Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Uriah Heep
Living the Dream
Demo

Raum Kingdom
Everything & Nothing
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/09/18
AZAGHAL
Valo Pohjoisesta

24/09/18
HUMAN DECAY
Mefitico

25/09/18
TO END IT ALL
Scourge of Woman

25/09/18
SINATRAS
God Human Satan

26/09/18
OSSUARY ANEX
Holy Blasphemition

27/09/18
STELLAR DESCENT
The Future is Dark

28/09/18
BONEHUNTER
Children of the Atom

28/09/18
RUNNING WILD
Pieces Of Eight - The Singles, Live and Rare 1984 – 1994"

28/09/18
NAZARETH
Loud & Proud! The Box Set

28/09/18
EVILON
Leviathan

CONCERTI

28/09/18
HOUR OF PENANCE
ENJOY CLUB - VICENZA

28/09/18
GRAVEYARD + BOMBUS
ZONA BRONSON - BOLOGNA

28/09/18
THE SECRET + GUESTS
KRAKATOA FEST - TPO - BOLOGNA

28/09/18
EDU FALASCHI
DEFRAG - ROMA

28/09/18
SVLFVR + GUESTS
EXENZIA - PRATO

29/09/18
GRAVEYARD + BOMBUS
BLOOM - MEZZAGO (MI)

29/09/18
EDU FALASCHI + ACID TREE + GUESTS
ARCI TOM - MANTOVA

29/09/18
TORCHIA
KRACH CLUB - MONASTIER (TV)

29/09/18
NWOIBM FEST
GARAGESOUND - BARI

29/09/18
GO! FEST
CSOA SPARTACO - ROMA

Mournful Congregation - The Dawning Of Mournful Hymns
( 4106 letture )
E siamo a due.
Dopo aver permesso l'uscita dello storico 'Last Cd Before Doomsday' della cult-band Worship, l'etichetta giapponese Weird Truth si rivela attentissima all'universo Doom più estremo, facendo uscire "The Dawning Of Mournful Hymns", mastodontico lavoro degli australiani Mournful Congregation.
Gli oltre 100 minuti di Funeral Doom presentati per l'occasione non fanno comunque parte di un omogeneo album-fiume in stile Esoteric, trattasi bensì della raccolta completa di demo, split e rarità varie prodotte dalla band nel corso della loro carriera, largo quindi ai ricordi dal primo demo, 'Weeping', datato 1994, ai deliri onirici dell'ultimo split con i Worship del 2000, intitolato 'The Epitome Of Gods And Men Alike'.
Circa la loro musica, i Mournful Congregation si definiscono come alfieri del True Doom: definizione in realtà piuttosto pretenziosa e fuorviante.
Se è opportuno dubitare di come siano differenti le radici di questo genere di nicchia con quanto proposto odiernamente dai MC, è quantomeno innegabile una cosa: questi australiani hanno una classe immensa, e le seghe mentali di musica-"Trù 'n Fols" è meglio lasciarle in altri lidi.
Il gruppo trae sì origine dalle solite finniche influenze, parliamo naturalmente di Skepticism e in particolar modo Thergothon, ma arricchisce il tutto con un'originalità che sfiora le vette celestiali solcate dalla musica dei norvegesi Funeral: proprio da quest'ultimo gruppo sono accostabili per la spiccata vena melodica (anche se il concetto di melodia è sempre da prendere con molle d'acciaio in questi casi), donata dai frequenti passaggi acustici e da un lavoro di riffing dal retrogusto epico, sulla falsariga di quanto fatto sentire negli anni dai Tristitia, a tutto ciò bisogna aggiungere un'insana abilità a creare, complice anche la presenza di un growl da Malebolge, un'atmosfera sulfurea e infernale, che trascina l'ascoltatore in un abisso di estatica oscurità da cui difficilmente saprà uscirne indenne.
Durante l'ascolto del disco è facile notare come le varie canzoni, che si susseguono in doveroso ordine cronologico, rimangano tutte all'incirca sugli stessi livelli, tranne per un impercettibile senso di 'oppressione' che si nota maggiormente nelle tracce dei primi anni; se non fosse per un concreto miglioramento riscontrabile nella stesura dei testi, dapprima molto pacchiani e poi via via sempre più affascinanti e 'simbolici', sembrerebbe che l'enorme mole di musica qui raccolta venga fuori tutta da un' unica sessione di lavoro e ciò potrebbe portare all'orecchio dell'ascoltatore più inesperto la sensazione di indigeribile mattone.
Tirando le somme, 'The Dawning Of Mournful Hymns' è un grandioso concentrato, una grandiosa miscela di emozioni diverse, è un lavoro che trascende il mero aspetto musicale e colpisce direttamente il cuore, come solo un leggendario album come 'The Angel And The Dark River seppe fare, perderlo sarebbe perdersi la possibilità di affrontare un ascolto dai caratteri mistici e semidivini.

I Mournful Congregation sono la band più sottovalutata della storia.



VOTO RECENSORE
90
VOTO LETTORI
21.69 su 36 voti [ VOTA]
FURIO
Lunedì 27 Ottobre 2008, 12.41.30
1
CONDIVIDO PIENAMENTE LA CONCLUSIONE... SEGUO QUESTA BAND O "CONGREGAZIONE" SIN DAI TEMPI DEI DEMOS E VEDERLI USCIRE PER UNA MERDA DI ETICHETTA CHE NON LI DISTRIBUISCE DA NESSUNA PARTE E' VERGOGNOSO! IO I LORO ALBUMS LI RITIRO DIRETTAMENTE DALL'AUSTRALIA, MA MI VERREBBE PIU' COMODO TROVARLI NEL NEGOZIO SOTTO CASA, NO?
INFORMAZIONI
2004
Weird Truth
Doom
Tracklist
Disc 1 1. Fading Light of a Dying Sun
2. Astral Dreams
3. Weeping
4. Suffer the Storm
5. Heads Bowed
6. Miriam
7. An Epic Dream of Desire

Disc 2
1. Skayward Gaze, Earthward Toutch
2. Re-memberrence of the Transcending Moon
3. Emprical Choirs
4. Tears from a Grieving heart
5. Opal of the Stream beneath the Hill
6. Elemental
7. The Epitome of Gods and Men Alike
 
RECENSIONI
90
95
92
90
ARTICOLI
12/05/2009
Intervista
MOURNFUL CONGREGATION
Lenti movimenti del cosmo
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]