Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Rikard Sjöblom`s Gungfly
Alone Together
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/01/21
WARDRUNA
Kvitravn

22/01/21
JASON BIELER AND THE BARON VON BIELSKI ORCHESTRA
Songs for the Apocalypse

22/01/21
PHANTOM ELITE
Titanium

22/01/21
CONVICTION
Conviction

22/01/21
HOLY MOTHER
Face This Burn

22/01/21
ASPHYX
Necroceros

22/01/21
EKTOMORF
Reborn

22/01/21
WIG WAM
Never Say Die

22/01/21
STEVE HACKETT
Under A Mediterranean Sky

22/01/21
GRIMA
Rotten Garden

CONCERTI

20/01/21
SHADOW OF INTENT + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

06/02/21
MAGNUM + GUEST TBA (CANCELLATA)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

11/02/21
VENOM INC. + GUESTS
TRAFFIC CLUB - ROMA

12/02/21
VENOM INC. + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

13/02/21
VENOM INC. + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/02/21
IMONOLITH + TBA
BARRIO'S CAFE - MILANO

18/02/21
IMONOLITH + LOGICAL TERROR
MK LIVE - CARPI (MO)

19/02/21
THE DEAD DAISIES
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

20/02/21
ANCIENT + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

21/02/21
TURMION KATILOT
LEGEND CLUB - MILANO

Schizo - Hallucination Cramps
( 4553 letture )
Mentre il thrash metal esalava i primi ruggiti nella prosperosa Bay Area di San Francisco, mentre i Metallica pubblicavano il secondo LP Ride The Lightning e i Megadeth erano ancora lontani un anno dal debutto in studio, nella Bell'Italia di San Remo e dei cantautori nasceva una compagine che si era veramente stufata della solita musica: certo, al Nord cresceva l'operato di combo storici come i Vanadium o gli Strana Officina, ma laggiù, nell'assolatissima Sicilia, gli Schizo stavano preparando un assalto all'arma bianca davvero letale, che attingeva a piene mani dal thrash più furioso del pianeta e lo accelerava in una degressione di rabbia decisamente maggiore rispetto ai signori Exodus e Anthrax che stavano per esplodere Oltreoceano. Un sound blasfemo, quasi Slayer oriented, ma talvolta ancor più maciullante e pesante: il demo d'esordio viene registrato nel 1985, l'album di debutto -Main Frame Collapse- nel 1989: dopo questi graffi, i thrashers della Trinacria restano fedeli a se stessi e all'underground, dedicandosi per un decennio alla loro musica senza ammorbidirla per mero scopo pubblicitario: la passione si paga a caro prezzo, e i Nostri con l'arrivo del 2000 sembrano sparire, ma chi la dura la vince e nel 2007 ecco l'uscita nei negozi di Cicatriz Black; bissato in questo propizio 2010 dal terzo full length, Hallucination Cramps, prodotto dalla Scarlet Record e ultimato in febbraio. Preparatevi al massacro! L'opera di devastazione si origina innanzitutto dal lavoro incessante di Dario Casabona alla batteria: il martellamento frenetico, scandito dai colpi compatti e velocissimi della doppia cassa, va a costituire la linea guida di un abuso sonoro violentissimo a velocità folle, e nelle ritmiche 'schizofreniche', perennemente col piede sull'acceleratore, si potrà scovare l'animaccia black di questa band incazzatissima: quasi tutte le tracce proposte sono manifesti crudissimi di thrash-black tiratissimo, mazzate nei denti dai suoni cacofonici, distorti ed asfissianti: le chitarre ululano rocciose con riff poderosi e partiture serrate, le urla belluine di Nicola Accurso tramutano in realtà l'idea macabra di una lesione psicosonora terrificante. Il platter scorre velocissimo -in tutti i sensi, anche in fatto di godibilità e quoziente esaltativo- fin'oltre la metà buona, mentre nel finale i siciliani si cimentano in qualche brano sperimentale su tempi meno folli, ancora una volta dal taglio oscuro e acido ma meno coinvolgenti e devastanti. La produzione è ottima, il risultato non ammette fronzoli o compromessi, alcun ritornello-inno à la Bay Area ma solo dosi massicce di violenza a trecentossessanta gradi. L'ensemble mediterraneo ha registrato il disco con una formazione a tre, nella quale Casabona si è preso cura di tutta la sezione ritmica, registrando le parti di basso e quelle di batteria. La proposta degli Schizo, oltre che bagnata di un blasone storico aquisito direttamente nei mitici Eighties -tradotto: oltre vent'anni di esperienza con la musica dura in un Paese in cui la cosa più rock che ci sia sembra essere a tutti i costi il Festivalbar- si impernia attorno ad un sound sfuggente, abrasivo, rapidissimo e altamente corrosivo: energia che cola a fiotti, tradotta in musica da musicisti notevoli, consigliatissima agli amanti del thrash estremo, lontano dalla melodia. Per contro ci sta che alcuni pezzi si somiglino un pò troppo, ma resta un giudizio che non intacca l'ottima resa del full length.


VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
76.34 su 70 voti [ VOTA]
Mulo
Sabato 13 Gennaio 2018, 17.50.44
14
Massacro!Molto bello e suonato alla grande,le orecchie grondano sangue a fine ascolto da tanto è devastante.80/100
HIRAX
Domenica 6 Gennaio 2013, 13.23.01
13
Direi eccellente! Grande rispetto per una band storica ma forse si possono paragonare più a Kreator! Senza però togliere nulla ai mitici siculi! Voto 80!
Sorath
Lunedì 28 Maggio 2012, 20.05.13
12
Pugno nello stomaco e amen...con questo gruppo si fa solo sul serio. Orgoglioso di averli visti live al Total Metal e di aver acquistato la loro maglia.
FURIO
Sabato 27 Marzo 2010, 21.43.45
11
Grande gruppo, grande disco ma piccolo voto... direi anche 80!
Andre
Venerdì 19 Marzo 2010, 23.44.15
10
a me piace un casino!...puro thrash metal!!!!
SCHIZOid man
Venerdì 19 Marzo 2010, 13.19.56
9
Vero, main frain colapse stava avanti. Cmq 85
STe
Venerdì 19 Marzo 2010, 12.16.50
8
Bel disco, gran bel disco anche se lo considero un pochino sotto a Cicatriz Black che mi aveva davvero fatto sbarellare. Marko, che cazzo vuoi che raccolgano, mi dispiace dirlo, ma il treno l'hanno perso negli anni '80.
Marko
Venerdì 19 Marzo 2010, 10.51.22
7
Un capolavoro,spero raccolgano ciò che hanno seminato negli anni,orgoglio Italiano
Undercover
Mercoledì 17 Marzo 2010, 10.51.10
6
La recensione è ben fatta ma non ne comprendo il voto. Se il disco ha in se tutte le qualità per piacere, i brani ci sono e Dario offre una prestazione dietro le pelli oserei dire migliore rispetto a colleghi molto più rinomati (vedi Gene Hoglan nei Fear Factory) perchè 70? Non credo che l'omogeneità di alcuni brani possa penalizzare così tanto. Bastone e carota?
Masterburner
Martedì 16 Marzo 2010, 15.35.09
5
Bellissimo disco, così si fa! Forza Schizo siete un fiore all'occhiello del metal italico!
marco growl
Martedì 16 Marzo 2010, 14.20.26
4
Semplicemente bestiale!!! oltre ogni estremo livello
Electric Warrior
Martedì 16 Marzo 2010, 13.23.55
3
Ascoltabile,ma nulla da tramandare ai posteri. Thrash grezzo e cattivissimo,la band ha una tecnica fenomenale immutata negli anni.
beppehmdiana
Lunedì 15 Marzo 2010, 23.13.42
2
Legendo la recensione mi è venuta l'acquolina in gola... Dario Casabona se non erro suonava anche la chitarra nei Silence Sucks una formazione di crossover di Catania, o no?
Nightblast
Lunedì 15 Marzo 2010, 22.59.03
1
Bel disco senza ombra di dubbio...Mi aspettavo qualcosa in più però...
INFORMAZIONI
2010
Scarlet Records
Thrash
Tracklist
1. A.T- IV
2. Psycho Limbs Cut Apart
3. Spiritual Cancer
4. Disfigurhead
5. Ward Of Genocide
6. Deviata Sevitia
7. Isolution
8. Electric Shock
9. Absent
10. Executionerves
11. Mind K
Line Up
Nicola Accurso: Voice
Dario Casabona: Bass, Drums
S.B. Reder: Guitars
 
RECENSIONI
80
90
ARTICOLI
16/05/2012
Live Report
SCHIZO + BUNKER 66
Zo - centro culture contemporanee, Catania, 12/05/2012
05/05/2010
Intervista
SCHIZO
Il tempo si e' fermato
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]