Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

The Ocean
Phanerozoic I - Palaeozoic
Demo

Derdian
DNA
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

11/12/18
SCARLET AURA
Hail to You!

11/12/18
ADAESTUO
Krew Za Krew

13/12/18
MIND ENEMIES
Mind Enemies

14/12/18
CURRENTS
I Let The Devil In

15/12/18
SPEED KILLS
Speed Kills

15/12/18
YSENGRIN/STARGAZER
D.A.V.V.N.

21/12/18
BLOOD FEAST
Chopped, Diced and Sliced

21/12/18
JON SCHAFFER`S PURGATORY
Purgatory

21/12/18
WITCHING HOUR
...And Silent Grief Shadows the Passing Moon

23/12/18
MALVENTO/THE MAGIK WAY
Ars Regalis

CONCERTI

11/12/18
CLUTCH
FABRIQUE - MILANO

11/12/18
H.E.A.T + ONE DESIRE + SHIRAZ LANE
LOCOMOTIV CLUB - BOLOGNA

14/12/18
EXODUS + SODOM + DEATH ANGEL + SUICIDAL ANGELS - MTV Headbangers Ball Tour
PHENOMENON - FONTANETO D'AGOGNA (NO)

14/12/18
NANOWAR OF STEEL
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

14/12/18
OPERATION MINDCRIME + GUEST
TEATRO CARIGNANO - GENOVA

14/12/18
NOVEMBRE + LES DISCRETS
ARCI TOM - MANTOVA

15/12/18
WITHIN TEMPTATION
FABRIQUE - MILANO

15/12/18
NANOWAR OF STEEL
REVOLVER CLUB - SAN DONA DI PIAVE (VE)

15/12/18
NOVEMBRE + LES DISCRETS
TRAFFIC CLUB - ROMA

15/12/18
NECROART + GUESTS
BONNIE & CLYDE - TORRICELLA VERZATE (PV)

Napalm Death - From Enslavement To Obliteration
( 6970 letture )
Continuando il nostro viaggio nella storia del grindcore, dopo aver lasciati i Napalm Death con Scum, dobbiamo per forza di cose tornare da loro solo l'anno successivo, quando la band britannica, cambiato ancora un elemento della line-up, sforna From Enslavement To Obliteration, regalando quindi un degno successore al capolavoro del 1987.

La novità del disco è l'ingresso in campo di Shane Embury, il quale poi continuerà con la band fino ai giorni nostri, l'unico nella formazione che registrò il disco oggetto di questa recensione.
La musica che i Napalm Death propongono come naturale derivazione di quella dell'album precedente è, per forza di cose, legata alla seconda parte di quest'ultimo, in cui una line-up quasi uguale aveva tracciato la via per il grindcore più puro e ortodosso, che trova qua la sua massima realizzazione: l'attitudine punk che carateerizzava la prima metà di Scum è ormai un vago ricordo, ma non lo sono la rabbia dei testi e della realizzazione esecutiva, che vede ben pochi momenti di pausa negli straripanti blast-beat della batteria o bell'inarrestabile riffing di Bill Steer, quasi messo in secondo piano dalla produzione, ma il cui contributo è fondamentale nel creare un tappeto sonoro che avvolge l'ascoltatore senza lasciare possibilità di fuga.

Si tratta di un disco che racchiude in sé tutti gli elementi del grind che sarebbe venuto da lì in poi, e che quindi risulta quasi "perfetto" nella sua struttura, in grado di non deludere mai e in cui ogni secondo meriterebbe di essere descritto ed esaltato, vuoi per la bellissima alternanza growl/scream di Dorrian, vuoi per gli elementi strumentali già detti, vuoi ancora per la stessa struttura dei pezzi, figlia di un songwriting semplice e quadrato -onestamente i pezzi si assomigliano, ma la cosa in questo caso non potrebbe essere meno importante- perfettamente studiato per sottolineare al meglio le ottime singole prove dei musicisti.

Inutile -e dannoso, poiché invoglierebbe ad un vergognoso abuso del telecomando- passare ad un analisi track-by-track dei brani, ma alcuni, come Think For A Minute, From Enslavement To Obliteration e soprattutto la grandiosa Unchallenged Hate, marcia e violenta nel suo incedere a ritmi leggermente più lenti, sono entrate nel cuore dei fan della band, meritandosi anche un posto nelle scalette dei meravigliosi concerti che la band britannica regala al suo pubblico da 20 anni.

Chi non conosce From Enslavement To Obliteration non può continuare a lungo ad ignorarlo: il disco in questione è infatti di quelli che meritano di diritto un posto nella storia, per la loro bellezza e la loro importanza storico/artistica.



VOTO RECENSORE
88
VOTO LETTORI
74.01 su 69 voti [ VOTA]
Aceshigh
Mercoledì 29 Novembre 2017, 12.34.58
30
Lo comprai all'epoca perché qualcuno mi disse che c'era 'sta roba chiamata grindcore che era ancora più estrema del death metal... La prima volta che misi il vinile non riuscii a finire di sentirlo perché in casa si scatenò il pandemonio Se oggi qualcuno mi chiedesse cos'è il grind non avrei dubbi su cosa fargli ascoltare: For Enslavement to Obliteration !!! Epocale !!!
LexLutor
Mercoledì 18 Gennaio 2017, 23.20.09
29
Adoro la peel session... Ma "FETO" ha il fascino della iconoclastia più pesante e della ribellione totale a tutto. Volutamente brutto, davvero pesante, puzzone e disgraziato, con questi 26 brani i ND hanno toccato il lembo più estremo della ascoltabilità in musica. Dopo di loro, peggio hanno fatto solo i SoreThroat. Tuttavia non mancano pezzi davvero esaltanti in perfetto stile Thrash metal (se non deathmetal) come Unchallenged hate: un riff di apertura tagliente come un rasoio per aprirsi in un assurdo vortice di blastbeat infuocati in un delirio vocale bipolare. Il caos è servito, per due minuti appena. Una delle "song" più lunghe. No, niente voto a chi ti sputa in faccia e se ne strafotte del tuo giudizio.
simo
Giovedì 31 Marzo 2016, 22.32.46
28
Non penso, anzi grind metal non viene mai usato
Steelminded
Giovedì 31 Marzo 2016, 21.40.14
27
Ci è differenza tra grindcore e grind metal?
simo
Giovedì 31 Marzo 2016, 21.34.02
26
Prescindendo dal fatto che non stai ascoltando power Symphonic metal ma grindcore, la qualità é ottima
Mirco Morgese
Giovedì 31 Marzo 2016, 21.09.58
25
Le chitarre quasi non so sentono per quanto la qualitá è orrida
DIMMONIU73
Martedì 31 Gennaio 2012, 18.07.23
24
Ottimo Undercover...vedo che non sono l'unico che sbava per Harmony Corruption!!!
Undercover
Martedì 31 Gennaio 2012, 17.58.11
23
Ricordo ancora quando mi venne registrato in cassetta, dopo aver ascoltato "Scum" non sapevo cosa attendermi da questa band, ne rimasi rapito subito, violenza sì, il marchio dei Napalm Death era ancora quello ma si notavano già passi avanti, la forma entropica di distruzione veniva modellata, era pronta per esplodere in quello che per me sarà poi il passo definitivo verso la grandezza assoluta: "Harmony Corruption". Negare la valenza storica e di qualità di certi dischi e come negare d'ascoltare questa musica, quindi se non la si ascolta e comprende perché sputtanarla? Infantile come cosa.
il vichingo
Martedì 31 Gennaio 2012, 17.53.44
22
Personalmente le persone che disconoscono mostri sacri come questo disco dei Napalm death, pietra miliare del Grindcore e della scena estrema, mi fanno piangere.
DIMMONIU73
Martedì 31 Gennaio 2012, 17.43.43
21
MASTERPIECE!!! Scum ha seminato, qui si raccoglie!!!
strippoli
Domenica 27 Novembre 2011, 1.21.08
20
penso di non avere mai letto una stronzata più grande, spocchiosa e inutile del commento 18!!!
denak
Lunedì 27 Giugno 2011, 17.18.37
19
penso di non essare mai stato tanto d'accordo con un commento come con il numero 18!!!
EdoCFH
Lunedì 27 Giugno 2011, 14.23.11
18
leggo voti come 86 e 88 per cd veramente penosi,per proporzione questo cd dovrebbe prendere 160
rox68
Domenica 23 Gennaio 2011, 15.13.18
17
Mi ricordo anch'io la stroncatura della rivista H/M anche perchè il recensore, non mi ricordo se si chiamasse Piccini o Piccinini, specializzato nei generi estremi del metal, odiava il grindcore ritenendolo una degenerazione decerebrata dell'hardcore punk fuso con il primo death metal. Mi ricordo che odiava soprattutto i blast beats, chissà cosa direbbe del brutal...
Elluis
Martedì 10 Agosto 2010, 23.29.17
16
Ricordo ancora la mitica rivista H/M che lo stroncò senza pietà, proclamandolo uno dei peggiori album usciti in quell'anno.
Andrea
Martedì 2 Febbraio 2010, 17.45.39
15
@ FURIO: vero, Mick Harris è un geniaccio assoluto! forse proprio per i suoi inizi così rumorosi la sua opera si è pian piano avviata verso territori più astratti e rarefatti... è successo anche con gli stessi Scorn, che dopo "Vae Solis" hanno virato prima verso il dub con l'ottimo "Colossus" e poi sempre più verso l'ambient minimale @ LAMBRUSCORE: grandissimi Disrupt!! il loro album "Unrest" uscì per un'etichetta all'epoca non così conosciuta come oggi, tale Relapse records... e poi hanno tirato fuori una marea di vinili 7" tra cui un live per la nostrana S.O.A. records. Gli SSD in effetti fanno parte di quella nutrita schiera di hardcore bands iper-veloci che hanno influenzato i Napalm e tutta la prima ondata grindcore britannica... ricorderei anche i grandi Siege, sempre da Boston, i Neos, gli olandesi Larm, i NYC Mayhem, i giapponesi Swankys, Gai e S.O.B., che in seguito divideranno uno split 7" con gli stessi Napalm...
LAMBRUSCORE
Martedì 2 Febbraio 2010, 13.28.01
14
...addirittura mi viene in mente un'altra band di boston, SSD (Society System Decontrol) che nel 1982(!!!) fecero uscire "the kids will have their say", ho una registrazione scarsa come qualità, di quel disco, ma si sentiva in alcuni parti, puzza di primitivo e rozzo grind, a mio modo di vedere.
LAMBRUSCORE
Martedì 2 Febbraio 2010, 13.21.39
13
Nella storia del grind , non bisogna dimenticare i bostoniani DISRUPT, nati in quegli anni, avevo trovato la loro discografia in cd a circa 9 euro e non l'ho comprata, sono un coglione...
Khaine
Lunedì 1 Febbraio 2010, 22.12.42
12
Eh, certi numeri contano eh!
Nikolas
Lunedì 1 Febbraio 2010, 22.09.10
11
Grazie Khaine Me ne sono accorto solo ieri della cosa, ma mi fa davvero piacere essere arrivato a un simile traguardo
Khaine
Lunedì 1 Febbraio 2010, 22.04.23
10
Tra l'altro, recensione n°200 per il nostro buon Agente Arancio Auguri Nik!
FURIO
Domenica 31 Gennaio 2010, 23.55.02
9
@ ANDREA: Micidiali anche loro!! La cosa estrememente curiosa per me, rimane il fatto di come possa fare un rumorista come Mick Harris a produrre una musica così rarefatta ed isolazionista come quella dei LULL e delle sue produzioni omonime... boh!! In ogni caso rimane un genio assoluto!
Electric Warrior
Domenica 31 Gennaio 2010, 16.14.35
8
Altro capolavoro grind
Andrea
Domenica 31 Gennaio 2010, 15.50.25
7
@ FURIO: di Mick Harris ricorderei anche la militanza nei micidiali PAINKILLER (trio di incredibile free jazz-grindcore con John Zorn dei Naked City al sax, Bill Laswell al basso distorto e il nostro eroe alla batteria) e il progetto SCORN, di cui consiglio il primo album "Vae solis", vera e propria catastrofe post-grind a firma di Mick Harris, Nik Bullen e Justin Broadrick (Godflesh, Jesu)... praticamente la line up del lato A di Scum riunita!
Andrea
Domenica 31 Gennaio 2010, 15.43.44
6
Altro che Terrorizer o i pur eccellenti Brutal Truth... Questo è IL disco grindcore definitivo! Anche se IMHO la produzione dei Napalm Death si è mantenuta sempre a livelli per lo meno discreti (non siamo forse in tanti ad apprezzare gli album della loro discussa fase industrial, su tutti il monumentale "Diatribes"), il combo originario di Birmingham verrà ricordato nella storia della musica, non solo estrema, per i suoi primi due album, per la loro urgenza espressiva e la loro totale assenza di formalismo, il nichilismo sonoro e attitudinale del punk politicizzato inglese portato alle sue estreme conseguenze Parlando di capolavori: a quando la (ri)scoperta di un altro classico essenziale quanto misconosciuto del genere: "Anticapital" dei floridiani Assuck?
FURIO
Domenica 31 Gennaio 2010, 12.40.19
5
Questo disco è assolutamente grandioso! Anche per la presenza di personaggi come Lee Dorian dei Cathedral come vocalist e del grande Mick Harris alla batteria che successivamente avrebbe formato il progetto di Ambient minimale LULL... tutti eccezionali! Grande Nikolas!
Ghenes
Sabato 30 Gennaio 2010, 10.09.42
4
...IL GRIND! ottima le rece.
hm is the law
Venerdì 29 Gennaio 2010, 21.25.54
3
Album stupendo!!!!!! Bravo Nikolas!!!!!
horrorifico
Venerdì 29 Gennaio 2010, 18.19.53
2
Un altro capolavoro !!!!
Er Trucido
Venerdì 29 Gennaio 2010, 15.45.19
1
A mio parere la line up che incise questo disco è la formazione grindcore per eccelenza...Unchallenged Hate e Mentally murdered da consegnare ai posteri
INFORMAZIONI
1988
Earache
Grindcore
Tracklist
1. Evolved as One
2. It's a M.A.N.S. World
3. Lucid Fairytale
4. Private Death
5. Impressions
6. Unchallenged Hate
7. Uncertainty Blurs the Vision
8. Cock-Rock Alienation
9. Retreat to Nowhere
10. Think for a Minute
11. Display to Me...
12. From Enslavement to Obliteration
13. Blind to the Truth
14. Social Sterility
15. Emotional Suffocation
16. Practice What You Preach
17. Inconceivable?
18. Worlds Apart
19. Obstinate Direction
20. Mentally Murdered
21. Sometimes
22. Make Way!
Line Up
Bill Steer - Guitars
Shane Embury - Bass
Lee Dorrian - Vocals
Mick Harris - Drums
 
RECENSIONI
80
77
86
85
86
88
87
88
85
ARTICOLI
24/02/2014
Live Report
HATEBREED + NAPALM DEATH
Orion Live Club, Ciampino (RM), 19/02/2014
27/08/2013
Live Report
NAPALM DEATH + BOLOGNA VIOLENTA
Festa di Radio Onda d'Urto, Brescia, 22/08/2013
15/07/2012
Live Report
NAPALM DEATH + ORANGE MAN THEORY + BOLOGNA VIOLENTA + GALERA
Gods of Grind, Traffic Club, Roma, 25/06/2012
10/08/2010
Intervista
NAPALM DEATH
Le ultime voci dal Sikelian
20/10/2009
Live Report
NAPALM DEATH + CRIPPLE BASTARDS
Rock Planet, Pinarella di Cercia (RA), 03/10/2009
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]