Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Possessed
Revelations of Oblivion
Demo

Degraey
Reveries
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

31/05/19
VADER
Thy Messenger (EP)

31/05/19
VANANIDR
Road North

31/05/19
CONSTANTINE
Aftermath

31/05/19
EVIL ANGEL
Unholy Evil Metal

31/05/19
DARKTHRONE
Old Star

31/05/19
VEUVE
Fathom

31/05/19
DEATH ANGEL
Humanicide

31/05/19
1914
The Blind Leading The Blind (ristampa)

31/05/19
FUNERAL STORM
Arcane Mysteries

31/05/19
FULCI
Tropical Sun

CONCERTI

30/05/19
MANTICORE + GUESTS
BLUE ROSE SALOON - BRESSO (MI)

31/05/19
MORTADO
CRAZY BULL - GENOVA

01/06/19
ARCH ENEMY + GUESTS
LIVE CLUB - TREZZO SULL ADDA (MI)

01/06/19
KING DUDE + GUESTS
POSTWAR CINEMA CLUB - PARMA

02/06/19
GOTTHARD + GUESTS
LIVE CLUB - TREZZO SULL ADDA (MI)

04/06/19
ARKONA
Traffic Live Club - Roma

05/06/19
HALESTORM + GUEST TBA
ESTRAGON - BOLOGNA

05/06/19
ARKONA
Slaughter Club - Paderno Dugnano (MI)

06/06/19
DEIPHAGO + GUESTS
CIRCUS - SCANDICCI (FI)

07/06/19
MORTADO
ISTANBUL CAFE' - LECCE

Dawn Of Demise - A Force Unstoppable
( 2596 letture )
Secondo full-lenght per i danesi Dawn of Demise, a tre anni di distanza dal loro debut-album, al quale aveva fatto seguito però anche la pubblicazione di un EP, Lacerated, nel 2008. Il nuovo lavoro della band è costituito da nove tracce, influenzate da acts quali Suffocation, Pyrexia ma in qualche misura anche da Obituary e Cannibal Corpse. Certo, le influenze, per quanto possano essere prestigiose, non danno alcuna garanzia circa la qualità della musica ed in effetti questo A Force Unstoppable lascia a desiderare davvero sotto molto punti di vista. Anzitutto, la voce di Scott Jensen convince ben poco: bassa e gutturale, non riesce mai ad emergere dal muro sonoro creato dalla musica, risultando a volte peraltro anche alquanto inadeguata, assomigliando in certo casi a qualcosa di simile ad un fastidioso rantolo. I riff di chitarra, poi, per quanto riescano ad essere massicci, aggressivi e dotati di un discreto groove, spesso risultano scontati e mai veramente memorabili, tanto che solamente qualche assolo riesce a gettare un po' di luce su tanta ovvietà. Per quanto concerne la ritmica, è quasi sempre lenta e stantia, benchè il batterista Kim Jensen ed il bassista Bjørn Jensen suonino abbastanza discretamente. Aprendo una piccola parentesi, si noterà come nella band siano presenti ben tre Jensen: in tutta onestà, tuttavia, ignoro se si tratti di fratelli o meno; del resto, il cognome Jensen in Danimarca è parecchio diffuso, per cui potrebbe anche darsi che i tre tra loro non siano nemmeno parenti.

Tornando alla musica (anche se in verità, visto il disco in questione, potrebbe essere persino più interessante occuparci delle genealogie dei componenti della band), A Force Unstoppable riesce a presentare (guarda caso) qualche spunto d'interesse solo quando i Dawn of Demise provano ad accelerare un po' i ritmi, come in Bludgeon o, soprattutto, in Heinous Acts of War, a parere di chi scrive in assoluto la traccia meglio riuscita dell'album.

Va anche riconosciuto come la produzione sia abbastanza valida, però obiettivamente al di là di questo, pur con qualche elemento positivo che ci siamo premurati di evidenziare, si tratta di un disco sul quale non vale la pena di soffermarsi più di tanto.



VOTO RECENSORE
40
VOTO LETTORI
28.73 su 26 voti [ VOTA]
Undercover
Domenica 14 Ottobre 2012, 16.23.13
1
Dei tre usciti è davvero quello scarso, indecente il songwriting, salvo solo la voce di Scott Jensen.
INFORMAZIONI
2010
Deep Send
Death
Tracklist
1. Multiple Flatlines
2. Awaken The Aggressor
3. Reap The Suffering
4. Leech The Blood
5. Bludgeon
6. Amongst The Tortured
7. Heinous Acts Of War
8. Malevolence Converged
9. Juggernaut
Line Up
Scott Jensen (Vocals)
Martin Sørensen (guitar)
Thomas Egede (guitar)
Bjørn Jensen (bass)
Kim Jensen (drums)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]