Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Rust
Rust
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

CONCERTI

19/11/17
CRIPPLED BLACK PHOENIX + EARTH ELECTRIC + JONATHAN HULTEN
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

19/11/17
ROCK TOWERS FESTIVAL
ESTRAGON - BOLOGNA

19/11/17
BACKYARD BABIES + GUESTS
LAND OF FREEDOM - LEGNANO (MI)

19/11/17
SOULS OF DIOTIMA
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

Def Leppard - Adrenalize
( 5768 letture )
Goccia a goccia si crea un oceano. I Def Leppard, pezzo dopo pezzo, arrangiamenti e idee hanno creato un regno di rock duro che rimarrà nella storia. Una sorta di aura mitica, più o meno quella che rivestiva l’Impero ottomano… molti sanno cos’era, tanti no, la maggior parte lo ignora, ma il nome in se stesso richiama sempre qualcosa nei cassetti della memoria. Beh, i Def Leppard ci saranno sempre anche quando non esisteranno più come combo. Adrenalize è un album bellissimo, se non ci fosse stato Hysteria, sarebbe il loro capolavoro per maestria, melodie, sound e maturità, ma c’è Hysteria, quindi... Questo lavoro lo vedo superiore al fantastico Pyromania, altra pietra angolare della loro carriera, per due componenti marcate: composizioni che vanno dritte al cuore dell’ascoltatore e un sound decisamente più chiaro e ridondante, a tratti maestoso. Nonostante questo disco sia datato 1992, la sensazione di trovarci ad ascoltare tracce appena editate è palpabile. 45 minuti e 24 secondi di hard rock graffiante e mutevole come un Alien, di solidità e sorpresa, ricco di bruciante voglia di addentarlo e riascoltarlo. Nonostante la freschezza del prodotto la storia che sta dietro questo platter è tutt’altro che solare e felice. I Def Leppard sono una di quelle band un po’ sfigate ma che hanno saputo mantenere un alto grado di umanità e dignità estrema; quanti avrebbero agito come loro accecati dalla corsa all’oro delle classifiche?
Rick Allen, batterista, in un incidente stradale perde un braccio ma la band lo attende, lo integra nuovamente, facendogli costruire una batteria speciale da suonare con i piedi e lui rimane in line-up firmando tutti gli album dal dopo amputazione; l’attesa per registrare Hysteria fu atrocemente lunga e durò diversi anni con la paura di perderli per sempre.

Adrenalize invece riguarda da vicino il destino del chitarrista Steve Clark, una delle zampe portanti di questo strano animale leopardato. L'alcolismo di Steve stava prendendo una svolta sempre peggiore: se viaggiando erano riusciti a tenerlo sobrio onstage, dietro le quinte la sua condizione stava cominciando a diventare insopportabile e teneva in scacco la band stessa condizionandola fortemente sulla linea musicale da seguirsi. I problemi, anche a livello di uomini dietro il mixer, non mancavano: il loro scarabeo portafortuna, Mutt Lange non era disponibile perché stava prestando la sua maestria di produttore all’ottimo Bryan Adams per Wake Up With the Neighbours, e infatti ne uscì un bellissimo disco. Gli inglesi, allora, decisero di produrre da soli il nuovo lavoro affiancati da Mike Shipley, sempre torturati dalla situazione tragica del loro amico chitarrista. Già nel 1989 il biondo musicista era stato salvato per miracolo a Minneapolis dopo abusi vari; venne quindi messo in clinica riabilitativa e la band si adoperò in una mossa disperata per aiutare l’amico, assegnando al tecnico della chitarra Malvin Mortimer (conosciuto anche come Stumpus Maximus) il compito di vegliare tutti i giorni sul destino e il comportamento di Steve. Le cose sembravano rientrate e decisamente migliorate e Steve venne lasciato in permesso per qualche tempo senza immaginare la tragedia imminente. Steve Clark viene trovato cadavere nella casa londinese dalla sua ragazza Dean l’8 gennaio 1991, il rapporto del coroner rivelò che era morto a causa di una miscela fortuita di alcol, analgesici e anti-depressivi che gli spappolarono il cervello. Questa ennesima botta segnò fortemente i quattro Leps rimasti, ma... the show must go on! Entrarono in studio mettendo nelle chitarre un esatto e calibrato mix di rabbia e melanconia e ne uscì un disco incantevole come Adrenalize. Si decise di cercare il rimpiazzo di Steve appena terminato il mixaggio e arrivò un grande professionista come l’ex Dio e Whitesnake, Vivian Campbell, il quale partecipò a tutti i videoclip dei singoli editati e al tour successivo, integrandosi alla perfezione nel meccanismo oliato e di successo. Ma il curriculum e la sua destrezza chitarristica non lasciavano certo dubbi, e così avvenne. L’album esce il 31 marzo 1992, in contemporanea mondiale, proprio nel momento in cui il grunge diventa strapotere a livello di media e di vendite. Anche se Clark era morto prima della pubblicazione e, chiaramente, non partecipò nel processo di incisione, quasi ogni canzone gli viene accreditata come co-autore. Un gesto incredibile, di amicizia vera, indissolubile. Copertina bellissima e catalizzante e si parte. Let's Get Rocked, primo singolo lanciato con un clip, a cartoni animati, azzeccatissimo, tiene a battesimo un rock moderno, con strumenti elettronici a iosa e sound luccicante, ma con un groove strabiliante. Semplice, diretto, il chorus, graffiante e dal sound pulito l’intero brano armato da un riffing preciso e puntuale, ottimo da spararsi in cuffia per gli intrecci: Joe Elliott sale in cattedra e comanda le operazioni mentre Phil Collen si lancia in un solo funambolico e breve che catalizza adrenalina. Inizio bruciante.
Heaven is pesca a piene mani nel classico songwriting della band e pare di ascoltare davvero un brano tratto da Hysteria, tutto scorre bene, andamento ondeggiante tra gli strumenti con l'ottimo Eliott dietro al microfono che giganteggia. Make Love like a Man è fantastica nel bridge e nel cuore del pezzo: accattivante, incessante, cori da paura, un bel riff d'apertura che cattura, una sorta di perfetta song hard da manuale da trasferire ai posteri. Averne di cose così esaltanti. Un arpeggio tra il cupo e il nostalgico introduce a Tonight, quarta traccia dotata di un particolare livello d'intensità con chitarre senza distorsione. L'atmosfera malinconica sorregge il cuore centrale del pezzo, emanando un ritornello molto piacevole, ritmiche nervose e coretti da brividi. White Lightning spruzza chitarre che sgattaiolano dai sentimenti e pervadono gli oltre sette minuti di musica, una capatina nell’anima profonda dei Leps. Le sei corde, ora elettriche ora docili sono il mastice che tiene unito cori paradisiaci e un incessante ritmo che cresce ed esplode in un ritornello, tenuto prima a freno, poi collocato su vette siderali. I Def Leppard sono questi, incredibilmente melodici ma con un’anima rock dura e sagace. Il pezzo seguente, Stand Up (Kick Love Into Motion) è aria tranquilla che da segnali di mentalità vincente solo sull’impuntatura centrale, rimanendo impressa nella memoria mentre Personal Property è incazzata e dura sin dal plug inserito nella sei corde. Basso e batteria all’unisono, chitarre casinare, voce che addobba la macchina da guerra, buone anche le parole sospirate prima dell’armageddon dell’ascia. Dalla cattiveria all’estrema sofficezza di Have You Ever Needed Someone So Bad, ballatona in pure stile Leopardo Sordo, fautori, da sempre, di perle di rara bellezza in chiave slow. I soliti cori dorati innalzano musica da leccarsi i baffi con una concessione a chitarre bisognose di sfogo. Bella, bellissima in tutti i suoi vari aspetti.
I Wanna Touch U è hard puro, ritmiche pressanti e melodie vocali atomiche con un incedere un po’ scontato ma talmente bello da far tenere il tempo anche col mignolo del piede; superbi i controcori acuti, ennesimo marchio di fabbrica degli albionici. Il disco si chiude con Tear It Down, briosa ed allegra, ritmata e incazzata nella voce, con la chitarra che ti insegue sino in bagno e non ti lascia tranquillo nemmeno quando stai in piedi per…insomma ci siamo capiti.

Davvero un lotto di pezzi competitivi, facilmente memorizzabili, duri il giusto che sbancarono le charts mondiali, giustamente. Il debutto dell’album è direttamente al numero uno nel Regno Unito e negli gli Stati Uniti, (andando rapidamente oltre il triplo platino) e per non farsi mancare nulla ottiene anche la vetta dei Top 50 Album in Australia. Adrenalize vende oltre 7 milioni di copie e continua ancora oggi a dare soddisfazioni al quintetto. Vennero estratti ben sette singoli tra il marzo ‘92 e il giugno dell’anno seguente mentre un’edizione deluxe, fu rilasciata l’8 giugno 2009 e includeva un versione remastered dell'album, più un Bonus CD che conteneva i B-side dei singoli. Il tour mondiale li portò in girò per oltre due anni nei vari continenti rafforzando la loro fama di band geniale e di ottimi performer, questa volta senza il caro amico Steve Clark, al quale venne dedicato l’album, ma con un Campbell in più, bollato come membro effettivo del Leopardo Sordo. Grande band, grande album! Se non lo conoscete, fatevi accalappiare.



VOTO RECENSORE
87
VOTO LETTORI
61.24 su 54 voti [ VOTA]
venom
Venerdì 27 Maggio 2016, 7.23.46
41
un po troppo leggero sembra un disco pop...ben fatto,suonato benissimo ma troppo zuccheroso...alla fine ti piace....
Rob Fleming
Domenica 17 Gennaio 2016, 17.32.28
40
Quando uscì lo snobbai del tutto, mi sembrava veramente fiacco (e la performance al Freddy Mercury Tribute fu decisamente penosa). L'ho comprato poco tempo fa perchè non costava nulla e tutto sommato l'ho rivalutato leggermente. Niente di epocale, ma più che discreto 75
Mulo
Domenica 15 Novembre 2015, 18.04.48
39
Mai piaciuto ( a differenza degli altri 4 che adoro). Pieno di canzonette scialbe e noiose, bocciatissimo.
TheGodfather
Domenica 18 Ottobre 2015, 18.59.36
38
Presi la cassetta originale quando uscì, più avanti lo ricomprai in cd. Questo per dire che è un album che ho sempre apprezzato e riascolto ancora con piacere. Tuttavia per me non vale più di 80.. ci sono tutti i trademark del suono dei Leps, forgiato con "Pyromania" e perfezionato con "Hysteria", e c'è una carica energica lievemente superiore rispetto al superpatinato e platinato predecessore, che di certo non guasta. Tuttavia mi è sempre sembrato un disco di "mestiere" (sopraffino, per carità) piuttosto che animato da reale ispirazione. Ciò non toglie che il divertimento è assicurato, anche a distanza di 23 anni. E certi pezzi, come "White Lightning" o "Stand Up" sono davvero eccezionali.
roberto
Domenica 25 Gennaio 2015, 1.42.42
37
e questo meriterebbe 10 punti di Pyromania...e pari ad Hysteria? SUVVIA.....
rico
Domenica 30 Novembre 2014, 19.42.23
36
87? hysteria aveva delle composizioni più elaborate, più curate e suoni perfetti..qui i pezzi sono più diretti, prendono prima ma anche lasciano prima l'ascoltatore. Unico pezzo da 90 è una White lightning da brividi, il resto abbastanza di routine. 87 è davvero troppo, i 4 album precedenti sono tutti da 97 allora. Disco piu debole tra i primi 5, quello piu diretto ma più scadente nel complesso. Per me 70 non di più!
polosud
Venerdì 25 Aprile 2014, 0.09.44
35
pura plastica e nemmeno pregiata com Hysteria, 87 voto troppo alto, per me 70 al massimo
blackie
Lunedì 3 Marzo 2014, 12.36.30
34
un troppo leggero ma resta comunque un grande album degno successore di hysteria.white lightning rimare il capolavoro assoluto (per me),grandissimo phil collen che su questo album e il solo chitarrista.
Philosopher3185
Giovedì 23 Gennaio 2014, 12.45.44
33
Troppo zuccheroso e prevedibile come album..secondo me...un buon album ma niente piu'...
Andy \\\'71
Giovedì 18 Aprile 2013, 10.33.00
32
Poco da dire gran disco e grande band,che ha saputo affrontare e sconfiggere una marea di sfortuna alla grandissima!Voto 85!
Tom
Giovedì 28 Marzo 2013, 0.17.03
31
secondo me la cosa che ascoltata oggi suona terribilmente retrò (purtroppo) nei Def Leppard sono i cori ultrazuccherosi che tra l'altro paiono fatti con lo stampino come un marchio di fabbrica..per il resto grande band
conte mascetti
Lunedì 25 Giugno 2012, 22.41.27
30
Il successore di Hysteria, quindi un disco per forza inferiore. Non tantissimo però, perchè se ho dato 99 a Hysteria questo per me è tra 80/85, si respirava ancora la freschezza di fine anni 80 ed ha dei pezzi magnifici.
Francesco
Sabato 2 Giugno 2012, 14.50.44
29
Io ritengo sia Hysteria sia Adrenalize due grandi album
Francesco
Sabato 2 Giugno 2012, 14.50.00
28
Molti dicono che Hysteria è commerciale ed inciso per scalare le classifiche e quindi preferiscono Adrenalize; molti considerano commerciale Adrenalize e ascoltano più volentieri Hysteria. Commerciale o non commerciale, cosa importa, alla fine la cosa importante è la qualita della musica.
Def!
Martedì 27 Marzo 2012, 0.04.02
27
mi ricordo che da ragazzino mi pigliava un sacco, ma è ben distante da Hysteria e Pyromania. Per me Pyromania capolavoro da 100, Hysteria un buon 90, questo un buon 75/80. Stand Up bellissima, White Lightning capolavoro dell'album, ma i Def hanno fatto di meglio. A me sto album sa un po di commerciale, di studiato per avere hairplay, in Hysteria era meno evidente, le canzoni sono un filo meno immediate di Adrenalize. C'è da dire che aver perso Steve Clark è stato un colpo mortale, quindi grandi comunque ad aver lo stesso relizzato un album di buon livello senza di lui
fabio II
Venerdì 9 Marzo 2012, 17.40.54
26
D'accordissimo con Maurizio, dopo Hysteria questo anche a parer mio usciva malconcio; 'Hysteria' va poi valutato che è stato costruito per avere un singolo a canzone, e ci riuscì
Maurizio
Venerdì 9 Marzo 2012, 17.32.41
25
Controverso, acquistato appena uscito, mi deluse non poco. Era un reprise dI Hysteria e ne riprendeva le linee base. ottimamente prodotto e suonato, ma preferisco di netto il precedente e Pyromania.
conte mascetti
Venerdì 9 Marzo 2012, 15.32.34
24
bellissimo album, fresco e con il suono "leppard". degno successore di Hysteria che considero un capolavoro.
joeilcondor
Venerdì 13 Gennaio 2012, 15.32.12
23
dopo histerya viene adrenalize per sonorita' e cura nella produzione. grandi ballate chitarre potenti. un phil collen stratosferico . bellissimo album lo ascolto da 25 anni senza mai stancarmi.
Francesco
Domenica 17 Luglio 2011, 0.00.52
22
Hysteria, per esempio, è uno dei quei dischi che non mi stancherei mai di ascoltare
Francesco
Domenica 17 Luglio 2011, 0.00.14
21
Argo: rispetto la tua opinione, comunque dipende, se una cosa è noiosa è normale che la trovo stancante, se invece una cosa mi piace non mi annoia mai neanche se la ascolto sempre
Argo
Sabato 16 Luglio 2011, 17.08.23
20
Dipende da quanti anni lo ascolti, io lo ascolto ormai da 23, nulla da dire sulla bellezza del disco, ma certe canzoni ormai mi escono fuori dalle orecchie, anche se devo ammettere che sono per lo più i singoli, le canzoni "dimenticate" del cd le ascolto molto più volentieri. Poi comunque ho scritto perchè preferisco Adrenalize ad Hysteria, basta leggere sotto! Prova ad ascoltare una cosa un miliardo di volte, poi vedrai che la troverai pure tu stancante.
Francesco
Sabato 16 Luglio 2011, 16.06.21
19
Argo: come fai a definire "stancante" uno dei più grandi dischi della storia della musica come Hysteria? Mah...
Argo
Lunedì 27 Giugno 2011, 22.38.53
18
Ottimo disco, sono molto legato a questa uscita, mi pare ieri e invece sono passati 20 anni.... lo preferisco di gran lunga a Hysteria, che sinceramente nel corso degli anni mi ha stancato, invece trovo le canzoni di Adrenalize molto più "fresche" e meno commerciali.
megna1
Lunedì 27 Giugno 2011, 21.59.28
17
molti lo detestano e lo criticano ancora, ma negli anni 90 tutti i metallari avevano una copia di questo CD!!!!!
Frank93
Venerdì 21 Maggio 2010, 22.32.21
16
Questo album è molto sottovalutato. I Def Leppard proseguono sulla scia intrapresa col precedente disco Hysteria, con presenza di power ballad raffinate ed eleganti alternate a sfuriate metal. Promosso a pieni voti.
frankiss
Venerdì 29 Gennaio 2010, 11.43.07
15
quoto senza ombra di dubbio david shake.....
David Shake
Venerdì 29 Gennaio 2010, 11.17.38
14
per me con i Def Leppard è tutto l'opposto..... il sound di Hysteria e Adrenalize era fresco e innovativo quando uscirono e lo è ancora oggi.... considerando anche il fatto che molte band di oggi stanno facendo una in-voluzione verso un sound più scarno e '70 , questi dischi sono una delizia per le orecchie.... provate ad ascoltarli a palla nello stereo... l'altra sera nel dopo concerto degli Europe a Milano hanno messo negli speaker Pour Some Sugar On Me.... DELIRIO !!!!!
uccello ambulante
Giovedì 28 Gennaio 2010, 3.07.15
13
Nn sono daccordo sul fatto che risulti più datato di quello che è, in quanto secondo me era abbastanza noioso anche allora (quando è uscito). Comunque è anche logico che un disco nn faccia sempre lo stesso effetto ogniqualvolta lo si ascolta, anzì molte volte nn suscita più alcun effetto.
frankiss
Giovedì 28 Gennaio 2010, 2.10.55
12
rispetto la tua sensazione ma non la condivido...
AndreaR
Mercoledì 27 Gennaio 2010, 11.44.25
11
Che suona più datata di quanto dica l'anagrafe, che stufa dopo un po' di ascolti. Per esempio: i dischi dei Guns dello stesso periodo o finanche i dischi del Led Zeppelin di vent'anni prima non mi fanno lo stesso effetto. Però, ripeto:è solo una mia impressione.
frankiss
Mercoledì 27 Gennaio 2010, 2.39.05
10
Scusa, ma cosa intendi per musica che invecchia male?
AndreaR
Martedì 26 Gennaio 2010, 22.32.30
9
Negli anni '90 ho ascoltato molto i Def Leppard, più Pyromania e Hysteria che Adrenalize. Ottimo gruppo ancora oggi, non c'è che dire. Eppure, a riascoltare quegli album ad anni di distanza, ho l'impressione che la loro musica stia invecchiando male. Qualcuno ha la stessa sensazione?
David Shake
Lunedì 25 Gennaio 2010, 23.31.33
8
Mamma mia che bello quest'album..... cascate di HARD ROCK cromato e melodico .... e con un pizzico di ironia nei testi.... veramnte emozionante..... l'ultimo grande capolavoro di una band dallo stile unico . MAGICO !!!!!! PS: casualmente proprio ieri stavo riascoltando anche il loro ultimo cd.... distante ovviamente anni luce da questo ma non malvagio.....
Matocc
Lunedì 25 Gennaio 2010, 18.37.16
7
Lo regalammo in LP quando eravamo ragazzini a un nostro amico x il suo compleanno insieme a una T-shirt degli Iron Maiden - quella con Eddie mummia che spezza le catene... poteva essere ben contento, no?
frankiss
Lunedì 25 Gennaio 2010, 0.13.51
6
per Black27...grazie per il gradimento...le recensioni, in origine, dovevano servire a documentare i lettori e ad incuriosirli circa una band o un album. Premettendo che non lavoro ne per i Def Lep, ne per la loro etichetta, sono felice di essere riuscito ad inserirti il tarlo della curiosità...troverai un grande concentrato di musica!
Black27
Sabato 23 Gennaio 2010, 20.10.02
5
dei Leppard conosco Pyromania e Hysteria che sono fantastici, questo non l'ho mai sentito e credo sia un grave mancanza...bravo frank, mi hai convinto ad ascoltarlo al più presto
horrorifico
Sabato 23 Gennaio 2010, 12.12.49
4
ho sempre detestato questa band !!
frankiss
Venerdì 22 Gennaio 2010, 17.42.40
3
grazie per le belle parole.....merci beacoup!
Maiden1976
Venerdì 22 Gennaio 2010, 9.01.53
2
Recensione monumentale per un album a cui sono molto affezionato. Bravo Franco.
NoRemorse
Venerdì 22 Gennaio 2010, 8.57.35
1
Come sempre Frankiss sinonimo di grandi recensioni!!!!! Quoto: adrenalize lo preferisco anch'io a pyromania...ovviamente non ad hysteria...
INFORMAZIONI
1992
Mercury Records
Rock
Tracklist
1. Let's Get Rocked
2. Heaven Is
3. Make Love Like a Man
4. Tonight
5 . White Lightning
6. Stand Up (Kick Love Into Motion)
7. Personal Property
8. Have You Ever Needed Someone So Bad
9. I Wanna Touch U
10. Tear It Down
Line Up
Joe Elliott - voce
Phil Collen - chitarra e voce
Rick Savage - basso, chitarra e voce
Rick Allen - batteria
 
RECENSIONI
86
69
70
61
70
87
88
88
85
82
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]