Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Darkthrone
Old Star
Demo

E.G.O
Everything Goes On
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/07/19
SHARKS IN YOUR MOUTH
Sacrilegious

26/07/19
THE TRIGGER
The Time Of Miracles

26/07/19
LORDI
Recordead Live - Sextourcism In Z7

26/07/19
BLACK RAINBOWS
Stellar Prophecy (reissue)

26/07/19
BLACK RAINBOWS
Hawkdope (reissue)

26/07/19
FAITHSEDGE
Bleed for Passion

26/07/19
SOUNDGARDEN
Live from the Artists Den

26/07/19
SINHERESY
Out of Connection

26/07/19
AS I MAY
My Own Creations

26/07/19
WORMWOOD
Nattarvet

CONCERTI

21/07/19
THE DARKNESS
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

21/07/19
MILANO DEATH RALLY (day 2)
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

21/07/19
DESTRAGE
CFHC FEST - CASTELFIDARDO (AN)

21/07/19
ROCK INN SOMMA (day 4)
SOMMA LOMBARDO (VA)

21/07/19
GRAVE PARTY (day 2)
AREA FESTE - GAGGIANO (MI)

21/07/19
METALLO VILLANO OPEN AIR
VILLA DURAZZO BOMBRINI - GENOVA

21/07/19
YAWNING MAN + HOLDING PATTERNS + THE TURIN HORSE + DIVULGAZIONE + MAY I REFUSE + FRANCESCO PERISSI XO + UMANZUKI
SANTA VALVOLA FEST c/o ORTO SONORO - PRATO (PO)

23/07/19
PERIGEO
PIAZZA SS. ANNUNZIATA - FIRENZE

25/07/19
COVEN + DEMON HEAD
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

25/07/19
THERAPY?
CURTAROCK FESTIVAL - CURTAROLO (PD)

Stratovarius - Visions
( 12432 letture )
Visions è stato l'album della definitiva consacrazione degli Stratovarius e rappresenta per -chi scrive- anche l'apice della carriera di questo gruppo che -vi piaccia o meno- è stato uno dei più importanti degli anni '90 in ambito power. Arrivati già ad un buon livello di notorietà col precedente Episode, la band capitanata da Timo Tolkki riuscì a migliorarsi sotto tutti i punti di vista, incidendo almeno una manciata di brani che diverranno dei veri e propri classici invocati come manna dal cielo da tutti i loro fan. È innegabile che Visions sia una vera e propria perla per gli amanti del power metal. Questo album contiene tutto ciò che si possa chiedere a un disco power: velocità, melodia, potenza, tecnica. Il tutto condito da un songwriting e una maturità artistica senza eguali nella carriera degli Stratovarius.

È qui -e sul precedente Episode- che Timo Tolkki riuscirà ad esprimersi su altissimi livelli; Jens Johansson è un vero e proprio talento con la tastiera (il clavicembalo che apre Black Diamond per esempio), e con le continue fughe a braccetto con Tolkki ha creato un vero e proprio trademark -invano emulato da molti gruppi successivi-; Jari Kainulainen e Jörg Michael sono il ritmo degli Strato, batteria e basso si accompagnano alla perfezione scandendo le battute di Visions senza mai risultare forzati, dalle parti speed pure a quelle più cadenzate; infine, Timo Kotipelto, dotato di una voce particolare, che s'incastra in maniera a dir poco divina nel puzzle di questi finlandesi.

Il disco si apre con il mezzo tempo The Kiss Of Judas, dotato di un ritornello vincente e di un bellissimo solo di Tolkki. La canzone cresce di tonalità fino a svanire lasciandoci decisamente soddisfatti. Poi, parte il clavicembalo di Johansson per introdurre uno dei pezzi più famosi -e sul quale hanno pogato e fatto headbanging migliaia di fan- parlo della magnifica Black Diamond. Il ritornello è davvero da incorniciare e da cantare a squarciagola ogni qual volta lo si ascolti. Non è da meno la successiva Forever Free, aperta da un bellissimo riff di Tolkki. Siamo su ritmi leggermente inferiori, che poi salgono di nuovo nel bridge per disegnare un'altra perla di headbanging puro, che vede il suo apice -come da copione- in un ritornello perfetto per i live. Before The Winter è la prima ballad del disco, altra grande esempio delle capacità di songwriting di Tolkki. Il pezzo è buono e gode di un Kotipelto sugli scudi che interpreta lo spirito malinconico della canzone in maniera perfettta. Segue un altro classico della band, sto parlando di Legions ancora una volta partorito dalle mani di Timo Tolkki. La canzone -tanto per cambiare- inizia con un riff leggendario di Tolkki per poi svilupparsi su ritmi sostenuti su cui anche Johansson ha la possibilità di mostrarci le sue abilità tecniche. Ritornello -manco a dirlo- che rasenta la perfezione.

Con The Abyss Of Your Eyes si ritorna sui binari dell'opener. Anche qui ci manteniamo su livelli decisamente al di sopra della media. Holy Light è un pezzo strumentale dove tutti i componenti del gruppo hanno modo di sbizzarrirsi a piacere con la tecnica, ma non per questo la canzone risulta forzata. Stop n' go, repentini cambi di tempo che culminano nel break centrale acustico che spezza in due il pezzo che poi riacquista velocità per mezzo delle dita della coppia Tolkki-Johansson. Un palese esempio di quanto si possa non annoiare pur andando veloce! Giusto il tempo di rifiatare per preparaci ad un altro classico e -credo- la canzone più conosciuta in assoluto degli Strato: Paradise. Che dire di questa canzone? Non ho davvero parole per descrivere la bellezza scaturita da una struttura insolitamente semplice per gli Stratovarius. Solo questo pezzo vale l'acquisto di questo disco. Questi Stratovarius all'epoca non avevano certo rivali. Un dolce arpeggio di Tolkki ci introduce alla seconda ballad del disco: Coming Home, anche questa di pregevole fattura e con un Kotipelto protagonista assoluto. Molto bello e melodico l'assolo di Tolkki. Chiude l'album la lunga title track che è un continuo sali scendi di ritmi e tonalità, scandidi dai versi profetici di Nostradamus.

In chiusura, questo è sicuramente il picco più alto toccato dagli Stratovarius. Un disco veramente superlativo per tutti quelli che amano il power metal. Da avere a tutti i costi.



VOTO RECENSORE
90
VOTO LETTORI
86.14 su 166 voti [ VOTA]
megna
Domenica 17 Giugno 2018, 13.57.14
109
Possiedo ancora il doppio Cd live, non pensavo però che Visions fosse stato pubblicato nel 1997: mi spiego meglio, ero convintissimo al 100% di averlo ascoltato diversi anni prima, ma presumibilmente me lo sono sognato, o li confondo con Malmsteen. Ecco, se fosse uscito all'inizio del decennio avrebbe avuto senso, ma a quei tempi altri avevano già fatto qualcosina di speed misto neoclassical, e pure meglio in certi casi.
Marco78
Giovedì 15 Febbraio 2018, 15.10.11
108
Già da come parte il disco, con Tolkki che gratta il plettro sulla corda creando quasi un riff, si capisce che qui c'è qualcosa di non comune. Poi un 'apoteosi di melodie fantastiche, riff dannatamente caratterizzanti e ogni tanto pure qualche scheggia di follia, con quelle ripartenze fantastiche. Personalmente apprezzo anche quel sapore leggermente freddo e oscuro che andrà via via ad affievolirsi negli anni (e che invece era ben presente nei dischi più vecchi); E' una bomba ancora oggi, anzi, mi chiedo cosa ho comprato a fare molti dischi power negli anni, quando in effetti mezzo mondo giocava a fare gli Stratovarius e Visions ebbe più cloni di Street Fighter 2.
Silvia
Martedì 25 Aprile 2017, 0.49.47
107
@lux chaos, si' si' parlo solo x gusto personale, e ti dico che lo chiamo power (termine che non amo, prima non si usava ma i gruppi oggi chiamati power c'erano comunque ) x semplicita' perche' poi tutti quei gruppi sono molto diversi fra loro, x esempio, i Rhapsody (fantastici) sono molto diversi dai BG (immensi) che sono diversi dai Rage (grandiosi), gruppo che mi son dimenticata di citare (li adoro!) e che a quanto pare oggi rientra nel power. @InvictuSteele, succede di fraintendere! [e pero' dai non dire che i Venom facevano thrash... ]
InvictuSteele
Lunedì 24 Aprile 2017, 23.41.41
106
Vabbè è l'ultimo mio commento, Ace of Spades non mi sembra tutto sto potente, è l'heavy metal alla Motorhead, ossia contaminato dal punk e dal rock n' roll, mentre i Venom non erano heavy metal, erano già il gradino successivo, più potenti di tutti (altro che Motorhead), non avevano contaminazioni rock n roll o blues, avevano ritmiche tipicamente thrash e vocals non in linea con l'heavy classico. Hanno fondato i thrash e ispirato il black per le tematiche. Per te restano heavy metal ma è un concetto sbagliato, non hanno mai avuto li linee melodiche dell'heavy né il modo di cantare dell'heavy. Fattene una ragione Mulo. Se l'album Black Metal non è thrash io non so cosa sia.
Mulo
Lunedì 24 Aprile 2017, 23.09.00
105
Ho usato quei termini forti x far capire bene che la proposta (e il genere nn mi piacciono). Poi tecnicamente i musicisti sono straordinari. Comunque non dovreste prendervela sul personale quando qualche utente stroca nei commenti un disco che a voi piace (non me la prendo nemmeno io quando qualcuno dice che i Megadeth non son degni di stare nei big 4). Ad esempio Io adoro i primi 4 dei Korn,mezzo mondo li odia ma io me ne fotto e nn sto a far guerra con chi nn li apprezza.
Northcrossdeath1
Lunedì 24 Aprile 2017, 22.54.19
104
@Mulo: ok ma scusami un attimo. Ora dici "grandissimi musicisti ma la proposta non mi piace", ma non ti pare che espresso così sia tutto un altro concetto rispetto a "pagliacciata, pietoso" e altri epiteti? @ Terzo: certo l'ispirazione c'è e ci sarà sempre, però quando sento Kotipelto non sento Kiske, così come quando sento Kiske non sento Tate ecc... solo perché potrebbero avere un estensione vocale simile non li trovo uguali.
Mulo
Lunedì 24 Aprile 2017, 22.46.43
103
Nemmeno nel 1980 nessuno suonava veloce e potente come ace of spades ma mica è thrash..... Su una cosa concordo con voi,stratovarius grandissimi misicisti ma la proposta non mi piace x niente. Nel '83 Kill em all e Show no mercy erano più veloci e potenti dei venom (che dopo at war with satan non se li è più cagati nessuno)..... Ma ti pare che i riff e le strutture dei pezzi di band cosiderate da tutti gli addetti ai lavori "maestri del thrash" come Exodus o Metallica abbiano qualcosa in comune con i venom?!
Northcrossdeath1
Lunedì 24 Aprile 2017, 22.36.32
102
Mulo: si infatti hai sbagliato, e alla grande, inutile che fai ironia. Quoto InvictuSteele.
terzo menati
Lunedì 24 Aprile 2017, 22.33.32
101
Sono d'accordo con mulo su kotipelto Kiske. Non c'è niente di strano ad ispirarsi a qualcuno. Lo stesso Kiske e' una specie di tate. Comunque il disco è un capolavoro
InvictuSteele
Lunedì 24 Aprile 2017, 22.33.04
100
Non ho parole. I Venom suonano Thrash, c'è poco da fare, inutile inventare stupidi tecnicismi, suonano quello, lo hanno inventato loro, Nel 1981-82-83 nessuno suonava potente come loro. I testi sono pagliacciate? Ci sta, come tutti i testi del genere che a loro si sono ispirati e così come sono cagate i testi di mezzo rock n roll e hard n heavy. Kotipelto che imita Kiske, ma dove? Sono imitatori? Ma quando? Sono una band della madonna, con musicisti tra i migliori della scena, vorrei ricordare un certo Jorg Michael, una macchina da guerra, o uno Johanssen alle tastiere, tra i migliori al mondo, o un Tolkki alla chitarra, influenzato da Malmsteen ma mostruoso lo stesso. Dai su, sono un pilastro del power metal e Visions è un disco che ha fatto epoca.
lux chaos
Lunedì 24 Aprile 2017, 22.21.00
99
Non dico che sia una cazzata la tua opinione, non mi permetterei, per me può farti cagare a spruzzo e frega nulla, trovo una cazzata l'intento di venir qua, sotto la recensione di un disco che ti fa cagare, a scrivere che è una pagliacciata, che non è metal, che è una porcheria...boh non ha molto senso, poi se ti diverti a provocare, no problem, ognuno ha i suoi passatempi
Mulo
Lunedì 24 Aprile 2017, 22.10.22
98
Perché siamo in un paese libero e io dico la mia opinione,semplice. X te sono cazzate? Fa nulla a ognuno la musica trasmette sensazioni diverse.... Ma non mi puoi dire che è una cazzata il fatto che Kotipelto nel modo di cantare... Lo stile è quello.
lux chaos
Lunedì 24 Aprile 2017, 22.03.06
97
@Mulo ma infatti se dici cosi vuol dire che palesemente non apprezzi questo genere, quindi mi chiedo: perchè denigrare un lavoro come questo, che ai tempi distruggeva la concorrenza, sminuendolo e sparando cazzate?
Mulo
Lunedì 24 Aprile 2017, 19.58.44
96
Ho sbagliato,imita Chris Barnes...
Northcrossdeath1
Lunedì 24 Aprile 2017, 19.56.26
95
Kotipelto imita Kiske?? Dai chiudete tutto, per fortuna che ci spieghi te ste cose Mulo.
Mulo
Lunedì 24 Aprile 2017, 19.47.35
94
Una peculiarità del thrash sono i riff stoppati in terzine,assoli di chitarra al fulmicotone e pedalate in doppiacassa,tutte cose che i venom nn facevano....... I venom sono stati i primi a trattare in modo molto esplicito il tema del satanismo (con testi ridicoli).... Invece gli Stratovarius hanno il cantante imitatore di Kiske,la chitarra e la tastiera che scimmiotta Malmsteen e la batteria settata su doppiacassa perenne o su mid tempos..... Pietosi
lux chaos
Lunedì 24 Aprile 2017, 19.15.51
93
E allora Silvia son proprio gusti ..per me ad esempio gli stratovarius sono superiori agli hammerfall (anche se il genere non è proprio lo stesso), ma comunque non impazzisco per nessuno dei due gruppi, anche se Visions ai tempi lo consumai di ascolti...Gli altri nomi che hai fatto invece...venerazione
InvictuSteele
Lunedì 24 Aprile 2017, 18.22.19
92
Allora chiedo scusa ☺
Silvia
Lunedì 24 Aprile 2017, 18.20.53
91
No no non siamo la stessa persona 😅. A me il power piace tantissimo dai Blind Guardian (mio gruppo preferito) ai Rhapsody ai Gamma Ray (sommo Kai adorato dall'adolescenza), Primal Fear, vecchi Helloween, Hammerfall (riciclano ma li adoro!), Savatage. Lux Chaos, ricordo quando uscirono gli Stratovarius, ebbero grande successo ma non mi presero mai. Invictus probabilmente mi hai frainteso. I metallica poi non li ascolto più dal 90. Saluti a tutti 😊
InvictuSteele
Lunedì 24 Aprile 2017, 18.04.27
90
Silvia-Mulo (sospetto che siete la stessa persona) vabbè pensatela.come volte e ascoltatevi Metallica e Maiden quanto volete per il resto della vita e citateli in ogni dove, hanno inventato tutto, sono i più grandi e nessuno sarà come loro. Che vi devo dire! Poi ci lamentiamo che il.metal e' morto e sepolto, ci credo, si parla sempre e solo delle solite tre band. Che amarezza infinita.
lux chaos
Lunedì 24 Aprile 2017, 18.00.56
89
Sisi, dico solo che se piace il power di un certo tipo è difficile non apprezzarlo, tutto qui, oggettivamente è considerato un "emblema" di un certo modo di suonare, poi tutto può non piacere. saluti
Silvia
Lunedì 24 Aprile 2017, 17.57.51
88
L epoca della nwobhm è stata gloriosa in UK, appunto, nonostante agli albori fu osteggiata a causa del punk. Le idee sono chiarissime. Poi sugli Stratovarius de gustibus disputandum non est, a me non piacciono e non li vedo autori di capolavori, ne' originali. Ma e' la mia opinione
lux chaos
Lunedì 24 Aprile 2017, 17.51.19
87
Concordo. Visions è un capolavoro, punto a capo. Ovvio che poi possa far cagare qualcuno, ma non si può non riconoscerne l'oggettivo valore, anche se non "piace"
InvictuSteele
Lunedì 24 Aprile 2017, 17.46.20
86
E comunque io nom ho offeso ne denigrato nessuna band, ne Maiden ne metallica. Ribattevo a Mulo che ha offeso un genere intero e una band che e' la.massima espressione di questo genere: Gli Stratovarius, ancora oggi in formissima e che sfornano grandi album. Visions e' un capolavoro. Punto. Non si può criticare. Io non vado a definire merde band che non mi piacciono, soprattutto quelle che hanno fatto la storia con capolavoro assoluto come in questo caso. Ragazzi... Avete le idee confuse, lasciate che ve lo dica. Basta Maiden, basta Metallica, che palle.
InvictuSteele
Lunedì 24 Aprile 2017, 17.42.08
85
Ripeto, hai le idee confusissime. L epoca della nwobhm è stata gloriosa in UK. Il Punk all alba degli anni 80 era già mezzo morto, tanto che e' nato lo slogan "punk is not dead" già da allora per ribadire che era vivo e vegeto, ma in realtà non era cosi. Il.metallo inglese ha dominato tutta la orina parte degli anni 80, per poi spegnersi nella seconda metà.
Silvia
Lunedì 24 Aprile 2017, 17.37.38
84
Chiedi a Steve Harris se e' stato facile ottenere il contratto e qual era il genere dominante all'epoca in UK . Non solo, lui si lamentava anche del fatto che a causa del punk non riuscivano a suonare in molti posti perche' non avevano il look giusto. Probabilmente sei molto giovane e la storia del metal ti sfugge . Poi non ho detto che i Venom abbiano mai suonato black (non c'era all'epoca) ma ne sono stati precursori ante-litteram e all'epoca nessuno li etichettava thrash. Cmq alla fine sono etichette...
InvictuSteele
Lunedì 24 Aprile 2017, 17.25.11
83
I Venom non hanno mai suonato black metal, sono thrash, lo hanno inventato loro. Punto. Grazie ai loro testi hanno fatto da precursori del black ma non hanno mai suonato black.
InvictuSteele
Lunedì 24 Aprile 2017, 17.23.54
82
Mi sa che ricordi male, il.metal non ha mai sofferto per via del punk (ma quando mai? Ahahaha), visto che questo e' durato pochissimi anni, alla fine degli anni 70 poi. I Maiden non hanno rivitalizzato nulla, poiché assieme a loro c erano migliaia di metal band. Vi dice niente la sigla N.w.o.b.h.m.? Perche ricordate solo i Maiden? Poi i loro testi, si qualcuno e' buono ma non e' mai stata un band intellettuale.
Silvia
Lunedì 24 Aprile 2017, 17.13.15
81
InvictuSteele, ma non vuol dire denigrare gli altri, anche perche' nella Bay Area erano tutti parte di una grande cricca appunto, quindi sicuramente le influenze reciproche c'erano... Poi certo, un genere non nasce mai all'improvviso... x esempio Steve Harris ha detto che senza gli Wishbone Ash gli Iron Maiden non ci sarebbero, senza i Maiden ne' thrash ne' power, insomma e' una bella catena X non parlare dei Black sabbath! Chissa' cosa ascolteremo ora senza di loro!
Silvia
Lunedì 24 Aprile 2017, 17.08.06
80
InvictuSteele, anche se non ti piacciono (massimo rispetto x le tue opinioni) certi testi dei Maiden sono delle piccole gemme criptiche con parecchie citazioni letterarie, tipo Revelations e hanno rivitalizzati il metal che stava morendo sotto la spinta punk, non so se ti ricordi. Non condivido i Venom inventori del thrash (e io c'ero ), x me hanno segnato l'inizio del black sotto molti punti di vista, e anche x le mie orecchie i Metallica hanno segnato l'origine del thrash ASSIEME alla cricca dei loro fantastici amici, tutte quelle band da Exodus/Anthrax etc etc. I Venom erano molto molto piu' estremi all'epoca assieme ai Kreator e altre cricche (Possessed etc etc) e gli Slayer stavano in mezzo secondo me
InvictuSteele
Lunedì 24 Aprile 2017, 17.00.48
79
Vero vero, resta il fatto che i Metallica non hanno inventato nulla... e nemmeno i Maiden, semmai hanno contribuito a consolidare un genere, ma nel 2017 parlare ancora di queste due band è anacronistico e avvilente nei confronti di tutte le altre band storiche e non che (molte delle quali superiori, almeno per me) non hanno avuto la stessa fortuna.
Mulo
Lunedì 24 Aprile 2017, 16.35.06
78
Kill em all cronologicamente è uscito prima di Show no mercy (luglio kill em all ,dicembre show no mercy). Sei male informato
InvictuSteele
Lunedì 24 Aprile 2017, 15.23.21
77
I Venom, all'epoca, suonavano più forti di tutti, per questo sono stati i primi ad inventare il thrash metal, poi subito dopo ti ricordo che sono arrivati gli Exciter con le loro bordate speed, gli Slayer e gli Anvil col secondo disco Metal on Metal che era potentissimo e proto-thrash, e tutta questa roba è uscita prima di Kill'em all. Giusto per sottolineare come stanno le cose. Ovvio che i Metallica abbiano i loro meriti, hanno contribuito a sviluppare e diffondere il thrash metal, ma non sono stati assolutamente i primi, né tantomeno i più veloci o i più potenti
Mulo
Lunedì 24 Aprile 2017, 15.18.17
76
Kill em all suonava diverso da tutto ciò che era uscito prima (e io c'ero nell'83),altro che venom.....Al massimo puoi dirmi che la potenza e la velocità di ace of spades + i riff alla Iommi hanno contribuito tantissimo al thrash. Chiamalo power barocco questo...E'una pacchianata di scopiazzatura che risulta solo ridicola.
InvictuSteele
Lunedì 24 Aprile 2017, 15.14.01
75
Ma infatti gli Stratovarius non hanno inventato nulla, hanno però innalzato al massimo livello il power barocco... vertici che Malmsteen non ha mai toccato, almeno per me, e Blackmoor c'entra fino a un certo punto, visto che non ha mai suonato heavy metal ma hard rock. Il thrash vorrei ricordarti che è stato inventato dai Venom, poi è stato ripreso da mille altre band, tra cui i Metallica che hanno avuto la fortuna (e anche il talento, ovvio) di fare un successo enorme.
Mulo
Lunedì 24 Aprile 2017, 15.10.17
74
No eh,guada che dopo 'No life til leather nella bay area tutte le band che coverizzavano Priest e maiden si misero a far gara a chi suonava + veloce e potente. Se i Metallica non hanno inventato nulla pensa queste cachette degli stratovarius cos'hanno fatto...Hanno scopiazzato malissimo le band che ti ho citato sotto.
InvictuSteele
Lunedì 24 Aprile 2017, 15.09.54
73
Quando e in che modo i Maiden avrebbero rivitalizzato un genere morente?
InvictuSteele
Lunedì 24 Aprile 2017, 15.07.59
72
I Metallica non hanno inventaot nulla e i Maiden non hanno rivitalizzano nulla
Mulo
Lunedì 24 Aprile 2017, 15.03.02
71
Ognono ha i suoi gusti ci mancherebbe altro,ma questo Visions è una scopiazzatura di Malmsteen,Helloween,Rainbow (piacerebbe al Tolkki).Questo neoclassic/power/prog x me è pura immondizia....Non mi puoi certo paragonare i Metallica (che si sono inventati il thrash)o i Maiden (che hanno rivitalizzato un genere morente) a questa porcheria qua..
InvictuSteele
Lunedì 24 Aprile 2017, 14.59.46
70
Perché pagliacciata musicale? I testi degli Stratovarius sono buoni, tutti incentrati sulla natura e sugli elementi della terra, mi trasmettono malinconia e gelo invernale. Ogni band ha le sue tematiche... o sono più profondi i testi dei Maiden o degli Ac/Dc? Andiamo su!
InvictuSteele
Lunedì 24 Aprile 2017, 14.54.14
69
A me fanno cagare tantissimo gli Iron Maiden, ovvero la band più sopravvalutata della storia della musica, i Metallica o gli Ac/Dc, ma non lo dico perché è una cosa soggettiva e personale, ne riconosco comunque i meriti e riconosco la grandezza di alcuni loro dischi. Non faccio sparate simili.
Vitadathrasher
Lunedì 24 Aprile 2017, 14.46.19
68
Ascolto questo album come faccio per i manowar. Do per scontato che è una pagliacciata musicale, ma allo stesso tempo mi piace un casino. D'altronde tolti gli helloween che fanno power di classe e non si prendono troppo sul serio, il resto generalmente è roba da teatro del bagaglino. Come paragonare martufello a luttazzi.
Mulo
Lunedì 24 Aprile 2017, 14.38.34
67
X me è una porcheria
InvictuSteele
Lunedì 24 Aprile 2017, 14.23.42
66
Mulo... non diciamo stronzate per favore, questo disco è storia, è un capolavoro commovente... gli Stratovarius sono intoccabili
Mulo
Lunedì 24 Aprile 2017, 14.14.20
65
Primavera anno domini 1997,sulle principali riviste metal italiane (che acquistavo)non su fa che osannare questo disco e questa band.Dopo aver letto dichiarazioni altisonanti come "la rinascita del vero metal","il metal è tornato grazie a loro e agli Hammerfall"ed altre castronerie simili,decido di acquistare il disco.Finito il primo ascolto non sapevo se ridere o piangere (più la seconda)o gettare il cd in testa a chi l'aveva recensito come "capolavoro"assoluto.X me è una cagata pazzesca,moscissimo con un chitarrista che in fase solistica sa solo sparare noto a 300 allora senza dare e nessuna emozione.X me proposte come queste non sono metal...Il caro Tolkki si dice adoratore dei Rainbow ma da Blackmore non ha proprio imparato nulla....
Rob Fleming
Domenica 7 Febbraio 2016, 19.05.58
64
Veramente bellissimo. Kiss of death, Black Diamond, Before the winter e Paradise sono veramente quanto di meglio c'era in giro all'epoca.85
ikki
Domenica 15 Novembre 2015, 17.49.31
63
L'album che mi ha salvato la vita è mi ha fatto amare il metal
Galilee
Mercoledì 16 Settembre 2015, 11.22.52
62
Gran disco, ma un pò troppo prevedibile rispetto ad Episode. Punta troppo sull'impatto immediato e quelle sonorità un pò cupe e fredde che avevano caratterizzato lo stratosound dagli esordi fino ad Episode, scompaiono definitivamente. Rimane un capolavoro, ma lo metto sotto Dreamspace e Episode per una questione di gusti personali e scelte stilistiche.
Obzen666
Giovedì 19 Marzo 2015, 16.44.02
61
É una mia impressione, o Paradise ha un inizio quasi identico a 22 Acacia avenue degli Iron Maiden di Number Of The Beast?
el castigamàtt
Mercoledì 28 Gennaio 2015, 11.40.58
60
capolavoro! power metal nella sua forma più pura e l'ultima track è na sinfonia
freedom
Giovedì 16 Ottobre 2014, 15.48.00
59
Non amo il power ma questo disco ha fatto storia...ero agli inizi della mia carriera da metallaro quando uscì, e ricordo che tutti i miei "colleghi" più grandi andavano matti per quest'album, mi facevano una testa così per convincermi ad ascoltarlo. Nel suo genere un gioiello. Voto meritato.
Vitadathrasher
Lunedì 30 Dicembre 2013, 15.23.17
58
Discone power! suonato spudoratamente bene, un mix di assoli intricati e riff ruffiani ed efficaci, rasentando il trash quando partono chitarra e tastiera all'unisono. Non annoia mai tutti i pezzi sono indovinati e filano che è una bellezza, 95 è la base d'asta per un album così.
enzo
Sabato 28 Dicembre 2013, 16.29.14
57
capolavoro adoro questa band
themadavenger
Lunedì 12 Agosto 2013, 1.49.53
56
capolavoro...capolavoro totale
il vichingo
Sabato 16 Marzo 2013, 20.22.11
55
Il capolavoro dell band. Black Diamond è un inno ma tutto il disco si mantiene su livelli incredibili, probabilmente una delle migliori uscite in ambito Power scandinavo. 95/100.
xXx
Lunedì 4 Marzo 2013, 7.26.08
54
Il massimo degli Stratovarius: album immenso!
ecodont
Domenica 3 Marzo 2013, 23.37.38
53
non credo esistano dischi power più belli di questo...un capolavoro da ascoltare e riascoltare. lunga vita ai grandi stratovarius!!!
Felix
Sabato 7 Luglio 2012, 13.59.08
52
Capolavoro... assoli di chitarra e tastiera si intrecciano in un modo sublime, uno dei pochi album degli Stratovarius che non annoia dall'inizio alla fine.. black diamond e before the winter splendide
Daniele
Sabato 30 Giugno 2012, 13.11.04
51
Capolavoro degli Stratovarius e del Power anni '90, in cui Tolkki & co. mostrano una creatività davvero sorprendente, assoli, riff e melodie che coinvolgono veramente tanto, raggiungendo l'apice in "Black Diamond", "Before the Winter" e nella ultra-solenne title-track. Un disco che vale davvero la pena ascoltare.
Mickelozzo
Giovedì 8 Marzo 2012, 16.40.31
50
Forse l'unico album degli Stratovarius senza cali di qualita` dall'inizio alla fine. In troppi altri, incluso Episode, iniziano a sbrodolarsi musica addosso, ben suonata per carita`, ma qui l'attenzione non cala mai, zero momenti morti, e per loro e` rarissimo. Voto: 91 .... il testo di Legions e` ridicolo in modo quasi commovente.
Ascarioth
Lunedì 17 Ottobre 2011, 20.14.22
49
Questo disco mi ha fatto cambiare sul Power! Un grandissimo disco, mi chiedo come abbia fatto a sottovalutare fino ad ora gli Strato e il Power in generale...
eddie
Domenica 25 Settembre 2011, 12.26.44
48
comprato,ascoltato...gran bel disco davvero...ha bisogno di piu ascolti per apprezzarlo a pieno...
Radamanthis
Giovedì 22 Settembre 2011, 17.34.46
47
Pienamente d'accordo col recensore, altre parole non ce ne sono da aggiungere. Voto però da alzare, è il loro capolavoro...il 100 della loro discografia un 95 giusto!
fabio II
Giovedì 28 Luglio 2011, 15.49.44
46
Pienamente d'accordo con Rashmon, di gran lunga il disco migliore. Comunque non amo particolarmente il power anni '90 e oltre: che siano Stratovarius o Iced Earth o altri ( salvo 'Holy Land' degli Angra )
Rashomon
Giovedì 16 Giugno 2011, 23.03.02
45
Bellissimo disco, l'unico degli Stratovarius che mi piaccia dall'inizio alla fine.
Fede
Domenica 12 Giugno 2011, 17.11.38
44
Uno degli apici della carriera degli Strato. Da avere.
Maurizio
Martedì 17 Maggio 2011, 17.53.19
43
Il top della loro carriera. Da qui in poi in calando, prima con qualche scricchiolio, poi la caduta.
megna1
Martedì 12 Aprile 2011, 20.50.39
42
uno dei 10 dischi metal più belli degli anni 90 assieme a Empire, No More Tears, Fear of the Dark, Vovin e Heading for Tomorrow.
Argo
Giovedì 24 Marzo 2011, 22.26.25
41
Bel disco, il primo che abbia mai sentito degli Stratovarius, pensavo tutta altra cosa. The kiss of Judas mi ricorda moltissimo Love is meant to last forever di John Norum!
stefano
Domenica 6 Febbraio 2011, 19.05.22
40
...bell'album..ma Episode rimmmara' sempre il miglior disco degli stratovarius di sempre..non c'è da ridire...
Marco
Domenica 23 Gennaio 2011, 0.24.55
39
In assoluto, e dopo ormai 15 anni dall'uscita, a tutt'oggi il mio CD preferito. Il power mi stufa dopo tre secondi, ma quest'album è molto, molto di più. E' metal, è melodia. E non ho mai sentito questa quantità di riff, assoli e fill di batteria di livello stellare in un unico album. Ma come hanno fatto? E in un solo anno tra l'altro
TONY
Giovedì 20 Gennaio 2011, 17.33.48
38
Cavallo di battaglia per eccellenza degli Stratovarius. Album da avere assolutamente!!!
Stefano
Domenica 26 Dicembre 2010, 22.46.24
37
Grazie mille per la risposta!!! Finalmente ci siamo intesi...si' forse riguardo alla mescolanza delle track list che ci abbia un po' fantasticato è vero...i miei soliti viaggioni...pero' quel discorso mi era venuto furi vedendo l'inserzione di pezzi forse "fuori contesto" (come paradise, e holy light) che "secondo me", snaturavano la coerenza musicale dell'album..da li' è nato poi tutto il discorse del "se avessi messo quello li' e quello la'"....vabbè..l'album è ottimo, se non per quelle 2 songs che , veramente, non riesco proprio a capacitarmi che possano essere state messe nella track list...è un crucccio allucinante...giuro!!! vabbè, riguardo a paradise ci siamo messi l'animo in pace...con EXTRA METAL intendi forse fuori dal contesto metal nevvero??? se cosi' fosse non saprei dirti niente, dato che qui in italia all'infuori di Metallica e Iron Maiden, la gente che non ascolti necessariamente metal, nn mi sembra che sappia dirti qualcosina riguardo agli strato..bho...scusa l'attesa!!! ma ho una fott##a chiavetta internet.......anche questa volta t ho risposto con 10 giorni di ritardo, pardon... P.S sai dirmi perchè nella recensione di "Design your Universe" degli Epica (sempre su questo sito) nessuno ,sebbene dopo un paio di mesi. risponde al mio commento???? Grazie mille ancora.............ciao!!!!!!!!!!!!!!!
Rob
Giovedì 16 Dicembre 2010, 12.55.28
36
Dunque... vediamo di fare chiarezza: 1) la tua analisi sul mescolare le tracce di 'Visions' e 'Destiny', per quanto fantasiosa e ber architettata, non sta in piedi. Io ragiono e -di conseguenza- scrivo su dati empirici, cioè che 'Visions' e 'Destiny' sono e saranno sempre due album ben distinti. Quello che dici potrebbe anche essere vero, ma mescolare le due tracklist è una mossa anacronistica e fine a se stessa... come dire, è così, Ma se fosse stato così..... e io dico sempre che con i SE e con i MA non si è fatta la storia. 2) Tornando al discorso 'Paradise' continuo a dire che -forse mescolando la mia esperienza personale- è la canzone degli Strato più conosciuta anche in ambito EXTRA-METAL (e questo lo è proprio grazie alla sua natura rockeggiante...); poi, la presenza di '22 Acacia Avenue' nel riff è abbastanza evidente, ma mi pare che le somiglianze finiscano lì... in ogni caso, non parlerei di plagio, perché di "ispirazioni" come questa ce ne sono a iosa. Per quanto riguarda la struttura semplice mi pare di averlo scritto esplicitamente "struttura insolitamente semplice per gli Stratovarius." Poi la sua presenza su 'Destiny' o dei pezzi di 'Destiny' e viceversa, perdonami, ma mi pare che tu stia fantasticando un attimino.... Se poi mi vieni a dire che unendo i pezzi migliori dell'uno e dell'altro si avrebbe un super album, ok... ma questo non ha nessuna importanza; inoltre, pezzi come 'Paradise' e 'Coming Home' servono a rendere l'album più eterogeneo, per cui non li vedo proprio come un ostacolo nella tracklist, e non ci vedo proprio una falla nella loro coerenza stilistica. ---- Mi sembra di aver risposto a tutto... se hai altri quesiti o idee esponile pure, siamo qui per questo! PS - non farmi aspettare così tanto stavolta però!
Stefano
Lunedì 6 Dicembre 2010, 22.13.26
35
Allora: ti facco capire bene questa volta..ascolta. 1- Non si poò considerare "Paradise" come la canzone più conosciuta degli strato...a "father time",speed of light, forever, the kiss of judas, black diamond, s.os, visions, babylon, season of change spetterebbe il titolo di "canzone simbolo" agli strato..non di certo paradise. 2-Appunto per la sua strottura troppo semplice per gli strato di quel periodo che appena li nominavi, nella tua mente si affollavono una miriade di stratoferici barocchismi neoclassici arrichiti con un enfasi simbolista senza pari..e di certo paradise non configura sotto questi canoni 3- Se volessimo fare un "the best of strato" in 10 sintetiche canzoni che megli li rappresentano di certo paradise non figurerebbe in questa greatest hits..il motivo?? troppo anomala per il loro standard, secondo me và fuori contesto da ciò ch'è visions..poi e tè puo' a piacere un sacco e che ti abbia cambiato la vita o meno non m'interessa sei libero di pensarla come vuoi..ma non fare di tutta l'erba un fascio.. 4- Come ti ho già detto prima "paradise" oltre ad esssere anomala..ecc..ecc.e figurerebbe meglio (come semplicità di stotttura) su Destiny, ma oltre a ciò non è che sia quel fior fiore di canzone da far gridare al miracolo..alquanto canonica e sempliciotta..bella la resa musicale ma la sostanza alquanto banalotta è poi in fatto di originalità, come ti ho già detto prima, nonè che sia il gothe degli strato difatti vi sono (in paradise) in sacco di riferimenti (quasi plagio) di 22 Acacia Avenue..ma l'hai sentita quella canzone, e poi hai ascoltato paradise???? Non dirmi che non hai sentito delle analogie tra le due canzoni... Poi dimmi oltrea a paradise e mazzette personali varie...che cosa ne pensi sul resto del mio commento precedente, sulla disposizione dei brani in visions e destiny e il fatto che gli uni e gli altri sembrino stati partoriti dalla stessa covata e poi messi in 2 album differenti in 2 monìmenti diversi??? e che forse la disposizioni delle canzoni come ho detto io avrebbero conferito maggior coerenza stilistica ai corrispettivi album???? In attesa di risposta, scusa per il ritardo...ciao!!!
Rob
Venerdì 12 Novembre 2010, 0.06.40
34
Cosa contesti Stefano? Il fatto che mi piaccia Paradise? Che non ci sento dentro '22 Acacia Avenue'? Cosa? Se mi fai capire cosa c'è che non va sarò ben felice di risponderti.... ma prima rileggi quello che ho scritto! "Giusto il tempo di rifiatare per preparaci ad un altro classico e -credo- la canzone più conosciuta in assoluto degli Strato: Paradise. Che dire di questa canzone? Non ho davvero parole per descrivere la bellezza scaturita da una struttura insolitamente semplice per gli Stratovarius."
Stefano
Giovedì 11 Novembre 2010, 23.39.45
33
ottima recensione...io ho sempre ascoltato quest'album sino alla 6 traccia "the abyss in the your eyes" ( sembra quasi un pezzo dei nostrani Vision Divine dell'epoca di "Stram of consciusness" ) perchè tutto l'album nn c stava nel mio mp3. e badate bene se si fossero fermati alla traccia 6 il disco sarebbe stato superlativo le rimanenti canzoni avrebbero formato un altro ottimo album. Perchè dico questo ? mi pare che questo disco sia infinito, lunghissimo dopo aver ascoltato "The abyss... mi chiedo e adesso che c'è ha sì la strumentale ( eccellente per carità ma pare un p'ò forzata, fuori luogo nel contesto di questo album) dopo c'è " Paradise"... ora chi ha scritto la recensione è un pirla, coma si fà a dire che paradise è il pezzo più conosciuto degli strato e ch'è bellissimo: innanzitutto è la track più fuori lugo di tutto il disco. sarebbe stata bene in "Destiny". poi è tremendamente semplice per essere degli strato è richiama un sacco gli Iron Maiden di 22 Acacia Avenue (il riff iniziale è identico, la voce che parte subito sottotono ,seppur citi parole diverse, è uguale al cantato di Bruce, poi la song parte mantenendosi su livelli di cantato alti inframezzati da una solida ritmica chitarristicha che ancora mi ricorda la stessa strottura di " 22 Acacia Avenue). Infine passiamo a "Coming Home" splendida track ma penso che sarebbe stata bene su un altro album così come "Visions", non memne vogliate sono canzoni eccezionali uniche al limite del phatoss emozionale ma io questo disco continuo a vederlo come 2 album messi a sieme. Uno (il Vero Visions) arriva sino a: "The abyss in your Eyes" . L'altro visions pt 2, per me, sono le songs rimanenti. Io sento una mutevolezza nel discorso musicale dal'ottava traccia in poi come se avessero prodotto quasi 2 album in un anno ma il secondo, ancora con pochi pezzi, invece che pubblicarlo a posteriori hanno deciso di unirlo al primo . E ciò se ci pensate bene giustificherebbe in parte l'altelenanza di idee su una base di un discorso musicale di evuluzione ati che è "Destiny". ( difatti in "Destiny il discorso di visions, in parte viene portato avanti come lo si può sentire in S.O.S ( pezzzo che sarebbe stato benissimo su visions). Ora pensate se gli Strato avessero pubblicato Visions con quei 8 pezzi iniziali, con in aggiunta S.O.S, mantenendo una coerenze stilistica di album in album ( cioè le canzone di Visions con quelle di visions e non mischiate con quelle di Destiny o viceversa) e "Destiny" ( l'album) , composto con le ultime 4 track di "Visions" con "Cold winter nights", "4.000 raining nights", "years go by","playng with fire", "anthem of the word", "Destiny", cancellando definitivamente quella merda di "rebel"... spostando la ballad "Venus in the morning" e "No turning back " nella tracklist di "Visions" ehe???... Non sembra che tutto abbia una fisionomia una coerenza di stile e di musica di album in album? Pensateci bene fate ammenda di quello che ho scritto, ascoltate le canzoni dei rispettivi album ,immedesivatevi come sarebbe risultato quell' album se gli strato avessero operato secondo un canone di coerenza stilistica e non misciandi carnevalescamente songs di due album rispettivamente simili e diversi tra loro gettando nella mia testa un confusione immagiminabile. Bene quello che dovevo dire l'ho detto , spero che ciò che ho scritto s'insinui come una serpe nelle vostre teste seminando il seme del dubbio atroce e della curiosita'....fatemi sapere!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ciao!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Fabio
Giovedì 11 Novembre 2010, 12.25.17
32
@ Franky1117: in questa recensione si discute del disco in sè e non della discografia completa degli stratovarius (concordo con te che nel complesso si evolvono poco). Questo disco per me rasenta la perfezione, voto 95
Franky1117
Domenica 22 Agosto 2010, 3.43.26
31
non riesco a capire come facciano a entusiasmare gli Stratovariusischi tutti uguali,nessuna evoluzione stilistica,0 incisività e originalità,songwriting limitato e un cantante tecnicamente eccellente ma totalmente inespressivo ( stesso discorso per gli Hammerfall, che sono molto peggio). Comunque nonostante tutto questo disco merita davvero ed è il loro miglior album
enry
Sabato 1 Maggio 2010, 6.35.50
30
Il power mi ha stufato dopo 2/3 anni, ma questo disco è senza dubbio uno dei migliori di sempre nel suo genere, brano preferito "Legions". Bel disco anche "Episode", discreti "Destiny" e "Infinite". Dopo il declino, inesorabile e neanche troppo lento.
The Avenger
Sabato 23 Gennaio 2010, 19.21.27
29
Secondo me questo album è certamente il migliore degli Stratovarius, ma mi piacciono anche tutti gli altri (in primis Infinite e gli Elements, ma anche i primi quando cantava Tolkki), eccezion fatta per l'oninimo (e anonimo) album, dove gi Stratovarius cercano anche di emulare i Metallica dei tempi peggiori (ovvero questi, basti pensare a Maniac Dance o Fight!!!). Sono d'accorsissimo con il voto, complimenti con chi ha scritto la recensione.
Uno qualsiasi
Mercoledì 13 Gennaio 2010, 14.09.00
28
@Rob: appunto: intendevo dire che questo disco rappresenta quando il power NON era ANCORA una colonna sonora per cartoni giapponesi (tipo Dragonforce).
Rob
Martedì 12 Gennaio 2010, 20.15.17
27
'Cazzuto' è il nome del cartone animato? Tipo 'Okuto', 'Naruto' ecc...?
Renaz
Martedì 12 Gennaio 2010, 19.19.39
26
Beh Black Diamond ce la vedrei in un bel cartone cazzuto...
Rob
Martedì 12 Gennaio 2010, 19.17.39
25
No, 'Uno qualsiasi'... quelli sono i Dragonforce!!!
Uno qualsiasi
Lunedì 11 Gennaio 2010, 11.01.38
24
Visions degli Stratovarius ovvero: Quando il Power non si era ridotto a delle sigle per i cartoni animati giapponesi.
Black27
Lunedì 11 Gennaio 2010, 0.08.39
23
io ho apprezzato molto anche i successivi...infinite in particolare l'ho gradito molto. ps: aspetto con impazienza le recensioni degli altri dischi
Rob
Domenica 10 Gennaio 2010, 20.16.52
22
Grazie Maurilio... bè sì, anche Destiny e Infinite contengono dei pezzi che meritano, ma non siamo sui livelli di Episode o di Visions....
Maurilio
Domenica 10 Gennaio 2010, 19.53.56
21
Grandissimo disco e grande recensione. A me é piaciuto anche Destiny,mentre dopo é davvero il nulla con qualche canzone buona qua e la.Peccato erano una grande band!
defsna
Giovedì 7 Gennaio 2010, 21.17.22
20
adoro "the 4th dimensions"
Ghenes
Giovedì 7 Gennaio 2010, 12.44.28
19
mi dispiace per i tanti fans ma gli Stratovarius non li ho mai digeriti.
AL
Giovedì 7 Gennaio 2010, 12.07.02
18
uno dei migliori dischi power... al concerto all'Acquatica c'ero anche io! serata veramente incredibile.. gli Strato erano i migliori in circolazione... poi invece niente di buono..
Rob
Giovedì 7 Gennaio 2010, 2.00.56
17
Grazie Renaz!
Renaz
Giovedì 7 Gennaio 2010, 1.52.56
16
Effettivamente un gran disco, bravo Rob
NoRemorse
Giovedì 7 Gennaio 2010, 1.47.30
15
Veramente fantastico...e lo fa capire il fatto che anche quelli a cui non piace il power metal lo apprezzano molto!!!! il gruppo qui è nel periodo perfetto, e ne venne fuori un grandissimo disco...
frankiss
Giovedì 7 Gennaio 2010, 0.18.12
14
grande album...grandi emozioni!!!
rob
Mercoledì 6 Gennaio 2010, 20.28.28
13
Ok... ce ne occuperemo...
Er Trucido
Mercoledì 6 Gennaio 2010, 19.45.39
12
Vabbè a sto punto occupati anche di Infinite...
horrorifico
Mercoledì 6 Gennaio 2010, 19.03.57
11
Disco stupendo gli Strato erano grandi.....
Rob
Mercoledì 6 Gennaio 2010, 14.43.10
10
@ Black27: Ti ringrazio! A questo punto, date le richieste, mi occuperò anche di 'Polaris'... 'Destiny' ed 'Episode' a tempo debito...
Nightblast
Mercoledì 6 Gennaio 2010, 12.51.34
9
A me Destiny piace, ma rientra nella categoria dei dischi Power che si ascoltano un paio di volte per poi tornare a Viisions... Gli Elements, sia parte 1 che 2, contengono alcuni brani molto belli, ma vale la stessa cosa che ho detto per Destiny...Polaris è un dischetto, nulla di più. L'ho ascoltato più volte, ma sono una band finita che si aggrappa al passato. Non brutto, innocuo.
Black27
Mercoledì 6 Gennaio 2010, 12.51.15
8
mamma mia che criticoni....peccato vedere che una band con le palle come gli stratovarius non sia apprezzata. bella recensione, un ottimo regalo post-feste decisamente il punto più alto della carriera degli strato. ma il loro l'ultimo, Polaris? sarà recensito anche quello?
frank
Mercoledì 6 Gennaio 2010, 11.59.37
7
Quindi Destiny, Elements e Polaris sarebbero il buio? Nn credo proprio...Soprattutto Destiny.
Hellion
Mercoledì 6 Gennaio 2010, 11.32.32
6
...come dimenticare il concerto all'Acquatica di Milano di supporto a questo disco, suoni e prestazione xfette...poi il buio...
Khaine
Mercoledì 6 Gennaio 2010, 10.51.14
5
L'unico disco degli Stratovarius che mi provoca emozioni positive!
Er Trucido
Mercoledì 6 Gennaio 2010, 10.47.16
4
Il loro migliore disco, ottimo anche il live seguente, poi personalmente non mi hanno più detto niente
Arekusu
Mercoledì 6 Gennaio 2010, 0.12.05
3
Ah, il riff di apertura di Visions (la canzone)!
Nightblast
Martedì 5 Gennaio 2010, 21.28.21
2
Band pessima...Disco esemplare assieme a Episode. Poi il nulla.
AdemaFilth
Martedì 5 Gennaio 2010, 19.48.52
1
L'unica band power di cui riesco ad ascoltare un intero album senza che mi scendano i co... annoiarmi!
INFORMAZIONI
1997
Noise Records
Power
Tracklist
01. The Kiss Of Judas
02. Black Diamond
03. Forever Free
04. Before The Winter
05. Legions
06. The Abyss Of Your Eyes
07. Holy Light
08. Paradise
09. Coming Home
10. Visions (Southern Cross)
Line Up
Timo Tolkki - Guitar
Timo Kotipelto - Vocals
Jari Kainulainen - Bass
Jens Johansson - Keyboards
Jörg Michael - Drums

www.stratovarius.com
 
RECENSIONI
85
62
s.v.
70
55
66
60
84
80
90
85
82
84
80
ARTICOLI
31/07/2012
Intervista
STRATOVARIUS
Nuovo batterista, nuovo album e...
24/01/2011
Live Report
HELLOWEEN + STRATOVARIUS
Atlantico, Roma, 19/01/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]