Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Slipknot
We Are Not Your Kind
Demo

Atlas Entity
Beneath the Cosmic Silence
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/08/19
NOX ARCANA
The Haunted Symphony

20/08/19
SORCERY
Necessary Excess of Violence

23/08/19
FREEDOM CALL
M.E.T.A.L.

23/08/19
METH.
Mother of Red Light

23/08/19
DEADTHRONE
Premonitions

23/08/19
ILLDISPOSED
Reveal Your Soul for the Dead

23/08/19
ASTRALIUM
Land of Eternal Dreams

23/08/19
LAGERSTEIN
25/7

23/08/19
SACRED REICH
Awakening

23/08/19
DEVIN TOWNSEND
Eras part IV

CONCERTI

20/08/19
FRANK TURNER & THE SLEEPING SOULS
FESTA RADIO ONDA D'URTO - BRESCIA

21/08/19
FOR THE FALLEN DREAMS + GUESTS
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

22/08/19
RHAPSODY OF FIRE + GUESTS
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

23/08/19
NECRODEATH + GUESTS
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

23/08/19
POVOROCK (day 1)
AREA FESTEGGIAMENTI - POVOLETTO (UD)

24/08/19
REZOPHONIC + GUESTS
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

24/08/19
BREAKING SOUND METAL FEST
SALENTO FUN PARK - MESAGNE (BR)

24/08/19
POVOROCK (day 2)
AREA FESTEGGIAMENTI - POVOLETTO (UD)

24/08/19
METAL REDENTOR FEST
SPAZIO LUPARDINE - PENTIMELE (RC)

25/08/19
BEHEADED + HELION
CIRCOLO SVOLTA - MILANO

Meshuggah - Nothing
( 11832 letture )
Il lavoro degli svedesi Meshuggah ha già spiazzato il loro stesso pubblico più di una volta, quindi non mi sorprende che anche in quest'ultima release la band svedese abbia rimesso in discussione i canoni dell'album precedente (l'ottimo e schizofrenico Chaosphere) vista la già citata attitudine di Thordendal, Haake e compagnia ad innovare il linguaggio della loro musica.
Le novità più rilevanti di questo Nothing, che tra l'altro avranno fatto storcere il naso a più di un metaller "ortodosso", riguardano soprattutto il sound che, pur essendo molto diverso da quello del disco precedente, ne conferma lo spirito innovatore e l'appeal meccanico, quasi matematico di molti passaggi.

Forti di una produzione finalmente all'altezza delle proprie ambizioni i ragazzi di Umea danno l'impressione di aver raggiunto il loro obiettivo principale in termini di struttura generale del suono e di editing in particolare (davvero pregevole il lavoro svolto sul sound degli strumenti a sette corde usati al posto delle deludenti Nevborn a otto corde che erano poco più che prototipi al momento delle incisioni per ammissione degli stessi Meshuggah).
Il risultato è massiccio e monolitico, ma originale nella sua semplicità, accentuato nelle sue cadenze ossessive da un basso abbastanza "minimale" -forse l'unica scelta davvero discutibile del quartetto svedese-, da una batteria quasi provocatoria nella ormai totale assenza di soluzioni metal "convenzionali" e nella ricerca di un linguaggio ritmico asimmetrico e rigoroso allo stesso tempo.
Come già in Chaosphere la voce è una sorta di tema ricorrente che dà delle coordinate preziose all'ascoltatore per l'interpretazione dei brani (anche in questo disco i testi sono opera del batterista Tomas Haake).
La grande preoccupazione che spesso mi assale prima di ascoltare l'ultimo lavoro di una band che considero originale è quella di non ritrovarci piu' la suddetta originalità, ma gli anni ed i dischi passano e questi sorprendenti musicisti svedesi sembrano non volerci proprio dare questo dispiacere.

Se siete alla ricerca di conferme su questa band scegliete questo disco senza indugio, se non conoscete ancora il resto della discografia dei Meshuggah non perdete altro tempo e godetevi questo lavoro davvero ben fatto perché, cosa rara in questi tempi soprattutto, si tratta di una band che non ha il problema di poter assomigliare alla musica di qualcun altro.



VOTO RECENSORE
93
VOTO LETTORI
82.09 su 197 voti [ VOTA]
metaller nel cuore
Sabato 28 Maggio 2016, 20.36.35
17
Geniale! La scena "djent" ci vive ancora sui riff di questo disco. Capolavoro assoluto comunque! Voto più che adeguato.
Delirious Nomad
Domenica 21 Aprile 2013, 8.07.23
16
Il mio preferito, ancora di più la ri-registrazione del 2006. I Meshuggah sono fantastici, 95 .
Macca
Domenica 31 Marzo 2013, 19.26.02
15
Niente da dire, un gran gruppo....felice di essermi sbagliato qualche tempo fa nel giudicarli in modo un pò frettoloso e nel dargli un paio di opportunità: ci ho guadagnato un gruppo in più! e anche un paio di mal di testa, xchè no
areare
Venerdì 9 Novembre 2012, 21.35.13
14
@ Malleus a me piace la versione originale. Sarà che li ascolto da prima del remaster.
Bloody Karma
Lunedì 2 Aprile 2012, 13.34.12
13
un pelo sotto chaosphere, quel sound opprimente è talmente devastante che mi fa' soprassedere anche momenti un po' troppo monotoni del disco...
Malleus
Venerdì 9 Marzo 2012, 19.52.47
12
Ma solo a me sembra una raccolta di demo? NEL SENSO: è un capolavoro ma l'edizione originale ha una produzione pessima, la ristampa invece ha una produzione perfetta...
Ascarioth
Mercoledì 15 Febbraio 2012, 16.37.39
11
Concorto con Matocc... cartellate sui denti, e aggiugerei sediate e tavolate, così facciamo il Club dei Masochisti xD Scherzi a parte, un capolavoro
freedom
Mercoledì 15 Febbraio 2012, 16.15.24
10
Disco mitico.
Matocc
Giovedì 29 Settembre 2011, 18.58.12
9
che spettacolo di album... cartelle sui denti senza sosta! e pensare che è stato finito di registrare in fretta e furia... grandioso!
Aelfwine
Mercoledì 31 Marzo 2010, 19.55.29
8
Uno dei migliori album del decennio 2000. Originalità, potenza, tecnica e anche significati profondi. Recensioni breve ed adeguata, confermo il voto.
piliuz
Domenica 18 Maggio 2008, 11.26.29
7
Allucinante.........Come un treno che ti arriva il piena velocità...100
.ilsegugio.
Mercoledì 3 Ottobre 2007, 18.44.35
6
ahah ottima definizione davvero..
Termaximum
Martedì 13 Febbraio 2007, 0.31.33
5
un ustione atomica
Ale
Venerdì 17 Giugno 2005, 15.51.21
4
CAPOLAVORO ASSOLUTO. Dubito che in futuro riusciranno a superarsi come con nothing. Devastante nella sua schizofrenia rallentata, opprimente... E assolutamente inascoltabile, finchè non si iniziano a capire le varie sequenze ritmiche. da ascoltare un centinaio di volte prima di apprezzarlo del tutto.
TrustInDave
Venerdì 3 Settembre 2004, 13.35.21
3
Noioso, pesante, inconcludente. Non ci fosse scritto Meshuggah in copertina sarebbe questo il contenuto della rece. Stavolta hanno toppato.
ilsegugio
Lunedì 7 Giugno 2004, 18.11.00
2
Viva la Svezia!!!!!
manticore
Martedì 25 Maggio 2004, 18.15.31
1
complimenti ai meshuggah per il disco ma complimenti anche per la recensione!!!!!
INFORMAZIONI
2002
Nuclear Blast
Death / Thrash
Tracklist
1. Stengah
2. Rational Gaze
3. Perpetual Black Second
4. Closed Eye Visuals
5. Glints Collide
6. Organic Shadows
7. Straws Pulled At Random
8. Spasm
9. Nebulous
10. Obsidian
Line Up
Jens Kidman: Lead vocals
Fredrik Thordendal: Rhythm guitar, solo guitar, bass guitar
Mårten Hagström: Rhythm guitar
Tomas Haake: Drums
 
RECENSIONI
81
s.v.
s.v.
s.v.
93
100
91
72
ARTICOLI
10/12/2012
Live Report
MESHUGGAH + DECAPITATED + C.B MURDOC
Alcatraz, Milano, 05/12/2012
03/06/2005
Live Report
MESHUGGAH
Transilvania Live, Milano, 29/05/2005
03/06/2005
Intervista
MESHUGGAH
Dietro il palco del Transilvania, 29/05/2005
20/04/05
Intervista
MESHUGGAH
Parla Marten Hagstrom
14/07/2004
Articolo
MESHUGGAH
La biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]