metaller nel cuore
Mercoledì 11 Novembre 2015, 19.41.46
53
Album bellissimo da ascoltare all'imbrunire o di notte con gli occhi chiusi per farsi pervadere da una malinconia vecchia di secoli. E quando Tomhet finisce si rimane si rimane estasiati e straniti allo stesso tempo volendo provare immediatamente quelle sensazioni. Disco davvero stupendo do 97 solo perché Filosofem é da 99
lisablack
Domenica 28 Giugno 2015, 11.43.00
52
Registrato col culo o con i piedi, è lo stesso..questo disco sprigiona qualcosa, che nemmeno io so dire. Va ascoltato bene senza pensare ai fatti che riguardano Varg ed Euronymous, solo così si può riconoscere il valore assoluto di questa opera.
paolo
Giovedì 11 Giugno 2015, 15.20.33
51
Mah di quello che ha combinato non me ne frega niente sinceramente (Jon Nödtveidt non mi pare sia stato questo esempio di persona perfetta...). Io sono d'accordo con te, i Dissection dei primi 2 album sono immensi e non passa settimana senza che li ascolti, ma stiamo parlando di un genere completamente diverso...e non è che avessero questo suono così spettacolare neanche loro, ma anche li era perfetto per il tipo di musica. Il fascino di Hvis Lyset Tar Oss non sta nel fatto di essere registrato col culo (cosa secondo me non vera perché il suono è grezzo, ma non inascoltabile), ma nell'atmosfera che trasmettono i brani, le melodie, la voce e di conseguenza anche il suono generale. Poi per carità, va a gusti, se a qualcuno fa cagare pazienza, ascolterà qualcos'altro. Riguardo alla sua roba ambient non ho idea, mi sono fermato a Filosofem.
Il Cinico
Giovedì 11 Giugno 2015, 14.35.01
50
Quindi il suo fascino consiste nel fatto che è registrato col culo? Caro Paolo se devo definire un gruppo geniale ti dico i Dissection. Non parliam poi dei suoi progetti ambient....e non entro volutamente nell'ambito delle sue nobili gesta da pirla.
paolo
Giovedì 11 Giugno 2015, 14.08.46
49
Se fosse registrato diversamente non avrebbe un decimo del suo fascino. La registrazione dev'essere adatta al genere proposto e questa è perfetta.
Il Cinico
Giovedì 11 Giugno 2015, 13.35.36
48
Mai capita dove sia tutta sta genialità, riconosco l'importanza storica, e basta. Cristo che registrazione di merda.Insopportabile.
lisablack
Giovedì 11 Giugno 2015, 13.01.15
47
Bellissimo.. Questo album è qualcosa di spettacolare!! Non si discute..si ama!!
GioMasteR
Venerdì 9 Maggio 2014, 0.58.01
46
Grazie della segnalazione Metal Maniac, provvedo subito a correggere.
Metal Maniac
Venerdì 9 Maggio 2014, 0.49.52
45
come disse già delirious nomad, questo è il periodo dove non mi sfugge nulla e più che metal maniac dovrei essere ribattezzato grammar maniac! nella tracklist c'è il piccolo errore "hivis lyset tar oss" al posto che l'esatto "hvis lyset tar oss"... lo stesso errore si ripete anche nel secondo paragrafo, nelle ultime righe... nelle altre occasioni invece è scritto corretto!
Akira
Lunedì 7 Aprile 2014, 23.35.34
44
Disco immenso. Recensione degna del disco.
Mrslayer9211
Sabato 22 Febbraio 2014, 12.06.22
43
Johnny Boy confrontare the dark side of the moon con Hvis lyset tar oss è da stupidi,sono due periodi differenti due modi di comporre musica differenti ,le tematiche sono differenti e quello che si vuole comunicare all'ascoltatore è differente ,quindi è un commento che ti potevi risparmiare.
andrea
Venerdì 31 Gennaio 2014, 21.18.26
42
@johnny boy si ok allora anche rust in peace è 98..ma evidentemente i voti vanno a generi..non si può paragonare il black con il prog anni 70 e neanche col trash
HellRider
Giovedì 15 Agosto 2013, 15.20.54
41
Chiamala pure sta' roba...
Johnny Boy
Domenica 11 Agosto 2013, 17.34.45
40
The Dark Side of the Moon 98 e sta' roba 99???????? Ma scherziamo????''
Turambar96
Martedì 9 Luglio 2013, 20.55.38
39
Qesto è il primo album Black Metal che ho ascoltato. Ma subito dopo il primo ascolto ho sentito la necessità di riascoltarlo. Quest'album strega l'ascoltatore dalla prima all'ultima nota. Complimenti al recensore.
Ceh Boh Mah Boh
Martedì 4 Giugno 2013, 19.42.42
38
Naturalmente scherzavo, altro che cavoli! Album da urlo
Ceh Boh Mah Boh
Martedì 4 Giugno 2013, 19.30.29
37
Voto lettori 93.81? Una volta i 'voto lettori' non erano (poco) più bassi? Comunque sì, a parlar di Burzum anche a me viene voglia di cavoli!! proprio
alessio
Domenica 31 Marzo 2013, 12.46.49
36
@ roberto bo che ti devo dire sara per mia stronzaggine , per ignoranza o semplicemente per la voglia di musica ( e ripeto musica non ideologie o fatti di cronaca nera) che ascolto tutto con la stessa attenzione e voglia apprescindere da chi è il compositore o il gruppo. questo vale per burzum ma vale anche per altri gruppi. sinceramente riesco a dividere la musica dalle ideologie anche se non nego che anche io qualche volta leggendo dei testi mi faccio rodere un pò il culo ma comunque poi ascolto la musica, e se è di qualità non lo posso nagare perchè direi una bugia. se poi uno deve parlare come hai detto di qualità umane alora è tutto un altro discorso, ma allora si dovrebbe aprire un altro sito apposta, e li sarebbero cavoli a quel punto!!!!!! hahahaha
roberto
Domenica 31 Marzo 2013, 10.20.59
35
@alessio: al mondo c'è anche chi difende Breivik, l'assassino che fece la strage per le sue idee filonaziste..e non è che uccidere una persona o 100 cambi qualcosa. E non si può disgiungere l'artista dalla sua musica, il suo pensiero, i suoi testi. Pensiamo ai testi dei primi Metallica ad esempio:musica, testi e artista erano tutt'uno, un tutt'uno formidabile. Se invece la mettete solo che è la musica conta, allora se domani Breivik esce con un buon disco di black lo comprate? Io premierei le QUALITA' UMANE oltre che a quelle musicali. E comunque c'è un limite a tutto secondo me, quando si parla di omicidi o di nazismo, sono da condannare in ogni caso a coscienza..
alessio
Sabato 30 Marzo 2013, 20.35.04
34
comunque è sempre la solita storia uno dice bel disco questo di burzum e la gente parte subito in quarta dicendo aaaaa difendi un neonazista neo pagano omicida ecc, e poi comunque sudparadiso se mi dici che è un coglione perchè ha rovinato la sua vita e ha tolto quella di un altra persona allora ti dico si è un coglione, ma che uno venga qui e mi posta un pezzo di un intervista dei primi 90 con parti palesemente stupidelle e fomentose allora ti dico no esageri scusa è. dipende con che fatto tu giudichi cogliona una persona , c'è una bella differenza tra un intervista stupida e un omicidio se permetti (tutto è partito comuqnue da un utente che ha postato un pezzo di una vecchia intervista di vikernes).
il vichingo
Sabato 30 Marzo 2013, 10.30.16
33
A parte i soliti risibili commenti dettati dall'ignoranza e scritti per partito preso e senza cognizione di causa dai detrattori della domenica (d'altro canto, se ci sono addirittura detrattori di band come Manowar e Metallica, figuriamoci con Burzum) che sono soltanto da ignorare, io sono d'accordo con Freedom. Per quanto mi concerne questo è uno dei massimi capolavori non solo del Black ma del Metal tutto. Kristian Vikernes rimane un gran coglione, come scrive sudparadiso, ma proprio di quelli che ti indispongono fortemente con i suoi deliri pagani e le sue teorie pseudo-naziste raffazzonate, ma intanto questo disco rimante un capolavoro, ovviamente per chi è in grado di comprenderlo.
freedom
Sabato 30 Marzo 2013, 10.28.25
32
Ma io non lo difendo infatti, dico solo che la sua musica mi piace. Poi se ammazza qualcuno e gli danno la sedia elettrica o 15 anni di carcere non me ne frega niente...
capolavoro
Sabato 30 Marzo 2013, 1.59.26
31
dopo aver ascoltato un capolavoro come questo o Filosofem, che fai, ti spari un coplo in bocca subito, vai a incendiare qualche chiesa o scegli di andare in solitudine in un bosco a morire di inedia? Su su sveglia cazzo..sto qua lo ripeto è stato 15 anni in carcere e ha fatto quello che ha voluto, pure i dischi......non lamentatevi delle ingiustizie che ci sono e di chi (specie certi politici in Italia) dovrebbe essere a marcire in carcere, se difendete burzum...
capolavoro di sto ....
Sabato 30 Marzo 2013, 1.53.12
30
non dimentichiamo che il personaggio in questione è pure filonazista e che dovrebbe essere ancora in carcere e la chiave buttata...
freedom
Sabato 30 Marzo 2013, 0.17.53
29
Se se...sarà pure un coglione, ma intanto beccatevi sto capolavoro immortale della musica metal. Album spettacolare.
Sudparadiso
Venerdì 29 Marzo 2013, 23.33.15
28
Coglione rimane. Se non mi sbaglio è stato in galera per omicidio.. scusa,se questo ti pare poco.Vedi tu.
alessio
Venerdì 29 Marzo 2013, 19.55.25
27
è piu coglione chi da importanza a quelle dichiarazioni scusate è. non voglio offendere nessuno ma dai su sara pure scemo per alcune cose molto piu "politiche" ma stare a giudicare cosi pesantemente le prime interviste di vikernes (avviancato spesso da euronymous) me sembra na cazzata. li se parla di life metal e la gente prende seriamente la cosa???? ma dai scemi voi scusate hahaha io giudichere all'limite altro nella sua vita non ste cazzate de interviste e dichiarazioni da ventenne metallaro fomentato.
Sudparadiso
Venerdì 29 Marzo 2013, 19.42.57
26
Quoto pienamente Zerbs,un super coglione mondiale.
MetalHead95
Venerdì 28 Settembre 2012, 18.26.00
25
Album stupendo.. Tomhet è qualcosa di... Inspiegabile.. Mi mette addosso una tristezza immensa.. Riesco a sentire nelle vene il gelido inverno norvegese.. Ora vado a riascoltarmelo
giusep80
Martedì 22 Maggio 2012, 16.13.58
24
capolavoro indiscutibile...
Masterburner
Mercoledì 21 Marzo 2012, 10.08.18
23
@Nick, vai su amazon lì c'è. Bellissima recensione, complimenti davvero, sei riuscito a descrivere quello che è questo capolavoro in ogni passaggio emotivo. Credo che la grandezza di HLTO sia proprio quella di suscitare le stesse emozioni in ogni ascoltatore, andando a toccare dei punti emozionali che tutti abbiamo, e conducendoci saldamente per mano lungo il viaggio che è perfettamente descritto dalla rece
Nick
Venerdì 10 Febbraio 2012, 10.30.34
22
@Elluis grazie 1000, ma purtroppo niente nemmeno lì. c'era solo fallen, e l'ultima compilation.
Elluis
Mercoledì 11 Gennaio 2012, 18.26.09
21
@ Nick se proprio non lo riesci a trovare, prova sul sito di Sound Cave, negozio di Milano specializzato solo in metal estremo che fa anche vendita online.
Nick
Mercoledì 11 Gennaio 2012, 18.07.57
20
Io lo vorrei comprare ragazzi.. quest'album è indescrivibile. però non so dove trovarlo.. ho provato a girare per tutti i negozi di musica ma niente. comunque io gli do 100 solo per det som en gang var
Ghraal Vakarian
Sabato 31 Dicembre 2011, 20.10.09
19
Appena acquistato. Appena finito di ascoltare. Non dico nulla, le mie parole valgono molto poco in confronto a ciò che Varg ha fatto. Tomhet è letteralmente stupenda. Do 90.
zerbs
Domenica 18 Dicembre 2011, 11.06.43
18
Da un intervista di vecchia di burzum: "Morte a tutte le band death metal in tute da ginnastica e con testi sociali, perché non hanno niente a che fare con il death metal. Noi chiamiamo gruppi come i Therion "life metal", perché invece che adorare la morte adorano la vita. Cosa c’entrano questi testi hardcore con una musica malvagia? Questi idioti sono semplicemente saltati sul carro, e sono sicuro che il 90% di queste band "life metal" svedesi suonava heavy o thrash metal prima di sentire i Morbid Angel alla fine degli anni ’80. Le persone che si comportano in questo modo sono un offesa per i principi originari del death metal, e per ciò rappresentano un insulto anche per noi! E nello specifico per i Therion, che sono la peggiore di tutte le band svedesi, abbiamo un messaggio molto interessante. Se osate venire in Norvegia a suonare il vostro "life metal" vi uccideremo. L’intera popolazione black metal della Norvegia sarà là con i coltelli."............Cristo, che coglione mondiale di persona.....
remy
Mercoledì 16 Novembre 2011, 11.29.45
17
Capolavoro.
Enrideath
Mercoledì 12 Ottobre 2011, 21.18.50
16
Il mio commento qui in basso è parziale, infatti ho appena scoperto per intero la bellezza di Tomhet, che surclassa sia DSEV che qualunque altra song mai composta dal conte, e ne sono convinto perchè ho appena finito di ascoltare la sua intera discografia!!
Enrideath
Venerdì 7 Ottobre 2011, 16.52.23
15
eccezionale, sia musicalmente come album in sè per la qualità dei brani, sia come importanza seminale per l'atmospheric e il depressive black metal! Det Som Engang Var è semplicemente sovrumana!
ziron
Giovedì 9 Giugno 2011, 17.23.02
14
bellissimo, il capolavoro di burzum..giusto il 99 ! credo che si dovrebbero abbassare di 10 punti i voti degli ultimi 2, davvero troppo alti..
onofrio
Sabato 5 Giugno 2010, 21.48.51
13
Tomhet da sola vale 100
Claudio
Sabato 21 Novembre 2009, 10.25.23
12
Questo è un Capolavoro, sofferenza trasporata in musica.. il mio è 100
BrutalFede
Lunedì 16 Novembre 2009, 22.36.46
11
Occhio Bazu a non montarti troppo la testa con tutti sti complimenti! Cmq la recensione è veramente scritta bene, anche se purtroppo devo dire che Burzum non è proprio quello che si dice uno dei miei musicisti preferiti...
Pandemonium
Lunedì 16 Novembre 2009, 20.55.52
10
Grazie ancora per le belle parole ragazzi. Comunque è HVIS.
zoso
Lunedì 16 Novembre 2009, 20.10.57
9
quoto MORO....album meraviglioso che poteva essere partorito solo dalla mente geniale del conte... senza dubbio la migliore dell'album resta... Det Som En Gang Var e un pelo sotto...Hvis Lyset Tar Oss cmq l'album resta un capolavoro nel suo complesso...VOTO 98...e complimenti a pandemonium per la rece....come al solito di altissimo livello...
Autumn
Lunedì 16 Novembre 2009, 20.04.45
8
Magistrale, complimenti
Giasse
Lunedì 16 Novembre 2009, 19.02.03
7
Lapsus... thx Hellion
Hellion
Lunedì 16 Novembre 2009, 18.40.03
6
...ma è Hivis o Hvis?
Moro
Lunedì 16 Novembre 2009, 14.27.11
5
Un album fondamentale per la storia della musica (assieme a Filosofem), altro che blackster e blackster. Vikernes ha composto in 2-3 anni, quello che poi il blackmetal ha continuato a prendere per altri 15, maneggiando e re-impastando, ma mantenendo quella struttura. La genialità di Vikernes è stata innanzitutto quella di essere estremamente camaleontico in un periodo cronologico così breve che è stato quasi un record. Comporre da metà del 1991 a metà del 1993 quattro album seminali, completamente diversi uno dall'altro, per giunta a 20 anni scarsi, e senza prendere elementi all'interno del blackmetal stesso, per me equivale a una forma di genialità che pochi artisti hanno saputo esprimenre nella storia della musica (Pink Floyd, Radiohead, Bjork...). Se questo non è IL disco black metal per eccellenza, ci manca veramente un pelo. VOTO: 99
Nightblast
Domenica 15 Novembre 2009, 22.10.29
4
Ringrazio Pandemonium per aver dato ancora luce a questa gemma nera.
Blackout
Domenica 15 Novembre 2009, 14.51.47
3
Quoto. Una vera gemma di metallo nero.
Giasse
Domenica 15 Novembre 2009, 13.05.56
2
Ovviamente l'avevo letta prima della pubblicazione... ma ero qui in attesa di godermela -bella bella- sulle pagine della 'zine. Grandissimo lavoro di analisi e di interpretazione, anche -e giustamente- personale. Un album importantissimo e praticamente sacro (???) per ogni blackster.
Nikolas
Domenica 15 Novembre 2009, 13.01.08
1
Al di là dei miei gusti personali, questo rimane senza dubbio il Capolavoro di Burzum, il suo disco più coinvolgente; mi è piaciuta molto la descrizione della title-track, forse la sua canzone migliore di sempre. Complimenti Stefano
INFORMAZIONI
1994
Misanthropy Records
Black
Tracklist
1.Det Som En Gang Var
2.Hvis Lyset Tar Oss
3.Inn I Slottet Fra Droemmen
4.Tomhet
Line Up
Varg Qisling Larssøn Vikernes “Count Grishnackh” – vocals, guitars, drums, bass
 
RECENSIONI
65
75
59
94
93
s.v.
s.v.
90
99
85
80
88
ARTICOLI
16/01/2012
Articolo
BURZUM
Ea, Lord of the Depths
28/10/2011
Articolo
BURZUM
Le frontcover: le immagini che parlano di Varg
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]