Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Cortex Complex
Memoirs of an Apocalypse
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

CONCERTI

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

24/11/17
INDACO + MOUNTAINS OF THE SUN
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

Kiss - Smashes, Thrashes & Hits
( 3512 letture )
Una bella raccolta, una bella raccolta davvero con tanti valori aggiunti, insomma, non la classica hit list che lascia la bocca impastata da prese in giro. Smashes Thrashes & Hits contiene due bellissimi inediti come (You Make Me) Rock Hard e Let's Put the X in the Sex, per le quali sono stati realizzati due videoclip esageratamente accattivanti. Le tracce restanti sono state pubblicate tutte prima del 1983, eccetto tre brani. Molti pezzi già editati, però, hanno subito trattamenti e alcune modifiche venendo presentati con la dicitura di “remix”; cosa diversa invece per la splendida e immarcescibile Beth, che vede alla voce un fantastico Eric Carr in sostituzione del gattone Peter Criss.
Dell'album (certificato doppio disco di platino nel 1996) è stata pubblicata una versione differente nel Regno Unito, in cui sono presenti due tracce in più (Crazy Crazy Nights, il cui singolo si fermò al quarto posto della classifica britannica, e Reason to Live che sostituisce Deuce, presente invece nella versione statunitense). L’album, della durata di 52 minuti, venne buttato sul mercato nella seconda metà di novembre del 1988 giusto per essere regalata come strenna natalizia, ed effettivamente funzionò in tal senso, ottenendo tanti consensi e vendite in tempi rapidi. I due inediti sanno di Kiss alla grande anche se sono percepibili evidenti segni di tastiere e di arrotondamento del suono... ma sia Let's Put The X In Sex che (You Make Me) Rock Hard sono due ottime tracce, cantate da Paul Stanley e scritte dallo stesso Paul con hit maker che spopolarono nel mercato a stelle e strisce come Diane Warren e Desmond Child. Nel primo la melodia è imperante mentre Paul fa il cantilenante nella strofa per poi esplodere in un chorus orecchiabilissimo, commerciale ma assai piacevole che ha, come elemento centrale, il sesso e le varie posizioni. (You Make Me) Rock Hard è una bella song, non certamente tirata ma giocata su scansioni armoniche, melodie e campanaccio scandito da Eric Carr nel ritornello, anche questi fattori si rivelano un buon motivo per ascoltare questa raccolta. Entrambi i singoli vennero dotati di videoclip molto elaborati, rifiniti alla perfezione, con location ed immagini patinate e con contorno di signorine scollacciate in versione de-luxe con un Paul mattatore assoluto davanti alla camera; i video giravano spesso in tv e capita ancora, ogni tanto, di vederli. Un bel lavoro, senza ombra di dubbio. Il resto della track list si compone dei classici delle ere tracciate dalla band mascherata. Inutile parlare delle songs non ristrutturate, per così dire, affronteremo brevemente l’analisi di pezzi di leggenda ai quali sono stati rifiniti make-up, e nel caso dei Kiss mai termine fu più adeguato, e arrangiamenti vari.

Love Gun, ad esempio, è stata resa più aggressiva con un mix che allarga il suono e un delay che dopo il ritornello lascia libero l’urlo di Paul e un intervento di chitarra doppiato. Insomma piccoli accorgimenti da Kiss-maniacs ma benvenuti e graditissimi per ascoltare nuove versioni di epiche tracks. Detroit Rock City subisce pochi trattamenti a parte l’eliminazione della lunga premessa e dell’epilogo dello schianto presente su Destroyer, e a parte un basso più scattante e in evidenza non distilla altro, I Love It Loud risulta rocciosamente rock e nonostante il remix non cambia praticamente di una virgola. Ma resta un gran pezzo, cosiccome Deuce che viene rivista con alcuni tocchi che donano ulteriore compattezza ad una pietra miliare della band newyorkese. Il sound di Calling Dr. Love viene svecchiato mantenendo le caratteristiche iniziali; il solo di Ace ottiene qualche botta di sustain e rivive di nuovo entusiasmo. Strutter gode di un rullante migliorato, un po’ come tutto il drum sound, poi la magia della leggenda si compie ancora una volta regalando emozioni, con quei coretti che introducono al cuore del ritornello con un Ace che si lancia in un solo estatico e nevrotico. Beth è uno dei capolavori di questo cd. Eric canta in modo magnifico, maturo, sensibile, sommesso, magari meno cartavetroso di Peter ma confeziona un gioiello che emoziona tanto, sia per le note contenute, sia pensando alla sua prematura morte. R.i.p. Eric. Rock And Roll All Nite strappa un inizio leggermente diverso con la batteria solitaria per un giro, poi scatta la versione messa su disco oltre un trentennio fa, con cori più vuoti, scarni, quasi da palco: ascoltarla oggi è propedeutico per tutte le nuove band, un modo per intendere come si scrive il rock vero, quello di grande feeling che rimane impresso nella roccia e nella memoria. Shout It Out Loud termina il lavoro con una versione rimasterizzata e qualche urletto in più e un finale armonizzato a 4 voci che chiude a cappella. Insomma tante belle chicche da collezione fanno di questo lavoro un momento godereccio, da avere nella propria collezione. Al contrario di molte raccolte, che anche gli stessi Kiss hanno sciorinato negli anni antecedenti, usate come puri contenitori di vecchi successi senza alcuna aggiunta o novità e quindi pretestuosamente lanciati come teste di ponte per incamerare dollaroni senza nemmeno uno sforzo. Questa compilation regala delle ballonzolanti emozioni e tira fuori lo Sherlock Holmes che è in voi. Bello ascoltare le canzone remixate e intuire, ascoltare finemente e giungere a scoprire cosa è stato mutato e cosa no. Ve lo garantisco, tornerete ad ascoltare le versioni originali per effettuare un confronto diretto sui vari cambiamenti apportati, mutamenti, è bene dirlo, che impreziosiscono e non snaturano nemmeno lontanamente l’essenza dei pezzi ormai divenuti leggenda.

Inutile citare le tracce trasportate pari pari dai loro album di appartenenza ma è necessario dire che al lotto di 15 pezzi aderiscono anche le ottime Lick It Up, Heaven's On Fire, Tears are Falling e I Was Made For Lovin' You; solo 4 pezzi non elaborati e rimasti nella versione originale. C’è anche da dire che la versione in vinile venne prodotta in due versioni, singola ed apribile. La singola conteneva tutti i testi nella busta interna, quella apribile era esaltata da una lunga biografia tempestata di foto a colori di varie epoche e il picture disc, un vero gioiellino. Volendo fare i pignoli, l’unica pecca di questa operazione è la copertina scialbetta. Su sfondo rosso mattone appaiono le 4 figure dei nostri eroi in bianco e nero, periodo e costumi di Crazy Nights, e sotto di loro una marea di mani protese e messe lì in post produzione. Diciamola tutta , si poteva fare molto di meglio spendendo qualche dollaro in più. Nonostante ciò, non fatevi fuorviare dall’immagine e addentate subito il contenuto musicale, non ve ne pentirete di certo. La saga della band mascherata sta volgendo irrimediabilmente al termine, la prossima volta tratteremo un grande album che ha tratteggiato la svolta, o meglio, ha segnato una delle svolte più importanti nella carriera del Bacio. E sarà anche l’ultimo episodio. Quindi rimanete attaccati qui per poter seguire l’ultima recensione.
Rock on and see ya soon!



VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
47 su 32 voti [ VOTA]
jaw
Giovedì 16 Novembre 2017, 22.46.08
6
Per me la piu bella dichiarazione dell anno e' quella di Gene ' non vedo l ora che il rap muoia' ...rincaro la dose di cianuro: Anche i rave party, roba da culani da fosso.
JP
Giovedì 27 Ottobre 2016, 8.13.27
5
Gran bella recensione, complimenti! Possiedo entrambe le versioni, quella con Crazy Nights e quella per il mercato americano rimasterizzata in alta definizione. Beh, ci son dentro dei pezzacci goderecci, questa raccolta è davvero ottima per chi vuole avvicinarsi ai Kiss.
coach
Giovedì 28 Aprile 2016, 9.42.50
4
Bellissimi i due inediti, You make me Rock Hard il classico coro da stadio a la Kiss. Geniali le rivisitazioni dei classici, piccoli accorgimenti che non ne violentano la natura, mi pare che in I love it Loud il "I love it" di Gene sia un pò più profondo e anche la batteria è più incisiva...
Appg
Mercoledì 6 Maggio 2015, 17.48.28
3
Una buona compilation nulla di piu con qualche chicca per i fans piu sfegatati......come me ....
frankiss
Lunedì 14 Dicembre 2009, 23.29.56
2
Un sincero grazie a te, NoRemorse, per le belle parole spese nei miei confronti....grazie davvero!
NoRemorse
Lunedì 14 Dicembre 2009, 17.31.03
1
Cacchio manca solo Lick It Up è vero! penso che questo sia l'unico sito dove trovare così tante informazioni sui kiss!!!! mitici veramente e mitico Frankiss! le ho lette tutte le recensioni ed in ordine cronologico qualche giorno fa! Comunque questo non l'ho mai sentito...quindi nessun parere... Solo un ottimo parere alla recensione come sempre perfetta!
INFORMAZIONI
1988
Mercury Records
Rock
Tracklist
1. Let's Put The X In Sex
2. (You Make Me) Rock Hard
3. Love Gun (Remix)
4. Detroit Rock City (Remix)
5. I Love It Loud (Remix)
6. Deuce (Remix)
7. Lick It Up
8. Heaven's On Fire
9. Calling Dr. Love (Remix)
10. Strutter (Remix)
11. Beth
12. Tears Are Falling
13. I Was Made For Lovin' You
14. Rock And Roll All Nite (Remix)
15. Shout It Out Loud (Remix)
Line Up
Gene Simmons - Bass and Voice
Paul Stanley - Guitar and Voice
Bruce Kulick - Lead Guitar and Voice
Eric Carr - Drums and Voice
 
RECENSIONI
90
90
75
80
13
98
70
96
55
70
80
75
80
90
50
99
97
35
95
80
90
97
95
60
95
90
80
100
80
85
60
ARTICOLI
20/05/2017
Live Report
KISS + RAVENEYE
Pala Alpitour, Torino, 15/05/2017
17/02/2016
Articolo
IN TOUR CON I KISS
Le storie on the road della Original KISS KREW - 1974-1976
17/06/2015
Live Report
KISS + THE DEAD DAISIES
Arena di Verona, 11/06/2015
26/03/2014
Articolo
NOTHIN` TO LOSE - LA NASCITA DEI KISS 1972-75
La recensione
23/06/2013
Live Report
KISS + RIVAL SONS
Mediolanum Forum, Assago (MI), 18/06/2013
13/02/2013
Articolo
KISS
'Welcome to the Show' - La recensione della biografia
24/09/2011
Articolo
KISS
Le Maschere del Rock - la recensione
28/11/2010
Articolo
KISS
Kiss & Lick: la biografia non autorizzata
23/05/2010
Live Report
KISS + TAKING DAWN
Forum di Assago, Milano, 18/05/2010
31/07/2008
Live Report
KISS + CINDER ROAD
Datchforum, Assago (MI), 24/06/2008
13/05/08
Live Report
KISS + CINDER ROAD
Arena, Verona, 13/05/2008
22/02/07
Intervista
MESSIAH'S KISS
Parla la band
30/10/2004
Live Report
NECRODEATH + KISS OF DEATH + DISEASE
Alpheus, Roma, 10/10/2004
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]