Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

The Flower Kings
Islands
Demo

Veritas
Threads of Fatality
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

27/11/20
DREAM THEATER
Distant Memories - Live in London

27/11/20
WRECK-DEFY
Powers That Be

27/11/20
EXITIUM SUI
Ad Personam

27/11/20
CARNAGE ALPHA
From There to Oblivion

27/11/20
CADAVER
Edder & Bile

27/11/20
INTOLERANT
Primal Future

27/11/20
WITHIN THE RUINS
Black Heart

27/11/20
ARRAYAN PATH
The Marble Gates to Apeiron

27/11/20
JADED HEART
Stand Your Ground

27/11/20
DARKNESS
Over and Out

CONCERTI

26/11/20
RHAPSODY OF FIRE (POSTICIPATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

27/11/20
RHAPSODY OF FIRE (POSTICIPATO)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

28/11/20
RHAPSODY OF FIRE (POSTICIPATO)
LEGEND CLUB - MILANO

28/11/20
BELPHEGOR + GUESTS
BLACK WINTER FEST - MILANO

29/11/20
ORPHANED LAND
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

29/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

30/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

01/12/20
ORPHANED LAND
LEGEND CLUB - MILANO

02/12/20
ORPHANED LAND
TRAFFIC CLUB - ROMA

03/12/20
ROSS THE BOSS + GUESTS (CANCELLATO!)
LEGEND CLUB - MILANO

Fear Factory - Archetype
( 7185 letture )
I Fear Factory sono una di quelle band che scelgono di fondare la propria musica su caratteristiche peculiari e chiaramente riconoscibili.
Pur evidenziando alcune "deviazioni" nel debut Soul Of A New Machine o in Remanufacture e fatte salve le inevitabili differenze fra gli altri lavori, la band aveva ritenuto di conservare e di integrare un sound sicuramente particolare, probabile causa del suo stesso successo, senza mai correre volentieri il rischio di snaturarlo o metterlo in qualche modo in discussione. L' uscita di questo nuovo disco sembrava poter o dover segnare un punto di svolta, e la svolta era ragionevolmente pronosticabile visto che una autentica colonna del sound della band come il "triggeratissimo" Dino Cazares aveva lasciato il gruppo californiano di Herrera, Bell e Olde Wolbers.
Personalmente devo ammettere che i "rumors" di un passaggio dello stesso Wolbers alla chitarra mi avevano lasciato abbastanza perplesso, mentre la scelta di cooptare Byron Stroud (Strapping Young Lad) per il ruolo, a quel punto vacante, di bassista pareva essere maggiormente indirizzata ad un'idea di continuità -anche se pare che, nonostante i credits riportati nel booklet, Olde Wolbers abbia suonato praticamente tutte le parti di basso.

Avendo finalmente ascoltato il disco, posso chiudere questa lunga premessa per dire che la novità è che non ci sono particolari novità (!). Il sound dei Fear Factory è rimasto sostanzialmente quello che tutti conosciamo, anzi probabilmente rispetto a Digimortal questo nuovo Archetype potrebbe rappresentare più un riavvicinamento alle sonorità di Obsolete che un ulteriore sviluppo in una direzione inedita. Fatto salvo il drumming "seriale" del sempre ottimo Ray Herrera e l' abituale alternanza di pulito e growling nelle linee vocali di Burton C. Bell, il basso si va a incastonare con la consueta naturalezza nel collaudatissimo impianto sonoro della band californiana ed a dispetto delle perplessità di "qualche scettico recensore" il novello chitarrista Wolbers mostra di non avere particolari difficoltà ad interpretare il suo nuovo ruolo, cavalcando senza imbarazzo le spietate "pedalate" di Herrera. Niente da dire dunque? Inevitabile che anche in un quadro di continuità come quello appena delineato la band abbia trovato spazio per inserire alcuni nuovi spunti. La creatività di Bell sembra aver tratto giovamento dal periodo di inattività seguito all' uscita di Digimortal, davvero interessanti le linee melodiche di alcune parti vocali (in Undercurrent soprattutto) ottimo anche l'arrangiamento della voce in Act Of God. Da segnalare nel lavoro di Herrera il drumming di Corporate Cloning ed in generale la buona vena mostrata nelle parti ritmicamente piu' dinamiche del disco. A livello di suono è stato fatto sicuramente un buon lavoro (il disco è stato registrato nei californiani Rhumbo Recorders e prodotto dalla band stessa) il tipico appeal della band emerge immediatamente fin dall' attacco di Slave Labor e, come ogni vero fan dei Fear Factory poteva sperare, la durezza generale dei suoni è abbastanza "sintetica" da garantire sufficiente nitidezza e brillantezza di timbro.

Gli aficionados della band saranno sicuramente soddisfatti di Archetype, quelli che speravano in un lavoro sorprendente dovranno avere pazienza o rivolgersi altrove, perché come il vocalist Bell ha avuto modo di dichiarare: "Our fans want to hear new material that sounds like Fear Factory".



VOTO RECENSORE
69
VOTO LETTORI
59.65 su 82 voti [ VOTA]
Silvio Berlusconi
Sabato 28 Marzo 2020, 19.29.38
18
Dei Fear factory questo è uno dei lavori che preferisco men; ha dei bei pezzi tipo Corporate Cloning ed Human shields ma il resto per quanto non brutto tende a restare un po' sullo sfondo.
TheSkullBeneathTheSkin
Lunedì 21 Agosto 2017, 16.53.53
17
Secondo me questo è un bell'album, dietro a Demanufacture (inevitabile, per molti) ma tuttosommato sul livello di Obsolete. Un bel 90 se lo merita secondo me, anche perchè dopo quest'album l'unico decente che ho potuto ascoltare è proprio l'ultimo Genexus... piuttosto (oggi son dispettoso) come è possibile che Mechanize prenda 80 e The Industrialist 65? Sono sostanzialmente lo stesso disco di merda... 60 entrambe e fora-dai-bal
MetalDeprival
Martedì 6 Giugno 2017, 19.07.39
16
Dopo almeno un paio d'anni di riflessioni, ascolti, elucubrazioni ecc. dico, e la sparo grossa, che è il peggior disco dei Fear Factory fino a Mechanize incluso (gli ultimi 2 devo ancora ascoltarli). Resta ampiamente sopra la sufficienza, ha anche brani ottimi ma si sente che si sono riciclati in vari passaggi e inoltre è un album poco coeso, sembra più un collage di canzoni.
Screamforme77
Giovedì 18 Agosto 2016, 1.00.46
15
Un album dove si nota evidentemente la tipica atmosfera dei FF e tutto sommato va bene così.
Gibb
Sabato 27 Settembre 2014, 18.45.56
14
Discreto, siamo lontanissimi dagli esordi ma come disco di riavvicinamento al vecchio sound si difende bene, i pezzi buoni ci sono vedi Bite The Hand That Bleeds, Slave Labor, Archetype, Cyberwaste, dopo questo disco, il baratro assoluto, gruppo morto e sepolto ormai.... non gli si può dare un voto inferiore a Digimortal, quello si che è un cesso colossale
freedom
Sabato 27 Settembre 2014, 16.13.04
13
Buon album, non tra i loro migliori ma comunque molto bello. Voto 70.
andrea - heidevolk fan club
Lunedì 15 Ottobre 2012, 14.30.10
12
il primo che ho sentito, mi è piaciuto parecchio...da 75
norvegia
Domenica 12 Febbraio 2012, 22.57.44
11
devo essere sincero e dire che questo è il primo loro disco che ho ascoltato, e l'ho trovato una bomba
eddie
Venerdì 28 Ottobre 2011, 22.05.49
10
sono un fan dei ff...l ho comprato dopo mechanize...non ha nulla di mechanize...scialbo...il piu brutto che ho dei ff...
vic90
Sabato 6 Agosto 2011, 17.35.31
9
voto 85! Non ovviamente ai livelli di Demanufacture e Obsolete, ma 69 obiettivamente mi sembra pochino.
antiborgir
Martedì 11 Gennaio 2011, 14.57.42
8
Io ho incominciato ad ascoltare i FF da Archetype,Questo disco a me è piaciuto tantissimo.
Aelfwine
Lunedì 12 Aprile 2010, 9.57.08
7
Sicuramente un po' commerciale, e poco originale. Ma il risultato è buono. Potenza e atmosfera soprattutto nella prima parte del disco. Certo, avrebbero potuto osare un po' di più, ma senza Dino volevano adare sul sicuro. In ogni caso, condivido abbastanza il parere del recensore, anche se alzerei un po' il voto.
hm is the law
Sabato 31 Ottobre 2009, 0.35.34
6
Album molto valido. Non concordo con la valutazione del recensore. Voto 90
NoRemorse
Mercoledì 29 Aprile 2009, 12.33.41
5
Ottimo ritorno, altro che 69...se Demanufacture ha preso 91 (voto che trovo giusto) questo si merita un bell'80! la prima metà è un continuo di canzoni perfette...cyberwaste l'ho ascoltata migliaia di volte...
AL
Mercoledì 29 Aprile 2009, 10.51.56
4
no dai solo 69??? ( io do almeno 85... è potente anche se non ai livelli del passato... poche novità però album potente!
Sax
Mercoledì 30 Gennaio 2008, 0.46.54
3
A me piace molto questo album... non è certo Demanufacture, però lo trovo davvero un buon album. Digimortal... quella sì che è una merda XD
DARKNESSdescends
Venerdì 17 Febbraio 2006, 7.40.07
2
secondo me e' ottimo. cmq quando hanno avuto il coraggio di differire con digimortal tutti li hanno accusati per niente
TrustInDave
Venerdì 3 Settembre 2004, 13.26.27
1
Dai che non è male... ma sul fatto che un po' di coraggio in più non farebbe poi male non ci piove!
INFORMAZIONI
2004
Liquid 8
Cyber Metal
Tracklist
1. Slave Labor
2. Cyberwaste
3. Act Of God
4. Drones
5. Archetype
6. Corporate Cloning
7. Bite The Hand That Bleeds
8. Undercurrent
9. Default Judgement
10. Bonescraper
11. Human Shields
12. Ascension
13. School
Line Up
Burton C. Bell - Vocals
Christian Olde Wolbers - Guitar, Bass
Byron Stroud - Bass
Raymond Herrera - Drums

Musicista Ospite:
John Bechdel - Keyboards
 
RECENSIONI
65
80
60
69
75
90
91
82
ARTICOLI
01/12/2015
Live Report
FEAR FACTORY + GUESTS
Magazzini Generali, Milano (MI) , 27/11/2015
05/12/2012
Live Report
FEAR FACTORY + DEVIN TOWNSEND PROJECT + DUNDERBEIST
Magazzini Generali, Milano, 25/11/2012
01/06/2012
Live Report
FEAR FACTORY
Orion Live Club - Roma 29/05/2012
14/02/2010
Intervista
FEAR FACTORY
Concretizzare la Paura
18/08/2004
Articolo
FEAR FACTORY
La biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]