Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ayreon
Electric Castle Live and Other Tales
Demo

Morningviews
You Are Not the Places You Live In
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/05/20
OCTOBER FALLS
A Fall of an Epoch

30/05/20
KRYPTAMOK
Verisaarna

30/05/20
CONCEIVED BY HATE
Putrid Realms of the Occult

01/06/20
INSTIGATE
Echoes of a Dying World

05/06/20
DEVIN TOWNSEND
Empath - The Ultimate Edition

05/06/20
THE GHOST INSIDE
The Ghost Inside

05/06/20
HAKEN
Virus

05/06/20
GRUESOME/EXHUMED
Twisted Horror (split)

05/06/20
FROST*
Others

05/06/20
MAKE THEM SUFFER
How To Survive A Funeral

CONCERTI

30/05/20
MARK LANEGAN BAND (ANNULLATO)
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

09/06/20
PERIPHERY (ANNULLATO)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

10/06/20
IN.FEST
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO

12/06/20
SYSTEM OF A DOWN + KORN + GUESTS TBA (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

12/06/20
GUNS N` ROSES + GUESTS TBA (ANNULLATO)
FIRENZE ROCKS - VISARNO ARENA (FIRENZE)

13/06/20
AEROSMITH + GUESTS (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

16/06/20
STEEL PANTHER + THE WILD (SOSPESO)
ALCATRAZ - MILANO

16/06/20
DEATHLESS LEGACY
CRAZY BULL - GENOVA

17/06/20
SOCIAL DISTORTION + GUEST TBA
CARROPONTE - SESTO SAN GIOVANNI (MI)

18/06/20
GLORYHAMMER
ALPEN FLAIR - BOLZANO

Ten Years After - Recorded Live
( 5675 letture )
I Ten Years After pubblicarono nel giugno del 1973 un doppio album intitolato Recorded Live che include registrazioni di brani eseguiti in concerto dalla band nelle città di Francoforte, Amsterdam, Rotterdam e Parigi.
Si tratta di una release che ha un grande significato perché nello stesso anno il carismatico leader Alvin Lee deciderà di seguire la carriera solista sancendo, di fatto, la fine dell’epoca d’oro di questa formazione.
A dire il vero i Ten Years After sono ancora in attività con il pur valido chitarrista Joe Gooch tanto è vero che nell’anno in corso è prevista anche una tourneè in Europa.
Tuttavia è innegabile che Alvin Lee, con la sua innovativa tecnica chitarristica fatta di ritmiche e assoli in contemporanea, costituiva un valore aggiunto di incommensurabile valore per uno dei gruppi ricordati per essere stati uno dei più convincenti durante la tre giorni di Woodstock: scusate se è poco!
Il loro rock’n’blues ha fatto epoca anche se nel 1973 l’hard rock si era già appropriato degli onori della scena: i Ten Years After, tuttavia, continuano imperterriti per la loro strada rinfrescando e velocizzando il caro vecchio amato blues.
In Recorded Live troviamo delle composizioni tra le più significative del repertorio del combo britannico.

Dopo l’annuncio dello speaker, parte l’ open track intitolata One Of These Days; si tratta di un favoloso blues che ad un certo punto aumenta di intensità (con tanto di armonica) fino all’esplosivo finale. Spettacolare!
Un organo introduce il bel riff di You Give Me Loving; grandioso l’assolo di chitarra prima della ripresa del ritmo portante.
Good Morning Little Schoolgirl è dotato di una ritmica ossessiva che ti si stampa nel cervello per non andare più via; costituisce uno de vertici di questo full lenght nonché uno dei cavalli di battaglia dei Ten Years After ed anche stavolta è Lee, accompagnato dal basso martellante di Leo Lyons, ad essere sugli scudi con un assolo al fulmicotone.
In Hobbit, come di consueto negli album live degli anni ’70, si scatena Ric Lee in una pregevole performance alla batteria.
Si entra nel blues puro nei quasi undici minuti di Help Me; una ritmica lenta avvolge l’ascoltatore mentre il biondo Lee esalta ancora la sua sei corde supportato dalle tastiere di Chick Churchill.
Dopo le brevi Classical Thing e Scat Thing (fantastico il gioco tra voce e chitarra), è il turno di una lunga cavalcata strutturata in tre parti I Can't Keep From Crying Sometimes (part 1), Extension On One Chord e I Can't Keep From Crying Sometimes (part 2) nella quale tutto il gruppo esprime al meglio l’incredibile potenzialità ed affiatamento; naturalmente è sempre il funambolo Alvin a dettare legge nel contesto di fraseggi mirabolanti che sconfinano anche nella psichedelia con tanto di omaggio ad Hendrix nel breve accenno al famoso riff di Sunshine Of Your Love.
Divertente la breve Silly Thing e poi ancora sublime blues in Slow Blues In 'C' prima della riproposizione del classicissimo rock’n’roll di I'm Going Home.
Chiude questa fantastica release la travolgente Choo Choo Mama: ancora spazio al rock’n’roll allo stato puro.

Un album crepuscolare, un sound forse datato ma che, vi assicuro, possiede un’energia di tale intensità che solo la musica degli anni settanta sapeva dare!



VOTO RECENSORE
86
VOTO LETTORI
49.51 su 29 voti [ VOTA]
Fabio Rasta
Domenica 24 Novembre 2019, 17.40.00
13
La C90 su cui tenevo questo LP è stata letteralmente consumata dalle continue letture. Troppo colpevolmente ci si dimentica di citare il presente lavoro, quando si menzionano i Doppi Live storici considerati "epocali". Il presente Double Live sfoggia un Rock Blues che non ha niente da invidiare a nessuno x carica e personalità, che i quattro musicisti (col tastierista x la verità sempre un po' in ombra, ma comunque gregario di assoluto livello) avevano da vendere a chiunque. Da antologia l'intesa strabiliante fra basso e chitarra, che raggiunge l'apice nel classico Good Morning Little Schoolgirl (titolo che oggi sembra roba da maniaci), che x me rende questo particolare del solo congiunto chitarra/basso, a tutt'oggi ineguagliato. Qualche dimostrazione di bravura di troppo, come purtroppo andava di moda in quel periodo, che spezza un po' il ritmo, nella terza parte. Mai però al punto di farla fuori dal vaso. Un Doppio Live, mi ripeto, eccellente, che purtroppo chiude a tutti gli effetti, la grandezza di questa (in)dimenticata signora Band.
Rob Fleming
Domenica 21 Febbraio 2016, 15.25.33
12
Album live a livelli stellari che ha poco o nulla da invidiare ad altri più blasonati colleghi.
roby
Mercoledì 30 Maggio 2012, 15.31.05
11
Sono 40 anni che lo ascolto e non mi stanca mai!!!
RedOgre
Lunedì 9 Maggio 2011, 15.54.45
10
Da ascoltare e riascoltare assolutissimamente!
Jack
Domenica 5 Settembre 2010, 11.52.45
9
Bellissimo live la storia del rock passa anche attraverso questo disco.
Dave
Mercoledì 10 Marzo 2010, 11.37.29
8
Disco spettacolare d'altri tempi. Ottima riscoperta!
Dave
Mercoledì 10 Marzo 2010, 11.37.27
7
Disco spettacolare d'altri tempi. Ottima riscoperta!
hm is the law
Domenica 7 Marzo 2010, 21.54.56
6
Grazie Blackout!!
Blackout
Domenica 7 Marzo 2010, 14.23.29
5
Fabio è ormai una garanzia, come il gruppo in questione del resto!
master444
Domenica 7 Marzo 2010, 12.05.50
4
Questo lo adoro...Hobbit è assurda
hm is the law
Venerdì 5 Marzo 2010, 10.45.22
3
Corretta precisazione Ten Years Later! Sunshine Of Your Love è stata composta dai Cream ed inclusa nell'album Disraeli Gears. Fu resa ancora più famosa dall'interpretazione di Hendrix.
Raven
Venerdì 5 Marzo 2010, 10.28.14
2
Un altro di quei dischi da conoscere per valutare correttamente gli anni 70 e porre un altro mattone nell'edificio della propria conoscenza della musica.
Ten Years Later
Venerdì 5 Marzo 2010, 10.06.41
1
"omaggio ad Hendrix nel breve accenno al famoso riff di Sunshine Of Your Love", che a sua volta omaggiò i Cream, autori del brano.
INFORMAZIONI
1973
Chrysalis Records
Rock
Tracklist
Lato uno
1. One of These Days – 5:36
2. You Give Me Loving – 5:25
3. Good Morning Little Schoolgirl – 7:15
Lato due
1. Hobbit - 7:15
2. Help Me – 10:44
Lato tre
1. Classical Thing – 0:54
2. Scat Thing – 0:57
3. I Can't Keep From Cryin' Sometimes (part 1) – 5:08
4. Extension on One Chord - 7:33
5. I Can't Keep From Cryin' Sometimes (part 2) – 3:13
Lato quattro
1. Silly Thing – 0:26
2. Slow Blues In 'C' – 7:24
3. I'm Going Home – 9:30
4. Choo Choo Mama – 2:56
Line Up
Alvin Lee - chitarra e voce
Leo Lyons - basso elettrico
Chick Churchill - organo
Ric Lee - batteria
 
RECENSIONI
75
81
77
90
70
90
79
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]